Riuso e riciclo possono salvare gli oceani dalla plastica

oceani plastica

È possibile prevenire quasi la metà della plastica presente negli oceani in un anno riutilizzando il 10% dei nostri rifiuti in plastica. Questo è solo uno dei punti chiave del report The Future of Reusable Consumption Models.

Il rapporto è il frutto di una collaborazione tra il World Economic Forum e Kearney, e suggerisce che il passaggio dal monouso a un modello di consumo basato sul riciclo può aiutarci a recuperare terreno nella lotta contro i rifiuti di plastica. Attualmente, il 50% della produzione globale di plastica è monouso e solo il 14% degli imballaggi in plastica viene riciclato. Il rapporto sottolinea l’urgente necessità di guidare un cambiamento sistemico verso modelli di riutilizzo come parte integrante di un circolo virtuoso dei rifiuti basato su riduzione-riutilizzo-riciclo.

Il 50% della produzione globale di plastica è monouso e solo il 14% degli imballaggi viene riciclato

Il “riuso” è un modello di produzione e consumo che si sta diffondendo a livello globale come alternativa al monouso. In questo modello, gli articoli di consumo sono progettati per essere utilizzati più volte, generando valore aggiunto in tutta l’economia.

Nello studio emergono inoltre tre scenari che mostrano la riduzione dei rifiuti di plastica dagli oceani e dalle discariche in caso di adozione di un modello di riutilizzo. Scenario 1: tra il 10 e il 20% degli imballaggi in plastica potrebbe essere riutilizzabile entro il 2030. Ciò equivale a 7-13 milioni di tonnellate di imballaggi in plastica, che rappresentano il 45-90% dei rifiuti plastici negli oceani in un anno. Scenario 2: il riutilizzo coinvolge tra il 20% e il 40% degli imballaggi, equivalente al 90-185% della plastica presente negli oceani in un anno o al 25-50% dei rifiuti di plastica nelle discariche. Scenario 3: se tra il 40-70% di tutti gli imballaggi fosse riutilizzabile, corrisponderebbe al 185-320% dei rifiuti plastici negli oceani o il 50-85% dei rifiuti di plastica nelle discariche.

Riutilizzare il 20-40% degli imballaggi riduce il 90-185% della plastica negli oceani

Il rapporto approfondisce questi scenari e fornisce informazioni dettagliate sulla metodologia. Affronta alcune delle sfide chiave che le aziende e il settore pubblico hanno dovuto affrontare riguardo al riutilizzo, ovvero come diffondere il riutilizzo su scala e renderlo praticabile. Il rapporto mira a fornire ai leader del mondo degli affari, del governo e della società civile un quadro chiaro di un modello alternativo di riduzione dei rifiuti di plastica.

Il passaggio dai beni di consumo usa-e-getta a quelli riutilizzabili

Zara Ingilizian (World Economic Forum) ha recentemente dichiarato: «Il passaggio dai beni di consumo usa-e-getta a quelli riutilizzabili è ancora in fase iniziale, ma ci sono già segnali di progresso. Proprio come il riciclaggio e il compostaggio erano considerati un tempo eccentrici e le auto elettriche fantascienza, quando si tratta di sostenibilità, gli atteggiamenti su ciò che è fattibile stanno cambiando rapidamente. Il riutilizzo potrebbe rivelarsi una delle manifestazioni più potenti di questo cambiamento».

La plastica negli oceani viene ridotta dal riuso attuato da consumatori, settore pubblico e settore privato

Secondo Beth Bovis, Project Leader e Partner di Kearney, «Bisogna passare dal “trattamento” o “gestione” dei rifiuti al non crearli affatto. Ma qualsiasi spostamento verso beni di consumo riutilizzabili dipenderà dalle scelte e dalle azioni delle tre forze trainanti della nostra economia: i consumatori, il settore privato e il settore pubblico. Ciascuno di questi gruppi ha un ruolo unico da svolgere nel rendere il riutilizzo una realtà. La necessità di un modello economico più incentrato sul riutilizzo è urgente e cresce ogni anno che passa. Spetta a tutte le parti interessate rispondere alla chiamata».

Leggi anche

 

Ultime notizie
Italia

L’elezione del Presidente della Repubblica. Una questione di Costituzione

La prossima scadenza del settennato dell’attuale Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e le elezioni per la nomina del suo successore sono l’occasione per un approfondimento di tale importante figura costituzionale, che l’articolo 87 della Costituzione definisce “Capo dello Stato, che garantisce l’unità nazionale”.
di Vincenzo Macrì
Economia

Terzo settore, al via il Master per formare i nuovi manager del Welfare

Partiranno a febbraio i colloqui di selezione per il Master di II Livello “Terzo Settore, Innovazione Sociale e Governance dei Sistemi Locali di...
di redazione
mauro ceruti
Cultura

Nel mondo interconnesso la fraternità può rifondare la geopolitica: a colloquio con Mauro Ceruti

A colloquio con Mauro Ceruti, professore ordinario di Logica e Filosofia della Scienza e direttore della PhD School for Communication Studies Università IULM di Milano.
di Massimiliano Cannata
mauro ceruti
Economia

Cantieri di legalità. PNRR, un banco di prova

Il 2021 si è concluso con un primo successo nell’ambito dell’ambizioso Piano Nazionale per la Ripresa e Resilienza (PNRR), con il raggiungimento...
di Roberto De Vita* e Marco Della Bruna
PNRR borghi
Futuro

Aree marginali nel PNRR: il rilancio parte dai borghi

Il PNRR presenta investimenti e riforme puntuali in aree marginali ben definite, come il Piano Nazionale per la valorizzazione dei borghi. L’investimento si origina dalla considerazione che tanti piccoli centri storici italiani rappresentano un enorme potenziale per un turismo sostenibile alternativo.
di Claudia Bugno*
PNRR borghi
third sector
Internazionale

Third sector: the new pillar to start again

Change is a natural consequence of crises, especially when they are global in scope. The Covid-19 pandemic hit people hard in all...
di Ida Nicotera*
third sector
urne elezioni libia
Briefing

Dalle urne ai proiettili. Libia, tutto da rifare

Dalle urne elettorali alle urne funerarie in Libia il passo è breve. Sfumano le speranze di una transizione democratica indolore. A decretare...
di Francesco Bechis
urne elezioni libia
terzo settore
Internazionale

Terzo settore: il nuovo pilastro da cui ripartire

Il Terzo settore ha fornito un contributo essenziale e si è posto come “faro” nella gestione dell’emergenza. Esperti e studiosi di Russia e Italia hanno affrontato, in un recente incontro, il tema della collaborazione tra i due paesi riguardo al Terzo settore e alla sostenibilità.
di Ida Nicotera*
terzo settore
PNRR
Economia

L’attuazione del PNRR e la prevenzione delle attività illecite

Garantire un’efficiente ed efficace attuazione del PNRR significa anche agire al fine di prevenire possibili infiltrazioni criminali e frodi, corruzioni e attività illecite nell’utilizzo delle risorse.
di Claudia Bugno*
PNRR
metaverso
Economia

Le regole giuridiche del metaverso e la tassazione degli NFT

Gli ordinamenti giuridici dovrebbero regolamentare le imprese attive nel metaverso, in particolare nella gestione fiscale di NTF, trovando nuove soluzioni normative in termini di privacy, diritti di proprietà intellettuale ed industriale, ed anche di fisco.
di Giovambattista Palumbo*
metaverso