Vendette digitali e sicurezza sul web

Il revenge porn è parte di un più ampio fenomeno, quello della pornografia non consensuale che non si esaurisce nelle “vendette di relazione” ma riguarda ogni condivisione e diffusione digitale di immagini di carattere sessuale, senza il consenso della persona ritratta. La definizione revenge porn è infatti riduttiva poiché, molto spesso il fine di colui che agisce non è semplicemente la ritorsione o il risentimento personale. Inoltre, il riferimento al termine “vendetta” può far sottintendere che il destinatario di questa abbia in qualche modo provocato o istigato la stessa con i suoi comportamenti. Ecco perché è più corretto parlare di pornografia non consensuale, ovvero di qualsiasi atto di diffusione di immagini private di una persona senza il suo consenso, al fine di umiliarla e danneggiarne la sua reputazione, ovvero anche per minacciarla o estorcerle denaro. Come evidenziato da una recente ricerca dell’Osservatorio Cybersecurity dell’Eurispes (2019), la maggior parte degli atti di NCP viene compiuta da persone che hanno o hanno avuto un legame affettivo con la vittima e che, non di rado, rifiutando la fine di una relazione, cercano di ledere la dignità dell’ex partner, compromettendone o distruggendone la reputazione.

La pornografia non consensuale rientra nei nuovi fenomeni che nascono con la Rete e camminano insieme alle opportunità che questa offre, rappresentandone però uno dei pericoli maggiori. La semplicità con cui è possibile condividere materiale anche intimo attraverso i moderni mezzi di comunicazione, induce le persone a sottovalutare il rischio che tale contenuto possa essere utilizzato in maniera inappropriata e lesiva, magari proprio da un ex partner o da una persona della quale ci si fida.

Secondo la rilevazione effettuata dall’Eurispes nel 2020 almeno un italiano su dieci conosce qualcuno rimasto vittima di revenge porn. Anche in considerazione della scarsità dei dati disponibili in Italia rispetto a ad un fenomeno così recente, l’Eurispes ha voluto tentare di tracciare i contorni quantitativi del revenge porn.

Il 12,7% degli italiani intervistati conosce qualcuno che è stato/a vittima di revenge porn, mentre il restante 87,3% non è a conoscenza di qualcuno le cui immagini o video intimi siano stati diffusi e veicolati senza consenso. Più spesso a riferire di conoscere vittime di revenge porn sono i giovanissimi under 25 (18-24enni) con il 21% delle indicazioni.

Ad essere maggiormente a conoscenza di questo fenomeno sembrerebbero le donne: tra queste ultime infatti la percentuale di chi riferisce una conoscenza indiretta del fenomeno è superiore di 5,5 punti rispetto al dato maschile (il 15,4% contro il 9,9%).

I risultati suddivisi per area geografica fanno emergere in particolare il dato del Nord-Est dove quasi un cittadino su quattro (23,1%) afferma di conoscere persone che hanno visto condivise online o via cellulare le proprie immagini o video intimi.

Avvalendosi ancora una volta dell’esperienza indiretta di quegli intervistati che hanno denunciato la presenza del fenomeno, è stato chiesto se vi sia stato anche un ricatto nei confronti della vittima. Ne è emerso che nella metà dei casi sono state messe in atto anche formule ricattatorie (47,9%); accanto a questo dato va segnalato un quarto del campione che non sa se vi sia stato un qualche tipo di ricatto (26,1%).

Il fenomeno della pornografia non consensuale è diventato un problema dai grandi risvolti sociali, acuito dalle tristissime vicende umane che, in alcuni casi, si sono concluse tragicamente e che hanno spinto solo di recente il legislatore a riempire il vuoto normativo che ancora caratterizzava la legislazione italiana. La legge n. 69/2019 ha infatti come obiettivo la tutela delle vittime di violenza di genere (in particolare donne e minori), e prevede sia l’inasprimento delle pene per alcuni delitti che l’introduzione di nuove tipologie di reato, tra cui l’articolo 612 ter, una fattispecie ad hoc volta a sanzionare le condotte di cosiddetto revenge porn o, più in generale, di pornografia non consensuale.

 

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili