Lavoratori dello spettacolo, si cambia rotta in materia di Welfare

lavoratori dello spettacolo

I lavoratori dello spettacolo sono stati, direttamente o indirettamente, un argomento di discussione messo in primo piano dalla pandemia. La loro attività di creazione di contenuti artistici ha alleviato le solitudini e i cambiamenti di quel particolare momento, ma sono tante le contraddizioni relative alla loro condizione previdenziale e fiscale. L’impossibilità, dettata dalla pandemia, di esibirsi dal vivo e di creare momenti aggregativi ha lasciato per un anno i lavoratori dello spettacolo senza risorse e, in molti casi, senza la possibilità di accedere agli aiuti straordinari erogati ad hoc dal governo. Non sono mancate le proteste delle maestranze e degli artisti che chiedevano il ripristino delle attività in sicurezza. L’adesione alla protesta dell’aprile scorso, denominata dei “bauli” – che dovevano essere 419 come i giorni passati da quando i lavoratori dello spettacolo e degli eventi erano impossibilitati a svolgere la propria professione dall’inizio dei lockdown – è stata enorme. Mille sono stati i bauli portati in Piazza del Popolo a Roma, simbolo delle maestranze ma anche di tanti noti artisti che vi hanno aderito.

«I nostri artisti, che ci fanno divertire»

Cosa ne sarebbe stato delle lunghe settimane di confinamento, tra marzo e maggio del 2020, senza la musica, il teatro, il cinema, insomma l’arte e lo spettacolo in tutte le sue forme? L’importanza di dare valore al comparto dello spettacolo, che dovrebbe essere la norma, nella prima fase della pandemia ha generato un momento di grande consapevolezza di quanto esso sia vitale e imprescindibile. Ciò ha reso evidente quanto un settore fondamentale per la vita e lo sviluppo degli individui all’interno della società fosse stato dimenticato dal welfare. La marginalizzazione dei lavoratori dello spettacolo è stata tanto dibattuta da essere citata anche in un famoso discorso dell’allora premier Giuseppe Conte, che auspicava un occhio di riguardo per  «i nostri artisti, che ci fanno divertire», definizione discutibile e fonte di polemiche in quanto fu recepita da molti come parziale o giullaresca.

Sta avvenendo un riordino dell’intero settore, ma soprattutto il riconoscimento della sua specificità

Per i lavoratori dello spettacolo, circa 260mila in Italia, dal primo luglio le cose sono cambiate in tema di Welfare. Passati i mesi peggiori, sta avvenendo un riordino dell’intero settore, ma soprattutto il riconoscimento della specificità del settore dello spettacolo, che non può essere assoggettato a dinamiche ordinarie e soprattutto va tutelato e difeso.

A partire dal Decreto Sostegni bis, un corposo intervento congiunto del Ministero del Lavoro e della Cultura promette di scrivere una nuova pagina in materia di welfare per il comparto spettacolo. La volontà sembra essere quella di affrontare una questione nata in piena emergenza Covid. «Sono stati mesi drammatici – ha dichiarato recentemente Lorenzo Casini, capo di gabinetto del ministero della Cultura – che hanno almeno permesso di colmare finalmente molte lacune normative. Siamo riusciti a raccogliere, grazie a un continuo lavoro di ascolto e studio, la maggior parte delle giuste istanze rappresentate da organizzazioni sindacali e associazioni».

Le misure del Welfare per i lavoratori dello spettacolo

Dopo le misure nel Dl Sostegni bis, il quadro si completerà con un disegno di legge e la riforma degli ammortizzatori sociali, in arrivo nei prossimi mesi. Cosa cambia per i lavoratori dello spettacolo? Il primo passo è stato il rafforzamento delle tutele assistenziali, possibili grazie all’adeguamento di misure e sostegni al carattere strutturalmente discontinuo delle prestazioni lavorative. La discontinuità non era stata fino ad oggi riconosciuta dalla normativa italiana come elemento distintivo delle prestazioni lavorative nello spettacolo. Le norme, di fatto, hanno impedito a migliaia di lavoratori di accedere a diritti costituzionalmente garantiti: dall’indennità di malattia a quella di maternità fino al trattamento pensionistico.

Leggi anche

Tra i provvedimenti previsti, un’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali (a carico dell’Inail) per i lavoratori iscritti al Fondo pensione lavoratori dello spettacolo. Inoltre per accedere all’indennità di malattia, si richiede il possesso non più di 100, bensì di 40 contributi giornalieri versati al Fondo pensione lavoratori dello spettacolo dal primo gennaio dell’anno precedente l’insorgenza della malattia.

Dal primo gennaio 2022, invece, partirà l’Alas, ossia l’assicurazione per la disoccupazione involontaria dei lavoratori autonomi dello spettacolo, fino a oggi sprovvisti di ammortizzatori di questo tipo e senza possibilità di accedere alla Naspi. L’Alas rappresenta una misura di tutela molto importante per un comparto che ancora sta subendo le conseguenze sociali della pandemia.

Lavoratori dello spettacolo da tutelare e valorizzare

«Quella di oggi è una giornata storica per il settore dello spettacolo. Con il ministro del LavoroOrlando abbiamo portato in Consiglio dei Ministri un pacchetto di misure significative per assicurare adeguate tutele assistenziali e previdenziali ai lavoratori dello spettacolo e correggere le numerose storture emerse negli ultimi anni e divenute non più sostenibili soprattutto dopo la pandemia. Sono norme fortemente attese, frutto di un attento lavoro di ascolto delle categorie». Così ha commentato il Ministro della Cultura Franceschini le norme del decreto Sostegni Bis che rafforzano le tutele dei lavoratori dello spettacolo. Nei prossimi mesi ci sarà modo di comprendere a pieno se le i provvedimenti in programma sono in grado di tutelare e soprattutto di valorizzare una delle industrie fondamentali del nostro Paese, che non crea (solo) divertimento bensì cultura e crescita.

Ultime notizie
alcol consumo
Salute

Alcol e marketing, necessarie limitazioni per social network e giovanissimi

Per l’OMS, l’alcol è un “bene che desta preoccupazione per la salute pubblica”. Per questo servono limitazioni al marketing indiscriminato che avviene sulle piattaforme digitali, soprattutto per difendere le categorie deboli come i soggetti dipendenti e i giovani.
di Roberta Rega
alcol consumo
cyberpunk
Tecnologia

Cyberpunk e rivoluzione digitale: una nuova etica che superi la dicotomia normativa

Il cyberpunk ha creato un immaginario che supera la dicotomia tra bene e male, anche su questioni ancora aperte a livello normativo. Ma è poi davvero possibile regolamentare interamente un sistema efficace perché libero, come ad esempio le cryprovalute e i Bitcoin?
di avv. Alessio Briguglio*
cyberpunk
pnrr
Italia Domani

Il PNRR tra nuovi ministeri e nuove programmazioni

Con il nuovo Governo, il PNRR ha visto alcune sue componenti e strutture cambiare per competenze e funzioni. Tra i primi obiettivi individuati dal Ministro Fitto figura la rimodulazione del Piano italiano per motivi legati a costi e tempistiche.
di Claudia Bugno*
pnrr
accoglienza
Intervista

In Italia manca un sistema di accoglienza: intervista a Simone Andreotti, Presidente coop. In Migrazione

In Italia manca un vero sistema di accoglienza in grado di esprimere progettualità, e in cui i migranti non siano visti come una questione di ordine pubblico ma come opportunità per il Sistema-Paese. Intervista a Simone Andreotti Presidente di In Migrazione.
di Marco Omizzolo*
accoglienza
Italia

Reti europee di trasporto TEN-T: l’Italia penalizzata dalle nuove strategie adottate

Una premessa. Era il lontano 2004 quando l’Unione europea, per impulso di Romano Prodi Presidente della Commissione, immaginò di rafforzare il processo...
di Gianpaolo Basoli, Luca Danese, Marco Ricceri
violenza contro le donne
Donne

Violenza contro le donne, meno vittime ma attenzione ai reati spia

Violenza contro le donne, nel report della Direzione centrale della Polizia criminale allerta sui reati spia e sulle vittime con disabilità. Diminuiscono i casi di femminicidio, -9% rispetto al 2021, ma aumentano le violazioni di allontanamento e i reati di violenza sessuale.
di redazione
violenza contro le donne
stalking
Criminalità e contrasto

Stalking, vittime degli atti persecutori continuano ad essere soprattutto le donne

Lo stalking, ossia gli atti persecutori, è considerato uno dei reati spia, quei delitti che sono indicatori di una violenza di genere. È possibile leggere il fenomeno attraverso gli ultimi dati messi a disposizione dalla Direzione Centrale della Polizia Criminale e le indagini realizzate dall'Eurispes.
di Susanna Fara
stalking
intelligenza artificiale
Tecnologia

Intelligenza artificiale, costi e benefici ambientali della rivoluzione digitale

Intelligenza artificiale e sostenibilità: migliorare l’efficienza energetica dei sistemi è utile al bilancio ambientale, ma non bisogna trascurare gli impatti diretti delle operazioni di calcolo e delle infrastrutture tecnologiche, in termini di consumo energetico e di materie prime.
di Roberta Rega
intelligenza artificiale
scuola
Scuola

La crisi della scuola come laboratorio di eccellenza e inclusione raccontata dal Presidente Roberto Ricci attraverso i dati INVALSI

La scuola italiana descritta dalle prove INVALSI è un sistema affetto da divario territoriale e scarsa attenzione alla crescita degli alunni: un alunno su dieci è in una situazione di fragilità al termine del ciclo di scuola secondaria, con punte vicine al 20% nelle regioni del Mezzogiorno.
di Roberto Ricci*
scuola
sud e coesione
Italia Domani

Sud e coesione territoriale: a che punto siamo?

Sud e coesione territoriale sono tra i punti fondamentali del PNRR. Quasi 20 miliardi di euro sono destinati a politiche di inclusione e coesione, volte a colmare il divario territoriale presente in Italia. Dopo il lavoro svolto dal Ministero del Sud, le modifiche di competenze dei Ministeri volute dal nuovo governo introducono nuovi scenari organizzativi.
di Claudia Bugno*
sud e coesione