Non studiano e non lavorano, dramma “Neet”. Italia maglia nera

Italia maglia nera per il numero di Neet, con il suo 24,3% di giovani che non studia e non lavora: parliamo di circa 2,2 milioni di persone.
Giovani con una età compresa tra i 15 ed i 24 anni che non hanno alcuna voglia di lavorare o di studiare né tanto meno di intraprendere attività formative. C’è un acronimo, Neet (Not in employment, education or training, nato per la prima volta nel Regno Unito alla fine degli anni Ottanta), che li indica in modo asettico; eppure si tratta di un fenomeno in ascesa e che vede l’Italia ai primi posti in Europa. Secondo i dati Istat, i giovani disoccupati e che si trovano al di fuori di ogni ciclo di istruzione e formazione sono il 17% al Nord e il 34,2% al Sud, al Centro sono il 20,4%. Anche in questo caso la distanza tra il Sud e il resto del Paese è aumentata negli ultimi anni. L’indagine rivela che il gruppo di territori meno svantaggiati si concentra tra il Nord-Ovest del Paese e il Nord-Est, con l’inclusione anche di alcune province “virtuose” dell’Italia centrale come Bologna (11,8%), Pisa, Siena, Ancona. Tra le città, Roma ha un record negativo (21,8%) insieme a Torino (21,3%). Il trend negativo aumenta nelle regioni del Mezzogiorno, includendo parte della Campania e della Puglia, e interessando in modo capillare la Calabria e la Sicilia e la costa occidentale della Sardegna. Tra le città metropolitane del Sud, percentuali preoccupanti a Palermo (41,5%) e Catania (40,1%), Messina (38,5%), Napoli (37,7%) e Reggio Calabria (36,8%).
Dopo l’Italia, nella graduatori al negativo, arrivano Cipro (22,7%), Grecia (21,4%), Croazia (20,2%) e Romania (19,3%). Mentre il paese più virtuoso, con la percentuale più bassa di Neet, a livello europeo, si registra nei Paesi Bassi (5,3%), in Slovenia (8%) e in Austria (8,1%).

La crescita di questo fenomeno è stata altresì rilevata a livello europeo dallo Youth Forum e da Eurofond. Secondo le analisi effettuate, sarebbe un effetto della crisi economico-finanziaria. I giovani sono infatti i più vulnerabili nei periodi di recessione e questo perché in un mercato del lavoro, già di per sé molto competitivo, devono competere con persone che hanno molta più esperienza. A ciò va aggiunto anche che sono poche le imprese davvero interessate ad assumere e a formare, al contempo, i giovani e ad accompagnarli nel loro percorso di crescita professionale. È stato rilevato che tra i ragazzi con una età tra i 15 e i 24 anni, quelli maggiormente a rischio Neet sono i soggetti che presentano delle disabilità, quelli con un background di immigrazione, i giovani con un basso tasso di istruzione o con un reddito familiare basso, con genitori disoccupati e con un basso livello di istruzione.

Fenomeni collegati a quello nei Neet riguardano problematiche sociali quali l’isolamento e l’emarginazione sociale, problemi di salute fisica e mentale, la possibilità di sconfinare nella criminalità e nella devianza sociale. L’Unione europea, nella consapevolezza del costo sociale di questo fenomeno in ascesa, ha predisposto un serie di iniziative volte a aumentare l’occupabilità giovanile (programmi Europa 2020 e Youth on the Move) e a promuovere una maggiore partecipazione all’occupazione da parte dei giovani, sia contrastando l’abbandono scolastico sia incrementando i corsi di istruzione e formazione professionale. Singoli Stati dell’Unione, inoltre, hanno introdotto una serie di incentivi e di agevolazioni fiscali al fine di incoraggiare l’assunzione di giovani da parte delle imprese. È stato rilevato che in Italia l’attuale modello di passaggio all’età adulta è molto rallentato e che alle difficoltà di ingresso nel mondo del lavoro si aggiungono quelle relative alla possibilità di una abitazione indipendente, in un contesto di scarsa efficacia del sistema di welfare. Va, infine, considerato che la condizione di Neet è un costo sociale a tutti gli effetti in quanto lo spreco di capitale umano riduce le prospettive di crescita e genera minori entrate fiscali, con la conseguenza di un una spesa sociale più onerosa.

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili