Ambiente

Sicilia, fai la raccolta differenziata? Avrai sconti al supermercato

627

Che i rifiuti possano rappresentare una risorsa e un valore lo si è sempre detto. Ma, con un progetto di legge che sta per iniziare il suo iter in Sicilia, i cittadini avranno addirittura la possibilità di risparmiare dei soldi differenziando la loro raccolta. Si punta insomma sul portafoglio per far crescere la percentuale di differenziata, miseramente ferma, in Sicilia, al 17%, ultimo posto in Italia.

Il disegno di legge, con la firma del Presidente della Regione, Nello Musumeci e dell’assessore ai Rifiuti e all’Energia, Alberto Pierobon, prevede infatti che chi differenzia i rifiuti nel modo corretto possa ottenere buoni sconto nei supermercati, ma anche abbonamenti o carte telefoniche, oltre che riduzioni della Tari, l’odiata tassa sui rifiuti. I cittadini potranno consegnare vetro, plastica, cartone e altri materiali riciclabili nei grandi magazzini e persino in quelle parrocchie con cui sia la Regione sia i Comuni sigleranno delle convenzioni. È la cosiddetta “commercializzazione dei materiali riciclabili” nel ciclo che coinvolge i suoi protagonisti.

In che modo si svolgerà? Semplice: negli spazi esterni dei supermercati convenzionati, i cittadini troveranno dei contenitori in cui depositare i materiali riciclabili – vetro, plastica, materiali da imballaggi, ecc. – che hanno un loro valore se recuperati (il Consorzio nazionale per la raccolta della plastica, in particolare, la paga 300 euro a tonnellata alle aziende della nettezza). Questi contenitori saranno dotati di una bilancia elettronica che peserà i rifiuti consegnati e che registrerà – su un badge magnetico – sia le quantità sia la tipologia di prodotto rilasciato dall’utente. Nella stessa card verranno accumulati i relativi punti utili per ottenere sconti presso quei grandi magazzini che avranno firmato la convenzione e che, in questo modo, di fatto fidelizzano il cliente con la carta a punti utilizzabile solo alle loro casse.

È anche previsto che possano essere piazzati, nei contenitori dei rifiuti, dei loghi pubblicitari gestiti dagli stessi discount. Vi è, inoltre, un aspetto che riguarda i dati relativi ai consumi di ogni singolo cliente e che potranno essere oggetto di scambio commerciale. Si tratta di un sistema virtuoso, già sperimentato in alcune regioni quali il Piemonte e il Veneto, ma che in Sicilia potrebbe contribuire a far lievitare la percentuale di differenziata, soprattutto se si considera che la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti rappresentano un problema drammatico, visto che la capienza è ormai quasi esaurita.

Anche le parrocchie avranno un loro ruolo in questa iniziativa: negli spazi di loro pertinenza sarà possibile consegnare i rifiuti da riciclare. Il sistema sarà informatizzato in modo da registrare i rifiuti consegnati e i bonus accumulati. Le parrocchie si occuperanno pure di raccogliere i dati sulle consegne degli utenti, da trasferire agli uffici comunali che si occuperanno anche della elaborazione di parametri utili per applicare la riduzione della Tari – la tassa comunale sui rifiuti – ai cittadini che hanno aderito alla iniziativa con significative consegne di rifiuti riciclabili.

Allo studio dei tecnici della Regione siciliana lo schema per l’affidamento del servizio e le convenzioni per il riciclo, ma è chiaro che il governo Musumeci punta sempre di più sulla differenziata per contrastare il disservizio rappresentato dal sistema dei rifiuti. Nel recente passato erano state valutate altre soluzioni, quali la realizzazione di termovalorizzatori per lo smaltimento dei rifiuti, subito abbandonate sia per i costi di realizzazione sia per le resistenze opposte da associazioni ambientaliste che hanno sempre stigmatizzato questi sistemi poco rispettosi di alcuni parametri. Per la Regione, il vantaggio ottenuto con l’eventuale introduzione di questo sistema sarà quello di conseguire un utile economico dalla differenziata ma, come detto, anche quello di recuperare spazi all’interno delle discariche. I vantaggi economici – secondo il disegno di legge – saranno equamente ripartiti tra gli utenti, i supermarket, le casse regionali, i Comuni e le parrocchie che si vedranno riconosciuta, per l’attività svolta, una quota pari al 15% su quanto effettivamente risparmiato dal Comune. Il testo sarà portato in Giunta nelle prossime settimane e, in caso di approvazione, è prevista la sua applicazione entro il prossimo mese di ottobre.

Ultime notizie
Società

Allarme scuola: le donne straniere adesso fanno meno figli

Gli studenti figli di immigrati sono costantemente cresciuti negli ultimi decenni. Ma l’equilibrio si sta infrangendo, i tassi di natalità delle donne immigrate sono in calo, e si può dire che gli alunni stranieri non bilancino più la perdita in atto
di Corrado Giustiniani
Europa

Tensione con l’Europa, Agea: “Lega e M5S non sono la stessa cosa”

Italia al braccio di ferro con l’Europa, Salvini sfida i partner tradizionali, Orban più vicino. Ma “Lega e M5S non sono la stessa cosa e sovrapporli è un errore madornale”. L'intervista all’europarlamentare M5S Laura Agea
di Valentina Renzopaoli
Società

Papa Bergoglio commuove la Sicilia. “La mafia è una bestemmia”

«Non si può credere in Dio ed essere mafiosi. Convertitevi». Così Papa Francesco in Sicilia nel ricordo di Padre Pino Puglisi, ucciso dalla mafia, interprete di una Chiesa di territorio e vicina agli ultimi.
di Alfonso Lo Sardo
Europa

Europa, l’inutile minaccia dell’Italia sul “bilancio”

L’Italia minaccia di tagliare il contributo dell’Italia al bilancio dell’Unione europea e il Commissario Ue agli Affari Economici, Pierre Moscovici, risponde chiedendo...
di Carmelo Cedrone
Il punto

Fallendo s’impara. La lezione della Lehman Brothers

Disfatta Lehman Brothers dieci anni dopo. La crisi che ha inaugurato ha avuto, per così dire, un "merito" speciale.
di Alberto Mattiacci
Recensioni

“C’è del marcio nel piatto”. Il cibo svelato da Caselli e Masini

L’agroalimentare è un “pilastro” dell’economia nazionale che genera business, ma anche “appetiti”, esercitati da organizzazioni criminali senza scrupoli. Il saggio, C’è del marcio nel piatto! svela gli aspetti drammatici di un fenomeno che interessa tutti
di Massimiliano Cannata
Economia

Harakiri Sicilia: quei 700 milioni che la Ue sta per riprendersi

La spesa comunitaria in Sicilia fa registrare una nuova battuta d’arresto. A tre mesi dalla scadenza annuale, il rischio oggi è che oltre 700 milioni di risorse europee possano ritornare alla casa madre.
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Legittima difesa, Urraro: “Tra Lega e M5S nessuna distanza”

“Nessuna distanza tra Lega e M5S sulla volontà di riformare la legittima difesa”. Il senatore pentastellato Francesco Urraro, membro della Commissione Giustizia spiega quali sono le “zone d'ombra” da chiarire per arrivare ad un momento di sintesi che contemperi le diverse esigenze.
di Valentina Renzopaoli
International

Lavoro, come individuare gli skills vincenti in un mondo che cambia

Per l'Italia, l'Eurispes parteciperà i prossimi 10 e 11 settembre alla 13^ Conferenza annuale della Rete Europea sui mercati del lavoro regionali – ENRLMM, in Gran Bretagna, che sarà dedicata proprio a questo tema
di Marco Ricceri
Attualità

Ferruccio de Bortoli: “Il partito del tanto peggio, tanto meglio”

Il Pd si è "accomodato sulla poltrona del "tanto peggio tanto meglio". Il Governo Lega CinqueStelle "ignora le regole a cominciare dai vincoli del debito pubblico e si sta isolando dall'Europa". Ferruccio De Bortoli disegna il suo ritratto dell'Italia
di Corrado Giustiniani