Non studiano e non lavorano, dramma “Neet”. Italia maglia nera

Italia maglia nera per il numero di Neet, con il suo 24,3% di giovani che non studia e non lavora: parliamo di circa 2,2 milioni di persone.
Giovani con una età compresa tra i 15 ed i 24 anni che non hanno alcuna voglia di lavorare o di studiare né tanto meno di intraprendere attività formative. C’è un acronimo, Neet (Not in employment, education or training, nato per la prima volta nel Regno Unito alla fine degli anni Ottanta), che li indica in modo asettico; eppure si tratta di un fenomeno in ascesa e che vede l’Italia ai primi posti in Europa. Secondo i dati Istat, i giovani disoccupati e che si trovano al di fuori di ogni ciclo di istruzione e formazione sono il 17% al Nord e il 34,2% al Sud, al Centro sono il 20,4%. Anche in questo caso la distanza tra il Sud e il resto del Paese è aumentata negli ultimi anni. L’indagine rivela che il gruppo di territori meno svantaggiati si concentra tra il Nord-Ovest del Paese e il Nord-Est, con l’inclusione anche di alcune province “virtuose” dell’Italia centrale come Bologna (11,8%), Pisa, Siena, Ancona. Tra le città, Roma ha un record negativo (21,8%) insieme a Torino (21,3%). Il trend negativo aumenta nelle regioni del Mezzogiorno, includendo parte della Campania e della Puglia, e interessando in modo capillare la Calabria e la Sicilia e la costa occidentale della Sardegna. Tra le città metropolitane del Sud, percentuali preoccupanti a Palermo (41,5%) e Catania (40,1%), Messina (38,5%), Napoli (37,7%) e Reggio Calabria (36,8%).
Dopo l’Italia, nella graduatori al negativo, arrivano Cipro (22,7%), Grecia (21,4%), Croazia (20,2%) e Romania (19,3%). Mentre il paese più virtuoso, con la percentuale più bassa di Neet, a livello europeo, si registra nei Paesi Bassi (5,3%), in Slovenia (8%) e in Austria (8,1%).

La crescita di questo fenomeno è stata altresì rilevata a livello europeo dallo Youth Forum e da Eurofond. Secondo le analisi effettuate, sarebbe un effetto della crisi economico-finanziaria. I giovani sono infatti i più vulnerabili nei periodi di recessione e questo perché in un mercato del lavoro, già di per sé molto competitivo, devono competere con persone che hanno molta più esperienza. A ciò va aggiunto anche che sono poche le imprese davvero interessate ad assumere e a formare, al contempo, i giovani e ad accompagnarli nel loro percorso di crescita professionale. È stato rilevato che tra i ragazzi con una età tra i 15 e i 24 anni, quelli maggiormente a rischio Neet sono i soggetti che presentano delle disabilità, quelli con un background di immigrazione, i giovani con un basso tasso di istruzione o con un reddito familiare basso, con genitori disoccupati e con un basso livello di istruzione.

Fenomeni collegati a quello nei Neet riguardano problematiche sociali quali l’isolamento e l’emarginazione sociale, problemi di salute fisica e mentale, la possibilità di sconfinare nella criminalità e nella devianza sociale. L’Unione europea, nella consapevolezza del costo sociale di questo fenomeno in ascesa, ha predisposto un serie di iniziative volte a aumentare l’occupabilità giovanile (programmi Europa 2020 e Youth on the Move) e a promuovere una maggiore partecipazione all’occupazione da parte dei giovani, sia contrastando l’abbandono scolastico sia incrementando i corsi di istruzione e formazione professionale. Singoli Stati dell’Unione, inoltre, hanno introdotto una serie di incentivi e di agevolazioni fiscali al fine di incoraggiare l’assunzione di giovani da parte delle imprese. È stato rilevato che in Italia l’attuale modello di passaggio all’età adulta è molto rallentato e che alle difficoltà di ingresso nel mondo del lavoro si aggiungono quelle relative alla possibilità di una abitazione indipendente, in un contesto di scarsa efficacia del sistema di welfare. Va, infine, considerato che la condizione di Neet è un costo sociale a tutti gli effetti in quanto lo spreco di capitale umano riduce le prospettive di crescita e genera minori entrate fiscali, con la conseguenza di un una spesa sociale più onerosa.

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento