Una recente normativa antimafia può rivoluzionare la lotta alla criminalità organizzata

lotta alle mafie

La lotta alle mafie non può arrestarsi per alcun motivo e anzi deve essere capace di allargare il proprio fronte per evitare il radicarsi del fenomeno criminale e della sua capacità di condizionare l’organizzazione propria della democrazia. Si tratta di un impegno che deve valere soprattutto in una fase delicata come quella attuale, per gli effetti del coronavirus e per la gestione prossima di molti miliardi di euro che serviranno per investimenti strategici in settori in cui le presenze mafiose sono stabili da decenni. Quegli stanziamenti devono essere invece usati per realizzare progetti avanzati, anche infrastrutturali ma in primis di natura sociale, fondamentali per il progresso del Paese. Denaro che non può certo finire nelle società legate alle mafie e ai loro referenti criminali. Per questa ragione è importante accogliere con favore una notizia che molti hanno definito dirompente e finalmente positiva. Una notizia di quelle che fanno immaginare un futuro davvero migliore per tutti. Almeno questo è l’auspicio.

L’Italia è fonte di ispirazione per la legislazione europea sul fronte della lotta alle mafie e al riciclaggio

La notizia riguarda l’entrata in vigore del regolamento Ue 2018/1805 sul riconoscimento reciproco dei provvedimenti di congelamento e confisca. L’Italia, sotto questo profilo, ha fatto scuola e ancora è fonte di ispirazione per la legislazione europea sul fronte della lotta alle mafie e al riciclaggio. Una scuola che deriva da decenni di impegno, analisi, studio da parte di magistrati, forze dell’ordine e istituti di ricerca che non hanno mai mancato di sollecitare politiche, norme, procedure avanzate di contrasto reale ai patrimoni mafiosi.

Un punto a favore della lotta alle mafie

Sotto questo profilo, la direzione centrale Anticrimine del dipartimento di Pubblica sicurezza, guidato da Franco Gabrielli, ha inviato nei giorni scorsi a tutti i questori italiani una circolare stringata ma dalla portata operativa rivoluzionaria. Scrive infatti il prefetto Francesco Messina, direttore centrale: «L’esigenza di contrastare con misure più efficaci e incisive la proiezione internazionale di fenomeni criminali “lucrogenetici” ha determinato un rafforzamento, in ambito europeo, degli strumenti di cooperazione tra gli Stati». Il nuovo regolamento Ue si applica «a tutti i provvedimenti di congelamento e tutti i provvedimenti di confisca emessi nel quadro di un provvedimento penale». Esso comprende sequestri e confische preventive, fondati comunque sulla «pericolosità sociale» dei soggetti colpiti. Un punto a favore dunque della lotta alle mafie, passato sotto silenzio in un dibattito concentrato sulla pandemia e sulla crisi politica in corso nel Paese.

La confisca e il congelamento dei beni da oggi si estende oltre i confini nazionali

Ma di cosa si tratta? In pratica l’autorità «di emissione», ossia il pubblico ministero o il giudice, della confisca o congelamento dei beni può ora inviare il provvedimento a quella di esecuzione situata anche nello Stato estero dove si trova il bene mafioso per applicare ad esso il proprio mandato nonostante la sua residenzialità esterna ai confini nazionali.

I territori e la capacità di resistenza alla criminalità

Sotto questo punto di vista, per la prima volta, l’autorità di esecuzione del provvedimento, anche se appartenente ad un paese estero dell’Ue, deve procedere «senza ritardo», afferma il regolamento dell’Unione, alla sua applicazione per riuscire ad incidere con potenza inusuale sul bene mafioso. Per l’Italia, ricorda il prefetto Messina, «il Ministero della Giustizia è stato designato quale autorità centrale responsabile della trasmissione e ricezione amministrativa dei certificati di congelamento e confisca». I questori dovranno così informare le loro divisioni anticrimimine «in collaborazione con le autorità giudiziarie» non appena ci sarà una «esecuzione in territorio estero di provvedimenti di sequestro e confisca».

Il consolidamento europeo di un pilastro della nostra normativa antimafia 

La portata del nuovo regolamento Ue è significativa. Essa, infatti, introduce per i sequestri e le confische il principio del mutuo riconoscimento tra gli Stati dell’Unione, superando le difficoltà o l’impossibilità di cooperazione antimafia finora giustificate dai diversi modelli di confisca nei paesi membri. Si tratta di un altro passo in avanti nel consolidamento europeo di una legge italiana visionaria e illuminata, la Rognoni-La Torre del 1982, pilastro della nostra normativa antimafia ed orgoglio per tutti coloro che ne conoscono la genesi e l’importanza. La Torre perse la vita per il suo impegno antimafia in una Sicilia governata troppo spesso da un sistema colluso politico-mafioso ma anche capace di esprimere un movimento antimafia che ha saputo scrivere pagine straordinarie, anche se a volte macchiate dal sangue di innocenti.

Criminalità e Covid-19: la mafia nella busta della spesa

La nuova normativa europea coinvolge le procure, compresa quella nazionale Antimafia, i tribunali e le forze dell’ordine, a partire dall’Arma dei Carabinieri, Polizia di Stato e Guardia di Finanza, con la delega di polizia giudiziaria, ma anche gli uffici giudiziari, i questori e la Dia per le misure di prevenzione. Sul piano operativo, si rafforza il collegamento tra questori e direzione Anticrimine e si intensifica il ruolo dello Sca (servizio centrale anticrimine) ricordato nella circolare e con esso aumentano le speranze di vedere presto definitivamente scomparire dal nostro Paese e in Europa ogni mafia e loro interesse patrimoniale. Probabilmente Falcone, Borsellino, Cassarà, Caponnetto, La Torre, Mattarella e molti altri uomini e donne che hanno dato la loro vita per lottare contro le mafie sarebbero oggi felici di questo provvedimento e sicuramente più determinati a contrastare questo fenomeno criminale.

Ultime notizie
Last 20
Diritti umani

Last 20*: sono gli ultimi l’altra faccia del nostro Pianeta

“Last 20, gli Ultimi della Terra”, sono i 20 paesi più poveri al mondo, in contrapposizione a quelli del G20. La distanza tra questi due blocchi è abissale, e cresce di anno in anno, alimentata da crisi internazionali e guerre. Ai Last 20 è dedicato un Comitato e un ciclo di incontri.
di Tonino Perna** e Ugo Melchionda***
Last 20
idrogeno
Italia Domani

Idrogeno verde, alleato della decarbonizzazione dei processi industriali in Ue

In Europa e in Italia, i progetti legati all’idrogeno stanno crescendo in ogni ambito e rappresentano una soluzione per decarbonizzare i processi industriali e i comparti economici in cui la riduzione delle emissioni di carbonio è urgente e allo stesso tempo difficile.
di Claudia Bugno*
idrogeno
scuola paritaria
Scuola

Il contributo della scuola paritaria al sistema nazionale di istruzione: numeri, problemi, possibilità

La scuola paritaria in Italia accoglie 817.413 studenti in 12.096 scuole ogni anno, contribuendo al sistema nazionale di istruzione. Eppure, le scuole paritarie sono ancora escluse da sostanziosi finanziamenti e progetti del Ministero, anche quelli previsti dal PNRR.
di Elena Ugolini
scuola paritaria
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città