Sicilia, fai la raccolta differenziata? Avrai sconti al supermercato

Che i rifiuti possano rappresentare una risorsa e un valore lo si è sempre detto. Ma, con un progetto di legge che sta per iniziare il suo iter in Sicilia, i cittadini avranno addirittura la possibilità di risparmiare dei soldi differenziando la loro raccolta. Si punta insomma sul portafoglio per far crescere la percentuale di differenziata, miseramente ferma, in Sicilia, al 17%, ultimo posto in Italia.

Il disegno di legge, con la firma del Presidente della Regione, Nello Musumeci e dell’assessore ai Rifiuti e all’Energia, Alberto Pierobon, prevede infatti che chi differenzia i rifiuti nel modo corretto possa ottenere buoni sconto nei supermercati, ma anche abbonamenti o carte telefoniche, oltre che riduzioni della Tari, l’odiata tassa sui rifiuti. I cittadini potranno consegnare vetro, plastica, cartone e altri materiali riciclabili nei grandi magazzini e persino in quelle parrocchie con cui sia la Regione sia i Comuni sigleranno delle convenzioni. È la cosiddetta “commercializzazione dei materiali riciclabili” nel ciclo che coinvolge i suoi protagonisti.

In che modo si svolgerà? Semplice: negli spazi esterni dei supermercati convenzionati, i cittadini troveranno dei contenitori in cui depositare i materiali riciclabili – vetro, plastica, materiali da imballaggi, ecc. – che hanno un loro valore se recuperati (il Consorzio nazionale per la raccolta della plastica, in particolare, la paga 300 euro a tonnellata alle aziende della nettezza). Questi contenitori saranno dotati di una bilancia elettronica che peserà i rifiuti consegnati e che registrerà – su un badge magnetico – sia le quantità sia la tipologia di prodotto rilasciato dall’utente. Nella stessa card verranno accumulati i relativi punti utili per ottenere sconti presso quei grandi magazzini che avranno firmato la convenzione e che, in questo modo, di fatto fidelizzano il cliente con la carta a punti utilizzabile solo alle loro casse.

È anche previsto che possano essere piazzati, nei contenitori dei rifiuti, dei loghi pubblicitari gestiti dagli stessi discount. Vi è, inoltre, un aspetto che riguarda i dati relativi ai consumi di ogni singolo cliente e che potranno essere oggetto di scambio commerciale. Si tratta di un sistema virtuoso, già sperimentato in alcune regioni quali il Piemonte e il Veneto, ma che in Sicilia potrebbe contribuire a far lievitare la percentuale di differenziata, soprattutto se si considera che la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti rappresentano un problema drammatico, visto che la capienza è ormai quasi esaurita.

Anche le parrocchie avranno un loro ruolo in questa iniziativa: negli spazi di loro pertinenza sarà possibile consegnare i rifiuti da riciclare. Il sistema sarà informatizzato in modo da registrare i rifiuti consegnati e i bonus accumulati. Le parrocchie si occuperanno pure di raccogliere i dati sulle consegne degli utenti, da trasferire agli uffici comunali che si occuperanno anche della elaborazione di parametri utili per applicare la riduzione della Tari – la tassa comunale sui rifiuti – ai cittadini che hanno aderito alla iniziativa con significative consegne di rifiuti riciclabili.

Allo studio dei tecnici della Regione siciliana lo schema per l’affidamento del servizio e le convenzioni per il riciclo, ma è chiaro che il governo Musumeci punta sempre di più sulla differenziata per contrastare il disservizio rappresentato dal sistema dei rifiuti. Nel recente passato erano state valutate altre soluzioni, quali la realizzazione di termovalorizzatori per lo smaltimento dei rifiuti, subito abbandonate sia per i costi di realizzazione sia per le resistenze opposte da associazioni ambientaliste che hanno sempre stigmatizzato questi sistemi poco rispettosi di alcuni parametri. Per la Regione, il vantaggio ottenuto con l’eventuale introduzione di questo sistema sarà quello di conseguire un utile economico dalla differenziata ma, come detto, anche quello di recuperare spazi all’interno delle discariche. I vantaggi economici – secondo il disegno di legge – saranno equamente ripartiti tra gli utenti, i supermarket, le casse regionali, i Comuni e le parrocchie che si vedranno riconosciuta, per l’attività svolta, una quota pari al 15% su quanto effettivamente risparmiato dal Comune. Il testo sarà portato in Giunta nelle prossime settimane e, in caso di approvazione, è prevista la sua applicazione entro il prossimo mese di ottobre.

Ultime notizie
corse
Intervista

L’insularità possibile: il caso Corsica. Intervista a Marie-Antoinette Maupertuis, Presidente dell’Assemblea corsa

La Corsica è uno dei modelli europei in merito all’insularità e alle iniziative intraprese per favorire la coesione territoriale e l’autonomia fiscale necessaria per l’economia corsa, dinamica ma gravata da una “crescita depauperante”. Ne parliamo con l’Onorevole Marie-Antoinette Maupertuis, economista e Presidente dell’Assemblea della Corsica.
di Daniela Pappadà
corse
corse
Osservatori

Insularité possible: le cas de la Corse. Entretien avec Marie-Antoinette Maupertuis, Présidente de l’Assemblée de Corse

Insularité possible: entretien avec l’Honorable Marie-Antoniette Maupertuis, Presidente de l’Assemblee de Corse.
di Daniela Pappadà
corse
intelligenza
Intervista

Intelligenza artificiale e regole: serve un impegno dell’Unione sui diritti sostanziali

Intelligenza artificiale e diritto, ne parliamo con Giusella Finocchiaro, Professoressa ordinaria di diritto privato e diritto di Internet all’Università di Bologna. Per non cadere in un rischioso processo di “burocratizzazione digitale” bisogna partire da elementi culturali prima che giuridici, senza perdere di vista i princìpi.
di Massimiliano Cannata
intelligenza
Sicurezza

Tecnologia, sicurezza e istruzione: intervista a Nunzia Ciardi, Vice Direttore Generale dell’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale

La tecnologia è entrata di forza nella scuola grazie alla DAD, che in pandemia ha permesso a milioni di studenti di seguire le lezioni da casa. Bisogna continuare su questa strada e sfruttare le potenzialità offerte dalla tecnologia in àmbito scolastico e formativo secondo la dott.ssa Nunzia Ciardi, Vice Direttore Generale dell’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale.
di Massimiliano Cannata
scuole italiane
Immigrazione

Scuola e cittadini italiani di domani

La questione della presenza degli stranieri nelle scuole implica un’ambivalenza di obiettivi: migliorare la qualità dell’istruzione a prescindere dalla discendenza, oppure comprimere il diritto costituzionale all’apprendimento. La scuola deve avere una funzione di istruzione e integrazione sociale.
di Angelo Perrone*
scuole italiane
insularità
Intervista

Insularità e perifericità: costi e correttivi nell’intervista al Prof. Francesco Pigliaru

L’insularità si lega spesso all’idea di una compensazione economica, ma bisogna distinguere tra condizioni di prima e seconda natura legate all’insularità, come spiega il Prof. Francesco Pigliaru nell’intervista dedicata al tema delle isole e della continuità territoriale.
di redazione
insularità
insularità
Intervista

Il diritto costituzionale all’insularità: intervista al Prof. Tommaso Edoardo Frosini

Il professor Tommaso Edoardo Frosini, Ordinario di diritto pubblico comparato nell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli, evidenzia le attinenze tra diritto costituzionale all'insularità e uguaglianza, così come sancito dalla nostra Costituzione, e individua trasporti e digitale come i settori nei quali investire per le isole.
di redazione
insularità
medici
Sanità

Sanità a rischio, pesa la carenza di medici e l’assenza di chirurghi

Sanità a rischio: dalla carenza di medici all’assenza di chirurghi. Questo sarà il prossimo futuro senza una programmazione “a monte”, e l’aumento dei posti in Scuola di Specializzazione non è sufficiente a risolvere la carenza di personale medico.
di ROCCO LEGGIERI*
medici
l'algoritmo d'oro e la torre di babele
Diritto

L’algoritmo d’oro e la torre di Babele

“L’algoritmo d’oro e la torre di Babele” di Caterina e Giovanni Maria Flick è un saggio sugli effetti della tecnologia sulla nostra civiltà, con un invito alla conservazione dell’umano e alla sua conciliazione con il progresso tecnologico.
di Ilaria tirelli
l'algoritmo d'oro e la torre di babele
Istruzione

Scuola, più fondi e voglia di futuro: intervista a Ivana Calabrese

Nell’àmbito del Secondo Rapporto su Scuola e Università dell’Eurispes, dialoghiamo con Ivana Calabrese di Ashoka sul tema dell’Istruzione in Italia, ma innanzitutto sul futuro di una istituzione che passa attraverso docenti capaci e fondi per l’innovazione.
di Massimiliano Cannata