25 aprile 2022, il ritorno della paura

25 aprile 2022

25 aprile 2022 ancora si lotta per la libertà

Quest’anno il 25 aprile non è solo una ricorrenza che si presti a celebrazioni di rito. I momenti importanti della propria Storia per la verità non dovrebbero mai esporsi al rischio della retorica dei discorsi commemorativi.

Certi avvenimenti, specie se tragici e sanguinosi, sono sempre di monito per un popolo affinché non abbiano a ripetersi, quale che siano la lontananza temporale o l’evolversi degli avvenimenti successivi. Su tutti e in primo luogo, si colloca il momento centrale della nostra vita pubblica, la lotta di liberazione che portò alla sconfitta del fascismo e al ritorno alla libertà.

Ma accade che la distanza temporale, la sopravvenienza di altri eventi magari drammatici, come per esempio la pandemia, attenuino l’intensità del ricordo, lo rendano meno pressante. Il legame dei singoli con il passato tende inevitabilmente a sfilacciarsi, se cambiano le condizioni emotive e politiche che in qualche modo lo nutrono e sorreggono.

Torna il ricordo del passato

Oggi però il 25 aprile è reso drammatico dall’aggressione russa verso l’Ucraina perché si manifesta una correlazione inquietante tra la fase storica di 77 anni fa e quanto accade alle porte di casa in Europa. Non a caso si torna a parlare di “resistenza” per descrivere la lotta degli ucraini contro gli invasori. E spicca l’analogia tra le popolazioni di allora e quelle di oggi, entrambe vittime delle mire espansioniste ed oppressive delle dittature.

C’è una sovrapposizione di situazioni che riporta indietro l’orologio della Storia e nello stesso tempo ci proietta in un mondo di paure e angosce, quelle che le generazioni precedenti hanno provato sulla loro pelle, e che noi credevamo superate per sempre. Purtroppo non è così, e il mondo è davvero nuovamente in pericolo.

La pace non è più sicura

La tragedia che si consuma in Ucraina fa risuonare dentro di noi preoccupazioni antiche e persino ancestrali, che, nella speranza della rinascita e soprattutto nei decenni pace, apparivano ormai definitivamente accantonate. L’allarme risuona forte, la minaccia atomica prospettata da Putin con leggerezza sconsiderata, fa crollare le sicurezze coltivate in questo tempo, ci chiediamo cosa ci aspetti e non scorgiamo nulla di rassicurante.

Le immagini che ci giungono dal campo di battaglia ritraggono un’umanità offesa e oltraggiata, nella carne e nell’animo. Uomini, donne, bambini, che hanno perso la dignità, il luogo della memoria, la vita stessa.

Le paure che avvertiamo riguardano la sfera pubblica, la condizione di cittadini di un’Europa che scorgiamo fragile ed esposta ai venti più pericolosi. Ma è dentro ciascuno di noi che qualcosa si è rotto, riportandoci singolarmente indietro nel tempo, a quando abbiamo provato le nostre prime paure.

È come se si fosse verificato uno stordimento emotivo che ha messo in subbuglio tutto, facendo risuonare in noi condizioni di incertezza e ansia mai sopite veramente. Preoccupazioni e sgomenti che sempre ci hanno attraversato. Ricordiamo ancora le paure dell’infanzia. Sono emerse subito nella nostra vita e ci hanno accompagnato in tanti momenti dell’esistenza, diventando a volte una costante.

Non sempre sono state superate. L’incubo infantile che ancora ritorna nei sogni è per molti ritrovarsi da soli nella folla, senza la mano della mamma: a cui si aggiunge il terrore di non ritrovarla più, nonostante gli sforzi, e di rimanere senza i genitori ad affrontare le difficoltà.

Una nuova sensazione di smarrimento

La sensazione di smarrimento sarebbe diventata l’inquietudine di perdere i propri cari, di lasciare andare l’affetto che ci aveva consolato e sorretto così a lungo, un sentimento che è passato dall’infanzia all’età adulta. Certo è un momento che si presenta per chiunque ma che vorremmo allontanare il più possibile.

Tenere a bada il distacco e il trauma conseguente diventa il pensiero ricorrente con la crescita e l’età adulta, quando si manifestano le malattie e la vecchiaia, e davvero quell’istante inesorabile infine accade. Cerchiamo di farcene una ragione e vogliamo esorcizzare le paure. Attiviamo il sistema difensivo per sopravvivere e non farci travolgere. Magari pensiamo che possano essere utili, in fondo servono a renderci più forti, a prepararci a sostenere i pesi, persino ci scopriamo meglio attrezzati per attraversare i guadi pericolosi.

Non c’è stato solo il particolare ad allarmarci e renderci fragili. Più in generale abbiamo avvertito il pericolo che il mondo andasse alla deriva, ciascuno ha convissuto con le sensazioni che lo allarmavano di più. Anche scenari catastrofici: cambiamenti climatici, stravolgimenti sociali. Potrebbero trionfare l’egoismo e l’indifferenza, potremmo noi trovarci in un contesto indifferente e ostile.

Recuperare la forza di resistere al sopruso

Il mondo capovolto di oggi ha sovvertito la fiducia di risorgere a nuova vita dalle ceneri della seconda guerra globale, facendoci ripiombare in quell’incubo di paure che ci aveva angosciato per lungo tempo.

Eppure la Storia è stata riscritta quando si è diffusa l’esortazione che ha sorpreso il mondo: «Non abbiate paura». È curioso che oggi, tra i tanti preoccupati per sé stessi e titubanti sul da farsi, pochi ripetano quelle parole di speranza contro ogni speranza, le uniche capaci di smuovere e sovvertire il mondo senza usare la forza.

Eppure è proprio questo di cui oggi avremmo un terribile bisogno, la non-paura, la forza autentica di ogni «resistenza» al sopruso, alla brutalità, all’inganno. La stessa di 77 anni fa, la medesima di oggi in Ucraina. Non è saccenteria, né avventatezza, solo la serena coscienza di stare al proprio posto.

 

Leggi anche

 

Ultime notizie
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra
25 aprile 2022
Società

25 aprile 2022, il ritorno della paura

La memoria della riconquista della libertà, avvenuta con la liberazione del 1945, si sovrappone alle immagini della tragedia ucraina che, a distanza di 77 anni, si consuma per le stesse ragioni di allora, i soprusi delle dittature. La “resistenza” in ogni epoca trae forza dal coraggio di vincere le paure.
di Angelo Perrone
25 aprile 2022
dispersione scolastica
Scuola

Dipersione scolastica e Dad: il fenomeno nelle scuole della Sardegna

Dispersione scolastica e DaD, quanto sono collegati questi due aspetti nel sistema scolastico costretto a modificare la propria organizzazione a causa della...
di redazione
dispersione scolastica