Petrol-mafie, la crisi globale non ferma le infiltrazioni criminali nell’economia legale

criminale
criminale

In un momento in cui il rischio di infiltrazione delle organizzazioni criminali nell’economia legale è ai massimi livelli anche a causa della debolezza del sistema economico, indotta dalla crisi dovuta al Covid-19, la Guardia di Finanza ha portato alla luce un enorme giro di frodi fiscali e riciclaggio: false fatturazioni per oltre 600 milioni di euro e Iva dovuta, pari ad oltre 130 milioni di euro, accise non versate per circa 31 milioni di euro – i cui pagamenti erano falsamente attestati – nonché 1 milione di euro in contanti sequestrato in una intercapedine di un’autovettura modificata come dei film di James Bond o, più realisticamente, come quelle un tempo utilizzate per il contrabbando di sigarette.

Centinaia di milioni riciclati e reimpiegati in attività finanziarie asservite al business criminale, dove non potevano mancare i conti esteri per l’occultamento di oltre 41 milioni di euro, accuratamente sistemati in società di comodo bulgare, rumene, croate e ungheresi, in attesa di rientrare nella disponibilità delle stesse organizzazioni criminali.

Leggi anche

L’operazione “PETROL-MAFIE SPA”, condotta nei giorni scorsi dallo SCICO e dai Nuclei di Polizia Economico Finanziaria della Guardia di Finanza e dal ROS dei Carabinieri, rappresenta l’epilogo di indagini condotte dalle Direzioni Distrettuali Antimafia di Napoli, Roma, Reggio Calabria e Catanzaro – con il coordinamento della Direzione Nazionale Antimafia e Antiterrorismo e di Eurojust – che hanno fatto emergere la gigantesca convergenza di interessi della camorra, della ’ndrangheta e della mafia catanese nel business della commercializzazione illecita di carburanti e del riciclaggio per centinaia di milioni di euro in società petrolifere intestate a soggetti insospettabili, meri prestanome, portando all’arresto di 71 soggetti.

In particolare, la Guardia di Finanza, nella sua veste di polizia economico finanziaria, ha portato alla luce la strettissima connessione fra dinamiche evasive e criminali, emblematiche dell’ennesimo tentativo di infiltrazione della criminalità organizzata nel mercato “legale” delle imprese, realtà ormai diffusa capillarmente su tutto il territorio nazionale. In questo complesso meccanismo delinquenziale, il denaro veniva riciclato non solo per “ripulire”, ma anche e soprattutto per reinvestire nel mercato, incassando ulteriori proventi illeciti in un settore come quello degli oli minerali che, fino ad oggi, sembrava “immune”, o quasi, da interessi criminali.

Un intreccio inscindibile fra il mondo dell’imprenditoria e quello del malaffare, sul quale l’attenzione delle Forze di Polizia non potrà che mantenersi alta, soprattutto in vista del fiume di finanziamenti in arrivo ai fini del rilancio dell’economia italiana.

Le complesse attività investigative che hanno consentito di ottenere i risultati descritti sono un esempio eccellente dell’efficacia del coordinamento info-investigativo fra Forze di Polizia e Procure, una strada da seguire e a cui ispirarsi per superare i personalismi, a favore di un approccio integrato, in cui lo scambio di informazioni e le sinergie operative dovrebbero essere la regola e non l’eccezione. Non solo, la valutazione dei numeri di questa singola operazione, del valore dei beni e del business generato, è un indicatore importante e un monito per chi sottovaluta la potenza economica della criminalità organizzata.

Ultime notizie
Crescita dell'e-commerce 2020 e anni precedenti: le cifre
Innovazione

La crescita dell’e-commerce e le nuove abitudini dei consumatori

La pandemia ha cambiato le abitudini dei consumatori. I dati della crescita dell'e-commerce internazionale nel 2020 e negli ultimi anni.
di Ludovico Semerari
Crescita dell'e-commerce 2020 e anni precedenti: le cifre
Magistratura politicizzata e separazione delle carriere
Giustizia

Magistratura politicizzata: la situazione tra scandali e veleni

Perché si parla così tanto di Magistratura politicizzata? L'incidenza del caso Palamara e il tema della separazione delle carriere.
di Alfonso Lo Sardo
Magistratura politicizzata e separazione delle carriere
Il dataismo, tra significato e caratteristiche
Cultura

Viviamo nell’era del “Dataismo”: significato e caratteristiche

Che cos'è il Dataismo? Cosa intendiamo con tale espressione? L'analisi del Dataismo ("datism", in inglese), tra significato e caratteristiche.
di Giuseppe Pulina
Il dataismo, tra significato e caratteristiche
Come il Covid ha cambiato la nostra vita
Approfondimenti

Come il Covid ha cambiato la nostra vita

Lavoro, vita sociale, spostamenti: tutte le trasformazioni della pandemia. Un'analisi su come il Covid ha cambiato la nostra vita.
di Angelo Perrone*
Come il Covid ha cambiato la nostra vita
Chi è e cosa fa il Magistrato di Sorveglianza?
Cosa vuol dire Mafia?

Chi è e cosa fa il Magistrato di Sorveglianza: intervista a Giovanna Di Rosa

Il magistrato di sorveglianza è una figura di cui poco si conosce e si parla in Italia. Un lavoro complesso che incomincia...
di Sergio Nazzaro
Chi è e cosa fa il Magistrato di Sorveglianza?
Who Supervisory Judges are and what they do?
Cosa vuol dire Mafia?

Who Supervisory Judges are and what they do: an interview with Giovanna Di Rosa

The Eurispes online magazine's pages feature an interview with Dr Giovanna Di Rosa, President of the Supervisory Court of Milan, on the issue of the Supervisory Magistracy.
di Sergio Nazzaro
Who Supervisory Judges are and what they do?
Fisco

Le tecniche di intelligenza artificiale contro l’evasione fiscale

Nell’evoluzione del sistema informativo tributario e delle tecniche di contrasto all’evasione fiscale, l’efficace utilizzo delle banche dati assume un ruolo sempre più...
di Giovambattista Palumbo*
Internazionale

Gli Usa di Joe Biden: le differenze dopo l’era Trump

Il passaggio di testimone alla Casa Bianca da Donald Trump a Joe Biden sta determinando, come era preventivabile, effetti diretti non solo...
di Marco Omizzolo*
draghi
Luciano Maria Teodori

Divergenze senza ragioni apparenti

L’anno in corso ha segnato un grande ritorno nel Mediterraneo: il ritorno dello zio Sam nella scena politica di un mare sempre...
di Luciano Maria Teodori
draghi
Il punto a Mezzogiorno

Si sbloccano i primi progetti infrastrutturali al Sud. Manca però una visione strategica

Si sbloccano i primi progetti infrastrutturali al Sud. Manca però una visione strategica: Ponte sullo Stretto e porto hub sono due delle opere indispensabili allo sviluppo del territorio.
di Saverio Romano