Intelligenza Artificiale e mondo postumano

intelligenza artificiale

Tra le questioni del nostro tempo diventate rapidamente di interesse planetario c’è oggi il tema, segnato da paure e più o meno entusiastiche aspettative, dell’intelligenza artificiale. Nel confronto tra chi si dichiara convintamente favorevole al suo più largo utilizzo e chi ne teme, invece, anche la più “innocua” applicazione spunta non di rado l’atteggiamento – anche questo sintesi di angosce e poco titubanti entusiasmi – di chi vorrebbe moderarne, e tuttavia consentirne, l’uso per scongiurare la trasformazione dell’uomo in qualcosa che, si sente dire, di umano avrebbe sempre meno. Di IA si parla molto e sempre più, e anche chi non può dirsi esperto riconosce facilmente che la questione abbonda di aspetti controversi. Uno di questi – oggetto delle brevi riflessioni che seguiranno – è il nesso che sembra legare il mondo dell’IA al progetto transumanista o postumano oggi non più liquidabile come una suggestiva prospettiva avveniristica. Ne siamo convinti, perché la cultura e il pensiero postumani non possono essere più considerati fenomeni trascurabili o “mode” dettate dalla fisiologicità del progresso tecnologico. Il fatto che si sia iniziato a parlarne in un dato modo e con un certo ritardo potrebbe aver risposto al proposito di contenerne la diffusione per disinnescare l’urgenza delle questioni che vengono poste. Un’urgenza che sa sempre più di improcrastinabilità.

Intelligenza artificiale e progetto postumano

Il tema dell’IA è parte del progetto postumano, ma non è detto che ne costituisca l’estrema e ultima finalizzazione. Dovrebbe, semmai, essere funzionale all’esito del progetto e alla capacità di governarne gli effetti. Detto con altre parole, l’intelligenza artificiale, raffinato artificio dell’ingegno umano, sarà lo strumento con il quale, secondo il progetto postumano, si compirà la perfetta emancipazione dell’uomo dal suo stato di naturale vulnerabilità: dolore, malattia, morte. Con il progetto postumano, si metterebbe mano a un ripensamento del senso e delle prospettive dell’evoluzione dell’uomo, «a partire dall’intricato reticolo di un essere bio-tecnologico, in cui le distinzioni ontologiche tra naturale e artificiale tendono ormai a confondersi».[1] Una confusione che secondo i critici del postumano culminerebbe nell’annullamento di qualsiasi differenza tra il corpo e la macchina in cui il primo andrebbe progressivamente a identificarsi. Se mai sarà così (Francis Fukuyama è, ad esempio, tra quanti se ne dicono convinti e preoccupati), se mai davvero si giungerà a un esito così drastico non è dato saperlo. La principale riserva potrebbe però riguardare la capacità di intervenire sui processi in corso, perché quello che tanta filosofia, da Heidegger a Galimberti e Anders, ci ha insegnato è che scienza e tecnica seguono traiettorie solo apparentemente parallele.[2] Questa “suggestione” filosofica è diventata un sentire piuttosto comune, come ha in recenti occasioni dimostrato lo scetticismo con il quale anche l’uomo della strada valuta le posizioni della comunità scientifica. Può essere che sotto la genericità di certi sospetti e di determinate critiche covi l’accusa, rivolta a scienziati e politici, di non sapere più controllare e contrastare il dominio della tecnica? Chiaro è che la domanda, non solo perché così posta, ha in sé qualcosa di prevedibilmente retorico.

Una futura umanità tecnologicamente modificata

Alle perplessità dell’uomo comune fanno eco le certezze dei postumanisti. Tra questi, Nick Bostrom, il teorico della Super Intelligenza, secondo il quale chi ostacola il progetto postumano o vede in esso un attacco alla dignità dell’uomo agirebbe come un bioconservatore. Poco male, verrebbe da dire, visto che sotto la stessa etichetta il bioconservatore di turno si troverebbe in compagnia di Rifkin e Fukuyama e di chi, per farla breve, non crede che la macchina possa o debba diventare una tappa evolutiva dell’avventura umana sul pianeta. Eppure, nel prendere le difese del postumano, Bostrom sostiene di promuovere «un’etica più inclusiva e umana, che consente di abbracciare sia una futura umanità tecnologicamente modificata che gli esseri umani del tipo a noi contemporaneo».[3] 

Un futuro sempre più tech e cyborg

Una transizione accelerata verso la comparsa di una “futura umanità tecnologicamente modificata” potrebbe trovare una risorsa formidabile nel ricorso sempre più frequente e diversificato all’Intelligenza Artificiale. Se, come afferma Tiziano Tosolini, «La soluzione transumanista e postumana è quella di liberare la volontà dalle costrizioni imposteci dalla nostra finitudine mediante la creazione di nuovi supporti prostetici»,[4] tra questi, e tra i più ingegnosi, bisognerà includere anche l’Intelligenza Artificiale, macchina pensante, sviluppo sintetico e tecnologicizzato della res cogitans di cartesiana memoria, mente sempre più simile a un dispositivo elettronico, come certe correnti della psicologia contemporanea ci hanno abituato a concepirla. Perché possano coincidere, una delle due forme di intelligenza (l’umana o l’artificiale) dovrebbe annullare l’altra. Lo fa pensare uno dei più radicali sostenitori del postumano, Hans Moravec, che auspica un futuro in cui l’intelligenza umana verrà trasfusa in un macchinario adatto a contenerla, preservarla e renderla immortale, Trasferire la mente dal corpo in cui ha sempre vissuto in una confortevole suppellettile tecnologica fa pensare a certe scene da cartone animato – Futurama, ad esempio –  in cui i cervelli di uomini famosi (attori di Hollywood o presidenti) venivano conservati, con le loro teste, in una salamoia pneumatica dentro una sfera di vetro. È solo una boutade, una profezia da futurologo che lavora troppo di fantasia? In realtà, un progetto di questo tipo esiste. «Il progetto di cui Moravec parla è denominato mind uploading, cioè “trasferimento della mente” che, rimossa dal cervello, è trasferita in una macchina. Moravec ritiene che gli individui uploaded, trasformandosi in informazione pura, che ha nel computer la sua sede privilegiata, si predispongano a nuove forme di esistenza».[5]

Intelligenza Artificiale, sospesi tra la narrazione del virtuale e la simulazione del reale

Dell’uomo, del suo essere mente e corpo, materia e spirito, rimarrebbe così poco più di un concentrato di dati, un distillato di quella che una volta era considerata la sua intelligenza e, per molti, la sua vera identità. Inscatolata in un hard disk, non avrà più da temere le prestazioni di cui è capace un’Intelligenza Artificiale. Il discutibile “vantaggio” potrebbe essere quello di pensare l’uomo attraverso la macchina e di far sì che il più grande artificio umano di tutti i tempi possa dirci, ormai sospesi tra la narrazione del virtuale e la simulazione del reale, che cosa siamo realmente diventati.

[1] Massimo Riva, Dignità ed enigmi del post-umano, “Annali d’Italianistica”, vol. 26, 2008, p. 333.
[2] «Quanto più cresce la potenza operativa resa possibile dalle nuove tecnologie, tanto più aumenta il gap tra la loro messa in opera e la difficoltà di immaginarne le conseguenze, che in alcuni casi possono essere irreversibili. Non si tratta di accettare o rifiutare la tecnica, dal momento che è parte del nostro mondo e della nostra stessa natura; essa va però monitorata con attenzione, per valutare in modo critico la portata di tali innovazioni, contrastando il crescente scollamento tra scienza e tecnica, intendendo la prima come modalità conoscitiva e la seconda come mera operatività» (Giovanni Cucci, Postumano e transumano. L’antropologia del futuro?, “La Civiltà Cattolica”, 16 luglio/6 agosto 2022, p. 145).
[3] Cfr. http://nickbostrom.com/ethics/dignity.html
[4] Tiziano Tosolini, L’uomo oltre l’uomo. Per una critica teologica a Transumanesimo e Post-umano, EDB, Bologna 2015, p. 115.
[5] Franca Pinto Minerva, Intelligenza artificiale e post-umano. Pedagogia e utopia, “Rivista di Scienze dell’educazione”, anno LIX, n. 1, gennaio-aprile 2021, p. 59.

Leggi anche

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento