L’Italia che fugge, l’Italia che si nasconde

Era sorridente e rilassato il presidente della Repubblica Sergio Mattarella di fronte alle telecamere dei giornalisti che lo hanno intervistato lo scorso 18 ottobre al termine della sua visita alle imprese promosse da giovani italiani nella Silicon Valley, in Usa. Ma poi ha formulato con calma una riflessione che è sembrata quasi come un pugno allo stomaco in chi lo ascoltava: «Quello che mi colpisce nella vostra storia – ha dichiarato ai giovani presenti – è la dissociazione tra l’inventiva, il talento delle giovani generazioni e l’incapacità del sistema di cogliere queste potenzialità e sostenerle»; parole che hanno avuto una notevole eco in Italia e che hanno centrato il problema.
I giovani che erano lì, nella Silicon Valley, avevano provato per due anni a installare la loro start-up innovativa “Kong” a Milano, ma senza riscontri positivi; da qui la decisione di trasferirsi negli Stati Uniti dove invece sono stati ascoltati e sostenuti nella loro iniziativa.
La loro emigrazione all’estero, in una realtà tra le più stimolanti e innovative del mondo, non è che un esempio tra i tantissimi che contraddistinguono quella che viene comunemente definita come la fuga dei cervelli. Un dato divenuto negli ultimi anni un vero e proprio fenomeno di massa, che secondo una valutazione della Confindustria, già elaborata nel 2017, fa perdere all’Italia circa 14 miliardi di euro all’anno, pari a 1 punto percentuale di Pil. «È il vero tallone di Achille del sistema economico e sociale italiano» aveva specificato il documento, «che si traduce in un abbassamento del potenziale di crescita».
A distanza di due anni, la riflessione del Presidente Mattarella conferma l’incapacità del sistema di creare condizioni favorevoli per l’inserimento e l’impiego dei giovani nelle attività più innovative. Si aggiunga che, con i possibili vantaggi economici, si perdono anche gli investimenti che le famiglie e lo Stato fanno nell’istruzione e nella formazione del capitale umano. Le statistiche ci dicono che dal 2008 a oggi, per dare delle cifre di riferimento, circa 600 mila italiani si siano trasferiti all’estero. Nel 2017, su 115 mila italiani emigrati, il 52,6% era in possesso di un titolo di studio medio alto (Istat). Un processo di emigrazione notevole che riguarda sia persone qualificate da un elevato bagaglio conoscitivo e professionale, sia persone con bassa qualificazione. È l’Italia in fuga, forze attive in cerca di migliori condizioni di vita e di lavoro, che politiche di intervento troppo parziali e limitate non riescono ad arginare; ben altri interventi di carattere strutturale, al di là di incentivi fiscali e agevolazioni varie, sarebbero necessari per invertire tale tendenza.
 
Una conferma di quanto sia grave l’incapacità del sistema viene dalla continua crescita, in parallelo, del fenomeno dell’economia sommersa, il cui valore economico e sociale è stato ampiamente considerato nelle analisi di Eurispes, dell’Istat, di numerosi centri di analisi pubblici e privati. Accanto a un’Italia che fugge c’è, in sostanza, un’Italia che continua a nascondersi. Il tema è stato oggetto di una recente iniziativa internazionale, il X incontro annuale della Rete Europea sul Mercato del Lavoro EN-RLMM, coordinata dall’istituto tedesco IWAK dell’Università di Francoforte, che il 3-4 ottobre 2019 ha riunito a Mosca, presso l’Accademia delle Scienze di Russia, circa duecento esperti europei – rappresentanti delle istituzioni comunitarie, accademici, operatori dei servizi pubblici, imprese, sindacalisti – per valutare l’entità, la diffusione, le caratteristiche dell’economia e del lavoro “informale” nel sistema eurasiatico (così viene definito in sede internazionale) e prospettare possibili rimedi. Come punto di partenza, il dibattito tra gli esperti ha fatto riferimento alle principali teorie che attualmente si confrontano su questo fenomeno. Ad esempio, la “teoria della modernizzazione” lo attribuisce alla insufficienza dello sviluppo economico di un sistema; la “teoria della politica economica” alla debolezza dell’intervento pubblico, la “teoria neo-liberista” all’eccessiva regolazione delle attività economiche, la “teoria istituzionale” al debole rapporto tra lo Stato e le organizzazioni della società civile.
Sta di fatto che il fenomeno dell’economia e del lavoro sommerso, come ha indicato il Rapporto 2018 dell’International Labour Organization (ILO), è in crescita e diffuso in tutto il mondo, anche se con dimensioni e conseguenze diverse nelle principali aree geografiche, negli stati e nelle regioni. Nella realtà europea l’Italia detiene in questo ambito un indubbio primato che è stato ben illustrato dal prof. Renato Fontana, dell’Università La Sapienza di Roma, e dai suoi collaboratori Ernesto Dario Calo’ e Milena Cassella. «Uno dei più importanti istituti di ricerca italiani, l’Eurispes, – ha spiegato ai colleghi stranieri il prof. Fontana – ha analizzato a fondo il problema dell’economia sommersa nel 31° Rapporto sull’Italia (2019), arrivando a calcolare che, mentre il Pil è pari a circa 1.600 miliardi di euro, il valore dell’economia sommersa è pari ad un terzo del Pil, circa 530 miliardi di euro, e l’economia criminale pari a circa 250 miliardi di euro».
Assieme all’entità del fenomeno, il prof. Fontana ha poi sottolineato che, sempre secondo Eurispes, la crescita del lavoro nero ha costituito per molti «una vera via di salvezza sociale negli anni più gravi della crisi recente». Nella valutazione conclusiva, gli esperti della Sapienza hanno messo in risalto che l’analisi del Modello di Economia Informale (IEM) e del sistema di convenienze, che tale economia garantisce comunque alle imprese e ai lavoratori, è tale da richiedere all’operatore pubblico degli interventi di carattere “strutturale e culturale”, articolati per settori e territori, adatti a fronteggiare le situazioni tradizionali e quelle decisamente nuove legate alla rivoluzione digitale.
Sono proprio gli ambiti nei quali continua a manifestarsi quella “incapacità del sistema”, denunciata dal presidente Mattarella, una incapacità che finora ha solo favorito sia l’Italia che fugge, sia l’Italia che si nasconde.

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili