Minori stranieri non accompagnati, un’immigrazione trascurata

minori stranieri non accompagnati

Al 31 dicembre 2022, secondo i dati del Report mensile del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, sono risultati presenti in Italia 20.089 minori stranieri non accompagnati (MSNA), in aumento rispetto allo stesso periodo del 2021 (+64%) e del 2020 (+184%). Un incremento in larga parte riconducibile all’arrivo di minori originari dell’Ucraina. Secondo il Rapporto Global Trends, il 43% dei rifugiati del mondo sono bambini e sono sempre più numerosi i minori che si mettono in viaggio da soli.

I minori ucraini non accompagnati deportati in Russia

Secondo l’Università di Yale, dall’inizio della guerra i soldati russi avrebbero trasferito più di 6mila bambini e ragazzi ucraini, di età compresa tra i 4 mesi e i 17 anni, in 43 strutture di “rieducazione” residenti in vari territori controllati dai russi. Alcuni di loro, secondo i vari Rapporti, erano orfani, mentre altri sarebbero stati trasferiti con il consenso più o meno estorto dei loro genitori. Per questo crimine la Corte penale internazionale ha emanato un mandato di arresto nei confronti del presidente russo Vladimir Putin.

I MSNA: chi sono e quali strumenti normativi vigono a loro tutela

Il sistema normativo italiano ha recepito numerosi strumenti internazionali ed europei che riguardano i minori stranieri non accompagnati. Tra questi, la Convention on the Right of the Child, che prevede il principio del superiore interesse del fanciullo all’art. 3 e definisce il concetto di minore riferendosi a chi ha meno di 18 anni. A livello europeo rileva la Carta dei Diritti Fondamentali dell’Unione europea, art. 24, secondo cui il minore ha diritto a vedere considerato il proprio interesse superiore dalle Istituzioni private e dalle Autorità pubbliche, oltre ad avere diritto ad essere ascoltato e ad esprimere il proprio pensiero. Il Comitato Onu sui diritti dell’Infanzia ha rilevato inoltre una differenza fra minore non accompagnato (unaccompanied children) e minore separato (separated children). Il primo è un minore che non ha nessun adulto che si prenda cura di lui. Il secondo è invece un fanciullo che è separato dai propri genitori, o responsabili legali, ma non necessariamente da altri familiari. All’interno dell’Unione europea, la Direttiva 2011/95/EU fa riferimento al MSNA come un minore che fa ingresso sul territorio di uno Stato Membro non accompagnato da nessun adulto responsabile per lui, o che viene abbandonato successivamente all’entrata sul territorio dello Stato Membro.

I minori non accompagnati richiedenti protezione internazionale

Nel 2022 sono state presentate in totale 1.661 domande di protezione internazionale relative a MSNA, a fronte delle 3.373 presentate nel 2021. Il continente africano si conferma la principale area di provenienza dei MSNA (50%). Il primo paese di origine è l’Egitto (16%), seguito da Pakistan (14,7%), Gambia (9,2%), Bangladesh (9,1%), Somalia (6,7%).

Ricongiungimenti familiari ai sensi del Regolamento di Dublino

Secondo il Regolamento di Dublino, sono 66 i minori stranieri non accompagnati richiedenti asilo inseriti nella procedura di ricongiungimento familiare tra il 1° luglio e il 31 dicembre 2022. Solo una è invece la pratica di outgoing, riguardante i minori che hanno presentato domanda d’asilo in Italia e che hanno segnalato la presenza di un familiare in un altro Stato membro. Le altre 65 pratiche sono di incoming, dedicate ai minori che hanno presentato domanda d’asilo in un altro Stato membro e segnalato la presenza di un familiare in Italia. Il paese d’origine più rappresentato è il Pakistan, seguito dal Bangladesh. Gran parte delle domande incoming è pervenuta dalla Grecia: 54 su 65.

Gli effetti della pandemia sui ricongiungimenti familiari

Nel biennio 2020-2021 la crisi sanitaria aveva inciso in maniera rilevante sull’allungamento dei tempi delle pratiche, a causa del blocco degli spostamenti transnazionali e nazionali. Tra il primo luglio e il 31 dicembre 2022 i tempi medi per il completamento delle procedure si sono drasticamente ridotti.

Leggi anche

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento