Infodemic or information? Italians and the media

information

Perhaps Italians experience a need to inquire and to be informed like never before: the insecurity due to the pandemic has generated a thirst for news and has also involved categories less interested in news and in media and information in general until now.

How do Italians face the flood of daily news characterized by confusing truths, fake news, theorems, hypotheses and rumours? Which media do they prefer to gather information from and form their own opinion about the health emergency? What do they think about the news coming from all the different channels?

Newscasts come first, but the future of information is online

The preferred media for information gathering about the Covid-19 health emergency are newscasts (33.8%) and online newspapers (22.3%). Printed newspapers rank third with 8.4% of preferences, immediately followed by talk shows and entertainment programs (8.3%) and social networks (8.1%), radio news rank behind them (5%), paper magazines and social chat (both at 2.8%), and influencers (1.6%).

Television news is the preferred information channel by the over-64s (48.3%) and 45-64-year-olds (31.7%), while very young people mainly use social media to get information (27.2%).

Talk shows and television in-depth news programmes are a preferential information channel especially for over-64s (10.5%), a result, coupled with the times TV News are watched on average, that makes this age group the only one mostly informed through television (58.8%); while the youngest group mainly use online channels (Social networks and online Daily News in total 62.1% between the ages of 18 and 24 years; 50.9% between 25 and 34 years).

Pandemic: Information is confusing

The quality assessment of the Covid-19 related information within all the different channels highlights its confusing aspects. The information conveyed by social networks is considered as the most confusing (40%), followed by the Government official communications, the Ministry of Health and Ministry of the Regions communications (36%) and finally the mass media News (28.3%). Mass media channels are also the ones most often considered capable of providing useful information (25%), followed by official communications (23.9%), but these are also the most accused of spreading alarmist news, with 22.8% preferences for this option (17.6% Social Networks and 12.7% official communications).

Italian people are convinced that the most truthful information about Covid-19 is conveyed by Institutions

Institutional communication is considered the most truthful (20.1%), concerning TV, radio, etc., the percentage of those who believe that they present reliable news goes down to 9.2% and for social networks it goes down further to 4.5% and are instead more often considered overwhelming (18.5%); 14.7% of the sample share the same feeling about mass media, while 7.3% about institutional communication.

Overall, Italian people are convinced that the most useful and truthful information about Covid-19 is the one conveyed by the Institutions (a total of 44%), followed by the one from mass media (34.2%) and, lastly, the one circulating on Social Networks (23.9%).

 

Ultime notizie
Tecnologia

La digitalizzazione della vita quotidiana

La digitalizzazione in Italia vive un forte ritardo. Eppure dai dati emerge che il 40% degli italiani ha accresciuto le proprie competenze informatiche dall’inizio della pandemia e in quasi la metà dei casi, il 45,5%, ha iniziato ad utilizzare strumenti che prima non usava.
di Susanna Fara
Italia

Reti europee di trasporto TEN-T: l’Italia penalizzata dalle nuove strategie adottate

Una premessa. Era il lontano 2004 quando l’Unione europea, per impulso di Romano Prodi Presidente della Commissione, immaginò di rafforzare il processo...
di Gianpaolo Basoli, Luca Danese, Marco Ricceri
violenza contro le donne
Donne

Violenza contro le donne, meno vittime ma attenzione ai reati spia

Violenza contro le donne, nel report della Direzione centrale della Polizia criminale allerta sui reati spia e sulle vittime con disabilità. Diminuiscono i casi di femminicidio, -9% rispetto al 2021, ma aumentano le violazioni di allontanamento e i reati di violenza sessuale.
di redazione
violenza contro le donne
stalking
Criminalità e contrasto

Stalking, vittime degli atti persecutori continuano ad essere soprattutto le donne

Lo stalking, ossia gli atti persecutori, è considerato uno dei reati spia, quei delitti che sono indicatori di una violenza di genere. È possibile leggere il fenomeno attraverso gli ultimi dati messi a disposizione dalla Direzione Centrale della Polizia Criminale e le indagini realizzate dall'Eurispes.
di Susanna Fara
stalking
intelligenza artificiale
Tecnologia

Intelligenza artificiale, costi e benefici ambientali della rivoluzione digitale

Intelligenza artificiale e sostenibilità: migliorare l’efficienza energetica dei sistemi è utile al bilancio ambientale, ma non bisogna trascurare gli impatti diretti delle operazioni di calcolo e delle infrastrutture tecnologiche, in termini di consumo energetico e di materie prime.
di Roberta Rega
intelligenza artificiale
scuola
Scuola

La crisi della scuola come laboratorio di eccellenza e inclusione raccontata dal Presidente Roberto Ricci attraverso i dati INVALSI

La scuola italiana descritta dalle prove INVALSI è un sistema affetto da divario territoriale e scarsa attenzione alla crescita degli alunni: un alunno su dieci è in una situazione di fragilità al termine del ciclo di scuola secondaria, con punte vicine al 20% nelle regioni del Mezzogiorno.
di Roberto Ricci*
scuola
reati informatici
Senza categoria

Reati informatici e non solo, i rischi di stare in Rete

Sempre più diffusi i reati informatici, a rischio una buona parte della popolazione che naviga su internet e usa le nuove tecnologie. Nel 2022, quasi 3 italiani su 10 sono rimasti vittime di truffe informatiche (27,2%).
di Susanna Fara
reati informatici
sud e coesione
Italia Domani

Sud e coesione territoriale: a che punto siamo?

Sud e coesione territoriale sono tra i punti fondamentali del PNRR. Quasi 20 miliardi di euro sono destinati a politiche di inclusione e coesione, volte a colmare il divario territoriale presente in Italia. Dopo il lavoro svolto dal Ministero del Sud, le modifiche di competenze dei Ministeri volute dal nuovo governo introducono nuovi scenari organizzativi.
di Claudia Bugno*
sud e coesione
Van Gogh
Cultura

Vincent Van Gogh, i colori che hanno influenzato il mondo. La mostra a Roma

La pittura di Vincent Van Gogh è entrata nell’immaginario collettivo, diventando oggetto di venerazione e culto. Una mostra al Palazzo Bonaparte di Roma, in occasione dei 170 anni dalla nascita, esplora il mistero di una fascinazione per il colore che ha conquistato intere generazioni.
di Angelo Perrone
Van Gogh
welfare
Intervista

Le nuove emergenze impongono un ripensamento del welfare e del ruolo dei sindacati. Intervista al Presidente Tiziano Treu

Le nuove emergenze globali impongono un ripensamento di welfare e ruolo dei sindacati per far fronte ad emergenze sociali legate a inflazione e povertà. Il PNRR e l’agenda Draghi hanno segnato una svolta verso coesione e sostenibilità, ma bisogna puntare sull’innovazione. A colloquio con Tiziano Treu Presidente del CNEL.
di Massimiliano Cannata
welfare