L’Italia che fugge, l’Italia che si nasconde

Era sorridente e rilassato il presidente della Repubblica Sergio Mattarella di fronte alle telecamere dei giornalisti che lo hanno intervistato lo scorso 18 ottobre al termine della sua visita alle imprese promosse da giovani italiani nella Silicon Valley, in Usa. Ma poi ha formulato con calma una riflessione che è sembrata quasi come un pugno allo stomaco in chi lo ascoltava: «Quello che mi colpisce nella vostra storia – ha dichiarato ai giovani presenti – è la dissociazione tra l’inventiva, il talento delle giovani generazioni e l’incapacità del sistema di cogliere queste potenzialità e sostenerle»; parole che hanno avuto una notevole eco in Italia e che hanno centrato il problema.
I giovani che erano lì, nella Silicon Valley, avevano provato per due anni a installare la loro start-up innovativa “Kong” a Milano, ma senza riscontri positivi; da qui la decisione di trasferirsi negli Stati Uniti dove invece sono stati ascoltati e sostenuti nella loro iniziativa.
La loro emigrazione all’estero, in una realtà tra le più stimolanti e innovative del mondo, non è che un esempio tra i tantissimi che contraddistinguono quella che viene comunemente definita come la fuga dei cervelli. Un dato divenuto negli ultimi anni un vero e proprio fenomeno di massa, che secondo una valutazione della Confindustria, già elaborata nel 2017, fa perdere all’Italia circa 14 miliardi di euro all’anno, pari a 1 punto percentuale di Pil. «È il vero tallone di Achille del sistema economico e sociale italiano» aveva specificato il documento, «che si traduce in un abbassamento del potenziale di crescita».
A distanza di due anni, la riflessione del Presidente Mattarella conferma l’incapacità del sistema di creare condizioni favorevoli per l’inserimento e l’impiego dei giovani nelle attività più innovative. Si aggiunga che, con i possibili vantaggi economici, si perdono anche gli investimenti che le famiglie e lo Stato fanno nell’istruzione e nella formazione del capitale umano. Le statistiche ci dicono che dal 2008 a oggi, per dare delle cifre di riferimento, circa 600 mila italiani si siano trasferiti all’estero. Nel 2017, su 115 mila italiani emigrati, il 52,6% era in possesso di un titolo di studio medio alto (Istat). Un processo di emigrazione notevole che riguarda sia persone qualificate da un elevato bagaglio conoscitivo e professionale, sia persone con bassa qualificazione. È l’Italia in fuga, forze attive in cerca di migliori condizioni di vita e di lavoro, che politiche di intervento troppo parziali e limitate non riescono ad arginare; ben altri interventi di carattere strutturale, al di là di incentivi fiscali e agevolazioni varie, sarebbero necessari per invertire tale tendenza.
 
Una conferma di quanto sia grave l’incapacità del sistema viene dalla continua crescita, in parallelo, del fenomeno dell’economia sommersa, il cui valore economico e sociale è stato ampiamente considerato nelle analisi di Eurispes, dell’Istat, di numerosi centri di analisi pubblici e privati. Accanto a un’Italia che fugge c’è, in sostanza, un’Italia che continua a nascondersi. Il tema è stato oggetto di una recente iniziativa internazionale, il X incontro annuale della Rete Europea sul Mercato del Lavoro EN-RLMM, coordinata dall’istituto tedesco IWAK dell’Università di Francoforte, che il 3-4 ottobre 2019 ha riunito a Mosca, presso l’Accademia delle Scienze di Russia, circa duecento esperti europei – rappresentanti delle istituzioni comunitarie, accademici, operatori dei servizi pubblici, imprese, sindacalisti – per valutare l’entità, la diffusione, le caratteristiche dell’economia e del lavoro “informale” nel sistema eurasiatico (così viene definito in sede internazionale) e prospettare possibili rimedi. Come punto di partenza, il dibattito tra gli esperti ha fatto riferimento alle principali teorie che attualmente si confrontano su questo fenomeno. Ad esempio, la “teoria della modernizzazione” lo attribuisce alla insufficienza dello sviluppo economico di un sistema; la “teoria della politica economica” alla debolezza dell’intervento pubblico, la “teoria neo-liberista” all’eccessiva regolazione delle attività economiche, la “teoria istituzionale” al debole rapporto tra lo Stato e le organizzazioni della società civile.
Sta di fatto che il fenomeno dell’economia e del lavoro sommerso, come ha indicato il Rapporto 2018 dell’International Labour Organization (ILO), è in crescita e diffuso in tutto il mondo, anche se con dimensioni e conseguenze diverse nelle principali aree geografiche, negli stati e nelle regioni. Nella realtà europea l’Italia detiene in questo ambito un indubbio primato che è stato ben illustrato dal prof. Renato Fontana, dell’Università La Sapienza di Roma, e dai suoi collaboratori Ernesto Dario Calo’ e Milena Cassella. «Uno dei più importanti istituti di ricerca italiani, l’Eurispes, – ha spiegato ai colleghi stranieri il prof. Fontana – ha analizzato a fondo il problema dell’economia sommersa nel 31° Rapporto sull’Italia (2019), arrivando a calcolare che, mentre il Pil è pari a circa 1.600 miliardi di euro, il valore dell’economia sommersa è pari ad un terzo del Pil, circa 530 miliardi di euro, e l’economia criminale pari a circa 250 miliardi di euro».
Assieme all’entità del fenomeno, il prof. Fontana ha poi sottolineato che, sempre secondo Eurispes, la crescita del lavoro nero ha costituito per molti «una vera via di salvezza sociale negli anni più gravi della crisi recente». Nella valutazione conclusiva, gli esperti della Sapienza hanno messo in risalto che l’analisi del Modello di Economia Informale (IEM) e del sistema di convenienze, che tale economia garantisce comunque alle imprese e ai lavoratori, è tale da richiedere all’operatore pubblico degli interventi di carattere “strutturale e culturale”, articolati per settori e territori, adatti a fronteggiare le situazioni tradizionali e quelle decisamente nuove legate alla rivoluzione digitale.
Sono proprio gli ambiti nei quali continua a manifestarsi quella “incapacità del sistema”, denunciata dal presidente Mattarella, una incapacità che finora ha solo favorito sia l’Italia che fugge, sia l’Italia che si nasconde.

Ultime notizie
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, i dati degli ultimi sei mesi della Polizia Criminale

Violenza di genere, i dati del Servizio Analisi Criminale della Polizia Criminale documentano un trend in crescita dal 2021 al 2023, ma i dati degli ultimi sei mesi evidenziano una flessione rispetto allo stesso periodo del 2023, soprattutto per i reati spia e gli omicidi volontari.
di redazione
violenza di genere
work life balance
Parità

Work life balance, c’è ancora un gap di genere da colmare

Il work life balance, ovvero l’equilibrio tra vita privata e professionale, riguarda anche la parità di genere, soprattutto in merito al caregiving, che troppo spesso ancora ricade principalmente sulle donne. Adnkronos evidenzia inoltre che il 66% degli utenti si dichiara insoddisfatto del proprio life work balance, e che questo incide nella scelta dell’impiego.
di redazione
work life balance
mediterraneo
Sostenibilità

Giornata internazionale del Mediterraneo, un ecosistema da difendere da plastica e sfruttamento

La Giornata internazionale del Mediterraneo è stata dedicata al dibattito sul nostro mare, un ecosistema che va difeso dallo sfruttamento intensivo della pesca e dalle plastiche. Un incontro presso la Camera dei Deputati organizzato da Fondazione Aqua ha visto numerosi studiosi esprimersi in merito al fragile equilibrio di questa risorsa fondamentale.
di redazione
mediterraneo
Uricchio ANVUR
Intervista

Antonio Uricchio, Presidente ANVUR: la valutazione come strumento per migliorare la qualità di ricerca e didattica

Antonio Uricchio, Presidente di ANVUR interviene nel merito delle critiche mosse verso una eccessiva burocratizzazione delle Università italiane, affermando la valutazione delle stesse come importante strumento per migliorare la qualità della ricerca e della didattica attraverso la raccolta di dati, documenti e informazioni.
di Mario Caligiuri*
Uricchio ANVUR
Corridoi TEN-T
Infrastrutture

Segnali positivi nella nuova strategia dei corridoi europei dei trasporti TEN-T

Il Parlamento europeo ha approvato il nuovo Regolamento sui Corridoi TEN-T. Il testo ha l’obiettivo di completare alcuni importanti collegamenti, aggiornando il piano europeo per una rete di ferrovie, strade, vie navigabili interne e rotte marittime a corto raggio collegate attraverso porti e terminali in tutta l’Unione.
di Giampaolo Basoli*
Corridoi TEN-T
Intervista

Pierluigi Petrone, Presidente Assoram: sfide globali e nuove competenze del comparto healthcare

Il comparto healthcare oggi si trova ad affrontare nuove sfide che vanno oltre gli anni della pandemia: le mutate esigenze dei consumatori, sempre più vicini all’e-commerce, e gli equilibri internazionali che condizionano logistica e distribuzione. Uno sguardo alle sfide del futuro con il Presidente di Assoram Pierluigi Petrone.
di Susanna Fara
scuola
Istruzione

La Scuola di domani: tecnologie digitali e valorizzazione delle eccellenze

Tecnologie digitali e una gestione oculata dei fondi per valorizzare le eccellenze e la qualità: è questa la prospettiva sulla Scuola italiana individuata da Alessandro Curioni, Docente (Università Cattolica di Milano) e Presidente di DI.GI Academy.
di Massimiliano Cannata
scuola
maternità surrogata
Società

Maternità surrogata: italiani contrari, solo dai giovani segnali di apertura

Il 62,9% degli italiani si dichiara oggi contrario alla maternità surrogata, e solo i giovani mostrano segnali di apertura, dal momento che il 58% dei 18-24enni si dichiara favorevole. Ma il tema è complesso e maggiormente avversato dall’opinione pubblica italiana, da Nord a Sud e a dispetto anche del titolo di studio.
di redazione
maternità surrogata
animali
Animali

Vivisezione, caccia, allevamenti intensivi: cresce la sensibilità degli italiani verso il benessere animale

I diritti degli animali contano sempre di più per una maggioranza di italiani: il 76% è contrario alla vivisezione, il 73% agli allevamenti intensivi. I temi etici legati agli animali raccolgono quote consistenti di italiani contrari anche rispetto a vivisezione, caccia, pellicce, uso degli animali nei circhi.
di redazione
animali
corruzione
Internazionale

G7 Anticorruzione, un fenomeno che richiede un’azione globale

Il tema corruzione entra in agenda al G7 con il Gruppo di lavoro anticorruzione, proposto dal nostro Paese per avviare una azione collettiva rispetto a un fenomeno diffuso. Tra i punto fondamentali, l’educazione fin dalla prima età alla cultura della legalità e l’acquisizione di metodi di misurazione della corruzione su basi oggettive.
di Avv. Angelo Caliendo*
corruzione