Cultura & Turismo

L’incendio della Biblioteca di Mosca, l’Italia si attiva

33

Il primo febbraio, a Mosca, un grande incendio ha praticamente distrutto una delle più importanti biblioteche statali della Russia, vero e proprio patrimonio universale dell’umanità. Si tratta della biblioteca dell’istituto INION, Istituto per l’informazione scientifica delle scienze sociali dell’Accademia delle Scienze di Russia. Di una raccolta libraria, di manoscritti, documenti e riviste composta da 14 milioni di unità, datati tra il XVI e l’inizio del XX secolo, l’incendio ne ha distrutto completamente una gran parte, danneggiando il resto. Distrutti o seriamente danneggiati sono stati in particolare, il grande patrimonio di 2 milioni di documenti originali (121 mila manoscritti) in lingue antiche – orientali, europee, russo – e le collezioni di 7,5 milioni di riviste, antiche (risalenti ad oltre cento anni fa) e moderne.

Per avere una idea più precisa del valore di questo patrimonio, bisogna ricordare che nella biblioteca si trovavano delle raccolte complete, in molti casi uniche in Russia, dei documenti della Società delle Nazioni, delle organizzazioni internazionali (Nazioni Unite, ILO, UNESCO), i rapporti parlamentari degli Stati Uniti (dal 1789), della Gran Bretagna (dal 1803), dell’Italia (dal 1897) ecc. La biblioteca custodiva anche una delle più grandi collezioni russe di libri in lingue slave.

Fondata nel 1918 e riconosciuta come statale nel 1920, la biblioteca dell’Accademia delle Scienze, come accade per la biblioteca nazionale centrale italiana, riceve le cosiddette copie d’obbligo di ogni pubblicazione edita in Russia in materia di discipline sociali ed umanistiche; inoltre opera come punto di riferimento della rete delle numerose biblioteche degli istituti dell’Accademia diffuse a Mosca e sul territorio nazionale. A livello internazionale, la biblioteca dell’Accademia ha accordi di collaborazione e di scambio di libri con 723 partner diffusi in 112 paesi in tutto il mondo, è iscritta e opera in sinergia con la Federazione internazionale delle associazioni di biblioteche. Di grande qualità, infine, erano i servizi informatici specializzati che rendevano possibile l’accesso di questo patrimonio ad un vasto pubblico, nazionale ed estero.

Eurispes, che dal 2003 ha un ottimo rapporto di collaborazione culturale con l’Accademia delle Scienze di Russia, in particolare con l’Istituto specializzato sulle questioni europee IE-RAS, non poteva rimanere insensibile di fronte a questo disastro che ha colpito, insieme a questo patrimonio universale, anche la sensibilità dei colleghi e del popolo russo. Da qui un appello del presidente Gian Maria Fara che anche a nome del Comitato Scientifico si è rivolto direttamente al Ministro dei Beni e delle Attività Culturali, on. Dario Franceschini, per verificare la possibilità di promuovere, dall’Italia, un’azione di sostegno per il recupero e il restauro di quanto è rimasto. L’Italia, infatti, ha strutture di vera eccellenza in questo settore che hanno dimostrato più volte di saper compiere azioni eccezionali; un esempio per tutti, il restauro dei libri antichi danneggiati dalla alluvione di Firenze del 1966.

A questo appello il Ministro ha risposto immediatamente con una lettera in cui, nell’esprimere al presidente Fara l’apprezzamento per la sensibilità dell’Eurispes in questa occasione, ha confermato di aver avviato subito una verifica con gli organi tecnici del Ministero sulla fattibilità di un progetto di sostegno per il restauro librario e documentale «proprio in considerazione dell’importanza delle opere danneggiate e del significato che esse hanno per la conoscenza dell’uomo». La collaborazione culturale e scientifica tra Italia e Russia in questo settore, auspicata e già avviata dal Ministro, on. Dario Franceschini, potrà senz’altro contribuire – è un commento che viene spontaneo – a dare un segnale di distensione in una contesto internazionale che si sta caricando di tante, antistoriche tensioni.

La costruzione di “ponti”, invece che di “muri” è il contributo che la comunità scientifica internazionale può dare alla convivenza pacifica tra i popoli.

Ultime notizie
Sicurezza

Il senatore Romeo (Lega): «La difesa deve essere legittima sempre»

Legittima difesa: "Se una persona sa che svaligiando una casa la farà sempre franca, non avrà nessun incentivo a smettere di delinquere". Il nostro dibattito sul tema prosegue con l'opinione di Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega al Senato.
di Corrado Giustiniani
Intervista

Casucci (Lega): «Educazione civica sia materia vera, con tanto di voto»

Educazione civica nelle scuole: il dibattito prosegue con l'opinione di Marco Casucci, promotore di una mozione approvata dalla Regione Toscana. "L'educazione civica diventi materia curriculare con tanto di voti".
di Valentina Renzopaoli
Immigrazione

Migrazione, Vacca: “Chiudere i porti non frenerà la Shoah”

Immigrazione: "Chiudere i porti non frenerà la Shoah". Roberto Vacca: Non possiamo pretendere di essere civilizzati, se discutiamo di illegalità e ignoriamo «i diritti inalienabili alla vita, alla libertà e alla ricerca della felicità».
di Roberto Vacca
Intervista

Il Presidente della Camera Penale: “Una follia le armi ai cittadini”

La maggioranza degli italiani, secondo Eurispes, sparerebbe a chi gli entra di notte in casa. «Ma c’è ben più del 40 per cento che non userebbe la pistola. E fa bene: diffondere le armi nel Paese è una pazzia assoluta».
di Corrado Giustiniani
Approfondimenti

Legittima difesa, la Lega pronta a rafforzare la misura. Il dibattito

Il 56,6% degli italiani sparerebbe se sorprendesse di notte intrusi nella propria abitazione: il 38,5% lo farebbe con probabilità, il 17,7% sicuramente. la rivista L'Eurispes.it vuole aprire un dibatto sul tema con interviste e riflessioni che verranno pubblicate nelle prossime settimane.
di redazione
Immigrazione

Accoglienza e mala burocrazia: solo un bando su sei è ben fatto

Migrazione: solo un bando di gara su sei, di quelli relativi alla gestione della prima accoglienza dei migranti, raggiunge la sufficienza. Lo rivela un'indagine realizzata dalla cooperativa In Migrazione. Non mancano però esempi virtuosi
di Marco Omizzolo
Informazione

Michele Mezza: “Automi e algoritmi minacciano il giornalismo”

Giornalismo "automatizzato": i "bot" stanno seriamente mettendo a rischio il mestiere. Il 52% dei contenuti che circolano nell’infosfera già ora non hanno un’origine umana e il 66% dei tweet non proviene da una mente individuale
di Massimiliano Cannata
Ambiente

Sicilia, fai la raccolta differenziata? Avrai sconti al supermercato

Rifiuti, sconti ai supermercati per i cittadini che si impegnano nella raccolta differenziata. La proposta arriva in un disegno di legge, firmato dal Presidente della Regione, Musumeci e dall’assessore ai Rifiuti e all’Energia, Pierobon.
di Alfonso Lo Sardo
Innovazione

La tecnologia divide i giovani: (auto)esclusi ed eredi del merito

Negli ultimi anni il dibattito sul lavoro futuro si è fatto molto intenso. I toni sono divenuti sempre più cupi, di pari...
di Alberto Mattiacci
Osservatori

Osservatorio Giochi, Legalità e Patologia di Eurispes: “Allo Stop alla pubblicità segua un’attenzione agli approfondimenti tecnici”

L’orientamento del Governo che indica un blocco della comunicazione pubblicitaria nell’area del gioco contenuto nel “Decreto Dignità” sta suscitando clamore. Il provvedimento riporta...
di redazione