Osservatori

Osservatorio Giochi, Legalità e Patologia di Eurispes: “Allo Stop alla pubblicità segua un’attenzione agli approfondimenti tecnici”

408

L’orientamento del Governo che indica un blocco della comunicazione pubblicitaria nell’area del gioco contenuto nel “Decreto Dignità” sta suscitando clamore.

Il provvedimento riporta l’attenzione verso un settore attraversato, soprattutto negli ultimi mesi, da istanze contraddittorie che producono diversi effetti. Tra questi l’evidente diminuzione del gettito erariale: 2,6 miliardi nel primo quadrimestre 2018 e, in proiezione, 8,5 miliardi su base annua a fronte dei 10,5 miliardi di euro del 2017.

Bene, dunque, che il Governo metta mano al settore. L’Eurispes ipotizza comunque che il blocco della pubblicità nel mondo del gioco subirà diverse attenuazioni, e non solo per rispettare i contratti in essere. In particolare, l’area del gioco online, che tra l’altro è la meno sondata e produce un gettito limitato, “esiste” però solo in quanto comunica pubblicitariamente (spot radiotelevisivi, stampa, web e sponsorizzazioni).

È vero anche che nel momento in cui si avanza sulla strada della limitazione della comunicazione pubblicitaria, risulterebbe ugualmente importante approfondire quella della ricerca, non solo per rispondere ai montanti allarmi sociali che fanno riferimento alla “azzardopatia”, ma anche per fornire al Legislatore ed alle autonomie locali una bussola in grado di orientare in chiave di concreta e organica una riforma un settore che attualmente risulta non governato.

L’Osservatorio Giochi, Legalità e Patologie dell’Eurispes, che ha appena completato un voluminoso studio sull’area del gioco legale, proseguirà il lavoro di ricerca con un’approfondita analisi dell’area dell’illegalità, che rischia di acquisire un nuovo impulso alla luce delle politiche di compressione dell’offerta legale (distanziometro, limitazioni orarie).

Su entrambe le aree –  gioco legale e gioco illegale – risulta comunque essenziale che venga sviluppata una specifica attenzione clinica in grado di supportare gli interventi nazionali e regionali nella prevenzione e nella cura del disturbo da gioco d’azzardo.

Esiste, peraltro, un “obbligo” a carico di alcuni operatori (solo quelli del settore degli apparecchi da gioco) di sviluppare sotto l’egida dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli un’intensa attività di comunicazione, prevenzione, formazione, che ha visto impegnate nel 2017 numerosi soggetti pubblici e privati tra i quali l’Istituto Superiore di Sanità e alcune tra le principali Università italiane.

Sarebbe opportuno che questo impegno venisse esteso a tutti i soggetti imprenditoriali operanti nell’intera area del gioco legale e che, soprattutto, si ipotizzasse un concreto progressivo iter di studi e approfondimenti.

In questo senso, l’Eurispes auspica che il programma di attività 2018, al momento in stand-by, sia a avviato al più presto.

Ultime notizie
Gioco

Il Governo “a senso unico” dei giochi. L’azzardo finanzia il Reddito di cittadinanza con 1,5 mld

"Siamo di fronte ad un governo dei giochi a senso unico: mentre l’obiettivo nobile “da campagna elettorale” è quello di contrastare il disturbo da gioco d’azzardo, il risultato concreto è quello di utilizzare il settore per esigenze di finanza, senza incidere realmente sulla lotta alla ludopatia”.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
Innovazione

Lavoro e nuova “alienazione” ai tempi del web

Il destino del sindacato o, più correttamente, il futuro del lavoro nella digital society: su questi temi interroga il lettore, il saggio di Francesca Re David "Tempi (retro) moderni. Il lavoro nella fabbrica-rete".
di Massimiliano Cannata
Informazione

Gino Falleri “pietra miliare” del giornalismo. “Aveva sempre la parola giusta”. Il ricordo

Gino Falleri era considerato l’Highlander del giornalismo, il paladino dei Pubblicisti, per i quali ha combattuto lunghe battaglie. Il ricordo di Bruno Tucci, Roberto Natale e Gian Maria Fara.
di Valentina Renzopaoli
Recensioni

Era Meglio Prima! Oppure no? Saggio breve contro i piagnucolosi e i brontoloni

Avete due ore di tempo? Che so: un pomeriggio di pioggia; un post-prandiale domenicale; un trasferimento in aereo o treno da riempire....
di Alberto Mattiacci
Politica

Vincoli di bilancio, investimenti al minimo storico ma gli “avanzi disponibili” ammontano a 5,3 mld

Nel 2017 gli investimenti degli Enti locali hanno toccato il minimo storico. Eppure, l'ammontare delle somme potenzialmente spendibili ha raggiunto i 5,3 mld di euro.
di redazione
Informazione

Lutto nel giornalismo. Oggi i funerali di Gino Falleri a Roma

Lutto nel mondo del giornalismo. Si celebrano martedì nella parrocchia di San Mattia, alle ore 15, i funerali di Gino Falleri, storico Vicepresidente dell'Ordine dei Giornalisti del Lazio, socio, fondatore e consigliere dell'Eurispes.
di redazione
Società

Festa del Papà: padri ottimisti, figli spaventati dal futuro. La ricerca

In occasione della Festa del Papà, l’Eurispes ha voluto focalizzare l’attenzione sull’opinione e la situazione degli uomini italiani rispetto ad alcuni aspetti della vita quotidiana.
di redazione
Economia

Politica industriale: la nuova Europa dei players globali secondo il Manifesto franco-tedesco

Francia e Germania, in occasione della presentazione del Manifesto franco-tedesco di politica industriale europea, hanno chiarito le posture dei due Paesi rispetto al futuro della concorrenza intra-Ue.
di Antonio De Chiara
Economia

La Cina è vicina. Belt and Road, la nuova Via della Seta è già realtà

Il Presidente della Repubblica Cinese viene in Italia a perfezionare la nuova Via della Seta, un’iniziativa strategica per il miglioramento dei collegamenti commerciali con i paesi nell’Eurasia. E all’improvviso c'è chi si è ricordato del porto di Palermo e del progetto dell’Eurispes.
di Alfonso Lo Sardo
Ambiente

Ambiente, l’emergenza clima non è una “moda”. I giovani ne sanno più degli adulti

La questione ambientale non è una moda e dopo il Global Climate Strike For Future, la protesta del 15 marzo, nessuno potrà più dire di non sapere. Con un totale di 2083 eventi, in 125 paesi, la protesta ha raggiunto ogni continente della Terra.
di Matteo Bruno Ricozzi