Riuso e riciclo possono salvare gli oceani dalla plastica

oceani plastica

È possibile prevenire quasi la metà della plastica presente negli oceani in un anno riutilizzando il 10% dei nostri rifiuti in plastica. Questo è solo uno dei punti chiave del report The Future of Reusable Consumption Models.

Il rapporto è il frutto di una collaborazione tra il World Economic Forum e Kearney, e suggerisce che il passaggio dal monouso a un modello di consumo basato sul riciclo può aiutarci a recuperare terreno nella lotta contro i rifiuti di plastica. Attualmente, il 50% della produzione globale di plastica è monouso e solo il 14% degli imballaggi in plastica viene riciclato. Il rapporto sottolinea l’urgente necessità di guidare un cambiamento sistemico verso modelli di riutilizzo come parte integrante di un circolo virtuoso dei rifiuti basato su riduzione-riutilizzo-riciclo.

Il 50% della produzione globale di plastica è monouso e solo il 14% degli imballaggi viene riciclato

Il “riuso” è un modello di produzione e consumo che si sta diffondendo a livello globale come alternativa al monouso. In questo modello, gli articoli di consumo sono progettati per essere utilizzati più volte, generando valore aggiunto in tutta l’economia.

Nello studio emergono inoltre tre scenari che mostrano la riduzione dei rifiuti di plastica dagli oceani e dalle discariche in caso di adozione di un modello di riutilizzo. Scenario 1: tra il 10 e il 20% degli imballaggi in plastica potrebbe essere riutilizzabile entro il 2030. Ciò equivale a 7-13 milioni di tonnellate di imballaggi in plastica, che rappresentano il 45-90% dei rifiuti plastici negli oceani in un anno. Scenario 2: il riutilizzo coinvolge tra il 20% e il 40% degli imballaggi, equivalente al 90-185% della plastica presente negli oceani in un anno o al 25-50% dei rifiuti di plastica nelle discariche. Scenario 3: se tra il 40-70% di tutti gli imballaggi fosse riutilizzabile, corrisponderebbe al 185-320% dei rifiuti plastici negli oceani o il 50-85% dei rifiuti di plastica nelle discariche.

Riutilizzare il 20-40% degli imballaggi riduce il 90-185% della plastica negli oceani

Il rapporto approfondisce questi scenari e fornisce informazioni dettagliate sulla metodologia. Affronta alcune delle sfide chiave che le aziende e il settore pubblico hanno dovuto affrontare riguardo al riutilizzo, ovvero come diffondere il riutilizzo su scala e renderlo praticabile. Il rapporto mira a fornire ai leader del mondo degli affari, del governo e della società civile un quadro chiaro di un modello alternativo di riduzione dei rifiuti di plastica.

Il passaggio dai beni di consumo usa-e-getta a quelli riutilizzabili

Zara Ingilizian (World Economic Forum) ha recentemente dichiarato: «Il passaggio dai beni di consumo usa-e-getta a quelli riutilizzabili è ancora in fase iniziale, ma ci sono già segnali di progresso. Proprio come il riciclaggio e il compostaggio erano considerati un tempo eccentrici e le auto elettriche fantascienza, quando si tratta di sostenibilità, gli atteggiamenti su ciò che è fattibile stanno cambiando rapidamente. Il riutilizzo potrebbe rivelarsi una delle manifestazioni più potenti di questo cambiamento».

La plastica negli oceani viene ridotta dal riuso attuato da consumatori, settore pubblico e settore privato

Secondo Beth Bovis, Project Leader e Partner di Kearney, «Bisogna passare dal “trattamento” o “gestione” dei rifiuti al non crearli affatto. Ma qualsiasi spostamento verso beni di consumo riutilizzabili dipenderà dalle scelte e dalle azioni delle tre forze trainanti della nostra economia: i consumatori, il settore privato e il settore pubblico. Ciascuno di questi gruppi ha un ruolo unico da svolgere nel rendere il riutilizzo una realtà. La necessità di un modello economico più incentrato sul riutilizzo è urgente e cresce ogni anno che passa. Spetta a tutte le parti interessate rispondere alla chiamata».

Leggi anche

 

Ultime notizie
U.S. Mariglianese
Eurispes sul territorio

U.S. Mariglianese, parte il progetto “un calcio alla Camorra”

Parte a Marigliano il progetto "un calcio alla camorra", con la U.S. Mariglianese iscritta al campionato di Serie D.
di redazione
U.S. Mariglianese
dia
Criminalità e contrasto

Dia: pubblicata la relazione semestrale

Presentata la relazione al Parlamento della Dia, Direzione investigativa antimafia, relativa al semestre luglio-dicembre 2020. Il settore imprenditoriale è sorvegliato speciale, in quanto la crisi finanziaria potrebbe favorire la penetrazione mafiosa nel tessuto economico.
di redazione
dia
monopattini
Sostenibilità

Monopattini, boom nelle vendite ma poche regole e tanta confusione

I monopattini sono un fenomeno nuovo, che suscitano da un lato l’entusiasmo e dall’altro le problematiche di tutte le novità che ancora non si sono imparate a gestire. Due i punti da gestire subito, per motivi di sicurezza: obbligatorietà del casco e regole unificate.
di Alfonso Lo Sardo
monopattini
randagismo
Animali

Randagismo, un fenomeno consistente di umana disaffezione

Alla base del randagismo ci sono gli abbandoni estivi degli animali da compagnia, fenomeno ancora troppo diffuso e con leggi poco dissuasive. Se i numeri del randagismo sono in calo, ciò vale solo per le regioni centrosettentrionali, mentre sono ancora troppo consistenti le presenze nei canili del Mezzogiorno.
di Giuseppe Pulina
randagismo
Afghanistan
Briefing

La sveglia Afghanistan per Usa, Ue e Italia

È passato un mese da quando i Talebani hanno preso il controllo di Kabul, ripiombando l’Afghanistan indietro di venti anni e diffondendo disorientamento fra gli alleati Nato per il tempismo e la strategia con cui gli Stati Uniti hanno gestito il ritiro delle truppe e aperto le porte al ritorno dei miliziani islamisti. Questo potrebbe cambiare gli equilibri politici tra Usa e Ue.
di Francesco Bechis*
Afghanistan
lavoratori dello spettacolo
Cultura

Lavoratori dello spettacolo, si cambia rotta in materia di Welfare

Le misure adottate in pandemia hanno gravemente danneggiato i lavoratori dello spettacolo, che ancora oggi non ritrovano una normalità. Ma l’emergenza ha dato anche luogo a una necessità di riformarne il Welfare con misure di tutela fino ad oggi inesistenti, come l’assicurazione per la disoccupazione involontaria.
di Roberta Rega
lavoratori dello spettacolo
loot box
Gioco

Loot box, gioco d’azzardo e tassazione: servono più regole

Le loot box sono rapidamente diventate una delle principali fonti di reddito nell’industria dei videogiochi. Nell’universo del gaming online sono oggetti virtuali che contengono premi non monetari, con i quali il giocatore può migliorare la propria esperienza di gioco o avanzare di livello. Ad oggi, non sono sottoposte ad alcuna regolamentazione fiscale o classificate come gioco d’azzardo nei casi previsti.
di Giovambattista Palumbo
loot box
libro blu
Eventi

Presentato il Libro Blu, report annuale dell’Adm

Presentato oggi il Libro Blu 2020 dell’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli. Si tratta del report annuale contenente i risultati operativi che l’Agenzia ha conseguito e le azioni messe in campo negli ambiti di competenza.
di redazione
libro blu
baby influencer
Società

Baby influencer, le piccole star del Web sono i nuovi fenomeni

I baby influencer, le piccole star del Web, aprono nuovi scenari del marketing digitale ma destano preoccupazioni legate allo sfruttamento dell’immagine dei bambini. Intanto, milioni di nativi digitali vengono sempre più influenzati dai coetanei per l’acquisto di giocattoli, prodotti alimentari e vestiario.
di redazione
baby influencer
pesca illegale
Ambiente

Pesca illegale e abusi, in Ghana la sostenibilità è una priorità

Un report di EJF porta alla luce la pratica diffusa di pesca illegale in Ghana, che distrugge l'ecosistema marino mettendo a rischio l'approvvigionamento alimentare di milioni di persone. I lavoratori denunciano inoltre condizioni di lavoro disumane e abusi a bordo dei pescherecci industriali.
di redazione
pesca illegale