Nuovo Governo alla prova dell’emergenza Sud

La crisi ingenerata dal contagio da Covid-19 fa perdere alle Regioni del Sud 10 miliardi al mese. L’emergenza, che si protrae da circa un anno, fa registrare, da parte delle nostre Associazioni territoriali, dati ancor più pesanti. I posti di lavoro persi sono circa 300mila; le donne sono le più penalizzate. Il tasso di disoccupazione giovanile supera il 12%, più alto della media nazionale (dati Svimez). La chiusura e la riapertura delle scuole, sta interrompendo un percorso formativo, i cui guasti si vedranno tra pochi anni. Anche i corsi di avviamento al lavoro e quelli di riqualificazione dei disoccupati, sono fermi.

Abbiamo intravisto una luce con il grande Piano europeo di ripresa, il famoso Recovery Fund. All’Italia andrà una ingente quota di risorse e il Governo uscente aveva annunciato che sarebbero state destinate, in buona parte, al Mezzogiorno.

Poi, sono seguiti i ritardi nella stesura del Recovery Plan – siamo rimasti alla terza bozza – e poi la crisi del Governo “Conte 2”. Per questo la nostra unica àncora di salvezza resta l’operato del Presidente della Repubblica, al quale chiediamo di far sì che il nuovo Governo metta il Sud al centro del suo programma di salvezza nazionale, subito dopo l’uscita dalla pandemia. Qualcosa era sembrato che si muovesse con la fiscalità di vantaggio. Ma ci siamo accorti che non sarebbe stata una misura strutturale e, quindi, quasi inutile. L’Italia resta un Paese a due velocità. Un motore che al Sud rischia di andare fuori giri, per ritardi del passato mai colmati. Il contributo alla ripartenza del Paese, che molti individuano nella rinascita delle Regioni meridionali, resta una enunciazione di principio solidaristico. Il timore è che siano in pochi a crederci, mentre aumentano coloro che considerano il Sud come la pesante zavorra dell’Italia.

Sulla copertina del Recovery Plan scritto dal Governo, campeggia l’ambiziosa denominazione “Next Generation EU”. Bruxelles ci invita a riempire le pagine di contenuti e tabelle precise. L’emergenza pandemica sviluppatasi al Nord si è velocemente trasmessa al Sud, impattando su un tessuto economico già molto fragile. In attesa degli aiuti dell’Europa dobbiamo fare i conti con i fondi stanziati dalla Legge di Bilancio 2021.

Secondo le previsioni sarebbe il Sud ad avere i maggiori benefici da un possibile incremento del Pil, le cui stime ogni giorno vengono però aggiornate al ribasso. Ma, delle politiche che dovrebbero essere alla base della rinascita del Sud, nemmeno l’ombra. Nessun piano concreto per attuare i diritti fondamentali del cittadino ad avere standard accettabili per la cura della salute, per l’istruzione e per la mobilità. Se, poi, si volesse davvero guardare al futuro sarebbe necessario mettere in attuazione il piano industriale per le infrastrutture nell’ottica di una collocazione euro-mediterranea e indirizzata verso la transizione verde e digitale. Il nuovo Governo troverà sul tavolo i problemi irrisolti che affliggono il Sud.

Ma, in attesa dei 209 miliardi del Recovery Fund e di altri raccattati qua e là, si potrebbe iniziare a lavorare ad un piano di sviluppo che è a costo zero.

Si potrebbero mettere subito a disposizione delle Regioni gli strumenti tecnici e il personale qualificato per spendere i miliardi dei Fondi europei per lo sviluppo, dei quali ci sembra che qualcuno si sia dimenticato. I dati pubblicati dalla Ue, relativi a fondi strutturali e investimenti, dicono che l’Italia ha ricevuto 75 miliardi per il periodo 2014/2020. Solo 25 miliardi (35%) sono stati spesi. Gli altri, oltre 50, inutilizzati.

Un immobilismo inaccettabile con relativo rimpallo di responsabilità da parte di chi sostiene che non abbiamo le capacità di presentare progetti credibili o, peggio, che non siamo in grado di scriverli. Le strutture per “mettere a terra”, come si usa dire oggi, i progetti ci sono e possono entrare in campo professionalità indiscusse, in grado di garantire trasparenza.

Basta volerlo.

 

*Giuseppe Romano è Presidente della CISE e dell’ASI Napoli.

Ultime notizie
civil aviation
Ambiente

“Green flights”: the cooperation model between Italy and China in civil aviation

The participation in the video-conference by the ambassadors of the respective countries, Luca Ferrari for Italy and Li Junhua for China, is...
di Marco Ricceri*
civil aviation
aviazione civile
Rapporti

“Voli green”: il modello di cooperazione tra Italia e Cina nell’aviazione civile

La partecipazione alla video-conferenza degli ambasciatori dei rispettivi paesi, Luca Ferrari per l’Italia e Li Junhua per la Cina, è un indice...
di Marco Ricceri*
aviazione civile
turismo di lusso
Economia

Il turismo di lusso non conosce crisi ed è già ai livelli del 2019

Il turismo di lusso ha sofferto meno la crisi del 2020, per la possibilità di offrire esperienze esclusive e in condizioni di sicurezza lontane dall’affollamento del turismo di massa e dei voli low cost. Sembra infatti che il settore sia ritornato già ai livelli pre-pandemia del 2019.
di Roberta Rega
turismo di lusso
Unione europea
Economia

Piano nazionale di ripresa, strategie territoriali per massimizzare l’impatto degli interventi

Ue, per massimizzare l’impatto degli interventi è importante agire in modo strategico e coordinato dalla fase di programmazione a quella di attuazione, e contribuendo a rafforzare gli obiettivi di addizionalità propri della coesione, in particolare nelle aree marginali del nostro Paese.
di Claudia Bugno*
Unione europea
Economia

PNRR: un modello più snello di governance per l’Italia

Le sfide poste dal PNRR potrebbero segnare una svolta storica nell’accelerazione delle nuove politiche di sviluppo, come quelle relative alle transizioni verde...
di Claudia Bugno*
vaccino
Diritto

Obbligo vaccinale o sospensione, arriva la sentenza per i sanitari no-vax

Vaccino anti-Covid o sospensione nella impossibilità di essere ricollocati ad altra mansione che non comporti pericolo di contagio: la sentenza del Consiglio di Stato chiarisce la posizione legale nei confronti dei professionisti sanitari no-vax.
di Vincenzo Macrì
vaccino
giochi pubblici
Osservatori

Giochi pubblici: “L’irresistibile convenienza della legalità”

Giochi pubblici, la tutela sostanziale della legalità non è affare solo dello Stato. Oltre alla chiarezza normativa, è necessaria partecipazione attiva dei concessionari e delle associazioni di categoria, quali soggetti danneggiati dal reato, ai procedimenti penali contro i gestori del gioco illegale e al fianco dell’Avvocatura dello Stato.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata*
giochi pubblici
Fisco

Un fisco “predittivo” per facilitare la lotta all’evasione fiscale

La lotta all’evasione fiscale si fa anche grazie all’utilizzo di software predittivi, sulla base dei quali programmare le verifiche a “colpo sicuro”. La Guardia di Finanza guarda al futuro e investirà in tale direzione 32 milioni di euro su big data e cybersicurezza.
di Giovambattista Palumbo*
esame di stato
Istruzione

Generazioni sotto esame. Dalla maturità all’esame di Stato, che ne sarà della prova scritta?

L’esame di Stato, un tempo esame di maturità, continua a far discutere ministri dell’Istruzione e studenti su quale sia la formula migliore. Una formula che è cambiata negli anni, fino ad arrivare alla richiesta odierna di abolire la prova scritta fatta dagli studenti e non ancora smentita dal Ministero.
di Giuseppe Pulina
esame di stato
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, omicidi e reati spia in aumento nel 2021

La violenza di genere è aumenta nei primi 11 mesi del 2021, sia per gli omicidi che per i reati spia di tali violenze. Secondo il report del servizio analisi della Polizia Criminale, su un totale di 263 omicidi volontari compiuti in Italia dal primo gennaio ad oggi, 109 hanno riguardato donne.
di redazione
violenza di genere