Le App: una finestra sulla nostra vita digitale

I giga non bastano più e aumenta l’insistente richiesta, da parte degli utenti, di pacchetti di offerta di telefonia.

 

Ma quanto costa essere sempre online?

 

Al 31 dicembre 2018, facendo una media delle principali tariffe per telefonia mobile comprensive del traffico dati, i pacchetti che prevedono 2 GB di traffico Internet sono i più economici, con una media di 13 euro di spesa. È interessante considerare che le offerte che prevedono 5 GB e quelle che ne propongono 20 si caratterizzano per prezzi pressoché simili, con una media di 15 euro. Meno convenienti sono le offerte da 10 GB, che hanno un prezzo di circa 21 euro (Eurispes, Rapporto Italia 2020).

Se nel 2008 il mercato delle app era praticamente inesistente, negli otto anni successivi esso arriva a valere 1.300 miliardi di dollari, indotto compreso, e, secondo la società di analisi App Annie, nel 2021 l’economia che ruota intorno alle App potrebbe diventare la terza a livello mondiale, con 6.350 miliardi di dollari, e una crescita del 385% rispetto al 2016. Eppure, delle app scaricate se ne usa solo la metà.

Trainline, app leader in Europa per viaggiare in treno e in pullman, ha realizzato una ricerca, tra la fine del 2018 e gli inizi del 2019, per indagare il rapporto degli utenti con le app. I risultati dell’indagine mostrano l’utilizzo di un gran numero di app per organizzare e svolgere le attività quotidiane: ascoltare la musica, programmare un viaggio, fare la spesa, fare shopping, prenotare un ristorante, calcolare le calorie bruciate durante la corsa mattutina.

Per quanto riguarda l’organizzazione e la prenotazione di una vacanza, il ricorso alle app è necessario per il 79,3% degli intervistati; in media, 3 app per l’organizzazione di un viaggio di piacere, facendo ricorso, in particolare, ad app per la prenotazione del pernottamento, per la pianificazione dell’itinerario, per l’acquisto di biglietti di treno, aereo o pullman e per la gestione in tempo reale del viaggio. Tuttavia, spesso gli utenti installano molte più app rispetto a quelle che di fatto adoperano. Escluse quelle per i social, per il 53% dei rispondenti, le app realmente utilizzate tutti i giorni sono poche.

C’è bisogno di spazio: il fenomeno del decluttering

Gli italiani tendono a scaricare app con funzioni simili, se non addirittura uguali. Il 66% del campione di Trainline ha sul proprio smartphone almeno 2 app che svolgono la stessa funzione. Per questo, si sta diffondendo la pratica del “decluttering”, ovvero “mettere in ordine, fare spazio”. Il 52,6% del campione ritiene che l’eliminazione di app superflue dal proprio telefono faccia sentire più organizzati e il 21% dichiara che “fare pulizia” sul proprio smartphone porti a stati di calma e di tranquillità.

Non mancano però le possibili derive patologiche del fenomeno. FOMO, “Fear of missing out”, è il nome (acronimo) di una nuova malattia sociale individuata dallo scienziato Andrew Przybylski dell’Università di Oxford. Si tratta di una sindrome da assenza digitale, legata all’uso delle nuove tecnologie e riguarda la paura, propria del soggetto digitale e sempre connesso, di perdersi qualcosa online: una notizia, un post di un contatto social, un evento.

Leggi anche

La rivoluzione digitale può modificare il nostro cervello?

Ultime notizie
Attualità

Natale e tanta voglia di leggerezza

Fare shopping è la parola d’ordine nei primi giorni di cauta (ufficialmente: molto cauta) apertura di negozi ed esercizi commerciali. Il Natale...
di Angelo Perrone*
Cultura

Musica, la riscossa del vinile: cresce il mercato degli LP

Musica, il vecchio LP continua a registrare un interesse senza precedenti, tanto che nell’industria americana i ricavi degli album in vinile rappresentano il 62% dei ricavi totali dei supporti fisici, vale a dire 232 milioni di dollari.
di Ilaria Tirelli
Vincenzo Macrì

Maxi riclaggio da 500 miliardi di euro, come le mafie condizionano l’economia mondiale

  Il quotidiano on line Corriere della Calabria del 27 novembre scorso pubblica un articolo a firma Pablo Petrasso che riferisce i risultati...
di Vincenzo Macrì
Europa

Povertà: ancora troppo grande il numero di senzatetto, 700mila solo in Europa

700mila persone in Europa vivono in strada e ogni notte sono costrette a cercare ricoveri di fortuna,. Oggi la disponibilità nei centri di accoglienza è ridotta, a causa del distanziamento reso necessario dalle misure sanitarie in atto contro il Covid.
di Roberta Rega
Metafore per l'Italia

Dov’è finito il Sud?

Nella rubrica “Metafore per l’Italia”, pubblichiamo un’altra riflessione del Presidente dell’Eurispes, Gian Maria Fara, estratta dal libro La Repubblica delle Api.   Lo “spirito...
di Gian Maria Fara
Cosa vuol dire Mafia?

Cosa vuol dire Mafia? Dialogo con Marisa Manzini, procuratore aggiunto di Cosenza

Per cominciare a comprendere la complessità di un tessuto civile e sociale come quello calabrese, abbiamo dialogato con Marisa Manzini, Procuratore aggiunto della Procura di Cosenza. L’intervista è contenuta nella rubrica “Cosa vuol dire Mafia? Dialoghi sulla legalità” a firma di Sergio Nazzaro
di Sergio Nazzaro
Diritto

Web tax: il 2021 sarà l’anno della svolta?

Le multinazionali del Web godono di una non più ammissibile omessa tassazione dei loro miliardari profitti. Per affrontare fenomeni come quello della tassazione dell’economia digitale occorre adottare una nuova prospettiva.
di Giovambattista Palumbo*
Video

La luce, oltre la siepe

Quante volte vi siete chiesti: quando finirà? E quante volte vi siete sentiti rispondere: quando arriverà un vaccino. Ora sembra che stia...
di Emilio Albertario
Società

Covid-19, paura e incertezza: un’emergenza esistenziale

Ci troviamo nel pieno di una tempesta, cerchiamo un riparo anche se l’acqua che cade non riusciamo a vederla se non dopo...
di Alfonso Lo Sardo
Futuro

L’incertezza della recidiva: se insieme al Covid cresce la paura del futuro

Il Covid mette a repentaglio le vite nel mondo, in generale cambia le abitudini. Collettive o individuali, importanti o meno, magari piccole...
di Angelo Perrone*