L'opinione

Il riassetto dei poteri

In un articolo a firma di Luciano Violante, apparso su la Repubblica dell’8 luglio, pag. 28, dal titolo “I giudici e la politica debole”, si legge testualmente: «La magistratura deve esercitare i poteri che la politica le attribuisce per garantire la libertà e i diritti dei cittadini da ogni aggressione e il Parlamento deve definire con chiarezza i confini tra la sovranità della politica e l’indipendenza della giustizia». Questo, secondo l’Autore, sarebbe il modello “sulla carta”; nella pratica invece accade che una politica debole abbia consentito alla magistratura penale di debordare dai propri limiti e attribuirsi compiti incongrui come vigilare sulla moralità di cittadini e Istituzioni, criminalizzare categorie economiche e amministrative e via dicendo, anche attraverso l’uso di comunicazioni giudiziarie che anticipano valutazioni di colpevolezza con danni enormi per la reputazione di cittadini e imprese. In conclusione, «solo il riassetto dei poteri può ricostruire una fase di normalità costituzionale».

Pur nel doveroso rispetto dell’autorevole rappresentante della magistratura prima e della vita politica poi, è necessario, senza timori reverenziali, sottolineare che le tesi esposte nell’articolo si collocano decisamente fuori dal quadro costituzionale.

Non è, infatti, la politica che attribuisce alla magistratura i poteri che essa deve esercitare, ci mancherebbe altro. Non siamo in un paese di democrazia illiberale, ma è la Costituzione che li stabilisce e non sono ammissibili deroghe. Analogamente, non è il Parlamento che deve definire i “confini” tra la sovranità della politica e l’indipendenza della giustizia. La “politica” non può e non deve interferire nei poteri della magistratura e quando lo fa si apre un conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato che spetta alla Corte Costituzionale risolvere. I confini sono quelli edificati dalla Carta costituzionale e sono invalicabili anche per il Parlamento. Né può sostenersi che le Camere potrebbero modificare tali rapporti con la procedura di revisione, regolata dall’art. 138 Cost., visto che l’actio finium regundorum sarebbe a sua volta incostituzionale se venisse a intaccare il principio della separazione dei poteri, che costituisce uno dei pilastri dello stato di diritto.

Che poi la giustizia svolga, in particolari contingenze storiche, azione di supplenza in materia di tutela dei diritti, dell’ambiente, di contrasto alla corruzione, criminalità organizzata e terrorismo, lo fa pur sempre in presenza di ipotesi di reato, in ossequio all’obbligo del pubblico ministero di esercitare l’azione penale (art. 112 Cost). A loro volta, Parlamento e Governo dovrebbero assicurare il buon andamento e l’imparzialità della Pubblica amministrazione, come prescritto dall’art. 97 della Costituzione, attraverso una rigorosa attività di vigilanza e dettando regole di trasparenza ed efficienza, atte a prevenire fenomeni degenerativi di corruzione, spreco delle risorse pubbliche, inefficienze.

L’auspicio di un “riassetto dei poteri” che riassicuri il ritorno alla “normalità costituzionale”, oltre ad assumere oggettivamente un vago tono intimidatorio, risulta generico e come tale rischia di aprire un varco a proposte di riforme costituzionali di tipo autoritario (la Repubblica presidenziale con l’elezione diretta del Capo dello Stato, la stessa riduzione del numero dei parlamentari, la separazione delle carriere tra magistratura inquirente e quella giudicante con sottoposizione della prima al Potere Esecutivo), delle quali non si avverte la necessità. Su argomenti di questa importanza, ogni spostamento dell’equilibrio tra poteri potrebbe avere conseguenze disastrose per le sorti della democrazia. Il popolo italiano, quello cui spetta la sovranità (art. 1 Cost.), ha già pronunciato il suo netto rifiuto sui due progetti di riforme costituzionali, sottoposti a referendum confermativi e questo dovrebbe ammonire chi ancora ritiene di mettere nuovamente mano all’architettura dei poteri disegnata in Costituzione.

Le attuali vicende che hanno interessato magistratura e Csm hanno sicuramente indebolito la credibilità dell’istituzione giudiziaria dando la stura a polemiche pesantissime circa la sua capacità di autogoverno, soprattutto nella selezione dei dirigenti degli uffici, le cui nomine appaiono il risultato di accordi correntizi che coinvolgono anche settori politici; quando invece dovrebbero avvenire secondo criteri ispirati unicamente a meritocrazia e trasparenza.

Luciano Violante segnala ancora “gli effetti criminalizzanti” connessi a comunicazioni giudiziarie teoricamente dirette a tutelare il cittadino. Non è chiaro a quale istituto processuale egli faccia riferimento, visto che nel nuovo Codice di procedura penale di comunicazione giudiziaria non v’è cenno. Esiste invece l’informazione di garanzia (art. 369 C.p.p.) che va inviata all’indagato e alla persona offesa, per posta, in plico chiuso, con raccomandata con ricevuta di ritorno (quindi senza alcuna forma di pubblicità), solo nei casi in cui il pubblico ministero debba compiere atti ai quali i difensori delle parti private hanno diritto di assistere, come l’interrogatorio dell’indiziato, sequestri, perquisizioni, ricognizioni di persone, luoghi e cose. Essa, inoltre, deve tassativamente indicare le norme di legge che si assumono violate, la data e il luogo del fatto, l’invito a nominare un difensore di fiducia. Nessun effetto criminalizzante può dunque temersi da attività di indagine assistite da tassative e così stringenti garanzie difensive, sempre che siano assicurate le esigenze di rispetto del segreto investigativo.

 

Altre opinioni dell'Autore
Futuro

Fake news, molestie, furto di dati: la percezione del rischio su scala mondiale

Tracciare un profilo unico della percezione del rischio dei cittadini e delle imprese a livello mondiale. Questo è quello che hanno tentato di fare uno studio condotto dalla Lloyd’s Register Foundation e il Report Regional Risks for Doing Business del World Economic Forum.
di Roberta Rega
Immigrazione

Dossier Statistico Immigrazione 2020, minori stranieri in Italia: i senza patria

Anticipiamo, alcuni dati e rilievi proposti nel Dossier Statistico Immigrazione 2020, redatto dal Centro Studi e Ricerche Idos, in collaborazione con il Centro Studi Confronti, alla cui presentazione prenderà parte il sociologo dell’Eurispes, Marco Omizzolo.
di redazione
Crescita

PMI italiane e pandemia: un viaggio dal presente al futuro

il contesto della ricerca italiana conferma la sua attualità, grazie alla tradizionale “vivacità” delle micro e piccole imprese, che, più di altre, si confrontano (e si scontrano) con le particolari esigenze di innovazione dettate dalla trasformazione digitale e da un bisogno sempre crescente di flessibilità e resilienza.
di Renato Fontana, Ernesto Dario Calò, Milena Cassella*
International

Italian SMEs facing the global pandemic. A laborious journey from present to future

Italian SMEs facing the global pandemic. A laborious journey from present to future   Renato Fontana, Ernesto Dario Calò, Milena Cassella Sapienza, Università di Roma European Network...
di Renato Fontana, Ernesto Dario Calò, Milena Cassella 
Futuro

Le App: una finestra sulla nostra vita digitale

Se nel 2008 il mercato delle app era praticamente inesistente, negli otto anni successivi esso arriva a valere 1.300 miliardi di dollari, indotto compreso, e nel 2021 l’economia che ruota intorno alle App potrebbe diventare la terza a livello mondiale, con una crescita del 385% rispetto al 2016.
di redazione
Economia

Sugar tax, Italia ancora lontana dall’obiettivo

La Sugar Tax, approvata in Italia con la Legge di Bilancio 2020, sarebbe dovuta partire proprio da ottobre 2020, ma il Governo sembra ora orientato ad un ulteriore slittamento a luglio 2021
di redazione
Cultura

Una ridda di sigle per la scuola italiana

C’è la ddi, la dad, la dip, e se le si conta per bene, le sigle che caratterizzano oggi il mondo della scuola possono costituire tutte insieme l’indice di un corposo dizionario burocratico: se ne contano addirittura più di 500.
di Giuseppe Pulina
Diritti umani

Mandato di arresto europeo ed estradizione: la prima banca dati è emiliana

L'indagine condotta dall’Osservatorio Europa della Camera Penale di Bologna “Franco Bricola”, Fondazione Forense Bolognese ed Eurispes, ha monitorato, per la volta in Italia, i provvedimenti in materia di mandato di arresto europeo ed estradizione.
di redazione
Politica

La democrazia rende insoddisfatti?

Il malcontento verso la classe politica cresce nelle emergenze come il Covid, si diffonde la percezione che non vi siano risposte adeguate ed efficaci. La disaffezione verso la democrazia è tuttavia pericolosa e minaccia di spingerci in direzioni errate o avventurose. Il problema rimane la qualità della partecipazione pubblica e la consapevolezza di contribuire tutti al benessere collettivo.
di Angelo Perrone*
Criminalità e contrasto

Geopolitica, criminalità organizzata e terrorismo: riconoscere le nuove minacce

Il fenomeno mafioso è antico ma va stadiato a scadenze regolari allo stesso modo delle malattie nel campo medico. Gli intervalli sono quelli dettati dalla geopolitica che la storia ci presenta, i cambiamenti geopolitici mondiali comportano come conseguenza l’adeguamento di strutture e organizzazioni preesistenti ai nuovi paradigmi.
di Pasquale Preziosa*