Metaverso, che cosa ne pensano gli italiani

metaverso

Fra criticità e opportunità, il mondo del Metaverso sta andando rapidamente avanti e sembra essere ormai una realtà con cui l’umanità sarà destinata a convivere, superando le fantasie di sceneggiatori e scrittori di racconti di fantascienza che in passato hanno provato ad immaginare il futuro in uno scenario fatto di mondi virtuali. Ma quanto ne sanno gli italiani di questo mondo che si muove all’interno delle nuove tecnologie della comunicazione? Che cosa ne pensano e quali sensazioni evoca in loro? L’Eurispes ha cercato di dare risposta a queste domande sondando l’opinione dei cittadini.

Metaverso, questo sconosciuto. L’indagine dell’Eurispes

Dall’indagine condotta dall’Eurispes emerge che la maggior parte degli italiani non ha mai sentito parlare del Metaverso (56,7%); anche fra chi ne aveva già sentito parlare, il 22,1% non sa bene cosa sia. Solo il 21,2% degli intervistati afferma di sapere di cosa si tratta.

Come prevedibile, la dimestichezza con il Metaverso diminuisce con l’aumentare dell’età: ne ha quanto meno sentito parlare il 64,9% dei 18-24enni, il 57,2% dei 25-34enni e il 56,2% dei 35-44enni, dopo i 45 anni la maggior parte del campione non ne ha mai sentito parlare (58,8%, 45-64 anni e 75,4%, 65 anni e oltre). Questa tendenza è confermata anche dalle risposte di chi ne ha sentito parlare che, nelle prime tre fasce d’età, afferma prevalentemente di sapere anche di cosa si tratta: fra i 18 e i 24 anni, il 37% sa cosa sia e il 27,9% non sa bene cosa sia; fra i 25 e i 34 anni il 30,3% sì e il 26,9% no; fra 35 e 44 anni il 33,6% sì e il 22,6% no. Dai 45 anni in poi la situazione si ribalta: chi ha già sentito il termine Metaverso, è per lo più all’oscuro di cosa si tratti (22,9% dei 45-64enni e 16,4% dei 65enni e oltre), chi sa cosa sia il Metaverso, infine, scende al 18,3% fra i 45-64enni e si limita all’8,3% dopo i 64 anni. Anche il titolo di studio influisce positivamente sulla conoscenza dell’universo virtuale e i laureati sono i più informati: solo il 39,5% non lo ha mai sentito nominare e il 60,4% ne ha sentito parlare pur non sapendo definirlo, il 33,6% sa di cosa si tratta.

A che cosa fa pensare il Metaverso?

A chi ha risposto di non sapere cosa sia il Metaverso è stato chiesto di indicare a quale fra le alternative proposte, tale temine facesse pensare. Un’ampia fetta del campione pensa al digitale in generale (36%), il 23% alla fantascienza, l’8,3% agli smatphone di nuova generazione; al 6,5% vengono in mente le criptovalute, al 3,8% la medicina sperimentale, al 2% il terrorismo internazionale e allo 0,8% la criminalità organizzata.

Tutte le fasce d’età associano il Metaverso prevalentemente al mondo digitale in generale: 42,3% fra coloro che hanno 25 e 34 anni di età; 37,9% fra 45 e 64 anni; 33,8% 35-44 anni; 32,2% 65 anni e oltre; infine, 30,4% 18-24 anni.

La fantascienza viene richiamata soprattutto dai 35-44enni (27%), mentre convince meno la fascia d’età immediatamente precedente (16,9%), nelle restanti fasce indica questa opzione ‒ in media ‒ il 24% degli intervistati. I giovani fra i 18 e i 24 anni fanno registrare le percentuali più alte fra quanti, parlando di Metaverso, pensano alla medicina sperimentale (8,7%), alle missioni spaziali (8,7%) e al terrorismo internazionale (4,3%); l’associazione con gli smartphone di nuova generazione coinvolge soprattutto gli over 64 (12,6%), mentre convince pochissimo i 35-44enni (1,4%) che sono invece la categoria che indica più delle altre le criptovalute (10,8%).

A pensare alla criminalità organizzata è solo l’1,4% dei 25-34enni e l’1,2% dei 45-64enni, in tutte le altre fasce d’età nessuno sceglie questa opzione.

Metaverso, quali sensazioni suscita questo nuovo mondo?

A quanti hanno affermato di sapere cosa sia il Metaverso, è stato chiesto quale sensazione susciti in loro questo universo digitale parallelo. Il sentimento più condiviso è la curiosità (27,4%), seguono l’indifferenza (21,9%) e, con poco distacco, la preoccupazione (20,5%). Il 9,5% si dichiara entusiasmato da questo mondo, mentre l’8,8% prova una sensazione di smarrimento; il 3% guarda a questa innovazione con speranza e solo l’1,6% ne ha paura; al 7,3% dei rispondenti evoca altre sensazioni diverse da quelle proposte.

Dai 18 ai 44 anni prevale la curiosità (34,4%, 18-24 anni; 35%, 25-34 anni; 28,2%, 35-44 anni) e, la seconda sensazione in queste tre fasce d’età è l’indifferenza, con la quota più ampia fra i 35 e i 44 anni (26,4%); per i 25-34enni questo sentimento è diffuso quanto la preoccupazione (20% entrambi), e si discosta di poco da quest’ultima anche per i 18-24enni (19,7% “indifferente; 18% “preoccupato”).

Fra i 45 e i 64 anni il sentimento più diffuso è l’indifferenza (23,7%), ma sono poco meno quelli che dichiarano curiosità (22,2%); mentre fra gli over 64 anni è più forte la preoccupazione (29,5%), seguita dalla curiosità (18,2).

Nonostante la preoccupazione, gli ultrasessantaquattrenni sono la categoria a cui il Metaverso suscita più entusiasmo (15,9%), mentre i 45-64enni si sentono più smarriti degli altri dall’idea di un mondo digitale parallelo (12,6%) e ne hanno più spesso paura (3%); in entrambe le opzioni seguono gli over 65 (9,1% e 2,3%). La speranza è un sentimento che coinvolge soprattutto le prime due fasce d’età (5% per i 25-34enni e 4,9% per i 18-24enni); nelle altre fasce d’età si scende dal 3,6% dei 35-44enni allo 0,7% dei 45-64enni.

Leggi anche

Ultime notizie
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento
educazione
Istruzione

Perché l’educazione è la causa delle cause. Per una pedagogia della Nazione

Il tema dell’educazione non è uno tra i tanti. Nella società della conoscenza rappresenta il settore decisivo del progresso e dell’innovazione. Eppure, assistiamo a una metamorfosi antropologica e ad una ibridazione tra virtuale e reale che necessitano di una base culturale fondata su un sistema educativo solido.
di Mario Caligiuri*
educazione
isole
Intervista

La condizione sociale e culturale nelle isole, intervista al Prof. Orazio Licciardello

Le isole come luogo geografico, sociale, economico nell’intervista al prof. Orazio Licciardello, Ordinario di Psicologia Sociale presso l’Università di Catania. Il principio di insularità è preceduto da quello di isolanità, una condizione a sé, un dato di fatto che presuppone da sempre un altrove.
di redazione
isole
scuola
Istruzione

La Scuola è una priorità che va oltre la politica

La Scuola italiana è stata oggetto di riforme di ogni governo avvicendatosi negli ultimi anni, senza riuscire a dare una vera impronta rispetto alla Riforma Gentile. Ma il ruolo della Scuola e della ricerca nel futuro del Paese è cruciale, e deve andare oltre i trend politici del momento.
di Gian Maria Fara*
scuola
nomadi digitali
Lavoro

Nomadi digitali, evoluzione in grado di generare opportunità di crescita

I nomadi digitali non rappresentano solo un cambio nella concezione del lavoro, bensì una opportunità di sviluppo delle zone rurali. Se il lavoro da remoto riguarda già il 36% dei lavoratori autonomi in tutta Europa, l’Italia può diventare méta per smart workers nelle molte aree interne e rurali a rischio spopolamento.
di redazione
nomadi digitali