L’Unione europea nell’era delle migrazioni. Una riflessione del Presidente dell’Eurispes, Gian Maria Fara

migrazioni

La rivoluzione della mobilità è una di quelle che più hanno trasformato il mondo dopo il crollo del Muro di Berlino del 1989, accompagnando i processi di crescita civile, politica ed economica di cui l’Unione europea è una delle massime espressioni. L’Unione europea nasce infatti da una radicale idea di pace e di unione tra i popoli europei attraverso un sistema politico, sociale ed economico sempre aperto che prevede accoglienza – non a caso sancita a chiare lettere nella Carta della Costituzione europea – nel rigoroso rispetto della diversità delle culture politiche democratiche e delle tradizioni di convivenza. Il diritto di asilo è garantito dall’articolo 18 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea, mentre l’articolo 19 vieta le espulsioni collettive e protegge gli individui dall’allontanamento, dall’espulsione o dall’estradizione verso uno Stato in cui esiste un grave rischio di pena di morte, tortura, altre pene e trattamenti disumani o degradanti.

Il diritto di asilo nell’era delle migrazioni

È una espressione di civiltà che deriva dalle esperienze maturate in seguito alla presa di coscienza di ciò che sono stati il fascismo e il nazismo e che ha portato alla Dichiarazione universale dei diritti umani del 1948, alla Costituzione italiana del 1948, e in particolare al suo art. 35, e al Patto internazionale sui diritti civili e politici del 1966. Princìpi fondamentali che proprio oggi ‒ in quella che è stata definita “l’era delle migrazioni” ‒ sono di centrale importanza, considerando che ci sono nel mondo circa 281 milioni di migranti. Significa che circa 1 persona ogni 30 degli 8 miliardi di abitanti della Terra si trova in un paese diverso da quello di origine. Tra queste, ci sono milioni di persone che hanno cognomi italiani e che hanno contribuito, dentro un sistema che spesso li ha discriminati, a dare lustro e futuro a paesi come gli Stati Uniti, il Canada, l’Australia, l’Argentina ma anche Francia, Germania, Belgio, Inghilterra. Molti nostri giovani connazionali, per scelta o obbligati dall’assenza di lavoro e opportunità, ancora oggi sono costretti ad andare all’estero irrobustendo altre economie e sistemi sociali, a discapito dell’Italia e del suo futuro. Il lavoro continua, infatti, a essere la radice fondamentale delle tensioni sociali e ipoteca soprattutto per le giovani generazioni, nel momento in cui esso è “precario per sempre”.

Insieme ai migranti per lavoro ci sono i migranti forzati, compresi gli sfollati interni e i rifugiati

Non si deve dimenticare che, dei 281 milioni di migranti nel mondo, 169 milioni sono lavoratori, ossia persone che cercano un lavoro per vivere e costruire un futuro per sé e la propria famiglia. I migranti che fuggono da guerre e pestilenze sono in realtà “una minoranza di una minoranza” e non certo una minaccia che mette in pericolo la democrazia europea e la sua identità. Il lavoro regolare o meno, peraltro, non dipende dalla volontà degli immigrati ma dall’organizzazione che essi trovano nel mercato del lavoro nel paese di accoglienza, regolamentato troppo spesso da un’ambigua relazione tra norme formali e informali, da modalità di reclutamento spesso illegali, da sistemi criminali come il caporalato che sono già ben presenti e radicati in Europa e non certo fenomeno criminale importato. Insieme ai migranti per lavoro ci sono poi i migranti forzati, compresi gli sfollati interni e i rifugiati. Sono più di 15 milioni di ucraini, spesso donne e minori, che hanno trovato in Europa accoglienza e protezione. Un’accoglienza straordinariamente calorosa di cui andare fieri, che però non è stata offerta a tutti coloro che hanno bussato alle nostre porte per chiedere aiuto e protezione; insomma, una solidarietà differenziata. Sono infatti migliaia i profughi provenienti dal Sud del mondo di cui purtroppo non conosceremo mai il nome e la storia perché morti durante il viaggio della speranza. Tra i luoghi più difficili da attraversare c’è il Mediterraneo che, da ponte che lega le culture, è divenuto un cimitero: sono almeno venticinquemila i morti nel Mediterraneo dal 2014 a oggi. Per fronteggiare questa emergenza, dobbiamo anche essere consapevoli di un dato che contraddice diffusi allarmismi: di coloro che partono da Africa, Asia e Sud America per mettersi in salvo, arriva in Europa appena il 15%. Il restante 85% resta in Stati prossimi a quello di origine.

Una riforma del sistema di accoglienza può trasformare le migrazioni da tragedia annunciata ad opportunità

Già nel 2003 abbiamo avuto modo di esprimere il nostro pensiero sulla questione immigrazione. All’epoca, l’Eurispes sostenne la necessità di liberalizzare gli ingressi degli immigrati invitando il Governo a riceverli nei porti di giorno e non sulle spiagge di notte. Oggi, a vent’anni dall’entrata in vigore della “legge Bossi-Fini”, dobbiamo prendere finalmente atto che la legge va cambiata. Un provvedimento del genere avrebbe l’immediato effetto di impoverire le organizzazioni criminali che spesso creano un vero e proprio “bisogno indotto” di emigrare verso l’Italia. Un accesso ben regolato e alla luce del sole provocherebbe una caduta della domanda di immigrazione, almeno per quanto riguarda la componente indotta, ma non solo. Ci costringerebbe, finalmente, a mettere mano ad una riforma profonda del sistema di accoglienza, trasformando l’arrivo degli stranieri nel nostro Paese da tragedia annunciata ad opportunità.

Di fronte alle migrazioni l’Europa deve sforzarsi di non essere più “la più grande comunità recintata del mondo” 

Siamo un Paese che da anni sta cambiando la sua demografia e organizzazione sociale e questo costituisce sintomo di progresso e non di pericolo, essendo così che cresce ed evolve l’umanità. Per uscire da un dibattito che rischia di distorcere la realtà, l’Europa deve sforzarsi di non essere più “la più grande comunità recintata del mondo”, protetta da accordi internazionali, barriere, attività militari e muri artificiali contro i migranti, considerando che essa rappresenta appena il 17,3% della popolazione planetaria, ma deve saper realizzare il sogno che fu di De Gasperi, Spinelli, Churchill, Schuman, Monnet e di tutti coloro che miravano a fare del Vecchio Continente il luogo della libertà, della democrazia e dell’uguaglianza, valori fondati sul rispetto della dignità umana, dei diritti umani e dello Stato di diritto, della solidarietà e protezione per tutti, nessuno escluso. L’Italia può essere capofila in Europa in questo percorso a partire dalla propria tradizione storicamente aperta, come espressione di incontro. L’immigrazione non può essere chiusa fuori da noi, essendo noi stessi espressione di una mobilità interna e internazionale che costituisce la nostra identità.

*Gian Maria Fara, Presidente dell’Eurispes.

Leggi anche

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento