Nuovo Governo alla prova dell’emergenza Sud

La crisi ingenerata dal contagio da Covid-19 fa perdere alle Regioni del Sud 10 miliardi al mese. L’emergenza, che si protrae da circa un anno, fa registrare, da parte delle nostre Associazioni territoriali, dati ancor più pesanti. I posti di lavoro persi sono circa 300mila; le donne sono le più penalizzate. Il tasso di disoccupazione giovanile supera il 12%, più alto della media nazionale (dati Svimez). La chiusura e la riapertura delle scuole, sta interrompendo un percorso formativo, i cui guasti si vedranno tra pochi anni. Anche i corsi di avviamento al lavoro e quelli di riqualificazione dei disoccupati, sono fermi.

Abbiamo intravisto una luce con il grande Piano europeo di ripresa, il famoso Recovery Fund. All’Italia andrà una ingente quota di risorse e il Governo uscente aveva annunciato che sarebbero state destinate, in buona parte, al Mezzogiorno.

Poi, sono seguiti i ritardi nella stesura del Recovery Plan – siamo rimasti alla terza bozza – e poi la crisi del Governo “Conte 2”. Per questo la nostra unica àncora di salvezza resta l’operato del Presidente della Repubblica, al quale chiediamo di far sì che il nuovo Governo metta il Sud al centro del suo programma di salvezza nazionale, subito dopo l’uscita dalla pandemia. Qualcosa era sembrato che si muovesse con la fiscalità di vantaggio. Ma ci siamo accorti che non sarebbe stata una misura strutturale e, quindi, quasi inutile. L’Italia resta un Paese a due velocità. Un motore che al Sud rischia di andare fuori giri, per ritardi del passato mai colmati. Il contributo alla ripartenza del Paese, che molti individuano nella rinascita delle Regioni meridionali, resta una enunciazione di principio solidaristico. Il timore è che siano in pochi a crederci, mentre aumentano coloro che considerano il Sud come la pesante zavorra dell’Italia.

Sulla copertina del Recovery Plan scritto dal Governo, campeggia l’ambiziosa denominazione “Next Generation EU”. Bruxelles ci invita a riempire le pagine di contenuti e tabelle precise. L’emergenza pandemica sviluppatasi al Nord si è velocemente trasmessa al Sud, impattando su un tessuto economico già molto fragile. In attesa degli aiuti dell’Europa dobbiamo fare i conti con i fondi stanziati dalla Legge di Bilancio 2021.

Secondo le previsioni sarebbe il Sud ad avere i maggiori benefici da un possibile incremento del Pil, le cui stime ogni giorno vengono però aggiornate al ribasso. Ma, delle politiche che dovrebbero essere alla base della rinascita del Sud, nemmeno l’ombra. Nessun piano concreto per attuare i diritti fondamentali del cittadino ad avere standard accettabili per la cura della salute, per l’istruzione e per la mobilità. Se, poi, si volesse davvero guardare al futuro sarebbe necessario mettere in attuazione il piano industriale per le infrastrutture nell’ottica di una collocazione euro-mediterranea e indirizzata verso la transizione verde e digitale. Il nuovo Governo troverà sul tavolo i problemi irrisolti che affliggono il Sud.

Ma, in attesa dei 209 miliardi del Recovery Fund e di altri raccattati qua e là, si potrebbe iniziare a lavorare ad un piano di sviluppo che è a costo zero.

Si potrebbero mettere subito a disposizione delle Regioni gli strumenti tecnici e il personale qualificato per spendere i miliardi dei Fondi europei per lo sviluppo, dei quali ci sembra che qualcuno si sia dimenticato. I dati pubblicati dalla Ue, relativi a fondi strutturali e investimenti, dicono che l’Italia ha ricevuto 75 miliardi per il periodo 2014/2020. Solo 25 miliardi (35%) sono stati spesi. Gli altri, oltre 50, inutilizzati.

Un immobilismo inaccettabile con relativo rimpallo di responsabilità da parte di chi sostiene che non abbiamo le capacità di presentare progetti credibili o, peggio, che non siamo in grado di scriverli. Le strutture per “mettere a terra”, come si usa dire oggi, i progetti ci sono e possono entrare in campo professionalità indiscusse, in grado di garantire trasparenza.

Basta volerlo.

 

*Giuseppe Romano è Presidente della CISE e dell’ASI Napoli.

Ultime notizie
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra
25 aprile 2022
Società

25 aprile 2022, il ritorno della paura

La memoria della riconquista della libertà, avvenuta con la liberazione del 1945, si sovrappone alle immagini della tragedia ucraina che, a distanza di 77 anni, si consuma per le stesse ragioni di allora, i soprusi delle dittature. La “resistenza” in ogni epoca trae forza dal coraggio di vincere le paure.
di Angelo Perrone
25 aprile 2022
dispersione scolastica
Scuola

Dipersione scolastica e Dad: il fenomeno nelle scuole della Sardegna

Dispersione scolastica e DaD, quanto sono collegati questi due aspetti nel sistema scolastico costretto a modificare la propria organizzazione a causa della...
di redazione
dispersione scolastica