Fumo tradizionale, prodotti alternativi e riduzione del danno. I dati

Sono stati presentati a Roma il 24 novembre alcuni dei risultati più importanti emersi nelle indagini del 2023 effettuate dall’Eurispes sul tema “Fumo: nuovi prodotti e riduzione del danno. L’evoluzione del fenomeno in Italia”.

Obiettivo delle indagini sondare le abitudini e le opinioni dei fumatori in relazione al fumo, al suo impatto sulla salute, allo sviluppo e diffusione dei prodotti alternativi a quelli tradizionali. Il risultato di questa attività di monitoraggio sono tre rilevazioni distinte: la prima presso i fumatori “tradizionali”, la seconda presso gli utilizzatori di e-cig e, infine, la terza presso i fruitori di tabacco riscaldato. La realizzazione delle indagini è stata possibile anche grazie al contributo di Philip Morris Italia.

«I risultati dei nostri monitoraggi – dichiara il Presidente dell’Eurispes, Gian Maria Fara – continuano a confermare tre aspetti: il primo che vi è un costante aumento di fumatori che dichiarano di non avere alcuna intenzione di smettere di fumare. Il secondo è legato ai prodotti senza combustione, la cui diffusione va di pari passo con una diminuzione delle sigarette tradizionali o con l’abbandono delle stesse. Il terzo aspetto riguarda la mancanza di informazione sui nuovi prodotti lamentata da quanti hanno partecipato negli anni alle indagini campionarie.

Da qui la necessità, nella prospettiva di una più ampia diffusione, di dare indicazioni, che si aggiungono alle regole già individuate dal Legislatore, su come regolamentare alcuni aspetti della comunicazione e della vendita di tali prodotti in modo da coniugare la tutela dei minori e dei non fumatori e il diritto all’informazione. In quest’ottica si inserisce il Codice di autoregolamentazione per la comunicazione e la vendita dei prodotti senza combustione che l’Eurispes ha presentato a giugno del 2022.

Il Codice – spiega il Presidente Fara – è stato elaborato da un Tavolo di lavoro di esperti e giuristi, vi hanno aderito in maniera volontaria alcuni tra i più importanti protagonisti del comparto e resta ancora aperto all’eventuale adesione da parte di altri soggetti interessati. Tra le attività poste in essere con la collaborazione degli Enti sottoscrittori – Philip Morris Italia, Logista, FIT, Anafe e Uniecig – diamo il via, con la conferenza di oggi, ad una campagna di informazione capillare che raggiungerà i punti vendita di tabacco su tutto il territorio.

Il logo del Codice e un QR code di rimando ad una lettura più approfondita dei contenuti del testo saranno apposti infatti in tutte le vetrine di quei negozi che vorranno aderire all’iniziativa. Contiamo in questa prima fase di raggiungere circa 44.000 tabaccai. Diamo il via ad una piccola rivoluzione verso una maggiore consapevolezza degli esercenti e, soprattutto, dei cittadini».

Fumo “tradizionale”: la maggior parte dei fumatori non ha mai provato a smettere

La maggioranza (68,6%) dei fumatori intervistati (1.018 fumatori “tradizionali”) dichiara di non aver mai provato a smettere di fumare.

Ciò che risalta negli anni è la diversificazione dell’offerta che ha cambiato le abitudini dei fumatori: alla sigaretta tradizionale si affiancano in maniera importante prodotti come le sigarette elettroniche e i prodotti a tabacco riscaldato, che negli ultimi 5 anni hanno visto una crescita evidente e costante. Spesso prodotti tradizionali e innovativi vengono utilizzati contemporaneamente, o per diminuire l’uso delle sigarette tradizionali.

L’uso della sigaretta elettronica

Per quanto riguarda i nuovi prodotti, i fumatori di e-cig intervistati (316 su tutto il territorio) hanno conosciuto la sigaretta elettronica soprattutto grazie al passaparola di amici e conoscenti che la usavano già (35,1%) o perché è stata loro regalata (20,9%). Il 18,7% ne è venuto a conoscenza grazie ad articoli e riviste, il 14,6% tramite Internet, l’8,2% tramite le rivendite del prodotto, il 2,5% grazie al consiglio di un operatore sanitario (2,5%).

Si svapa soprattutto usando liquidi senza nicotina (57,3%); in pochi preferiscono, invece, liquidi con nicotina (15,5%), mentre il 27,2% dei rispondenti utilizza entrambi i tipi di liquidi.

Sul ruolo dello Stato rispetto a eventuali prodotti senza combustione ritenuti scientificamente meno dannosi rispetto a quelli tradizionali, l’82% dei rispondenti ritiene che debba essere permesso ai cittadini di essere informati. Il 52,8% ritiene che lo Stato debba promuovere campagne di informazione, il 56,6% sostiene la necessità di incentivi fiscali per tali prodotti, il 55,4% di incentivi regolamentari quali divieti e limitazioni.

Secondo il 62,7% degli interpellati, lo Stato dovrebbe incoraggiare l’utilizzo della sigaretta elettronica tra i fumatori che, altrimenti, continuerebbero a fumare in ogni caso. Del parere contrario il 37,3% del campione.

La diffusione del tabacco riscaldato

L’indagine sul tabacco riscaldato ha invece coinvolto 3.145 utilizzatori. Il primo canale di conoscenza dei prodotti a tabacco riscaldato resta il passaparola di amici, conoscenti, parenti già consumatori (63,7%, in aumento rispetto al 2021, ma ancora in calo rispetto al 2020) e anche i punti vendita che espongono tali prodotti si confermano il secondo mezzo di conoscenza (15,8%, -7,3% dal 2021).

L’adozione dei dispositivi a tabacco riscaldato è riuscita ad avere un impatto positivo sulla riduzione del consumo di sigarette tradizionali. Il 79,5% del campione afferma di aver abbandonato le sigarette tradizionali dopo essere passati ai prodotti senza combustione.

Interrogando il campione su quali comportamenti ritenga giusti che siano adottati dallo Stato nel caso in cui fosse scientificamente provata l’esistenza di prodotti senza combustione meno dannosi rispetto a quelli tradizionali, emerge che secondo il 91,9% lo Stato avrebbe il dovere di promuovere campagne di informazione ed è altrettanto alta la percentuale di quanti vorrebbero una riduzione della tassazione su prodotti certificati come meno dannosi (90,1%). Per il 71,6% sarebbe giusto anche incentivare tali prodotti sottoponendoli a meno divieti e limitazioni rispetto a quelli tradizionali, mentre solo una minoranza preferirebbe un atteggiamento neutrale attraverso l’applicazione delle stesse norme vigenti per i prodotti tradizionali (39,4%).

La netta maggioranza dei rispondenti (85%) si dichiara concorde con il fatto che Stato e Istituzioni sanitarie dovrebbero incoraggiare i fumatori che continuerebbero a fumare prodotti tradizionali a valutare il passaggio al tabacco riscaldato.

 

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento