Riuso e riciclo possono salvare gli oceani dalla plastica

oceani plastica

È possibile prevenire quasi la metà della plastica presente negli oceani in un anno riutilizzando il 10% dei nostri rifiuti in plastica. Questo è solo uno dei punti chiave del report The Future of Reusable Consumption Models.

Il rapporto è il frutto di una collaborazione tra il World Economic Forum e Kearney, e suggerisce che il passaggio dal monouso a un modello di consumo basato sul riciclo può aiutarci a recuperare terreno nella lotta contro i rifiuti di plastica. Attualmente, il 50% della produzione globale di plastica è monouso e solo il 14% degli imballaggi in plastica viene riciclato. Il rapporto sottolinea l’urgente necessità di guidare un cambiamento sistemico verso modelli di riutilizzo come parte integrante di un circolo virtuoso dei rifiuti basato su riduzione-riutilizzo-riciclo.

Il 50% della produzione globale di plastica è monouso e solo il 14% degli imballaggi viene riciclato

Il “riuso” è un modello di produzione e consumo che si sta diffondendo a livello globale come alternativa al monouso. In questo modello, gli articoli di consumo sono progettati per essere utilizzati più volte, generando valore aggiunto in tutta l’economia.

Nello studio emergono inoltre tre scenari che mostrano la riduzione dei rifiuti di plastica dagli oceani e dalle discariche in caso di adozione di un modello di riutilizzo. Scenario 1: tra il 10 e il 20% degli imballaggi in plastica potrebbe essere riutilizzabile entro il 2030. Ciò equivale a 7-13 milioni di tonnellate di imballaggi in plastica, che rappresentano il 45-90% dei rifiuti plastici negli oceani in un anno. Scenario 2: il riutilizzo coinvolge tra il 20% e il 40% degli imballaggi, equivalente al 90-185% della plastica presente negli oceani in un anno o al 25-50% dei rifiuti di plastica nelle discariche. Scenario 3: se tra il 40-70% di tutti gli imballaggi fosse riutilizzabile, corrisponderebbe al 185-320% dei rifiuti plastici negli oceani o il 50-85% dei rifiuti di plastica nelle discariche.

Riutilizzare il 20-40% degli imballaggi riduce il 90-185% della plastica negli oceani

Il rapporto approfondisce questi scenari e fornisce informazioni dettagliate sulla metodologia. Affronta alcune delle sfide chiave che le aziende e il settore pubblico hanno dovuto affrontare riguardo al riutilizzo, ovvero come diffondere il riutilizzo su scala e renderlo praticabile. Il rapporto mira a fornire ai leader del mondo degli affari, del governo e della società civile un quadro chiaro di un modello alternativo di riduzione dei rifiuti di plastica.

Il passaggio dai beni di consumo usa-e-getta a quelli riutilizzabili

Zara Ingilizian (World Economic Forum) ha recentemente dichiarato: «Il passaggio dai beni di consumo usa-e-getta a quelli riutilizzabili è ancora in fase iniziale, ma ci sono già segnali di progresso. Proprio come il riciclaggio e il compostaggio erano considerati un tempo eccentrici e le auto elettriche fantascienza, quando si tratta di sostenibilità, gli atteggiamenti su ciò che è fattibile stanno cambiando rapidamente. Il riutilizzo potrebbe rivelarsi una delle manifestazioni più potenti di questo cambiamento».

La plastica negli oceani viene ridotta dal riuso attuato da consumatori, settore pubblico e settore privato

Secondo Beth Bovis, Project Leader e Partner di Kearney, «Bisogna passare dal “trattamento” o “gestione” dei rifiuti al non crearli affatto. Ma qualsiasi spostamento verso beni di consumo riutilizzabili dipenderà dalle scelte e dalle azioni delle tre forze trainanti della nostra economia: i consumatori, il settore privato e il settore pubblico. Ciascuno di questi gruppi ha un ruolo unico da svolgere nel rendere il riutilizzo una realtà. La necessità di un modello economico più incentrato sul riutilizzo è urgente e cresce ogni anno che passa. Spetta a tutte le parti interessate rispondere alla chiamata».

Leggi anche

 

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili