Dall’interesse nazionale alla sicurezza nazionale: due domande al Generale Pasquale Preziosa

sicurezza

Due domande al Generale Preziosa per riflettere sul concetto odierno di sicurezza, e in particolare della sicurezza nazionale, e sul ruolo che assume la comunicazione nel rappresentare la complessità del mondo globalizzato.

Generale Preziosa, la percezione della sicurezza è cambiata nei cittadini negli ultimi anni e soprattutto dopo la pandemia. Ci sono nuovi tipi di insicurezza?

Il mondo della globalizzazione non è piatto e, quest’ultima, è diventata una macchina di conflitti: l’ultimo è quello della pandemia. Parlare della insicurezza vuol dire parlare del termine “sicurezza”. La sicurezza nella sua interpretazione, oggi, è ampia: non è possibile una definizione, oserei dire, “statica”. Per le grandi potenze la sicurezza nazionale, quello che la grande potenza vuole che sia, la vediamo oggi nel confronto Cina-Stati Uniti. Quando la Cina voleva comprare la Qualcomm dagli Stati Uniti, questi sono intervenuti anche retroattivamente, per problemi di sicurezza nazionale. Quindi, andando a sbirciare nelle leggi, non esiste oggi una legge che possa definire in pieni termini cos’è la sicurezza nazionale. La storia della legislazione mostra come sia ampia la sua interpretazione. Peraltro, si parla di sicurezza nazionale solo dopo la globalizzazione, prima il termine più utilizzato era “interesse” nazionale; poi, qualcuno lo ha identificato come sicurezza militare. Ma, oggi, naturalmente dopo la globalizzazione, sicurezza è molto di più: sono cambiati proprio il concetto e la dimensione del concetto, a cominciare dalla sicurezza della popolazione, dalla sicurezza sanitaria, o da altre tipologie di sicurezza.

Il bisogno di sicurezza, individuale e collettivo, nasce per l’aumento di fattori nuovi e complessi, amplificati dalla comunicazione che ora viaggia anche in Rete. Qual è il ruolo dell’informazione, oggi, per tutelare la sicurezza individuale e collettiva?

Il ruolo dell’informazione oggi è fondamentale, perché con il mondo della globalizzazione – che abbiamo detto non essere piatto – la comunicazione ha assunto nella globalizzazione e nel cyberspazio la capacità di influenzare elementi, in senso negativo e in senso positivo. Ci troviamo di fronte, oggi, all’utilizzo del cyberspazio per poter influenzare gente che vive anche lontano, quindi non solo comunicazione interna, ma anche esterna. Abbiamo necessità di una cognizione della complessità nella quale viviamo; la realtà è complessa, ma la complessità si studia all’Università, e per governarla servono sostanzialmente tre elementi: leadership, comunicazione, network. La comunicazione è uno dei pilastri della complessità. Il leader ha necessità di comunicare continuamente, per governare i fenomeni che si sviluppano in una società, i quali, essendo complessi, risultano difficili da individuare precisamente. Quindi, la comunicazione risulta essere fondamentale; ecco perché oggi il campo della comunicazione, utilizzando quelli che sono tutti i mezzi – dai social network, ad altri mezzi di informazione–, diventa fondamentale. Tuttavia, per influenzare è necessario descrivere le narrative sistematicamente: è quello che fa, per esempio, il terrorismo, quando in occasione di attentati va a raccontare la propria narrativa per far breccia su coloro che sono orientati verso quella tipologia di ideologia. Oggi il campo della comunicazione diventa fondamentale: bisogna essere sempre presenti ma, soprattutto, è necessario raccontare la propria storia sistematicamente, tutti i giorni, per descrivere la propria verità e influenzare il sistema nella direzione in cui, naturalmente, si vuole che vada – che poi, per noi, è la direzione giusta, visto che viviamo in un mondo dove la stampa è ancora libera.

 

Ultime notizie
moda fashion
Economia

L’industria della moda tra fast fashion e moda etica

Nei primi nove mesi del 2020 le maggiori aziende del fashion hanno subìto una significativa contrazione. Le stime indicano che la ripresa inizierà nel corso del 2021, ma l’assestamento del volume d’affari sulle cifre precedenti alla crisi si avrà soltanto nel 2023. Intanto, l’industria della moda è in bilico tra il fast fashion usa-e-getta e nuovi modelli produttivi ecosostenibili.
di redazione
moda fashion
oceani plastica
Ambiente

Riuso e riciclo possono salvare gli oceani dalla plastica

È possibile prevenire quasi la metà della plastica presente negli oceani in un anno riutilizzando il 10% dei nostri rifiuti in plastica. Questo, e molto altro, è presente nel report "The Future of Reusable Consumption Models" del World Economic Forum in collaborazione con Kearney.
di redazione
oceani plastica
trasporto ferroviario
Europa

Green Deal, fondamentale una strategia comune sul trasporto ferroviario

Il trasporto ferroviario è un punto fondamentale per la transizione ecologica e il raggiungimento degli obiettivi del Green deal europeo. Basti pensare che il settore trasporti genera un quarto delle emissioni di gas serra nell'Ue. Per questo il 2021 è l'Anno Europeo delle Ferrovie, e l'Italia ha destinato all'ammodernamento della rete ferroviaria 28,30 miliardi euro di risorse del PNRR.
di Giampaolo Basoli*
trasporto ferroviario
libro
Cultura

Città del libro, anche in editoria la filiera deve essere etica e sostenibile

I recenti scioperi di Stradella, la "città del libro", sono il sintomo di una distribuzione editoriale centralizzata e inserita in logiche che non favoriscono i lavoratori della logistica. C'è bisogno, come in agricoltura, di una filiera etica e sostenibile anche per i libri, oltre a una discussione seria sui diritti dei lavoratori della logistica.
di Roberta Rega
libro
salute mentale
Salute

Salute mentale e pandemia nel mercato della psiche

In Italia si consumano circa 12 milioni di confezioni di antipsicotici l’anno. Dal Rapporto Italia 2021 emerge che Il 20% degli italiani ha sperimentato i sintomi della depressione nel corso della pandemia e il 27% si è rivolto a uno psicologo. Eppure, la salute mentale è ancora un tabù anche per il Sistema sanitario nazionale.
di redazione
salute mentale
calcio
Italia

Europei, il calcio come modello di un Paese che vuole ripartire

Il trionfo degli Azzurri agli Europei contro un'Inghilterra troppo sicura di sé è la vittoria di un calcio come progetto e gioco di squadra, da coltivare con dedizione e impegno. La squadra voluta da Mancini, fatta di innovazione e giovani talenti, è simbolo di un Paese che vuole ripartire.
di Alfonso Lo Sardo
calcio
prison
Cosa vuol dire Mafia?

“A prison is a place of transit” says magistrate Sebastiano Ardita

The magistrate Sebastiano Ardita talks about the theme of prison in Italy, in the main national debate after Santa Maria Capua Vetere's facts. Why is the management of approximately 54,000 inmates in a nation of 65 million inhabitants so problematic? Interview by Sergio Nazzaro.
di Sergio Nazzaro
prison
carcere
Cosa vuol dire Mafia?

Il carcere deve essere un transito verso il reinserimento: intervista a Sebastiano Ardita

Le carceri rappresentano un argomento delicato nel nostro Paese, sebbene si tratti di gestire circa 54.000 detenuti in una nazione di 65 milioni di abitanti. Il Magistrato Sebastiano Ardita affronta il tema del reinserimento, dei diritti costituzionali dei detenuti e le criticità dei luoghi detentivi in un'intervista di Sergio Nazzaro.
di Sergio Nazzaro
carcere
tecnologia adolescenti
Rapporto Italia

La biologia delle relazioni: uso e abuso della tecnologia negli adolescenti

La natura dinamica e continua delle interazioni tramite social network comporta disturbi ampiamente associati agli adolescenti e ai giovani adulti. A fasce di età diverse corrisponderebbero disturbi più o meno specifici. Nei bambini il problema principale è lo sviluppo cognitivo e comportamentale, mentre negli adolescenti e nei giovani adulti ansia e depressione.
di redazione
tecnologia adolescenti
morin
Cultura

Buon compleanno, Edgar! I cento anni di Morin, filosofo della complessità

L'otto luglio compie cento anni Edgar Morin, l'ultimo ad entrare nella hall of fame dei grandi pensatori centenari. Morin è filosofo della complessità, dell'universo-ologramma secondo cui la società è presente in ogni uomo, e della "terrestrità".
di Giuseppe Pulina
morin