Caccia, pellicce, circhi e vivisezione: un no deciso anche da chi non accoglie un animale in famiglia

caccia

Ormai fanno parte delle nostre famiglie. Gli animali domestici vivono nelle case di quasi quattro italiani su dieci (37,7%) secondo la rilevazione realizzata dall’Eurispes a metà del 2022, e in molti casi non si tratta di un unico pet. Nella stessa indagine, proprio per approfondire alcuni aspetti legati al rapporto uomo-mondo animale, è stata indagata l’opinione degli italiani su alcuni particolari temi come la caccia, l’uso delle pellicce, gli animali nei circhi e il ricorso alla vivisezione.

Abolire la caccia?

Prolungare la stagione venatoria, permettere l’abbattimento di fauna selvatica che si trovi a stazionare nelle aree urbane: queste sono alcune proposte sulle quali si discute per far fronte alla sempre più sottile linea di confine tra zone antropizzate e presenza di animali selvatici. Non si tratta solo dei più famosi cinghiali che ormai da tempo si sono spinti soprattutto nelle periferie dei centri urbani, ma anche di cervi, orsi o lupi presenti in numero considerato dalle autorità eccedente in alcune aree, anche dedicate alle riserve.

Ma che cosa pensano gli italiani più in generale della pratica venatoria? Nel 2022 solo il 23,9% si dichiara favorevole alla pratica della caccia (i contrari sono il 76,1%), in netta diminuzione rispetto al 2021 quando erano il 36,5%.

Le donne contrarie rappresentano l’81,3%, mentre gli uomini il 71,1%. La categoria che si riconosce politicamente a sinistra è quella che esprime in misura minore il proprio consenso sulla caccia, soltanto nel 15,1% dei casi, mentre tra i sostenitori del centro-destra e della destra tale percentuale cresce in maniera sensibile, fino ad arrivare, rispettivamente, al 31,8% e al 36,3%.

Utilizzo delle pellicce: 8 italiani su 10 è contrario 

La tutela degli animali è un tema che sta particolarmente a cuore agli italiani e si evince anche sull’opinione che essi esprimono rispetto all’utilizzo delle pellicce: ben l’82,1% si dichiara contrario. Un numero molto elevato, l’84,5%, di donne esprime la propria contrarietà sulle pellicce, a fronte del 79,8% degli uomini.

La questione degli animali nei circhi

Gli animali non devono essere utilizzati nei circhi: la pensano così 8 italiani su 10 (80,1%). Anche in questo caso, sono le donne a dichiararsi contrarie con maggiore forza (l’83,6% vs il 76,7% degli uomini).

No deciso alla vivisezione

Nel 2022 la sperimentazione in laboratorio sugli animali, la vivisezione, non risulta accettabile per ben l’82,7% degli italiani: giudizio che si è inasprito rispetto al 2021, quando i contrari erano il 78,9%.

Sono le donne a mostrare una maggiore sensibilità: si dicono contrarie alla vivisezione l’86,8% di esse a fronte del 78,8% degli uomini.  La vivisezione viene in particolare respinta dall’84,4% dei 45-64enni e dall’87,4% degli over 64. I più giovani, invece, si dimostrano essere la categoria più tollerante, per quanto vi sia una ferma condanna. Tra i più giovani il 75,2% dei 18-24enni e il 76,9% dei 25-34enni non ammettono tale pratica. I sostenitori del Movimento 5 Stelle sono, tra tutti, quelli che dimostrano meno attenzione al tema (76,6%).

Leggi anche

Ultime notizie
isole
Intervista

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto pubblico internazionale all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
educazione
Istruzione

Perché l’educazione è la causa delle cause. Per una pedagogia della Nazione

Il tema dell’educazione non è uno tra i tanti. Nella società della conoscenza rappresenta il settore decisivo del progresso e dell’innovazione. Eppure, assistiamo a una metamorfosi antropologica e ad una ibridazione tra virtuale e reale che necessitano di una base culturale fondata su un sistema educativo solido.
di Mario Caligiuri*
educazione
isole
Intervista

La condizione sociale e culturale nelle isole, intervista al Prof. Orazio Licciardello

Le isole come luogo geografico, sociale, economico nell’intervista al prof. Orazio Licciardello, Ordinario di Psicologia Sociale presso l’Università di Catania. Il principio di insularità è preceduto da quello di isolanità, una condizione a sé, un dato di fatto che presuppone da sempre un altrove.
di redazione
isole
scuola
Istruzione

La Scuola è una priorità che va oltre la politica

La Scuola italiana è stata oggetto di riforme di ogni governo avvicendatosi negli ultimi anni, senza riuscire a dare una vera impronta rispetto alla Riforma Gentile. Ma il ruolo della Scuola e della ricerca nel futuro del Paese è cruciale, e deve andare oltre i trend politici del momento.
di Gian Maria Fara*
scuola
nomadi digitali
Lavoro

Nomadi digitali, evoluzione in grado di generare opportunità di crescita

I nomadi digitali non rappresentano solo un cambio nella concezione del lavoro, bensì una opportunità di sviluppo delle zone rurali. Se il lavoro da remoto riguarda già il 36% dei lavoratori autonomi in tutta Europa, l’Italia può diventare méta per smart workers nelle molte aree interne e rurali a rischio spopolamento.
di redazione
nomadi digitali
scuola e università
Sondaggi & Ricerche

Scuola e Università, presentato il Secondo Rapporto dell’Eurispes

Il Secondo Rapporto Eurispes dedicato a Scuola e Università è stato presentato questa mattina. L’indagine evidenzia l’attualità di vecchie questioni irrisolte del nostro sistema scolastico, e individua sfide e obiettivi per il futuro secondo i docenti di scuola primaria, secondaria e delle università.
di redazione
scuola e università
web
Tecnologia

Una Costituzione per Internet per un web sicuro e inclusivo

Bisogna creare le condizioni per redigere una Costituzione per Internet, definendo un contratto sociale a difesa dei diritti dell’uomo nella società digitale. A tal proposito, la tecnologia non può farsi regolamentazione plasmando le nostre vite, sopravanzando la sfera del diritto.
di Massimiliano Cannata
web