Infodemic or information? Italians and the media

information

Perhaps Italians experience a need to inquire and to be informed like never before: the insecurity due to the pandemic has generated a thirst for news and has also involved categories less interested in news and in media and information in general until now.

How do Italians face the flood of daily news characterized by confusing truths, fake news, theorems, hypotheses and rumours? Which media do they prefer to gather information from and form their own opinion about the health emergency? What do they think about the news coming from all the different channels?

Newscasts come first, but the future of information is online

The preferred media for information gathering about the Covid-19 health emergency are newscasts (33.8%) and online newspapers (22.3%). Printed newspapers rank third with 8.4% of preferences, immediately followed by talk shows and entertainment programs (8.3%) and social networks (8.1%), radio news rank behind them (5%), paper magazines and social chat (both at 2.8%), and influencers (1.6%).

Television news is the preferred information channel by the over-64s (48.3%) and 45-64-year-olds (31.7%), while very young people mainly use social media to get information (27.2%).

Talk shows and television in-depth news programmes are a preferential information channel especially for over-64s (10.5%), a result, coupled with the times TV News are watched on average, that makes this age group the only one mostly informed through television (58.8%); while the youngest group mainly use online channels (Social networks and online Daily News in total 62.1% between the ages of 18 and 24 years; 50.9% between 25 and 34 years).

Pandemic: Information is confusing

The quality assessment of the Covid-19 related information within all the different channels highlights its confusing aspects. The information conveyed by social networks is considered as the most confusing (40%), followed by the Government official communications, the Ministry of Health and Ministry of the Regions communications (36%) and finally the mass media News (28.3%). Mass media channels are also the ones most often considered capable of providing useful information (25%), followed by official communications (23.9%), but these are also the most accused of spreading alarmist news, with 22.8% preferences for this option (17.6% Social Networks and 12.7% official communications).

Italian people are convinced that the most truthful information about Covid-19 is conveyed by Institutions

Institutional communication is considered the most truthful (20.1%), concerning TV, radio, etc., the percentage of those who believe that they present reliable news goes down to 9.2% and for social networks it goes down further to 4.5% and are instead more often considered overwhelming (18.5%); 14.7% of the sample share the same feeling about mass media, while 7.3% about institutional communication.

Overall, Italian people are convinced that the most useful and truthful information about Covid-19 is the one conveyed by the Institutions (a total of 44%), followed by the one from mass media (34.2%) and, lastly, the one circulating on Social Networks (23.9%).

 

Ultime notizie
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra
25 aprile 2022
Società

25 aprile 2022, il ritorno della paura

La memoria della riconquista della libertà, avvenuta con la liberazione del 1945, si sovrappone alle immagini della tragedia ucraina che, a distanza di 77 anni, si consuma per le stesse ragioni di allora, i soprusi delle dittature. La “resistenza” in ogni epoca trae forza dal coraggio di vincere le paure.
di Angelo Perrone
25 aprile 2022
dispersione scolastica
Scuola

Dipersione scolastica e Dad: il fenomeno nelle scuole della Sardegna

Dispersione scolastica e DaD, quanto sono collegati questi due aspetti nel sistema scolastico costretto a modificare la propria organizzazione a causa della...
di redazione
dispersione scolastica