Il Presidente Luca Zaia all’Eurispes: “Il Covid insegna: più autonomia ai territori”


 

 

A più di mille giorni dal referendum sull’autonomia del Veneto e della Lombardia, il Presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, guarda al futuro del federalismo. Sono molti i temi che vengono affrontati nella videointervista realizzata da Emilio Albertario per il magazine online dell’Eurispes: dal ruolo del Nord come “locomotiva” d’Italia alla annosa questione meridionale; dal dibattito sulla fiscalità di vantaggio e l’autonomia differenziata al Conte 2, senza tralasciare, ovviamente, l’attuale emergenza sanitaria e le misure da mettere in campo per resistere ad una seconda ondata di Covid-19. Come rimettere in asse il Paese?

Presidente Zaia sono trascorsi oltre mille giorni dal referendum sull’autonomia del Veneto e della Lombardia; ritiene possibile affrontare il post-pandemia con l’attuale assetto distributivo delle risorse a disposizione dell’economia nazionale? O ritiene che il federalismo dovrebbe accelerare?

Penso che sia assolutamente in linea con quello che sta accadendo, anzi direi che è fondamentale: abbiamo sperimentato che, a proposito delle circostanze riconducibili al Covid, dare autonomia, dare competenze ai territori ha l’effetto di ridurre le catene decisionali, con il risultato di assicurare più efficienza e dare anche più risposte ai cittadini.

Il dibattito sull’autonomia differenziata ripropone il confronto Nord-Sud e le polemiche sulla questione meridionale. Finora abbiamo visto un Paese fortemente squilibrato: come rimetterlo in asse? Sarebbero sufficienti pochi mesi di fiscalità di vantaggio?

Sono convinto che il Paese si rimette in asse con il senso di responsabilità; l’autonomia non è una sottrazione di potere, ma è un’assunzione di responsabilità. Questa assunzione di responsabilità significa anche avere necessariamente i conti a posto. Da un lato, garantire i livelli essenziali delle prestazioni – perché è giusto che tutti i cittadini da Nord a Sud abbiano la stessa qualità delle prestazionima dall’altro garantire anche quelle che possiamo definire “virtuosità”.

Non è più pensabile che il Sud arretri e viva situazioni discriminanti, ma certamente il Nord appesantito dalla pressione fiscale rischia di vedere messo in discussione il suo ruolo di “locomotiva” dell’economia nazionale. Riuscirà il “partito dei governatori” – come è stato definito – a trovare una sintesi?

Penso che se ci fossilizziamo sulla battaglia Nord contro Sud o Sud contro Nord non ne veniamo più fuori. Bisogna premiare le virtuosità, uscire da questo retaggio culturale nel quale si pensa, fra l’altro a volte in maniera molto sbagliata, che ci siano delle comunità che hanno avuto di meno rispetto ad altre – anche se gli sprechi ci sono – e bisogna fare in modo che quello che è il consenso, la condivisione delle strategie fra governatori conduca anche all’obiettivo di assicurare una perequazione a livello nazionale.  

Gestire la sanità a livello regionale richiede capacità di decisione e coraggio. Tra Governo e Regioni spesso non c’è stato accordo; però, per esempio, sui tamponi a scuola Lei propone una vera rivoluzione organizzativa, crede che passerà?

Passerà sì, anche perché i suggerimenti che propongo alla fine si sono sempre dimostrati in linea con i tempi. Se il mondo intero assume la decisione di usare il tampone rapido, è ovvio che anche l’Italia si dovrà adeguare. Questo adeguamento lo abbiamo avuto grazie alla sperimentazione fatta da noi per primi, prima dei tamponi coreani e poi anche grazie alla richiesta scritta, che abbiamo indirizzato al Governo, di applicare il tampone rapido. All’inizio, si è fatto per i soli turisti che rientravano dalle località turistiche, oggi è un elemento di screening diffuso.

Cosa pensa del dibattito sui fondi del Mes dentro e fuori il Governo. Lei li prenderebbe quei soldi destinati esclusivamente alla sanità? Saranno ad un tasso conveniente?

In questo senso, non sono molto informato, so che bisogna chiedere al Governo se li vuole o non li vuole, essendo, questa, una decisione che spetta al Governo, non a me come governatore o ai colleghi governatori. Se poi si chiede ad un governatore, nella fattispecie me, “se il Governo ti desse i soldi, quota parte del Mes che porta a casa, tu li ricevi?”, la risposta è: “io non ho mai mandato indietro soldi, anzi Roma ce ne deve già tanti, figuratevi se li mando indietro”.

Il Veneto è terra di grande agricoltura, Lei è stato anche Ministro dell’Agricoltura. Di che cosa ha bisogno questo settore vitale per l’economia nazionale, bastano le braccia?

Penso che l’agricoltura sia una delle espressioni più elevate di quello che è il Made in Italy, di quella che è la promozione, l’identità dell’Italia nel mondo. Dall’altro lato, noi paghiamo uno scotto pauroso, perché l’Italian sounding, cioè il prodotto dell’agroalimentare che viene venduto come italiano (e non lo è), vale circa 100 miliardi di euro sul mercato internazionale. Quindi, agricoltura è difesa dei nostri prodotti, difesa dell’identità; inoltre, dobbiamo renderci conto fino in fondo che dietro ogni agricoltore c’è sicurezza alimentare, c’è identità, c’è storia dei territori e sicuramente c’è promozione dei territori.

La tutela dell’ambiente sta a cuore a tutti, governanti e governati. Le aziende del Veneto saranno in grado di intercettare, secondo Lei, le opportunità dell’economia circolare, del riciclo degli scarti, delle nuove tecnologie in grado di fronteggiare i cambiamenti climatici?

Assolutamente, sono convinto che noi siamo geneticamente predisposti all’aspetto della tutela dell’ambiente. C’è sensibilità e c’è cultura per l’ambiente, non è un fattore legato a pochi eletti, ma è una circostanza molto diffusa; non è un caso che il Veneto sia la prima realtà a livello europeo per la raccolta differenziata, fatta in tempi non sospetti. Questo la dice lunga anche sulla percezione che abbiamo dell’ambiente.

Il Presidente Conte ha annunciato, spiazzando anche gli alleati, di voler modificare il Reddito di Cittadinanza e di non voler rifinanziare Quota 100. Recentemente, ha proposto modifiche al “Decreto sicurezza”. In sostanza, il Conte 2 vuol cancellare il Conte 1?

Questo è un fatto di coerenza, al di là dei temi (la partita della Quota 100 e del Decreto sicurezza), è un fatto di coerenza. Non è possibile che nel giro di pochi mesi si vada a rivedere tutto quello che si è deciso. Ma, del resto, siamo abituati a questo; finirà prima o poi.

Ultime notizie
ecuador
Diritti umani

La crisi penitenziaria in Ecuador e la risposta internazionale

Il governo ecuadoriano ha chiesto assistenza tecnica internazionale per fronteggiare un sistema carcerario e penale al collasso. La risposta Ue è arrivata attraverso il programma EL PAcCTO, che fornisce assistenza tecnica allo scopo di rafforzare il sistema penitenziario in Ecuador.
di Giovanni Tartaglia Polcini
ecuador
falcone e borsellino
Criminalità e contrasto

Falcone e Borsellino, l’eredità dei giusti

Nel trentennale delle stragi, lo sguardo è rivolto al futuro non meno che al passato. I tempi complicati che viviamo, per la forte disillusione sulla giustizia, ci interrogano nel profondo: qual è la forza attuale del mito? Quell’esempio di rigore morale e correttezza giuridica riscatta l’istituzione dalle sue mancanze e indica la strada da seguire.
di Angelo Perrone
falcone e borsellino
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra