Osservatori

Osservatorio Giochi, Legalità e Patologia di Eurispes: “Allo Stop alla pubblicità segua un’attenzione agli approfondimenti tecnici”

402

L’orientamento del Governo che indica un blocco della comunicazione pubblicitaria nell’area del gioco contenuto nel “Decreto Dignità” sta suscitando clamore.

Il provvedimento riporta l’attenzione verso un settore attraversato, soprattutto negli ultimi mesi, da istanze contraddittorie che producono diversi effetti. Tra questi l’evidente diminuzione del gettito erariale: 2,6 miliardi nel primo quadrimestre 2018 e, in proiezione, 8,5 miliardi su base annua a fronte dei 10,5 miliardi di euro del 2017.

Bene, dunque, che il Governo metta mano al settore. L’Eurispes ipotizza comunque che il blocco della pubblicità nel mondo del gioco subirà diverse attenuazioni, e non solo per rispettare i contratti in essere. In particolare, l’area del gioco online, che tra l’altro è la meno sondata e produce un gettito limitato, “esiste” però solo in quanto comunica pubblicitariamente (spot radiotelevisivi, stampa, web e sponsorizzazioni).

È vero anche che nel momento in cui si avanza sulla strada della limitazione della comunicazione pubblicitaria, risulterebbe ugualmente importante approfondire quella della ricerca, non solo per rispondere ai montanti allarmi sociali che fanno riferimento alla “azzardopatia”, ma anche per fornire al Legislatore ed alle autonomie locali una bussola in grado di orientare in chiave di concreta e organica una riforma un settore che attualmente risulta non governato.

L’Osservatorio Giochi, Legalità e Patologie dell’Eurispes, che ha appena completato un voluminoso studio sull’area del gioco legale, proseguirà il lavoro di ricerca con un’approfondita analisi dell’area dell’illegalità, che rischia di acquisire un nuovo impulso alla luce delle politiche di compressione dell’offerta legale (distanziometro, limitazioni orarie).

Su entrambe le aree –  gioco legale e gioco illegale – risulta comunque essenziale che venga sviluppata una specifica attenzione clinica in grado di supportare gli interventi nazionali e regionali nella prevenzione e nella cura del disturbo da gioco d’azzardo.

Esiste, peraltro, un “obbligo” a carico di alcuni operatori (solo quelli del settore degli apparecchi da gioco) di sviluppare sotto l’egida dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli un’intensa attività di comunicazione, prevenzione, formazione, che ha visto impegnate nel 2017 numerosi soggetti pubblici e privati tra i quali l’Istituto Superiore di Sanità e alcune tra le principali Università italiane.

Sarebbe opportuno che questo impegno venisse esteso a tutti i soggetti imprenditoriali operanti nell’intera area del gioco legale e che, soprattutto, si ipotizzasse un concreto progressivo iter di studi e approfondimenti.

In questo senso, l’Eurispes auspica che il programma di attività 2018, al momento in stand-by, sia a avviato al più presto.

Ultime notizie
Politica

Migranti, Arci: «Calpestati i diritti: il Pd ha alzato la palla a Salvini»

Migranti e Decreto Sicurezza: Filippo Miraglia, responsabile per l’immigrazione dell’Arci: «Stiamo calpestando decenni di conquiste della democrazia. Ci vorranno tanti anni per uscirne fuori»
di Corrado Giustiniani
Gioco

Gioco legale in Puglia. Si apre la fase di riflessione

Il 27 ottobre scorso a Bari, l’Eurispes ha presentato il rapporto Gioco legale e dipendenze in Puglia, realizzato nel quadro delle attività...
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
Politica

L’offerta politica nella postmodernità liquida. La visione M5S del grappolo

In uno dei primi passi di quel lento pensiero lungo che è Modernità Liquida, il grande sociologo Zygmunt Bauman afferma: «alcuni degli...
di Alberto Mattiacci
Informazione

Fake news, quando a “barare” era il Vaticano. Lo studio

Fake news e informazione manipolata nella storia della Chiesa. Alessandro Corvisieri compie una vera e propria analisi filologica dei testi di Ludwing Von Pastor scritti alla fine del 1800, su commissione di Papa Leone XIII
di Diego Sambucini
Immigrazione

Immigrazione, centri d’accoglienza “decapitati” dai nuovi bandi

Una scelta improntata esclusivamente al drastico taglio dei fondi, con la conseguenza di determinare un peggioramento delle condizioni di accoglienza per i richiedenti asilo. Il quadro tracciato da In Migrazione nell’analizzare i nuovi bandi di gara
di Marco Omizzolo
Recensioni

Governo Lega-M5S. Miseria e nobiltà dello strumento “contratto”

Lega e M5S legati da un “contratto di Governo”. La politica e il contratto. Nel saggio di Fabrizio Di Marzio, La politica e il contratto, la ricchezza, i limiti, la miseria e la nobiltà dello strumento contrattuale che oggi domina in tutti i campi.
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Democrazia in crisi, Lazar: “Più Balotelli per rinnovare la politica”

Nel processo di ripensamento del capitalismo, abbiamo dimenticato il ruolo dei sindacati e dei corpi intermedi. Il politicolo Marc Lazar ha affrontato il tema inquadrandolo nella difficile partita di un’Europa che si prepara al voto
di Massimiliano Cannata
Europa

Europa e diritto d’autore. Copy (and Paste) right. Con chi stiamo?

Il Parlamento Europeo approva la direttiva “Il diritto d’autore nel mercato unico digitale”. L’approvazione della Direttiva Ue è piombata sul Vecchio Continente come un meteorite: un gran polverone e tutti lì a correre e strillare
di Alberto Mattiacci
Attualità

Eccidio Fosse Ardeatine, ecco il prototipo che ricostruisce le stragi

Un archivio virtuale con documenti inediti, oggetti e reperti sull’eccidio delle Fosse Ardeatine. Si chiama ViBiA la piattaforma che ha permesso di ricostruire nel dettaglio le 48 ore precedenti la strage del 24 marzo 1944
di Diego Sambucini
Informazione

Da “sapiens” a “stupidus”: l’uomo digitale verso la barbarie

L'uomo a rischio autismo digitale, da “sapiens” sta diventando “stupidus”. Lo scrive Vittorino Andreoli, uno dei più noti psichiatri italiani, nel suo ultimo saggio Homo Stupidus Stupidus. "Si va verso la barbarie"
di Massimiliano Cannata