Dall’interesse nazionale alla sicurezza nazionale: due domande al Generale Pasquale Preziosa

sicurezza

Due domande al Generale Preziosa per riflettere sul concetto odierno di sicurezza, e in particolare della sicurezza nazionale, e sul ruolo che assume la comunicazione nel rappresentare la complessità del mondo globalizzato.

Generale Preziosa, la percezione della sicurezza è cambiata nei cittadini negli ultimi anni e soprattutto dopo la pandemia. Ci sono nuovi tipi di insicurezza?

Il mondo della globalizzazione non è piatto e, quest’ultima, è diventata una macchina di conflitti: l’ultimo è quello della pandemia. Parlare della insicurezza vuol dire parlare del termine “sicurezza”. La sicurezza nella sua interpretazione, oggi, è ampia: non è possibile una definizione, oserei dire, “statica”. Per le grandi potenze la sicurezza nazionale, quello che la grande potenza vuole che sia, la vediamo oggi nel confronto Cina-Stati Uniti. Quando la Cina voleva comprare la Qualcomm dagli Stati Uniti, questi sono intervenuti anche retroattivamente, per problemi di sicurezza nazionale. Quindi, andando a sbirciare nelle leggi, non esiste oggi una legge che possa definire in pieni termini cos’è la sicurezza nazionale. La storia della legislazione mostra come sia ampia la sua interpretazione. Peraltro, si parla di sicurezza nazionale solo dopo la globalizzazione, prima il termine più utilizzato era “interesse” nazionale; poi, qualcuno lo ha identificato come sicurezza militare. Ma, oggi, naturalmente dopo la globalizzazione, sicurezza è molto di più: sono cambiati proprio il concetto e la dimensione del concetto, a cominciare dalla sicurezza della popolazione, dalla sicurezza sanitaria, o da altre tipologie di sicurezza.

Il bisogno di sicurezza, individuale e collettivo, nasce per l’aumento di fattori nuovi e complessi, amplificati dalla comunicazione che ora viaggia anche in Rete. Qual è il ruolo dell’informazione, oggi, per tutelare la sicurezza individuale e collettiva?

Il ruolo dell’informazione oggi è fondamentale, perché con il mondo della globalizzazione – che abbiamo detto non essere piatto – la comunicazione ha assunto nella globalizzazione e nel cyberspazio la capacità di influenzare elementi, in senso negativo e in senso positivo. Ci troviamo di fronte, oggi, all’utilizzo del cyberspazio per poter influenzare gente che vive anche lontano, quindi non solo comunicazione interna, ma anche esterna. Abbiamo necessità di una cognizione della complessità nella quale viviamo; la realtà è complessa, ma la complessità si studia all’Università, e per governarla servono sostanzialmente tre elementi: leadership, comunicazione, network. La comunicazione è uno dei pilastri della complessità. Il leader ha necessità di comunicare continuamente, per governare i fenomeni che si sviluppano in una società, i quali, essendo complessi, risultano difficili da individuare precisamente. Quindi, la comunicazione risulta essere fondamentale; ecco perché oggi il campo della comunicazione, utilizzando quelli che sono tutti i mezzi – dai social network, ad altri mezzi di informazione–, diventa fondamentale. Tuttavia, per influenzare è necessario descrivere le narrative sistematicamente: è quello che fa, per esempio, il terrorismo, quando in occasione di attentati va a raccontare la propria narrativa per far breccia su coloro che sono orientati verso quella tipologia di ideologia. Oggi il campo della comunicazione diventa fondamentale: bisogna essere sempre presenti ma, soprattutto, è necessario raccontare la propria storia sistematicamente, tutti i giorni, per descrivere la propria verità e influenzare il sistema nella direzione in cui, naturalmente, si vuole che vada – che poi, per noi, è la direzione giusta, visto che viviamo in un mondo dove la stampa è ancora libera.

 

Ultime notizie
Criminalità e contrasto

Criminalità minorile e gang giovanili. I dati

Il Report “Criminalità minorile e gang giovanili”, il report realizzato dal Servizio analisi criminale è stato presentato questa mattina a Roma, presso la...
di redazione
Lavoro

La “mobilità circolare” dei giovani nell’area mediterranea

I giovani protagonisti del cambiamento Lo spazio Mediterraneo è un bene comune (“common good”) che appartiene a tutti gli Stati della UE ed...
di Avv. Angelo Caliendo*
Osservatorio sulla PA

Equo compenso o tariffazione?

Se solo il Codice dei Contratti fosse stato promulgato il 1° luglio 2023 (data della sua entrata in vigore) oggi non dovremmo affrontare questa spinosa questione, circa la portata e le modalità applicative della legge n. 49 del 21 aprile 2023 che ha introdotto “l’equo compenso” per i professionisti. Disposizione che di fatto modifica i criteri di aggiudicazione previsti nel Codice degli Appalti, vincolando il prezzo dei servizi professionali, o almeno così sembrerebbe.
di redazione
Intervista

Insularità, PNRR, fondi europei: il caso Sicilia

A più di un anno dall’introduzione nella nostra Costituzioni del principio di Insularità sono corrisposte politiche di sostegno e finanziamento delle attività necessarie a realizzare tale principio? Qual è l’incidenza dei fondi europei sulle attuali politiche di rigenerazione urbana e di sviluppo delle isole? Ne abbiamo parlato con chi ogni giorno deve confrontarsi con la gestione di una realtà complessa come quella della città di Catania: l’ingegner Biagio Bisignani, Direttore URB@MET.
di redazione
corse
Intervista

L’insularità possibile: il caso Corsica. Intervista a Marie-Antoinette Maupertuis, Presidente dell’Assemblea corsa

La Corsica è uno dei modelli europei in merito all’insularità e alle iniziative intraprese per favorire la coesione territoriale e l’autonomia fiscale necessaria per l’economia corsa, dinamica ma gravata da una “crescita depauperante”. Ne parliamo con l’Onorevole Marie-Antoinette Maupertuis, economista e Presidente dell’Assemblea della Corsica.
di Daniela Pappadà
corse
corse
Osservatori

Insularité possible: le cas de la Corse. Entretien avec Marie-Antoinette Maupertuis, Présidente de l’Assemblée de Corse

Insularité possible: entretien avec l’Honorable Marie-Antoniette Maupertuis, Presidente de l’Assemblee de Corse.
di Daniela Pappadà
corse
intelligenza
Intervista

Intelligenza artificiale e regole: serve un impegno dell’Unione sui diritti sostanziali

Intelligenza artificiale e diritto, ne parliamo con Giusella Finocchiaro, Professoressa ordinaria di diritto privato e diritto di Internet all’Università di Bologna. Per non cadere in un rischioso processo di “burocratizzazione digitale” bisogna partire da elementi culturali prima che giuridici, senza perdere di vista i princìpi.
di Massimiliano Cannata
intelligenza
Sicurezza

Tecnologia, sicurezza e istruzione: intervista a Nunzia Ciardi, Vice Direttore Generale dell’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale

La tecnologia è entrata di forza nella scuola grazie alla DAD, che in pandemia ha permesso a milioni di studenti di seguire le lezioni da casa. Bisogna continuare su questa strada e sfruttare le potenzialità offerte dalla tecnologia in àmbito scolastico e formativo secondo la dott.ssa Nunzia Ciardi, Vice Direttore Generale dell’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale.
di Massimiliano Cannata
scuole italiane
Immigrazione

Scuola e cittadini italiani di domani

La questione della presenza degli stranieri nelle scuole implica un’ambivalenza di obiettivi: migliorare la qualità dell’istruzione a prescindere dalla discendenza, oppure comprimere il diritto costituzionale all’apprendimento. La scuola deve avere una funzione di istruzione e integrazione sociale.
di Angelo Perrone*
scuole italiane
insularità
Intervista

Insularità e perifericità: costi e correttivi nell’intervista al Prof. Francesco Pigliaru

L’insularità si lega spesso all’idea di una compensazione economica, ma bisogna distinguere tra condizioni di prima e seconda natura legate all’insularità, come spiega il Prof. Francesco Pigliaru nell’intervista dedicata al tema delle isole e della continuità territoriale.
di redazione
insularità