Notice: Undefined offset: 1 in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27

Notice: Trying to get property 'cat_name' of non-object in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27
Osservatorio TG

Le vittime italiane in Libia in pasto agli sciacalli

I Tg di giovedì 3 marzo – Il trauma causato dalla notizia della quasi certa uccisione di due dei quattro tecnici italiani della Bonatti rapiti in Libia nel luglio scorso investe buona parte delle edizioni dei Tg di serata. Le notizie sono frammentarie, ma Tg La7 si può avvalere della presenza a Sabrata dell’inviato di Piazza Pulita che è in grado di offrire i migliori aggiornamenti. I riflessi sulle famiglie delle due vittime abbondano, come è giusto, su tutte le testate e in particolar modo su quelle Mediaset. Ma meno scontato e, certamente, meno giusta è la canea che si è scatenata da parte delle opposizioni, per le quali il dramma reso noto oggi è solo un alibi per attaccare aggressivamente la parte politica avversa ed il governo. Così, dopo qualche minuto di cronaca, ecco comparire (estesamente sui Tg Rai e su La7, sotto tono su Mediaset) le scellerate parole di Salvini che approfitta della situazione per accusare Mattarella e Renzi di avere le mani sporche di sangue. Immaginabili le reazioni degli esponenti Pd. Le comunicazioni del sottosegretario Minniti al Copasir evidenziano che agenti italiani dei servizi sono già in Libia, ed a nostro giudizio c’è da esserne felici, vista la probabile quanto imminente operazione militare internazionale nella quale l’Italia è chiamata a svolgere un ruolo di direzione. Anche in questo caso l’ira del centrodestra per la mancata informazione al Parlamento di un’operazione militare che ancora non c’è rientra nel novero delle polemiche sterili e rappresenta un ulteriore caso di irresponsabilità istituzionale. La pensa come noi Enrico Mentana che, in un avvilito commento da studio, si duole di dichiarazione che nulla hanno a che fare in una fase in cui “Rispetto assoluto dovrebbe essere mostrato quando ci sono in ballo delle vite ed il sistema paese è attaccato. A commento della complessa situazione libica Tg3 intervista in diretta Romano Prodi, che parla della guerra come “estrema ratio” rispetto alla quale l’Italia deve essere sicura di non trovarsi da sola con il cerino in mano. I venti mutevoli della politica portano la destra a “dolersi” dell’eventuale intervento, con Berlusconi che, ripreso da Tg La7 e tg5, lo considera assolutamente negativo dopo che per mesi alcuni esponenti, ed in particolare modo Salvini, avevano accusato Renzi di vigliaccheria, dicendosi pronti ad indossare l’elmetto.

Cambiando argomento ma restando in tema, da segnalare che continua l’attenzione dei Tg alla drammatica situazione ai confini tra Grecia e Macedonia (titoli e servizi per i Tg Rai e Tg5), con Tg La7 che titola sull’attesa per l’imminente vertice europeo.

Il verminaio della politica non si accontenta dello sciacallaggio sulle due vittime italiane in Libia, e si manifesta anche con la polemica del giorno sui verdiniani pronti a partecipare alle primarie del Pd a Roma. Notizia rientrata ma che ha dato da lavorare per ore alle agenzie di stampa e ai siti. Passando alla destra, dopo diversi giorni di pratico silenzio, Tg5 “non ce la fa più” a non parlare della spaccatura per il candidato capitolino, ma se la cava affermando che il caso Roma può rappresentare un’occasione per riunificare e rivitalizzare il centrodestra.

Il decreto mutui che, dopo gli allarmi di ieri, dovrebbe essere riformato concedendo alle banche il pignoramento solo dopo 18 rate non pagate (non più 7) insieme alle presentazioni del nuovo codice degli appalti, completano per tutti le pagine di politica interna.

Mondazzoli è “una importante operazione culturale” per Tg5, mentre l’accordo Repubblica-La Stampa è un vulnus alla libertà d’informazione. In parte concordiamo, ma ci ha fatto effetto vedere sempre su Tg5 e su Tg4 rispettivamente Brunetta e Liguori con addosso i panni dei paladini del pluralismo dell’informazione.

Dopo la maratona “americana”, Mentana è il più attento a seguire le convulsioni in casa repubblicana con l’ingresso in campo di Mitt Romney, ex antagonista di Obama, per scongiurare la vittoria tra i repubblicani del lanciatissimo ma odiatissimo Donald Trump (definito un bullista, misogino e disonesto)

In conclusione segnaliamo il buon approfondimento di Tg2 sul ritorno di molti giovani italiani alla campagna, non per qualche bucolico pic-nic, ma per fare agricoltura d’avanguardia. In studio conferma tutto il ministro Martina.

Ultime notizie
last20
Mondo

Oltre il G20: The Last20, il mondo visto dagli ultimi

The Last20 è l’iniziativa nata per portare in primo piano storie e testimonianze dai paesi collocati agli ultimi posti nel mondo per ricchezza e prestigio, in contrapposizione alla egemonia economica e politica dei Grandi del G20.
di Tonino Perna e Ugo Melchionda
last20
loot box
Economia

Loot box e gacha games: intrattenimento o gioco d’azzardo?

Loot box e gacha games sono due forme di intrattenimento virtuale e di profitto ancora non regolamentate in ambito fiscale. Utilizzate soprattutto dai giovanissimi nei giochi online, determinano una serie di microtransazioni il cui premio, o risultato, è sconosciuto, e dunque possono rientrare nel gioco d’azzardo.
di Giovambattista Palumbo*
loot box
giustizia riparativa
Giustizia

La giustizia che ripara. Nascono anche in Italia le prime città riparative

La giustizia riparativa mira a ricostruire lo strappo che un reato genera all’interno della collettività, mettendo in comunicazione e collaborazione vittima e autore del reato. A tale scopo sono nate anche in Italia delle città-laboratorio, come nel caso di Tempio Pausania, in Sardegna.
di Giuseppe Pulina
giustizia riparativa
ismea
Agricoltura

Proteggere i redditi agricoli da crisi ed eventi climatici: intervista a Camillo Zaccarini Bonelli, ISMEA

Camillo Zaccarini Bonelli, agronomo esperto di fondi comunitari in agricoltura e politica agricola comunitaria, descrive le soluzioni emerse recentemente per la gestione dei rischi in agricoltura, settore sempre più minacciato da eventi climatici estremi e crisi internazionali.
di Andrea Strata
ismea
gioco
Gioco

Giochi: rischio illegalità all’attenzione delle Regioni

Nei dati forniti dal Comitato per la prevenzione e la repressione del gioco illegale, nel periodo 2020-2021 sono state scoperte 250 sale illegali in pochi mesi, chiuse 100 bische e sequestrate 2 mila slot. Serve indagare le cause di un fenomeno in crescita, nonché sottrarre spazi alle attività illegali.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
gioco
pnrr
Economia

Pnrr, raggiunti tutti gli obiettivi del primo semestre 2022

Pnrr, il nostro Paese ha raggiunto tutti i target del primo semestre 2022 stabiliti dalla Commissione Europea: 45 interventi, di cui 15 Riforme e 30 Investimenti. Il Mef ha poi inviato la richiesta di pagamento della relativa tranche alla Commissione per un totale di 21 miliardi di euro.
di Claudia Bugno*
pnrr
algoritmo antievasione
Fisco

Un algoritmo antievasione aiuterà l’azione di Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza

Si chiama VeRa l’algoritmo antievasione in grado di incrociare e confrontare i dati dei contribuenti per evidenziarne le irregolarità. Sarà un valido contributo alla lotta all’evasione fiscale per Guardia di Finanza e Agenzia delle Entrate, che avranno accesso ai database nel rispetto delle indicazioni del Garante della Privacy.
di Giovambattista Palumbo*
algoritmo antievasione
AFCTA
Economia

AfCTA un anno dopo: il continente africano guarda al modello Ue per il libero mercato

L’AfCTA è un accordo commerciale firmato e ratificato dalla maggior parte dei paesi africani che prevede tra gli Stati firmatari l’abbattimento dei dazi doganali e la semplificazione degli aspetti burocratico-amministrativi al fine di implementare la libera circolazione delle merci nel continente.
di ODDI EMANUELE
AFCTA
REPowerEU
Economia

REPowerEU, la transizione energetica nel nuovo scenario emergenziale

Il Piano REPowerEU è stato messo a punto dalla Commissione Europea per garantire la sicurezza energetica in Ue, accelerando al contempo la transizione verde delle fonti di energia. Il cambio di marcia è legato alla nuova emergenza energetica causata dal conflitto in Ucraina.
di Claudia Bugno*
REPowerEU
corporate warfare
Economia

Corporate Warfare: un fenomeno sottotraccia con riflessi importanti sulla collettività

La Corporate Warfare, ovvero la guerra aziendale compiuta con ogni mezzo e con le più moderne tecnologie, minaccia le sorti di imprese e settori economici, pubblici e privati, con riflessi sull’intera collettività.
di Alfonso M. Balotta
corporate warfare