Intelligenza Artificiale e Naturale, la sfida alla scuola e all’Università

Intelligenza Artificiale (AI): chi è anche solo un po’ informato sulla questione ha chiara una cosa: l’AI è (non sarà, è già) una delle invenzioni più impattanti di sempre sull’Uomo. Avete presente l’elettricità? La penicillina? La ruota? Ecco. Così come la vita cambiò quando l’Uomo iniziò a coltivare la terra, come fu stravolta (in meglio) dalla Rivoluzione Industriale, così accadrà con l’AI. Il concetto è tanto importante (e vero) che vorrei ribadirlo da un’altra prospettiva: l’Uomo di domani guarderà alle nostre vite esattamente come noi guardiamo a quelle del Medioevo. 

Il dibattito sull’impatto che l’AI avrà sulla vita umana è imperniato su una predominante emotiva negativa: la paura

Il dibattito sull’impatto che l’AI avrà (probabilmente) sulla vita umana è intensissimo. A me pare che sia imperniato su una predominante emotiva negativa: la paura. Se, infatti, si passano in rassegna le dichiarazioni e i pensieri dell’élite contemporanea – scienziati, informatici, top manager, qualche politico (qualcuno ma pochi: i più non sembrano essere consapevoli del tema) – la varietà delle posizioni va dal grigio scuro al profondo nero. Sembra che la discussione non riesca ad uscire da un continuum negativo che parte da posizioni apocalittiche per arrivare ad altre “solo” seriamente preoccupate. Esempio del primo tipo è il parallelismo che alcuni tracciano fra il deep learning e le armi nucleari, in quanto a impatto potenziale sull’esistenza umana; esempio del secondo è l’opinione del Future of Humanity Institute di Oxford, che urla (nel deserto?) per richiamare l’attenzione sui rischi enormi insiti in questa famiglia di tecnologie. Intendiamoci: non è assente, in nessuno, la consapevolezza che l’AI sia potenzialmente foriera di grandi utilità ma il riflettore, ad oggi, non pare essere puntato lì. Sta fisso sulle paure umane che nascono di fronte a qualcosa che umano non è ma che dell’umano possiede la caratteristica qualificante (l’intelligenza), esplosa però a un rango sovrumano e privo di inibizioni etiche. 
Ora, il punto che vorrei fissare qui non è se abbia senso o meno avere paura dell’AI. Credo infatti che sia un tema poco rilevante: in primis perché l’AI c’è e ci sarà, sempre e sempre di più; secondo poi, perché per definizione la mente umana teme l’incognito e qui siamo, per larghi tratti, in quel territorio lì. Penso, insomma, che l’AI sia come la vecchiaia: arriva, arriva per tutti e a tutti cambia la vita. Inutile temerla, meglio darsi da fare per viverla al meglio. Il resto è rumore di fondo. Il tema della paura, infondo, mi pare abbia una sola soluzione possibile: trovare e rapidamente, il modo di regolare l’AI – come le armi nucleari, insomma – e questo non sarà semplice.

Solo il 7% degli over 16 italiani è capace di comprendere pienamente un testo che legge

Il punto che invece qui vorrei sollevare è che vale la pena di capire come noi umani possiamo attrezzarci per questa partita, soprattutto se si è giovani, in età scolare/universitaria e, in generale, ancora impegnati in percorsi di apprendimento. Insomma, la questione vale in particolare per quelli “con tutta la vita davanti”. Il riflettore deve puntare allora sul sistema educativo per una semplice ragione: attrezzarsi a un mondo con l’AI significa dotare la mente di strumenti concettuali adeguati e nuovi (perché l’AI è roba nuova), e questo va fatto nella fase biologica in cui essa è maggiormente plastica ed elastica. Insomma, tocca studiare (da giovani). Qui vengono fuori i guai. La nostra scuola, infatti, è stata finora particolarmente brillante nel raggiungere un risultato da record europeo: rendere odioso lo studio agli italiani. Navigando infatti fra i risultati Invalsi e altre analisi, si arriva stimare che solo il 7% degli over 16 italiani sia capace di comprendere pienamente un testo che legge. I test che si fanno nelle scuole superiori – parliamo dunque di ragazze e ragazzi che si dedicano allo studio da almeno otto/dieci anni della loro breve vita – dicono che solo uno su due raggiunge il livello base in italiano (unica lingua conosciuta, peraltro). I dati dicono che un maturando su due (cioè gente che studia da dodici anni) non possiede le basi minime in matematica.

Aver fatto detestare lo studio a generazioni di italiani rende il Paese vulnerabile di fronte alla rivoluzione in corso

Insomma, la nostra scuola è stata efficacissima nel produrre generazioni di persone la cui mente è incapace di gestire un pensiero logico complesso: mancano le parole (i mattoni del pensiero) e l’abitudine a metterle assieme in modo articolato (la capacità logica). Aver fatto detestare lo studio a generazioni di italiani – non solo ai giovani di oggi ma anche ai loro genitori quando erano giovani e, temo, ai loro nonni – rende il Paese passivo e vulnerabilissimo di fronte alla rivoluzione in corso. Si dirà che il problema della scuola italiana è complesso – ed è vero. Ma qui si tratta di trovare una linea di pensiero laterale, forse discontinua rispetto a quella che ispira le cosiddette “riforme”, perché la sfida che l’AI sta portando al mestiere di chi forma le menti è di una qualità e magnitudine probabilmente inedite.

Il sistema scolastico di fronte all’AI ha bisogno di altre soluzioni più innovative

Così ragionando, viene da chiedersi se una parte del problema non risieda nel profondo, ovvero nella visione che sottende i metodi didattici. I metodi didattici sono i modi con cui si realizza, in concreto, la crescita mentale delle persone. Mi limito a proporre, in proposito, due casi utili ad esemplificare ciò cui mi riferisco. Entrambi sono espressione di una visione che credo inadatta a generare menti adatte al futuro: il primo concerne il concetto di studio e la distribuzione dell’apprendimento fra casa e scuola; il secondo, manifesta quella mentalità vetero-poliziesca che ancora pervade le nostre aule. Il primo caso: un recente articolo di Repubblica (27 marzo 2023) rileva che: «in quarta elementare le maestre italiane ai propri alunni danno esercizi 3,3 volte superiori a quelli che affrontano i loro coetanei francesi e superiori del 50% di quelli con cui si devono confrontare settimanalmente i bambini spagnoli e finlandesi». Riflessione: considerare le menti come otri da riempire non sembra essere una buona idea. Il secondo caso: in un’epoca in cui l’AI Generativa è universalmente accessibile – con ChatGpt o Bard, per fare solo due esempi – molti Dipartimenti universitari spendono soldi per acquistare software antiplagio (cioè per scoprire se i laureandi copino tesi già fatte o altri testi). Riflessione: se uno scoglio non può arginare il mare, forse dovremmo smettere di comprare scogli e trovare altre soluzioni più innovative. Concluderei con una domanda: nell’era dell’AI possiamo essere soddisfatti di un sistema scolastico capace di produrre negli italiani un’Intelligenza Naturale modesta e con la testa rivolta all’indietro (se non, peggio, sotto il terreno)?

*Alberto Mattiacci, Presidente del Comitato Scientifico dell’Eurispes. ordinario di economia all’Università Sapienza di Roma.

Ultime notizie
Relazione DIA
Criminalità e contrasto

Relazione Semestrale DIA, la mafia si insinua anche grazie ai traffici di droga e di armi

La Relazione DIA relativa al primo semestre 2023 è stata resa nota questa mattina. Le mafie emergono come fenomeni sempre più mutevoli che cambiano forme e modalità di azione, adattandosi ai contesti socio-economici. Il traffico di droga resta la fonte maggiore di profitto per i clan, mentre si rileva la presenza di un traffico di armi, anche da guerra.
di redazione
Relazione DIA
economia africana
Mondo

Come va l’economia africana? La realtà del Continente al di là dei macro-dati

L’economia del Continente africano crescerà tra il 3,8% e il 4% nel 2024 e sarà la seconda economia a livello mondiale dopo quella asiatica, ma i dati reali, non meramente legati a fattori economici, descrivono una realtà più incerta e mutevole, determinata dai conflitti, dall’instabilità politica e da disastri naturali ed eventi climatici, come la siccità.
di Emanuele ODDI*
economia africana
rimesse economiche
Immigrazione

L’importanza sociale delle rimesse economiche dei migranti

Le rimesse economiche dei migranti rappresentano una risorsa per il paese d’origine che le riceve, oltre a un diritto e un mezzo di emancipazione di molte famiglie dalla povertà. Ma allo stesso tempo, queste possono creare squilibri nel tessuto sociale: una ricchezza, dunque, che andrebbe guidata da progetti di investimento strutturati.
di Marco Omizzolo*
rimesse economiche
Intervista

Neuroscienze della narrazione, lo storytelling nell’era dell’Intelligenza artificiale

“Neuroscienze della narrazione” è il saggio di Marco La Rosa, pubblicato da Hoepli, che analizza presente e futuro dello storytelling nell’era dell’IA. Oltre al rischio di un eccessivo appiattimento dei contenuti, come già accade per le immagini generate da IA, La Rosa allerta sulla condizione dell’“uomo di vetro”, ovvero privato della sua riservatezza.
di Massimiliano Cannata
migrazione e asilo
Europa

Nuovo Patto europeo su migrazione e asilo, manca un vero equilibrio tra responsabilità e solidarietà

Il nuovo Patto europeo su migrazione e asilo ha generato notevoli perplessità sul fronte dei diritti umani e della solidarietà tra Stati Ue, in particolare sul trattamento dei minori e sulla possibilità data agli Stati membri di rifiutarsi di ospitare i richiedenti asilo in cambio di un contributo finanziario alla gestione dei processi di rimpatrio.
di Ugo Melchionda*
migrazione e asilo
violenza di genere
Società

Giovani e violenza di genere. I dati della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Violenza di genere, un report del Servizio Analisi Criminale delle Forze di Polizia analizza il fenomeno in una ottica generazionale. I delitti in àmbito affettivo e familiare sono in calo, ma troppo spesso riguardano vittime e autori con meno di 34 anni, con prevalenza di giovani adulti. Il 76% delle donne vittime di violenze sessuali ha meno di 34 anni.
di redazione
violenza di genere
competenze digitali
Lavoro

Competenze digitali e nuove priorità nel mondo del lavoro, l’appuntamento Adnkronos Q&A

Attrarre nuovi talenti, valorizzare la formazione specifica e investire sulle persone: questi i temi al centro del nuovo appuntamento Adnkronos Q&A, con focus su parità e gender gap
di redazione
competenze digitali
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati dell’Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang