Webinar e lezioni on line. Le regole per non fare flop

All’inizio del lockdown mi sono reso conto che la maggior parte delle mie attività professionali (lezioni, seminari, convegni, workshop) erano rigorosamente “in presenza”. Prova ne era che in pochi giorni dall’inizio della Fase 1 arrivarono tutte le disdette per i diversi incarichi che avevo (faticosamente) venduto e programmato per il primo semestre 2020.
Fino a quel momento, ero convinto che il trasferimento dei miei lavori sulle piattaforme digitali sarebbe stato impossibile – senza perdere l’80% dell’efficacia – e, anche per questo, ero certo che nessuno mi avrebbe mai potuto obbligare ad abbandonare i vecchi metodi. Anzi, per certi versi mi vantavo di essere del tutto analogico, evitando addirittura di usare proiettore e presentazioni PowerPoint, se non per il minimo indispensabile. Oggi, so che mi sbagliavo. A pochi mesi di distanza dall’inizio della (mia) crisi posso dire di essere riuscito a ripensare, e portare in ambiente digitale, molte attività. E, dopo una serie di prove e progetti per aziende e organizzazioni portati avanti insieme all’EIIS (European Institute for Innovation and Sustainability), sono riuscito anche a ideare format nuovi, basati su alcune regole apprese dopo una serie di errori iniziali.

Le regole possono essere riassunte nelle “4i” (la quinta sarebbe Internet, ma quella la darei per scontata): ingaggio, interazione, intrattenimento e immediatezza.

Ingaggio: il problema principale è convincere le persone a lasciarsi coinvolgere. Quando tra noi e il resto del mondo – siano persone o contenuti – si frappone uno schermo, avviare una relazione è molto meno facile. D’altronde, il significato letterale della parola “schermo” suggerisce proprio un effetto di difesa e separazione tra due soggetti. Pertanto, mentre nell’off line il ritrovarsi insieme, ad ascoltare o discutere attorno ad una qualunque tematica, può essere, di per sé, un buon motivo per accettare un invito – nella consapevolezza che i momenti di vero valore aggiunto saranno comunque il coffee break, la pausa pranzo e le cene istituzionali – nell’on line sono (solo) i contenuti, gli interlocutori e le notizie a creare l’appeal. Quindi, quando si organizza un webinar, un workshop o una semplice riunione on line, sebbene idealmente la platea potrebbe essere amplissima, di fatto non è così facile raccogliere pubblico senza promettere qualche elemento di unicità che ci distingua da tutta la numerosissima concorrenza che, specialmente oggi, affolla i nostri social e le nostre caselle di posta elettronica;

Interazione: nelle situazioni on line è più difficile interagire, non solo per motivi tecnici (connessione, audio, video ecc.), ma anche perché le persone, “schermate” dai loro device, non hanno sempre piacere di uscire allo scoperto. Questa ritrosia può dipendere da diversi fattori, a volte banali – come «non voglio attivare la videocamera per non far vedere la mia casa in disordine, o i miei capelli spettinati» –, altre volte più complessi, perché legati alla naturale timidezza o incapacità di parlare senza avere fisicamente un interlocutore davanti. Questo implica che la progettazione di un qualunque evento deve prevedere momenti ad hoc. Per esempio: instant poll, fasi di domanda e risposta, o materiali da fruire, ex ante, in modo da poter interagire con maggiore consapevolezza;

Intrattenimento: se non c’è un minimo di divertimento le persone si annoiano subito. Anche in questo caso, la versione on line degli eventi formativi o seminariali ha bisogno di molto più investimento in termini di produzione di contenuti, immagini, video, animazioni varie. Di fatto, il confronto non è con le lezioni in aula o i convegni, ma con i talk show televisivi, dove il cambio di prospettiva, di immagine o di interlocutore è continuo. Mi sono reso conto, cronometro alla mano, che in televisione la stessa inquadratura non dura mai più di 20 secondi. Questo vuol dire che noi restiamo incollati allo schermo televisivo non tanto per la qualità dei contenuti ma, soprattutto, per il montaggio che ne viene fatto, il quale determina un effetto ipnotico. Pensare di intrattenere il pubblico portando una tavola rotonda on line, senza ripensarne – da zero – la dinamica, è come sperare di attrarre gli appassionati di teatro promettendo una pièce in tv;

Immediatezza (ma non improvvisazione): la velocità è il quarto driver essenziale delle attività on line. Velocità non solo in termini di regia dell’evento (come detto al punto precedente), ma anche come durata totale dello stesso. Dedicare una mezza giornata, un giorno (talvolta anche più) a un seminario o a un corso “in presenza” in fase pre-Covid non era strano anzi, di fatto, era la norma. Ma quando si è on line le cose cambiano. Per l’esperienza che sto facendo in questi mesi, potrei dire che una lezione non può durare più di mezz’ora, una riunione al massimo un’ora e un vero e proprio workshop – con lavori di gruppo, testimonianze e interazioni varie – 2 ore e mezza. E, di certo, non sono ammessi ritardi né interruzioni di alcun tipo: pena la perdita immediata dei partecipanti.

In definitiva, quindi, la transizione digitale degli eventi formativi e seminariali richiede non tanto nuove competenze tecnologiche ma, soprattutto, un diverso modo di progettare. Ruoli non così essenziali nelle attività “in presenza” – come quello del regista o del moderatore – adesso sono imprescindibili. E, soprattutto, la progettazione minuto per minuto dell’evento, come ormai siamo abituati a fare all’EIIS, è l’unico modo per evitare il rimpianto per gli incontri e le lezioni pre-Covid.

Carlo Alberto Pratesi è docente presso l’Università Roma Tre ed EIIS – European Institute for Innovation and Sustainability

I contributi della Rubrica Diario per il nostro futuro

 

Ultime notizie
piattaforme
Società

L’età delle piattaforme nella società del rischio

Le piattaforme sono oggi il luogo in cui si esercita il vero potere di controllo e di indirizzo, con conseguenze politiche non di poco conto. Il saggio “I poteri privati delle piattaforme e le nuove frontiere della privacy” (ed. Giappichelli), curato dal presidente dell’Authority di settore, Pasquale Stanzione, tematizza, in particolare, il delicato rapporto che oggi sussiste tra evoluzione del diritto e sviluppo tecnologico.
di Massimiliano Cannata
piattaforme
grandi stazioni
Infrastrutture

Infrastrutture italiane tra innovazione e corporativismo: intervista ad Alberto Baldan, AD di Grandi Stazioni Retail

Alberto Baldan, amministratore delegato di Grandi Stazioni Retail, sostiene il ruolo delle infrastrutture ferroviarie per avvicinare le città italiane e modernizzare il trasporto nel Paese in termini di sostenibilità e rigenerazione urbana.
di Angela Abbrescia
grandi stazioni
patrimonio culturale
Criminalità e contrasto

Tecnologie avanzate e collaborazione interforze. TPC dei Carabinieri: un Corpo in difesa del Patrimonio Culturale

Dal 1969 il Comando Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale svolge la sua attività di contrasto al traffico di opere d’arte, primo Corpo speciale al mondo individuato specificamente per tale funzione. Da allora, sono circa 3 milioni le opere recuperate e rientrate legittimamente nel nostro Paese.
di redazione
patrimonio culturale
costo della vita
Economia

Costo della vita e occupazione in discesa nei settori a basso reddito nel post-Covid come effetto della crisi ucraina

Mentre l’economia mondiale, seppur con variazioni significative, si è ripresa rapidamente dopo la pandemia – 57 milioni i posti di lavoro persi...
di redazione
costo della vita
libere per tutte
Immigrazione

Libere per tutte. Storie di donne e del loro coraggio

Libere per tutte. Il coraggio di lottare per sé e per gli altri di Marco Omizzolo (Fondazione Feltrinelli 2022) racconta tre donne diverse ma ugualmente resistenti, descritte in chiave sociologica ma non priva di trasporto, con lo scopo di documentare e denunciare patriarcato, sfruttamento e discriminazione contro le donne.
di Giusy Rosato
libere per tutte
Made in Italy
Economia

Strategie fiscali in difesa del Made in Italy

Made in Italy, un patrimonio da difendere e valorizzare con efficaci strategie fiscali, prima fra tutte l’agevolazione fiscale alle reti di imprese e la valorizzazione del capitale umano. In primo piano anche la lotta alla contraffazione sul piano fiscale per disincentivare la concorrenza sleale.
di Giovambattista Palumbo*
Made in Italy
gentrificazione
Società

Gentrificazione e turismo, quale futuro ci aspetta

Gentrificazione e turismo di massa sono due fenomeni in aumento e interconnessi, generanti profondi cambiamenti nel tessuto urbano e sociale delle città italiane. Per questo motivo andrebbero riconsiderati in relazione a logiche di pianificazione urbana e non di laissez faire.
di Roberta Rega
gentrificazione
flat tax
Economia

Flat tax, questa sconosciuta

La flat tax richiama la questione della corrispettiva copertura finanziaria, nonché della progressione di aliquota. Ma il vero problema in materia fiscale è l’evasione, e la flat tax va vista come una misura mirata in primis a favorire la emersione dei redditi non dichiarati.
di Giovambattista Palumbo*
flat tax
Carmelo Cedrone
Biografia

In ricordo di Carmelo Cedrone

Ci ha lasciato Carmelo Cedrone, scomparso ai primi di settembre; è stato un sincero europeista, autentico sindacalista, promotore e coordinatore del “Laboratorio Europa” per l’Eurispes, fino all’ultimo impegnato a dare il proprio contributo al processo di integrazione europea.
di Marco Ricceri*
Carmelo Cedrone
giustizia tributaria
Economia

Riforma della giustizia tributaria. Contesto, prospettive e criticità

La Giustizia tributaria è finalmente oggetto di una riforma, arrivata alla Camera con la seduta straordinaria del 9 agosto 2022. Uno degli obiettivi della riforma, negoziati nell’ambito del Pnrr, era la riduzione della durata media dei processi in Cassazione.
di Giovambattista Palumbo*
giustizia tributaria