Caccia, pellicce, circhi e vivisezione: un no deciso anche da chi non accoglie un animale in famiglia

caccia

Ormai fanno parte delle nostre famiglie. Gli animali domestici vivono nelle case di quasi quattro italiani su dieci (37,7%) secondo la rilevazione realizzata dall’Eurispes a metà del 2022, e in molti casi non si tratta di un unico pet. Nella stessa indagine, proprio per approfondire alcuni aspetti legati al rapporto uomo-mondo animale, è stata indagata l’opinione degli italiani su alcuni particolari temi come la caccia, l’uso delle pellicce, gli animali nei circhi e il ricorso alla vivisezione.

Abolire la caccia?

Prolungare la stagione venatoria, permettere l’abbattimento di fauna selvatica che si trovi a stazionare nelle aree urbane: queste sono alcune proposte sulle quali si discute per far fronte alla sempre più sottile linea di confine tra zone antropizzate e presenza di animali selvatici. Non si tratta solo dei più famosi cinghiali che ormai da tempo si sono spinti soprattutto nelle periferie dei centri urbani, ma anche di cervi, orsi o lupi presenti in numero considerato dalle autorità eccedente in alcune aree, anche dedicate alle riserve.

Ma che cosa pensano gli italiani più in generale della pratica venatoria? Nel 2022 solo il 23,9% si dichiara favorevole alla pratica della caccia (i contrari sono il 76,1%), in netta diminuzione rispetto al 2021 quando erano il 36,5%.

Le donne contrarie rappresentano l’81,3%, mentre gli uomini il 71,1%. La categoria che si riconosce politicamente a sinistra è quella che esprime in misura minore il proprio consenso sulla caccia, soltanto nel 15,1% dei casi, mentre tra i sostenitori del centro-destra e della destra tale percentuale cresce in maniera sensibile, fino ad arrivare, rispettivamente, al 31,8% e al 36,3%.

Utilizzo delle pellicce: 8 italiani su 10 è contrario 

La tutela degli animali è un tema che sta particolarmente a cuore agli italiani e si evince anche sull’opinione che essi esprimono rispetto all’utilizzo delle pellicce: ben l’82,1% si dichiara contrario. Un numero molto elevato, l’84,5%, di donne esprime la propria contrarietà sulle pellicce, a fronte del 79,8% degli uomini.

La questione degli animali nei circhi

Gli animali non devono essere utilizzati nei circhi: la pensano così 8 italiani su 10 (80,1%). Anche in questo caso, sono le donne a dichiararsi contrarie con maggiore forza (l’83,6% vs il 76,7% degli uomini).

No deciso alla vivisezione

Nel 2022 la sperimentazione in laboratorio sugli animali, la vivisezione, non risulta accettabile per ben l’82,7% degli italiani: giudizio che si è inasprito rispetto al 2021, quando i contrari erano il 78,9%.

Sono le donne a mostrare una maggiore sensibilità: si dicono contrarie alla vivisezione l’86,8% di esse a fronte del 78,8% degli uomini.  La vivisezione viene in particolare respinta dall’84,4% dei 45-64enni e dall’87,4% degli over 64. I più giovani, invece, si dimostrano essere la categoria più tollerante, per quanto vi sia una ferma condanna. Tra i più giovani il 75,2% dei 18-24enni e il 76,9% dei 25-34enni non ammettono tale pratica. I sostenitori del Movimento 5 Stelle sono, tra tutti, quelli che dimostrano meno attenzione al tema (76,6%).

Leggi anche

Ultime notizie
nuovo ordine globale
Rapporti

Il nuovo ordine globale, un dibattito aperto sul mondo di oggi

La presentazione del libro “Il nuovo ordine globale” a cura di Marco Ricceri, ospitata presso la sede di Sioi, ha offerto un’opportunità di dibattito sulla geopolitica odierna e sulle organizzazioni multilaterali che la regolano, tra studiosi ed esperti, tra cui l’On. Tremonti, prof. Giovanni Barbieri, prof. Riccardo Sessa.
di redazione
nuovo ordine globale
BRICS
Internazionale

BRICS e Unione europea, alternativi e competitivi: intervista alla prof.ssa Lucia Scaffardi

I BRICS sono al centro dell’intervista alla prof.ssa Lucia Scaffardi e della recente collaborazione tra Università di Parma e Istituto Eurispes, Laboratorio sui BRICS. Nel dialogo con la prof.ssa Scaffardi emergono diversità e parallelismi tra NATO e Unione europea da un lato, e BRICS dall’altro, come blocchi contrapposti nella geopolitica attuale.
di Susanna Fara
BRICS
continuità territoriale
Infrastrutture

La discontinuità territoriale della Sardegna

Continuità territoriale, in Sardegna manca ancora una soluzione definitiva, soprattutto per lo scalo di Alghero disertato dalle compagnie aeree nei bandi proposti dalla Regione. In estate la situazione precaria dei collegamenti è peggiorata dal traffico turistico, mentre la continuità vige solo da e per Milano e Roma.
di giuseppe pulina
continuità territoriale
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, i dati degli ultimi sei mesi della Polizia Criminale

Violenza di genere, i dati del Servizio Analisi Criminale della Polizia Criminale documentano un trend in crescita dal 2021 al 2023, ma i dati degli ultimi sei mesi evidenziano una flessione rispetto allo stesso periodo del 2023, soprattutto per i reati spia e gli omicidi volontari.
di redazione
violenza di genere
work life balance
Parità

Work life balance, c’è ancora un gap di genere da colmare

Il work life balance, ovvero l’equilibrio tra vita privata e professionale, riguarda anche la parità di genere, soprattutto in merito al caregiving, che troppo spesso ancora ricade principalmente sulle donne. Adnkronos evidenzia inoltre che il 66% degli utenti si dichiara insoddisfatto del proprio life work balance, e che questo incide nella scelta dell’impiego.
di redazione
work life balance
mediterraneo
Sostenibilità

Giornata internazionale del Mediterraneo, un ecosistema da difendere da plastica e sfruttamento

La Giornata internazionale del Mediterraneo è stata dedicata al dibattito sul nostro mare, un ecosistema che va difeso dallo sfruttamento intensivo della pesca e dalle plastiche. Un incontro presso la Camera dei Deputati organizzato da Fondazione Aqua ha visto numerosi studiosi esprimersi in merito al fragile equilibrio di questa risorsa fondamentale.
di redazione
mediterraneo
Uricchio ANVUR
Intervista

Antonio Uricchio, Presidente ANVUR: la valutazione come strumento per migliorare la qualità di ricerca e didattica

Antonio Uricchio, Presidente di ANVUR interviene nel merito delle critiche mosse verso una eccessiva burocratizzazione delle Università italiane, affermando la valutazione delle stesse come importante strumento per migliorare la qualità della ricerca e della didattica attraverso la raccolta di dati, documenti e informazioni.
di Mario Caligiuri*
Uricchio ANVUR
Corridoi TEN-T
Infrastrutture

Segnali positivi nella nuova strategia dei corridoi europei dei trasporti TEN-T

Il Parlamento europeo ha approvato il nuovo Regolamento sui Corridoi TEN-T. Il testo ha l’obiettivo di completare alcuni importanti collegamenti, aggiornando il piano europeo per una rete di ferrovie, strade, vie navigabili interne e rotte marittime a corto raggio collegate attraverso porti e terminali in tutta l’Unione.
di Giampaolo Basoli*
Corridoi TEN-T
Intervista

Pierluigi Petrone, Presidente Assoram: sfide globali e nuove competenze del comparto healthcare

Il comparto healthcare oggi si trova ad affrontare nuove sfide che vanno oltre gli anni della pandemia: le mutate esigenze dei consumatori, sempre più vicini all’e-commerce, e gli equilibri internazionali che condizionano logistica e distribuzione. Uno sguardo alle sfide del futuro con il Presidente di Assoram Pierluigi Petrone.
di Susanna Fara
scuola
Istruzione

La Scuola di domani: tecnologie digitali e valorizzazione delle eccellenze

Tecnologie digitali e una gestione oculata dei fondi per valorizzare le eccellenze e la qualità: è questa la prospettiva sulla Scuola italiana individuata da Alessandro Curioni, Docente (Università Cattolica di Milano) e Presidente di DI.GI Academy.
di Massimiliano Cannata
scuola