Il modello italiano nella lotta al contrabbando di tabacco

tabacco

Il “1° Rapporto sul commercio illecito nel settore tabacco e E-cig” realizzato dalla Fondazione Osservatorio Agromafie e dall’Eurispes, con il contributo di Philip Morris Italia, parte dalla constatazione che la tesi secondo la quale il business legato al contrabbando di tabacco sarebbe tutto sommato ormai marginale, anzi trascurato dalle mafie, è sconfessata dai dati ufficiali delle principali agenzie internazionali e da alcune importanti operazioni investigative condotte dalla Forze dell’ordine.

È, al contrario, evidente la corsa delle mafie ad accaparrarsi le aree non solo depresse ma anche quelle più sviluppate dal punto di vista economico.

I dati del tabacco di contrabbando nel mondo e la perdita di gettito fiscale

Il World Health Organization, ad esempio, stima che le sigarette di contrabbando rappresentino tra il 6 e il 9% del consumo totale di sigarette nel mondo. Una cifra enorme, soprattutto in una fase economica assai delicata come quella che vede il combinato disposto dato dalla crisi energetica e dalla guerra in Ucraina.

I prodotti non manufatti dalle company proprietarie del brand ed i prodotti introdotti illegalmente in un determinato mercato non sono sottoposti a tasse e accise nazionali, e venduti al consumatore finale non attraverso la filiera legale e controllata. La perdita totale di gettito fiscale generata dal contrabbando e dall’immissione nel mercato di prodotti contraffatti sarebbe di 10,4 miliardi di euro, in crescita.

Questo mercato parallelo genera elevatissimi utili illegali, a loro volta non soggetti a tassazione. Agli introiti mancati per lo Stato corrispondono grandi incassi per l’economia criminale: uno stock finanziario considerevole in grado di lubrificare i meccanismi che assicurano alle mafie una quota non irrilevante di consenso sociale.

Il peso delle tasse incide sulla propensione a rivolgersi al mercato illecito del tabacco

È importante sottolineare che le politiche fiscali dei diversi paesi incidono in modo determinante sul fenomeno del contrabbando: il peso di tasse di consumo e accise sul singolo pacchetto è rilevante, poiché raramente è al di sotto il 50% del costo finale.

Si pensi alla Francia, l’Irlanda, la Finlandia, dove il pacchetto ha prezzi medi molto superiori o comunque vicini ai 10 euro, e che presentano quote di contraffazione e contrabbando che superano abbondantemente il 10%.

Emblematico è in particolare il caso della Francia dove l’aumento del prezzo delle sigarette di ben il 50% in 3 anni (da meno di 7 euro ad oltre 10 euro) ha fatto sì che la quota relativa alle sigarette contraffatte, quasi nulla nel 2017, ora rappresenti il 15% del consumo complessivo.

Per contro, la prevalenza del fumo ha conosciuto una riduzione modesta nonostante il forte aumento di prezzo nel triennio (-1,4% tra il 2017 ed il 2020). Ciò significa che l’aumento del prezzo del singolo pacchetto non agisce come elemento dissuasore per gli acquirenti. Infatti, la strategia francese di contrasto al fumo, basata sul forte aumento del prezzo dei pacchetti, ha avuto scarso impatto sui consumi, mentre ha favorito la crescita incontrollata del mercato illecito.

A spiegare l’elevata quota di contraffazione e contrabbando in paesi come la Grecia, la Lituania e Lettonia che, al contrario di quelli appena citati, non presentano prezzi del pacchetto particolarmente elevati, è, invece, la contiguità di queste nazioni con aree non Ue nelle quali il prezzo del pacchetto di sigarette è notevolmente più basso ed il tasso di economia illegale è tendenzialmente più elevato.

Prezzi più bassi e minori controlli di legalità facilitano l’ingresso sia di sigarette frutto di contraffazione sia di Illicit White nei paesi confinanti per essere lì consumati, o per transitare verso altre aree.

Il caso italiano

Se nelle prime posizioni per percentuale di sigarette contraffatte e di contrabbando si collocano Francia, Grecia e Lituania, tra le grandi nazioni europee l’Italia presenta il dato più basso (2,2%, rispetto alla media continentale dell’8,1%). Inoltre, in Italia il trend conferma una diminuzione.

Le politiche fiscali avvedute che negli ultimi anni collocano il prezzo del pacchetto “italiano” nella parte media della classifica europea.

Ma a comprimere la diffusione dei traffici illegali del tabacco in Italia è stata ed è soprattutto la progressiva capacità di controllo e repressione manifestata dalle Forze dell’ordine come pure l’efficace attenzione prestata al fenomeno dalle Autorità preposte (in particolare Guardia di Finanza, Arma dei Carabinieri, Polizia di Stato, Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, DDA, Criminalpol e la Procura Nazionale Antimafia e Antiterrorismo).

La necessità di una normativa condivisa tra i diversi paesi e di regole più stringenti

La lotta al contrabbando e alla contraffazione si svolge essenzialmente lungo i confini dell’Ue, dove una cintura doganale continua esercita la sua funzione di contrasto del traffico illecito. Il controllo doganale è affidato ai singoli Stati membri, ed è evidente che il sistema può funzionare solo a patto che nessuno Stato bari.

Ma se il controllo doganale risulta alquanto efficace ai nostri confini, non è così per altri perimetri doganali in altri paesi membri.

I traffici d’entrata in Ue si spostano così nei punti in cui è più facile accedere, facendo fare il “giro largo” alle merci ed evitando porti commerciali ‒ italiani ad esempio ‒ di più facile accesso dal Canale di Suez.

Questa disparità di trattamento fa entrare, pericolosamente, in Europa merci contraffatte, e ciò unicamente nell’interesse economico dei paesi che fondano la propria ricchezza su trasporti e commercio. Dunque, le merci dirette in Italia che le nostre autorità avrebbero sequestrato in quanto contraffatte, o tassato al valore reale, se sdoganate da Stati membri a controllo blando, senza dover subire ulteriori controlli possono raggiungere ugualmente l’Europa e l’Italia, che in questo modo ne sopporta il danno erariale, il danno funzionale della logistica, della trasportistica e del relativo indotto occupazionale.

Si può quindi affermare che nell’area del consumo di tabacco si manifesta una sorta di parallelismo tra mercato legale e mercato illegale che competono sul prezzo, potendo contare su una domanda molto forte e parcellizzata espressa da milioni di singoli consumatori.

Aumentare la tassazione non è la soluzione. Il contrasto al contrabbando si deve attuare attraverso un aumento dei controlli e una normativa comune ai diversi paesi.

*Gian Maria Fara, Presidente dell’Eurispes.

 

 

 

Leggi anche

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili