Webinar e lezioni on line. Le regole per non fare flop

All’inizio del lockdown mi sono reso conto che la maggior parte delle mie attività professionali (lezioni, seminari, convegni, workshop) erano rigorosamente “in presenza”. Prova ne era che in pochi giorni dall’inizio della Fase 1 arrivarono tutte le disdette per i diversi incarichi che avevo (faticosamente) venduto e programmato per il primo semestre 2020.
Fino a quel momento, ero convinto che il trasferimento dei miei lavori sulle piattaforme digitali sarebbe stato impossibile – senza perdere l’80% dell’efficacia – e, anche per questo, ero certo che nessuno mi avrebbe mai potuto obbligare ad abbandonare i vecchi metodi. Anzi, per certi versi mi vantavo di essere del tutto analogico, evitando addirittura di usare proiettore e presentazioni PowerPoint, se non per il minimo indispensabile. Oggi, so che mi sbagliavo. A pochi mesi di distanza dall’inizio della (mia) crisi posso dire di essere riuscito a ripensare, e portare in ambiente digitale, molte attività. E, dopo una serie di prove e progetti per aziende e organizzazioni portati avanti insieme all’EIIS (European Institute for Innovation and Sustainability), sono riuscito anche a ideare format nuovi, basati su alcune regole apprese dopo una serie di errori iniziali.

Le regole possono essere riassunte nelle “4i” (la quinta sarebbe Internet, ma quella la darei per scontata): ingaggio, interazione, intrattenimento e immediatezza.

Ingaggio: il problema principale è convincere le persone a lasciarsi coinvolgere. Quando tra noi e il resto del mondo – siano persone o contenuti – si frappone uno schermo, avviare una relazione è molto meno facile. D’altronde, il significato letterale della parola “schermo” suggerisce proprio un effetto di difesa e separazione tra due soggetti. Pertanto, mentre nell’off line il ritrovarsi insieme, ad ascoltare o discutere attorno ad una qualunque tematica, può essere, di per sé, un buon motivo per accettare un invito – nella consapevolezza che i momenti di vero valore aggiunto saranno comunque il coffee break, la pausa pranzo e le cene istituzionali – nell’on line sono (solo) i contenuti, gli interlocutori e le notizie a creare l’appeal. Quindi, quando si organizza un webinar, un workshop o una semplice riunione on line, sebbene idealmente la platea potrebbe essere amplissima, di fatto non è così facile raccogliere pubblico senza promettere qualche elemento di unicità che ci distingua da tutta la numerosissima concorrenza che, specialmente oggi, affolla i nostri social e le nostre caselle di posta elettronica;

Interazione: nelle situazioni on line è più difficile interagire, non solo per motivi tecnici (connessione, audio, video ecc.), ma anche perché le persone, “schermate” dai loro device, non hanno sempre piacere di uscire allo scoperto. Questa ritrosia può dipendere da diversi fattori, a volte banali – come «non voglio attivare la videocamera per non far vedere la mia casa in disordine, o i miei capelli spettinati» –, altre volte più complessi, perché legati alla naturale timidezza o incapacità di parlare senza avere fisicamente un interlocutore davanti. Questo implica che la progettazione di un qualunque evento deve prevedere momenti ad hoc. Per esempio: instant poll, fasi di domanda e risposta, o materiali da fruire, ex ante, in modo da poter interagire con maggiore consapevolezza;

Intrattenimento: se non c’è un minimo di divertimento le persone si annoiano subito. Anche in questo caso, la versione on line degli eventi formativi o seminariali ha bisogno di molto più investimento in termini di produzione di contenuti, immagini, video, animazioni varie. Di fatto, il confronto non è con le lezioni in aula o i convegni, ma con i talk show televisivi, dove il cambio di prospettiva, di immagine o di interlocutore è continuo. Mi sono reso conto, cronometro alla mano, che in televisione la stessa inquadratura non dura mai più di 20 secondi. Questo vuol dire che noi restiamo incollati allo schermo televisivo non tanto per la qualità dei contenuti ma, soprattutto, per il montaggio che ne viene fatto, il quale determina un effetto ipnotico. Pensare di intrattenere il pubblico portando una tavola rotonda on line, senza ripensarne – da zero – la dinamica, è come sperare di attrarre gli appassionati di teatro promettendo una pièce in tv;

Immediatezza (ma non improvvisazione): la velocità è il quarto driver essenziale delle attività on line. Velocità non solo in termini di regia dell’evento (come detto al punto precedente), ma anche come durata totale dello stesso. Dedicare una mezza giornata, un giorno (talvolta anche più) a un seminario o a un corso “in presenza” in fase pre-Covid non era strano anzi, di fatto, era la norma. Ma quando si è on line le cose cambiano. Per l’esperienza che sto facendo in questi mesi, potrei dire che una lezione non può durare più di mezz’ora, una riunione al massimo un’ora e un vero e proprio workshop – con lavori di gruppo, testimonianze e interazioni varie – 2 ore e mezza. E, di certo, non sono ammessi ritardi né interruzioni di alcun tipo: pena la perdita immediata dei partecipanti.

In definitiva, quindi, la transizione digitale degli eventi formativi e seminariali richiede non tanto nuove competenze tecnologiche ma, soprattutto, un diverso modo di progettare. Ruoli non così essenziali nelle attività “in presenza” – come quello del regista o del moderatore – adesso sono imprescindibili. E, soprattutto, la progettazione minuto per minuto dell’evento, come ormai siamo abituati a fare all’EIIS, è l’unico modo per evitare il rimpianto per gli incontri e le lezioni pre-Covid.

Carlo Alberto Pratesi è docente presso l’Università Roma Tre ed EIIS – European Institute for Innovation and Sustainability

I contributi della Rubrica Diario per il nostro futuro

 

Ultime notizie
moda fashion
Economia

L’industria della moda tra fast fashion e moda etica

Nei primi nove mesi del 2020 le maggiori aziende del fashion hanno subìto una significativa contrazione. Le stime indicano che la ripresa inizierà nel corso del 2021, ma l’assestamento del volume d’affari sulle cifre precedenti alla crisi si avrà soltanto nel 2023. Intanto, l’industria della moda è in bilico tra il fast fashion usa-e-getta e nuovi modelli produttivi ecosostenibili.
di redazione
moda fashion
oceani plastica
Ambiente

Riuso e riciclo possono salvare gli oceani dalla plastica

È possibile prevenire quasi la metà della plastica presente negli oceani in un anno riutilizzando il 10% dei nostri rifiuti in plastica. Questo, e molto altro, è presente nel report "The Future of Reusable Consumption Models" del World Economic Forum in collaborazione con Kearney.
di redazione
oceani plastica
trasporto ferroviario
Europa

Green Deal, fondamentale una strategia comune sul trasporto ferroviario

Il trasporto ferroviario è un punto fondamentale per la transizione ecologica e il raggiungimento degli obiettivi del Green deal europeo. Basti pensare che il settore trasporti genera un quarto delle emissioni di gas serra nell'Ue. Per questo il 2021 è l'Anno Europeo delle Ferrovie, e l'Italia ha destinato all'ammodernamento della rete ferroviaria 28,30 miliardi euro di risorse del PNRR.
di Giampaolo Basoli*
trasporto ferroviario
libro
Cultura

Città del libro, anche in editoria la filiera deve essere etica e sostenibile

I recenti scioperi di Stradella, la "città del libro", sono il sintomo di una distribuzione editoriale centralizzata e inserita in logiche che non favoriscono i lavoratori della logistica. C'è bisogno, come in agricoltura, di una filiera etica e sostenibile anche per i libri, oltre a una discussione seria sui diritti dei lavoratori della logistica.
di Roberta Rega
libro
salute mentale
Salute

Salute mentale e pandemia nel mercato della psiche

In Italia si consumano circa 12 milioni di confezioni di antipsicotici l’anno. Dal Rapporto Italia 2021 emerge che Il 20% degli italiani ha sperimentato i sintomi della depressione nel corso della pandemia e il 27% si è rivolto a uno psicologo. Eppure, la salute mentale è ancora un tabù anche per il Sistema sanitario nazionale.
di redazione
salute mentale
calcio
Italia

Europei, il calcio come modello di un Paese che vuole ripartire

Il trionfo degli Azzurri agli Europei contro un'Inghilterra troppo sicura di sé è la vittoria di un calcio come progetto e gioco di squadra, da coltivare con dedizione e impegno. La squadra voluta da Mancini, fatta di innovazione e giovani talenti, è simbolo di un Paese che vuole ripartire.
di Alfonso Lo Sardo
calcio
prison
Cosa vuol dire Mafia?

“A prison is a place of transit” says magistrate Sebastiano Ardita

The magistrate Sebastiano Ardita talks about the theme of prison in Italy, in the main national debate after Santa Maria Capua Vetere's facts. Why is the management of approximately 54,000 inmates in a nation of 65 million inhabitants so problematic? Interview by Sergio Nazzaro.
di Sergio Nazzaro
prison
carcere
Cosa vuol dire Mafia?

Il carcere deve essere un transito verso il reinserimento: intervista a Sebastiano Ardita

Le carceri rappresentano un argomento delicato nel nostro Paese, sebbene si tratti di gestire circa 54.000 detenuti in una nazione di 65 milioni di abitanti. Il Magistrato Sebastiano Ardita affronta il tema del reinserimento, dei diritti costituzionali dei detenuti e le criticità dei luoghi detentivi in un'intervista di Sergio Nazzaro.
di Sergio Nazzaro
carcere
tecnologia adolescenti
Rapporto Italia

La biologia delle relazioni: uso e abuso della tecnologia negli adolescenti

La natura dinamica e continua delle interazioni tramite social network comporta disturbi ampiamente associati agli adolescenti e ai giovani adulti. A fasce di età diverse corrisponderebbero disturbi più o meno specifici. Nei bambini il problema principale è lo sviluppo cognitivo e comportamentale, mentre negli adolescenti e nei giovani adulti ansia e depressione.
di redazione
tecnologia adolescenti
morin
Cultura

Buon compleanno, Edgar! I cento anni di Morin, filosofo della complessità

L'otto luglio compie cento anni Edgar Morin, l'ultimo ad entrare nella hall of fame dei grandi pensatori centenari. Morin è filosofo della complessità, dell'universo-ologramma secondo cui la società è presente in ogni uomo, e della "terrestrità".
di Giuseppe Pulina
morin