Recensioni

L’asilo è un diritto, attrezziamoci per poterlo onorare

236

La drammatica vicenda della nave di Medici senza Frontiere “Aquarius” e il Consiglio europeo di fine giugno sulla modifica del Regolamento di Dublino, rendono di straordinaria attualità un saggio appena uscito. Si intitola L’asilo come diritto (Aracne Editrice, 280 pagine, 18 euro), è curato da Marco Omizzolo e si può dire che sia stato scritto a trenta mani, perché sono ben 15 i docenti e ricercatori che hanno prodotto i singoli saggi che lo compongono, oltre a Gianni Ruffini, il direttore generale di Amnesty International Italia, al quale si deve la prefazione.

Poggia su tre solidi pilastri giuridici, il diritto d’asilo, e Marco Omizzolo e Pina Sodano lo ricordano nel loro saggio. Il primo, la nostra Costituzione, entrata in vigore il primo gennaio del 1948, che all’articolo 10 recita testualmente: «Lo straniero, al quale sia impedito nel suo paese l’effettivo esercizio delle libertà democratiche garantite dalla Costituzione italiana, ha diritto d’asilo nel territorio della Repubblica, secondo le condizioni stabilite dalla legge». Il secondo pilastro è rappresentato dalla Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, anche questa del 1948, mentre il terzo dalla Convenzione di Ginevra del 1951 che lo ha specificamente disciplinato.

Queste solide basi debbono darci forza, in un momento in cui tale diritto viene gravemente minacciato. Ed è quanto mai utile, di fronte a una sindrome europea da invasione, ricordare che nessun Paese europeo, e addirittura del Nord del mondo, risulta nella graduatoria dei primi dieci per numero di profughi e richiedenti asilo. In testa c’è infatti la Turchia, con circa 3 milioni, seguita da Pakistan, Libano (primo al mondo in rapporto alla popolazione: un profugo ogni 17 abitanti, 1 milione e 150mila in assoluto), Iran, Etiopia, Giordania, Kenia, Ciad, Uganda, Cina. Dobbiamo attrezzarci meglio in Italia, e fissare regole comuni in Europa, nella consapevolezza che non si tratta di un’emergenza destinata a placarsi, ma di un fenomeno stabile, che ogni anno coinvolge più di 65 milioni di persone al mondo.
I 15 saggi vengono suddivisi in tre sezioni. Nella prima, “Accoglienza e cittadinanza”, vengono forniti dati e offerte spiegazioni su come in generale funzionano le cose in Italia, con strumenti, attori, e obiettivi. Nella seconda parte viene analizzata invece la “seconda accoglienza”, quella più stabile, che si affida al sistema Sprar, coordinato dal Ministero dell’Interno, e al quale aderiscono volontariamente i Comuni. C’è un focus sulla tutela della salute, un secondo sulle donne che chiedono asilo politico, e due saggi sui minori non accompagnati. La terza sezione, infine, è dedicata all’analisi statistica applicata ai flussi migratori, con un’appendice beneaugurante di Mauro Ferrari, sociologo che insegna a Ca’ Foscari e all’Università di Parma, intitolata “Oltre mafia capitale, un altro welfare è possibile”.

9788825511956

Ultime notizie
Sicurezza

Il senatore Romeo (Lega): «La difesa deve essere legittima sempre»

Legittima difesa: "Se una persona sa che svaligiando una casa la farà sempre franca, non avrà nessun incentivo a smettere di delinquere". Il nostro dibattito sul tema prosegue con l'opinione di Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega al Senato.
di Corrado Giustiniani
Intervista

Casucci (Lega): «Educazione civica sia materia vera, con tanto di voto»

Educazione civica nelle scuole: il dibattito prosegue con l'opinione di Marco Casucci, promotore di una mozione approvata dalla Regione Toscana. "L'educazione civica diventi materia curriculare con tanto di voti".
di Valentina Renzopaoli
Immigrazione

Migrazione, Vacca: “Chiudere i porti non frenerà la Shoah”

Immigrazione: "Chiudere i porti non frenerà la Shoah". Roberto Vacca: Non possiamo pretendere di essere civilizzati, se discutiamo di illegalità e ignoriamo «i diritti inalienabili alla vita, alla libertà e alla ricerca della felicità».
di Roberto Vacca
Intervista

Il Presidente della Camera Penale: “Una follia le armi ai cittadini”

La maggioranza degli italiani, secondo Eurispes, sparerebbe a chi gli entra di notte in casa. «Ma c’è ben più del 40 per cento che non userebbe la pistola. E fa bene: diffondere le armi nel Paese è una pazzia assoluta».
di Corrado Giustiniani
Approfondimenti

Legittima difesa, la Lega pronta a rafforzare la misura. Il dibattito

Il 56,6% degli italiani sparerebbe se sorprendesse di notte intrusi nella propria abitazione: il 38,5% lo farebbe con probabilità, il 17,7% sicuramente. la rivista L'Eurispes.it vuole aprire un dibatto sul tema con interviste e riflessioni che verranno pubblicate nelle prossime settimane.
di redazione
Immigrazione

Accoglienza e mala burocrazia: solo un bando su sei è ben fatto

Migrazione: solo un bando di gara su sei, di quelli relativi alla gestione della prima accoglienza dei migranti, raggiunge la sufficienza. Lo rivela un'indagine realizzata dalla cooperativa In Migrazione. Non mancano però esempi virtuosi
di Marco Omizzolo
Informazione

Michele Mezza: “Automi e algoritmi minacciano il giornalismo”

Giornalismo "automatizzato": i "bot" stanno seriamente mettendo a rischio il mestiere. Il 52% dei contenuti che circolano nell’infosfera già ora non hanno un’origine umana e il 66% dei tweet non proviene da una mente individuale
di Massimiliano Cannata
Ambiente

Sicilia, fai la raccolta differenziata? Avrai sconti al supermercato

Rifiuti, sconti ai supermercati per i cittadini che si impegnano nella raccolta differenziata. La proposta arriva in un disegno di legge, firmato dal Presidente della Regione, Musumeci e dall’assessore ai Rifiuti e all’Energia, Pierobon.
di Alfonso Lo Sardo
Innovazione

La tecnologia divide i giovani: (auto)esclusi ed eredi del merito

Negli ultimi anni il dibattito sul lavoro futuro si è fatto molto intenso. I toni sono divenuti sempre più cupi, di pari...
di Alberto Mattiacci
Osservatori

Osservatorio Giochi, Legalità e Patologia di Eurispes: “Allo Stop alla pubblicità segua un’attenzione agli approfondimenti tecnici”

L’orientamento del Governo che indica un blocco della comunicazione pubblicitaria nell’area del gioco contenuto nel “Decreto Dignità” sta suscitando clamore. Il provvedimento riporta...
di redazione