Economia

Economia Mediterraneo, l’Italia perde peso e centralità politica. Il Rapporto Cnr

182

Aumentano divario e disparità tra i paesi del Nord e del Sud del Mediterraneo, perde peso e centralità politica e logistica l’Italia.

Sono i due elementi più importanti che emergono dal Rapporto sulle economie del Mediterraneo curato dall’Istituto di Studi sulle società del Mediterraneo del Cnr. Lo studio, pubblicato dal 2003 e con cadenza annuale, è uno strumento importante per comprendere le dinamiche socio-politiche ed economiche che riguardano il Sud d’Europa, grazie alla profondità delle considerazioni e all’ampiezza degli scenari esaminati.
In un periodo di grande cambiamento, gli obiettivi e gli strumenti della politica mediterranea europea – si legge nel Rapporto – vanno ripensati, allo scopo di raccogliere elementi idonei a rafforzarla e a rinnovarla. Non è un caso, del resto, che il Mediterraneo sia considerato un caso di studio rappresentativo delle relazioni tra il Nord e il Sud del mondo: il Mediterraneo, infatti, presenta tutte le contraddizioni e le criticità di uno spazio disomogeneo all’interno del quale entrano in contatto paesi con forti diseguaglianze economiche, processi di democratizzazione in fieri e dagli esiti ancora incerti e conflitti mai risolti che alimentano un perenne stato di instabilità politica.
Nel rapporto – presentato a Napoli, edito da Il Mulino ‒ emergono le disparità tra i paesi della sponda settentrionale e quelli della sponda sud-orientale e le differenze sociali nei singoli Stati del Mediterraneo, con sottolineatura dei diversi modelli di sviluppo economico e dei sistemi di gestione del fenomeno migratorio. Il Rapporto rappresenta un osservatorio sulle dinamiche di cooperazione socio-economica in àmbito euromediterraneo, analizzate nei loro aspetti fondamentali – popolazione, commercio, investimenti esteri, ambiente, ecc. – e focalizzate sulle relazioni euro-mediterranee e sulle interdipendenze che si manifestano tra le rive del bacino. Un dato da considerare è quello relativo alla perdita di peso politico dell’Italia, e ciò con particolare riferimento alla perdita di posizioni commerciali sulla riva Sud ed Est, a vantaggio di potenze europee extramediterranee, come la Germania, ma anche alla perdita di centralità logistica, con il declassamento dei porti italiani sempre più esposti alla concorrenza di altri scali europei mediterranei e sud-mediterranei. Il messaggio che ne viene fuori è quello della imprescindibilità, per l’Europa, di governare fenomeni complessi come la pressione migratoria, la presenza di vecchi conflitti mai risolti sulla riva sud-orientale (il conflitto arabo-israeliano, le continue tensioni in Libano) e di nuove guerre civili in Libia e in Siria, ma anche la necessità di guardare al Mediterraneo con un sguardo che non sia solo quello del Nord Europa, al fine di favorire una interlocuzione in grado di far emergere complementarietà, convergenze, sinergie.
Come ha avuto modo di evidenziare Salvatore Capasso, direttore Cnr-Issm «il quadro geopolitico internazionale, già molto fluido, i rapporti tra i diversi attori internazionali e regionali, l’elevata instabilità e conflittualità della regione, sono tra i fattori alla base di molti fenomeni analizzati nel Rapporto e, tra questi, il cosiddetto eccezionalismo arabo, cioè l’apparente inconciliabilità tra governance democratica e sviluppo economico nei paesi meridionali e orientali del bacino, dove permangono forti differenze nella distribuzione delle risorse che ostacolano una crescita inclusiva, pur in un contesto di attenuazione delle divergenze di reddito e di crescita tra paesi a nord e a sud del Mediterraneo».
«Nei Paesi mediterranei del Sud la quota di popolazione sotto la soglia minima di povertà (1$ al giorno) è bassa, ma aumenta drasticamente se si assume la soglia di 2$ al giorno. Una gran parte della popolazione è, quindi, soggetta al minimo shock negativo, per esempio, quando i prezzi del cibo o del carburante aumentano», spiega Anna Maria Ferragina, ricercatrice associata Cnr-Issm e autrice del Rapporto. Sono, inoltre, tipiche di quest’area le dicotomie fra aree urbane e rurali, l’inaccessibilità di alcune aree, la densità costiera, che creano una forte competizione in attività come turismo, agricoltura e pesca.
Temi centrali per il futuro delle società del Mediterraneo sono l’ambiente e gli effetti di medio e lungo periodo del cambiamento climatico: l’intera area risulta, infatti, esposta a forti rischi e ancor di più i Paesi della sponda sud-orientale che presentano i più elevati indici di vulnerabilità, oltre che minori capacità di risposta a causa di più bassi livelli di sviluppo economico. Il testo affronta il tema del quadro geopolitico del Mediterraneo, e, quindi, le dinamiche relative all’area mediorientale e nord-africana, facendo chiarezza sull’intricato groviglio politico e diplomatico che riguarda essenzialmente i quattro Paesi dell’area: Iraq, Siria, Yemen e Libia, dove si registrano le maggiori tensioni e sui quali si gioca una partita politica, con il coinvolgimento delle grandi superpotenze, al fine di ottenere l’ egemonia economica.

Ultime notizie
Gioco

Esports, il primo obiettivo è il riconoscimento come DSA. L’intervento

Intervento dell’Avv. Andrea Strata, Direttore Osservatorio Permanente su Giochi legalità e patologie dell’Eurispes, in occasione della Fiera Enada di Rimini Prima di focalizzare...
di Andrea Strata
Cultura

School in motion, il cartoon per educare. “Ma l’insegnante rimane fondamentale”

Scuola e tecnologia, sistema tradizionale dell’istruzione e didattica innovativa: il prossimo 15 maggio si svolgerà a Roma, presso il MAXXI, School in motion. Ne parliamo con Antonello Capra, docente, biologo e ideatore del Festival.
di Valentina Renzopaoli
Crescita

Crescita sostenibile, Paesi BRICS “avanti” con la Nuova Banca di Sviluppo

Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica: dagli Stati Brics arriva la Nuova Banca di Sviluppo, un modello alternativo a quelli occidentali, per promuovere strategie internazionali che hanno come obiettivo una crescita sostenibile.
di Marco Ricceri
Gioco

Il Governo “a senso unico” dei giochi. L’azzardo finanzia il Reddito di cittadinanza con 1,5 mld

"Siamo di fronte ad un governo dei giochi a senso unico: mentre l’obiettivo nobile “da campagna elettorale” è quello di contrastare il disturbo da gioco d’azzardo, il risultato concreto è quello di utilizzare il settore per esigenze di finanza, senza incidere realmente sulla lotta alla ludopatia”.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
Innovazione

Lavoro e nuova “alienazione” ai tempi del web

Il destino del sindacato o, più correttamente, il futuro del lavoro nella digital society: su questi temi interroga il lettore, il saggio di Francesca Re David "Tempi (retro) moderni. Il lavoro nella fabbrica-rete".
di Massimiliano Cannata
Informazione

Gino Falleri “pietra miliare” del giornalismo. “Aveva sempre la parola giusta”. Il ricordo

Gino Falleri era considerato l’Highlander del giornalismo, il paladino dei Pubblicisti, per i quali ha combattuto lunghe battaglie. Il ricordo di Bruno Tucci, Roberto Natale e Gian Maria Fara.
di Valentina Renzopaoli
Recensioni

Era Meglio Prima! Oppure no? Saggio breve contro i piagnucolosi e i brontoloni

Avete due ore di tempo? Che so: un pomeriggio di pioggia; un post-prandiale domenicale; un trasferimento in aereo o treno da riempire....
di Alberto Mattiacci
Politica

Vincoli di bilancio, investimenti al minimo storico ma gli “avanzi disponibili” ammontano a 5,3 mld

Nel 2017 gli investimenti degli Enti locali hanno toccato il minimo storico. Eppure, l'ammontare delle somme potenzialmente spendibili ha raggiunto i 5,3 mld di euro.
di redazione
Informazione

Lutto nel giornalismo. Oggi i funerali di Gino Falleri a Roma

Lutto nel mondo del giornalismo. Si celebrano martedì nella parrocchia di San Mattia, alle ore 15, i funerali di Gino Falleri, storico Vicepresidente dell'Ordine dei Giornalisti del Lazio, socio, fondatore e consigliere dell'Eurispes.
di redazione
Società

Festa del Papà: padri ottimisti, figli spaventati dal futuro. La ricerca

In occasione della Festa del Papà, l’Eurispes ha voluto focalizzare l’attenzione sull’opinione e la situazione degli uomini italiani rispetto ad alcuni aspetti della vita quotidiana.
di redazione