Webinar e lezioni on line. Le regole per non fare flop

All’inizio del lockdown mi sono reso conto che la maggior parte delle mie attività professionali (lezioni, seminari, convegni, workshop) erano rigorosamente “in presenza”. Prova ne era che in pochi giorni dall’inizio della Fase 1 arrivarono tutte le disdette per i diversi incarichi che avevo (faticosamente) venduto e programmato per il primo semestre 2020.
Fino a quel momento, ero convinto che il trasferimento dei miei lavori sulle piattaforme digitali sarebbe stato impossibile – senza perdere l’80% dell’efficacia – e, anche per questo, ero certo che nessuno mi avrebbe mai potuto obbligare ad abbandonare i vecchi metodi. Anzi, per certi versi mi vantavo di essere del tutto analogico, evitando addirittura di usare proiettore e presentazioni PowerPoint, se non per il minimo indispensabile. Oggi, so che mi sbagliavo. A pochi mesi di distanza dall’inizio della (mia) crisi posso dire di essere riuscito a ripensare, e portare in ambiente digitale, molte attività. E, dopo una serie di prove e progetti per aziende e organizzazioni portati avanti insieme all’EIIS (European Institute for Innovation and Sustainability), sono riuscito anche a ideare format nuovi, basati su alcune regole apprese dopo una serie di errori iniziali.

Le regole possono essere riassunte nelle “4i” (la quinta sarebbe Internet, ma quella la darei per scontata): ingaggio, interazione, intrattenimento e immediatezza.

Ingaggio: il problema principale è convincere le persone a lasciarsi coinvolgere. Quando tra noi e il resto del mondo – siano persone o contenuti – si frappone uno schermo, avviare una relazione è molto meno facile. D’altronde, il significato letterale della parola “schermo” suggerisce proprio un effetto di difesa e separazione tra due soggetti. Pertanto, mentre nell’off line il ritrovarsi insieme, ad ascoltare o discutere attorno ad una qualunque tematica, può essere, di per sé, un buon motivo per accettare un invito – nella consapevolezza che i momenti di vero valore aggiunto saranno comunque il coffee break, la pausa pranzo e le cene istituzionali – nell’on line sono (solo) i contenuti, gli interlocutori e le notizie a creare l’appeal. Quindi, quando si organizza un webinar, un workshop o una semplice riunione on line, sebbene idealmente la platea potrebbe essere amplissima, di fatto non è così facile raccogliere pubblico senza promettere qualche elemento di unicità che ci distingua da tutta la numerosissima concorrenza che, specialmente oggi, affolla i nostri social e le nostre caselle di posta elettronica;

Interazione: nelle situazioni on line è più difficile interagire, non solo per motivi tecnici (connessione, audio, video ecc.), ma anche perché le persone, “schermate” dai loro device, non hanno sempre piacere di uscire allo scoperto. Questa ritrosia può dipendere da diversi fattori, a volte banali – come «non voglio attivare la videocamera per non far vedere la mia casa in disordine, o i miei capelli spettinati» –, altre volte più complessi, perché legati alla naturale timidezza o incapacità di parlare senza avere fisicamente un interlocutore davanti. Questo implica che la progettazione di un qualunque evento deve prevedere momenti ad hoc. Per esempio: instant poll, fasi di domanda e risposta, o materiali da fruire, ex ante, in modo da poter interagire con maggiore consapevolezza;

Intrattenimento: se non c’è un minimo di divertimento le persone si annoiano subito. Anche in questo caso, la versione on line degli eventi formativi o seminariali ha bisogno di molto più investimento in termini di produzione di contenuti, immagini, video, animazioni varie. Di fatto, il confronto non è con le lezioni in aula o i convegni, ma con i talk show televisivi, dove il cambio di prospettiva, di immagine o di interlocutore è continuo. Mi sono reso conto, cronometro alla mano, che in televisione la stessa inquadratura non dura mai più di 20 secondi. Questo vuol dire che noi restiamo incollati allo schermo televisivo non tanto per la qualità dei contenuti ma, soprattutto, per il montaggio che ne viene fatto, il quale determina un effetto ipnotico. Pensare di intrattenere il pubblico portando una tavola rotonda on line, senza ripensarne – da zero – la dinamica, è come sperare di attrarre gli appassionati di teatro promettendo una pièce in tv;

Immediatezza (ma non improvvisazione): la velocità è il quarto driver essenziale delle attività on line. Velocità non solo in termini di regia dell’evento (come detto al punto precedente), ma anche come durata totale dello stesso. Dedicare una mezza giornata, un giorno (talvolta anche più) a un seminario o a un corso “in presenza” in fase pre-Covid non era strano anzi, di fatto, era la norma. Ma quando si è on line le cose cambiano. Per l’esperienza che sto facendo in questi mesi, potrei dire che una lezione non può durare più di mezz’ora, una riunione al massimo un’ora e un vero e proprio workshop – con lavori di gruppo, testimonianze e interazioni varie – 2 ore e mezza. E, di certo, non sono ammessi ritardi né interruzioni di alcun tipo: pena la perdita immediata dei partecipanti.

In definitiva, quindi, la transizione digitale degli eventi formativi e seminariali richiede non tanto nuove competenze tecnologiche ma, soprattutto, un diverso modo di progettare. Ruoli non così essenziali nelle attività “in presenza” – come quello del regista o del moderatore – adesso sono imprescindibili. E, soprattutto, la progettazione minuto per minuto dell’evento, come ormai siamo abituati a fare all’EIIS, è l’unico modo per evitare il rimpianto per gli incontri e le lezioni pre-Covid.

Carlo Alberto Pratesi è docente presso l’Università Roma Tre ed EIIS – European Institute for Innovation and Sustainability

I contributi della Rubrica Diario per il nostro futuro

 

Ultime notizie
Cultura

Arte contemporanea: CARIE, la mostra di Stefano Canto alla galleria Materia di Roma

Iniziamo un percorso per conoscere gli artisti contemporanei che trovano spazio all’interno delle gallerie italiane. Cercheremo di capire lo stato dell’arte, gli...
di Alessandra Argentino*
Economia

Assegno unico e quoziente familiare: un bazooka contro la denatalità

Con l’introduzione dell’assegno unico nasce uno strumento unico di sostegno economico, corrisposto a tutte le famiglie con figli a carico. A guadagnare rispetto...
di Giovambattista Palumbo*
tecnologia
Sicurezza

Big data, tecnologia non vuol dire democrazia

La tecnologia è un campo di idee, interessi e valori, spesso divergenti e contrapposti, per questo è oggetto di contesa e può essere manipolata a vantaggio di alcuni, contro altri. Essa non dà garanzie d’essere, per sé sola, “democratica”, richiede che sia governata attraverso regole ispirate al rispetto dei diritti individuali e all’utilità sociale delle scoperte.
di Angelo Perrone *
tecnologia
ArcerolMittal
Attualità

ArcelorMittal, il diritto di parola e di critica negato

L'azienda siderurgica ArcelorMittal licenzia due operai in seguito a dei post non graditi, che commentavano una fiction televisiva. Sebbene il ministro del Lavoro abbia richiesto approfondimenti in merito, il silenzio della stampa ha gettato una luce inquietante sulla vicenda.
di Marco Omizzolo
ArcerolMittal
Cosa vuol dire Mafia?

Amministrare la legalità: il difficile mestiere del Sindaco

Renato Natale, Sindaco di Casal di Principe, ci spiega la quotidianità dell’Amministrare un Comune come quello di Casal di Principe, un luogo di rinascita e di riscatto.
di Sergio Nazzaro
Metafore per l'Italia

Era il 1998*

Il Sud: metafora dell’incompiutezza L’insofferenza del Nord-Est e la sofferenza del Meridione rappresentano i poli di una tra le più profonde e antiche...
di Gian Maria Fara
Senza categoria

It was 1998

The South: a metaphor for incompleteness The intolerance of the North-East and the South's suffering represent the two sides of one of Italy's...
di Gian Maria Fara*
tigrai
Attualità

Il conflitto del Tigrai: una guerra civile e regionale che rischia di estendersi

Secondo Addis Abeba quella in corso in Tigrai non sarebbe neanche una guerra. Si tratterebbe “solo” di un’operazione interna di ordine pubblico. In realtà si tratta di una guerra insieme civile e regionale, che rischia di minacciare gli equilibri dell'intera regione.
di Marco Omizzolo*
tigrai
europa
Europa

Una Conferenza per il futuro dell’Europa

I presidenti del Parlamento Europeo, del Consiglio e della Commissione hanno annunciato l’intenzione di convocare una conferenza per raccogliere pareri e proposte dei cittadini e, in particolare, dei giovani, su come “plasmare il futuro del progetto europeo”.
di Roberto Nigido*
europa
leadership
Intervista

La funzione collettiva della leadership. Videointervista al Generale Fernando Giancotti, Presidente del CASD

La leadership è una funzione dell’azione collettiva, che la orienta sugli scopi comuni; quando essa si interfaccia con problemi e con sistemi molto complessi e rapidamente mutanti, deve avere una capacità di visione strategica, secondo il Generale di Squadra Aerea Fernando Giancotti, intervistato da Emilio Albertario
di emilio albertario
leadership