Decreto Sicurezza, Onu: «Violazione della legge umanitaria»

Il decreto sicurezza del Governo italiano continua a suscitare riflessioni, polemiche e allarmi diffusi anche a livello internazionale. Non solo organizzazioni della società civile, studiosi ed esperti di sicurezza ed accoglienza, ma ora anche le Nazioni Unite intervengono nel dibattito in corso fornendoci un’analisi lucida e severa rispetto alle conseguenze sociali che tale provvedimento può determinare nel Paese.
«La proposta dell’Italia di inasprire le regole sull’immigrazione avrà un impatto serio sulle vite dei migranti e sono fonte di grave preoccupazione» afferma, infatti, un articolato comunicato dell’ufficio dell’Alto Commissario per i Diritti Umani dell’Onu a proposito delle nuove politiche del Governo italiano in tema di migranti. È un documento chiaro e, peraltro, di poco successivo alla relazione della dott.ssa Bhoola, relatrice speciale alle Nazioni Unite sulle forme contemporanee di schiavitù, diffuse anche in Italia e in particolare nelle aree a spiccata vocazione agricola (vedi: http://www.tempi-moderni.net/2018/10/13/relazione-in-italiano-di-urmila-bhoola-relatrice-speciale-onu-sulle-forme-contemporanee-di-schiavitu-comprese-cause-e-conseguenze/), coerente con quanto ora afferma di nuovo l’Onu.
Nel mirino degli esperti delle Nazioni Unite, in questo caso, è finita l’abolizione della protezione umanitaria prevista dal decreto sicurezza e voluta dal Ministro dell’Interno Matteo Salvini. Inoltre, «l’esclusione dei richiedenti asilo dall’accesso a centri di accoglienza orientati all’inclusione sociale» – cioè quelli del sistema Sprar –, insieme alla «più estesa durata della detenzione nei centri di rimpatrio e negli hotspot, mina profondamente i princìpi internazionali dei diritti umani, e condurrà certamente alla violazione della legge umanitaria internazionale». Solo dieci anni fa sarebbe stato impensabile per l’Italia ricevere un comunicato Onu di questo tenore, con un richiamo così netto al declino che le politiche umanitarie e d’accoglienza del Paese stanno subendo, tanto da richiamare episodi di razzismo e xenofobia diffusi in tutto il Paese e che, per via del decreto, ancora secondo l’Onu, potrebbero diffondersi ulteriormente.
Già la cooperativa In Migrazione, a metà novembre, aveva articolato una circostanziata analisi quantitativa riguardo gli effetti, sul sistema d’accoglienza del Paese, del nuovo schema di Capitolato per la gestione dei centri di accoglienza, presentato dal Ministro dell’Interno e pubblicato sul magazine L’Eurispes.it (https://www.leurispes.it/immigrazione-centri-daccoglienza-decapitati-dai-nuovi-bandi/).
Ed è in questa direzione che si muove ora l’intervento dell’Onu per i diritti umani, tanto da affermare che «la rimozione delle misure di protezione da potenzialmente migliaia di migranti e la limitazione della loro capacità di regolarizzare la loro permanenza in Italia aumenterà la loro vulnerabilità agli attacchi e allo sfruttamento. Saranno maggiormente a rischio per i trafficanti e altri gruppi criminali e molti non avranno mezzi per soddisfare i loro bisogni di base con mezzi leciti. L’esclusione porta anche a tensioni sociali e ad una maggiore insicurezza. Un approccio inclusivo andrebbe quindi a beneficio non solo dei migranti, ma anche degli italiani». Infine, un richiamo esplicito alla Carta Costituzionale italiana, che riconosce puntuali e precisi doveri di solidarietà e di impegno in favore dei diritti umani, con riferimento soprattutto a coloro che fuggono da dittature e guerre come quella eritrea, sudanese, siriana e libica. «Il governo deve – secondo l’Onu – rispettare i valori sanciti dalla costituzione italiana e gli impegni internazionali sottoscritti». Questo clima di intolleranza non può essere separato dalla grave escalation registrata nel Paese di episodi di odio contro gruppi e individui, compresi i bambini, in base alla loro etnia, reale o percepita, colore della pelle, razza e/o status di immigrazione.
Durante, e subito dopo, la campagna elettorale del 2018, le organizzazioni della società civile registrarono 169 episodi di matrice razzista, 126 dei quali riguardavano l’incitamento all’odio razziale. Diciannove sono stati i casi segnalati alle autorità competenti, di attacchi violenti e motivati dalla “razza”, atti a produrre violenza e discriminazione. Si ricorda, a titolo di esempio, quanto accaduto a Cirasela, una bambina rom di un anno, ferita da un colpo di pistola ad aria compressa il 19 luglio scorso nel quartiere romano di Centocelle e per questo ricoverata ed operata d’urgenza all’ospedale Bambin Gesù, dove è rimasta per 73 giorni. La bambina venne colpita da un piombino sparato dal 7° piano di un palazzo che le danneggiò un polmone, le sfiorò il cuore e le provocò una lesione vertebrale. A sparare il colpo fu un romano di 50 anni successivamente indagato per lesioni gravissime.
Il comunicato Onu, infine, rileva una stringente preoccupazione «per le continue campagne diffamatorie contro le organizzazioni della società civile impegnate in operazioni di ricerca e salvataggio nel Mediterraneo, così come la criminalizzazione del lavoro dei difensori dei diritti dei migranti, che sono diventati più diffusi in Italia».
Sta ora al Parlamento, al Governo e all’intero Paese, riflettere sui contenuti del decreto sicurezza, anche dopo questo comunicato, sui suoi effetti e sul percorso politico e giuridico che vuole intraprendere, decidendo se persistere lungo questa strada o se, invece, agire nella direzione del rispetto rigoroso dei diritti umani, per la costruzione di una società inclusiva e pienamente democratica.

Ultime notizie
last20
Mondo

Oltre il G20: The Last20, il mondo visto dagli ultimi

The Last20 è l’iniziativa nata per portare in primo piano storie e testimonianze dai paesi collocati agli ultimi posti nel mondo per ricchezza e prestigio, in contrapposizione alla egemonia economica e politica dei Grandi del G20.
di Tonino Perna e Ugo Melchionda
last20
loot box
Economia

Loot box e gacha games: intrattenimento o gioco d’azzardo?

Loot box e gacha games sono due forme di intrattenimento virtuale e di profitto ancora non regolamentate in ambito fiscale. Utilizzate soprattutto dai giovanissimi nei giochi online, determinano una serie di microtransazioni il cui premio, o risultato, è sconosciuto, e dunque possono rientrare nel gioco d’azzardo.
di Giovambattista Palumbo*
loot box
giustizia riparativa
Giustizia

La giustizia che ripara. Nascono anche in Italia le prime città riparative

La giustizia riparativa mira a ricostruire lo strappo che un reato genera all’interno della collettività, mettendo in comunicazione e collaborazione vittima e autore del reato. A tale scopo sono nate anche in Italia delle città-laboratorio, come nel caso di Tempio Pausania, in Sardegna.
di Giuseppe Pulina
giustizia riparativa
ismea
Agricoltura

Proteggere i redditi agricoli da crisi ed eventi climatici: intervista a Camillo Zaccarini Bonelli, ISMEA

Camillo Zaccarini Bonelli, agronomo esperto di fondi comunitari in agricoltura e politica agricola comunitaria, descrive le soluzioni emerse recentemente per la gestione dei rischi in agricoltura, settore sempre più minacciato da eventi climatici estremi e crisi internazionali.
di Andrea Strata
ismea
gioco
Gioco

Giochi: rischio illegalità all’attenzione delle Regioni

Nei dati forniti dal Comitato per la prevenzione e la repressione del gioco illegale, nel periodo 2020-2021 sono state scoperte 250 sale illegali in pochi mesi, chiuse 100 bische e sequestrate 2 mila slot. Serve indagare le cause di un fenomeno in crescita, nonché sottrarre spazi alle attività illegali.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
gioco
pnrr
Economia

Pnrr, raggiunti tutti gli obiettivi del primo semestre 2022

Pnrr, il nostro Paese ha raggiunto tutti i target del primo semestre 2022 stabiliti dalla Commissione Europea: 45 interventi, di cui 15 Riforme e 30 Investimenti. Il Mef ha poi inviato la richiesta di pagamento della relativa tranche alla Commissione per un totale di 21 miliardi di euro.
di Claudia Bugno*
pnrr
algoritmo antievasione
Fisco

Un algoritmo antievasione aiuterà l’azione di Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza

Si chiama VeRa l’algoritmo antievasione in grado di incrociare e confrontare i dati dei contribuenti per evidenziarne le irregolarità. Sarà un valido contributo alla lotta all’evasione fiscale per Guardia di Finanza e Agenzia delle Entrate, che avranno accesso ai database nel rispetto delle indicazioni del Garante della Privacy.
di Giovambattista Palumbo*
algoritmo antievasione
AFCTA
Economia

AfCTA un anno dopo: il continente africano guarda al modello Ue per il libero mercato

L’AfCTA è un accordo commerciale firmato e ratificato dalla maggior parte dei paesi africani che prevede tra gli Stati firmatari l’abbattimento dei dazi doganali e la semplificazione degli aspetti burocratico-amministrativi al fine di implementare la libera circolazione delle merci nel continente.
di ODDI EMANUELE
AFCTA
REPowerEU
Economia

REPowerEU, la transizione energetica nel nuovo scenario emergenziale

Il Piano REPowerEU è stato messo a punto dalla Commissione Europea per garantire la sicurezza energetica in Ue, accelerando al contempo la transizione verde delle fonti di energia. Il cambio di marcia è legato alla nuova emergenza energetica causata dal conflitto in Ucraina.
di Claudia Bugno*
REPowerEU
corporate warfare
Economia

Corporate Warfare: un fenomeno sottotraccia con riflessi importanti sulla collettività

La Corporate Warfare, ovvero la guerra aziendale compiuta con ogni mezzo e con le più moderne tecnologie, minaccia le sorti di imprese e settori economici, pubblici e privati, con riflessi sull’intera collettività.
di Alfonso M. Balotta
corporate warfare