Cybersecurity e cultura del rischio informatico nelle Pmi: servono investimenti, l’Italia spende ancora troppo poco

 “Non basta parlare di cyber security occorre praticarla, investendo prima di tutto in capitale umano e in secondo luogo negli strumenti necessari per proteggere le organizzazioni. L’Italia spende ancora troppo poco per un ambito già strategico, ma che ben presto risulterà decisivo se vogliamo superare la crisi e dare fiato alla crescita”.

Marco Castaldo, consigliere delegato Yoroi, nell’intervista rilasciata alla rivista online dell’Eurispes da una “lettura” della quarta rivoluzione in corso che vede in prima linea le PMI, da sempre spina dorsale della nostra economia, oggi sollecitate ad adeguarsi agli standard della sicurezza cibernetica che nella società del rischio sono strettamente legati allo sviluppo sostenibile e all’evoluzione dei modelli di impresa.    

La centralità della cybersecurity in questa delicata fase di transizione digitale. Quali sono, a suo giudizio, le tecnologie che potranno determinare un cambio di passo nel futuro più immediato?

Partirei da un aspetto essenziale che è emerso dal dibattito. La sottovalutazione del rischio che oggi caratterizza l’atteggiamento delle piccole e medie imprese e le amministrazioni locali. Questa sottovalutazione è paradossale perché si parla tanto di cybersecurity, divenuto un tema alla moda, ma di fatto gli imprenditori non sembrano orientati a investire. L’Italia nell’ambito della sicurezza spende un terzo del Pil rispetto agli americani e la metà di Francia e Germania, questo lo vediamo anche dai dati che ci dicono che l’Italia è uno dei paesi più esposti al mondo.

Come si spiega questo atteggiamento?  

Probabilmente anche se si parla molto di tecnologie e rischi informatici, il nostro cervello è portato a processare soprattutto due tipologie di rischi: il rischio fisico, quello che ci fa percepire un malessere diretto e il rischio economico-patrimoniale, che mette a repentaglio il possesso dei beni materiali. Lo sforzo da compiere ha a che fare con la formazione perché bisogna far comprendere il nesso molto forte che lega cybersecurity e tutela del business, senza una corretta governance della prima componente non si può fare impresa.

È corretto definire l’Intelligenza Artificiale una rivoluzione nella rivoluzione?

Direi di più: la dobbiamo classificare come la quarta rivoluzione industriale dopo quella apportata dal vapore, dall’elettricità e da Internet. Lo è in particolare per le evoluzioni recenti, come i generative large language models – la più nota di tutte è ChatGPT – che stanno cambiando non solo gli asset produttivi, ma anche le dinamiche professionali e relazionali. Siamo di fronte, quando prendiamo in analisi strumenti di questa portata, ad importantissime opportunità di accelerazione della competitività, che comportano, come diretta conseguenza, un’amplificazione dei rischi. Detto in sintesi: si stanno arricchendo i modelli operativi e, nello stesso tempo, evolvono le strategie di attacco del cybercrime.

Si definisce spesso come un “ottuso ottimista”. Yoroi è un’azienda proiettata sui mercati nazionali e internazionali. Qual è la sua percezione?

La definizione di “ottuso ottimista” mi è stata affibbiata da mia moglie. Ha in larga parte ragione perché in genere guardo con fiducia al futuro. In questo caso specifico vorrei mantenere un atteggiamento più equilibrato, perché l’Intelligenza Artificiale credo vada regolata con una cooperazione internazionale, più ampia possibile. Quello che noi mappiamo come rischio, vivendo nel mondo Occidentale in sistemi democratici, quelli occidentali, non coincidono con la visione che si ha nelle autocrazie, della libera circolazione di idee e informazioni nell’agorà virtuale e su Internet. La possibilità di monitorare, manipolare, controllare i cittadini negli Stati “canaglia” è una prassi e un’opportunità, alle nostre latitudini una gravissima invasione della sfera privata e dei diritti fondamentali. Anche se appare dunque difficile ai più immaginare di poter regolare a livello mondiale (cosa che è riuscita con gli armamenti nucleari o con la definizione delle norme che disciplinano la navigazione aerea) l’Intelligenza Artificiale e la cybersecurity, dobbiamo (e qui ritorna l’ottimista n.d.r.) abbiamo l’obbligo di provarci con tutta la determinazione di cui siamo capaci. 

Leggi anche

Ultime notizie
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, i dati degli ultimi sei mesi della Polizia Criminale

Violenza di genere, i dati del Servizio Analisi Criminale della Polizia Criminale documentano un trend in crescita dal 2021 al 2023, ma i dati degli ultimi sei mesi evidenziano una flessione rispetto allo stesso periodo del 2023, soprattutto per i reati spia e gli omicidi volontari.
di redazione
violenza di genere
work life balance
Parità

Work life balance, c’è ancora un gap di genere da colmare

Il work life balance, ovvero l’equilibrio tra vita privata e professionale, riguarda anche la parità di genere, soprattutto in merito al caregiving, che troppo spesso ancora ricade principalmente sulle donne. Adnkronos evidenzia inoltre che il 66% degli utenti si dichiara insoddisfatto del proprio life work balance, e che questo incide nella scelta dell’impiego.
di redazione
work life balance
mediterraneo
Sostenibilità

Giornata internazionale del Mediterraneo, un ecosistema da difendere da plastica e sfruttamento

La Giornata internazionale del Mediterraneo è stata dedicata al dibattito sul nostro mare, un ecosistema che va difeso dallo sfruttamento intensivo della pesca e dalle plastiche. Un incontro presso la Camera dei Deputati organizzato da Fondazione Aqua ha visto numerosi studiosi esprimersi in merito al fragile equilibrio di questa risorsa fondamentale.
di redazione
mediterraneo
Uricchio ANVUR
Intervista

Antonio Uricchio, Presidente ANVUR: la valutazione come strumento per migliorare la qualità di ricerca e didattica

Antonio Uricchio, Presidente di ANVUR interviene nel merito delle critiche mosse verso una eccessiva burocratizzazione delle Università italiane, affermando la valutazione delle stesse come importante strumento per migliorare la qualità della ricerca e della didattica attraverso la raccolta di dati, documenti e informazioni.
di Mario Caligiuri*
Uricchio ANVUR
Corridoi TEN-T
Infrastrutture

Segnali positivi nella nuova strategia dei corridoi europei dei trasporti TEN-T

Il Parlamento europeo ha approvato il nuovo Regolamento sui Corridoi TEN-T. Il testo ha l’obiettivo di completare alcuni importanti collegamenti, aggiornando il piano europeo per una rete di ferrovie, strade, vie navigabili interne e rotte marittime a corto raggio collegate attraverso porti e terminali in tutta l’Unione.
di Giampaolo Basoli*
Corridoi TEN-T
Intervista

Pierluigi Petrone, Presidente Assoram: sfide globali e nuove competenze del comparto healthcare

Il comparto healthcare oggi si trova ad affrontare nuove sfide che vanno oltre gli anni della pandemia: le mutate esigenze dei consumatori, sempre più vicini all’e-commerce, e gli equilibri internazionali che condizionano logistica e distribuzione. Uno sguardo alle sfide del futuro con il Presidente di Assoram Pierluigi Petrone.
di Susanna Fara
scuola
Istruzione

La Scuola di domani: tecnologie digitali e valorizzazione delle eccellenze

Tecnologie digitali e una gestione oculata dei fondi per valorizzare le eccellenze e la qualità: è questa la prospettiva sulla Scuola italiana individuata da Alessandro Curioni, Docente (Università Cattolica di Milano) e Presidente di DI.GI Academy.
di Massimiliano Cannata
scuola
maternità surrogata
Società

Maternità surrogata: italiani contrari, solo dai giovani segnali di apertura

Il 62,9% degli italiani si dichiara oggi contrario alla maternità surrogata, e solo i giovani mostrano segnali di apertura, dal momento che il 58% dei 18-24enni si dichiara favorevole. Ma il tema è complesso e maggiormente avversato dall’opinione pubblica italiana, da Nord a Sud e a dispetto anche del titolo di studio.
di redazione
maternità surrogata
animali
Animali

Vivisezione, caccia, allevamenti intensivi: cresce la sensibilità degli italiani verso il benessere animale

I diritti degli animali contano sempre di più per una maggioranza di italiani: il 76% è contrario alla vivisezione, il 73% agli allevamenti intensivi. I temi etici legati agli animali raccolgono quote consistenti di italiani contrari anche rispetto a vivisezione, caccia, pellicce, uso degli animali nei circhi.
di redazione
animali
corruzione
Internazionale

G7 Anticorruzione, un fenomeno che richiede un’azione globale

Il tema corruzione entra in agenda al G7 con il Gruppo di lavoro anticorruzione, proposto dal nostro Paese per avviare una azione collettiva rispetto a un fenomeno diffuso. Tra i punto fondamentali, l’educazione fin dalla prima età alla cultura della legalità e l’acquisizione di metodi di misurazione della corruzione su basi oggettive.
di Avv. Angelo Caliendo*
corruzione