Cybersecurity e aziende italiane, serve un cambio di paradigma culturale

cybersicurezza e aziende

I dati sono un elemento vitale e imprescindibile per il funzionamento dei sistemi economici e commerciali, rappresentando una risorsa chiave per lo sviluppo delle imprese. La loro tutela è fondamentale, viste le implicazioni reputazionali, economiche e strategiche in caso di incidenti. Non stupisce quindi che oggi, la cybersecurity costituisca un driver importantissimo per la creazione di valore, con volumi di investimenti sempre maggiori, rivolti soprattutto all’adozione di soluzioni legate al cloud computing, all’intelligenza artificiale, all’Internet delle cose e all’analisi dei dati. Ma come affrontano il tema della sicurezza informatica le aziende italiane?

Il numero di aziende che segnala di aver subito almeno una violazione dei dati negli ultimi 12 mesi è in crescita continua

Se da un lato la transizione digitale offre infatti enormi opportunità, anche di ripensamento positivo dei modelli di business, dall’altro aumenta la superficie di attacco per i criminali informatici, incrementando il rischio di azioni negative contro le organizzazioni. Infatti, è in crescita continua il numero di aziende che segnala di aver subito almeno una violazione dei dati negli ultimi dodici mesi, con ricadute spesso gravi. Se in passato la responsabilità di questi aspetti era affidata principalmente ai reparti IT, oggi i vertici sono sempre più coinvolti. Tuttavia, il rischio è che la rapidità dell’evoluzione digitale non consenta di riuscire a tenere il passo. Se vogliamo cogliere appieno i frutti della digitalizzazione, è necessario un cambio di paradigma che sia culturale, prima ancora che tecnico. Nel 2023 la tecnologia pervade ogni ambito dell’azione umana e lo farà sempre di più; quindi, la cybersecurity non dovrebbe essere concepita solo come tutela contro le minacce informatiche, ma anche come un vero e proprio “enabler”, un fattore abilitante per gli obiettivi aziendali, che consenta di esplorare nuove opportunità di business.

Cybersecurity e aziende, è necessario un cambio di paradigma culturale prima ancora che tecnico

Ne consegue l’esigenza di costruire percorsi formativi per le aziende, che guardino sia ai grandi gruppi più strutturati che alla moltitudine di micro, piccole e medie imprese che popolano il nostro tessuto produttivo e spesso non sono pronte ad affrontare queste sfide. A tal proposito, l’Agenzia per la Cybersicurezza nazionale ha dato vita al rapporto Cyber Index Pmi, che ha mostrato come la consapevolezza in materia di sicurezza informatica sia a un buon livello solamente nella metà delle imprese italiane piccole e medie. Sarà dunque fondamentale investire in questo senso per non rimanere indietro. L’educazione tecnica è importante, ma per un cambio di mentalità, il tema deve abbracciare trasversalmente tutti i componenti di un’azienda, in particolare tenendo a mente che il 95% degli incidenti cibernetici avviene a causa di errore umano. Questo nuovo approccio che dovrà permeare i business model delle organizzazioni, a partire dai vertici e dai cda, guardando alla sicurezza informatica non soltanto in chiave emergenziale, ma concentrando le energie su una strategia di lungo termine integrata e flessibile.

*Founder e Managing Director di Futuritaly, strategic advisor con lunga esperienza nel mondo pubblico e industriale.

Leggi anche

Ultime notizie
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang
d-day
Center-news

80 anni fa il D-Day che segnò la fine del nazismo

D-Day, il giorno che segnò la fine del nazismo con lo sbarco in Normandia: il 6 giugno ricorrono gli 80 anni dall’operazione che decise un nuovo corso per la storia. Ma la memoria storica è a rischio, senza la trasmissione generazionale della memoria e con la riduzione a fiction del nostro passato, come spesso avviene nelle serie tv.
di Giuseppe Pulina*
d-day
agricoltura
Agricoltura

Agricoltura, innovare è possibile: intervista a Enrico Dall’Olio, ad di Agribioenergia

In agricoltura, per innovare c’è bisogno di immaginare come vorremmo che fosse il nostro Paese tra 30/50 anni, senza perdere di vista dove siamo e in quale epoca storica, ambientale, economica e culturale viviamo. L’intervista a Enrico Dall’Olio, ad di Agribioenergia.
di Redazione
agricoltura
Criminalità e contrasto

Criminalità minorile e gang giovanili. I dati

Il Report “Criminalità minorile e gang giovanili”, il report realizzato dal Servizio analisi criminale è stato presentato questa mattina a Roma, presso la...
di redazione
Lavoro

La “mobilità circolare” dei giovani nell’area mediterranea

I giovani protagonisti del cambiamento Lo spazio Mediterraneo è un bene comune (“common good”) che appartiene a tutti gli Stati della UE ed...
di Avv. Angelo Caliendo*
Osservatorio sulla PA

Equo compenso o tariffazione?

Se solo il Codice dei Contratti fosse stato promulgato il 1° luglio 2023 (data della sua entrata in vigore) oggi non dovremmo affrontare questa spinosa questione, circa la portata e le modalità applicative della legge n. 49 del 21 aprile 2023 che ha introdotto “l’equo compenso” per i professionisti. Disposizione che di fatto modifica i criteri di aggiudicazione previsti nel Codice degli Appalti, vincolando il prezzo dei servizi professionali, o almeno così sembrerebbe.
di redazione
Intervista

Insularità, PNRR, fondi europei: il caso Sicilia

A più di un anno dall’introduzione nella nostra Costituzioni del principio di Insularità sono corrisposte politiche di sostegno e finanziamento delle attività necessarie a realizzare tale principio? Qual è l’incidenza dei fondi europei sulle attuali politiche di rigenerazione urbana e di sviluppo delle isole? Ne abbiamo parlato con chi ogni giorno deve confrontarsi con la gestione di una realtà complessa come quella della città di Catania: l’ingegner Biagio Bisignani, Direttore URB@MET.
di redazione
corse
Intervista

L’insularità possibile: il caso Corsica. Intervista a Marie-Antoinette Maupertuis, Presidente dell’Assemblea corsa

La Corsica è uno dei modelli europei in merito all’insularità e alle iniziative intraprese per favorire la coesione territoriale e l’autonomia fiscale necessaria per l’economia corsa, dinamica ma gravata da una “crescita depauperante”. Ne parliamo con l’Onorevole Marie-Antoinette Maupertuis, economista e Presidente dell’Assemblea della Corsica.
di Daniela Pappadà
corse