Ambiente

Sicilia, fai la raccolta differenziata? Avrai sconti al supermercato

738

Che i rifiuti possano rappresentare una risorsa e un valore lo si è sempre detto. Ma, con un progetto di legge che sta per iniziare il suo iter in Sicilia, i cittadini avranno addirittura la possibilità di risparmiare dei soldi differenziando la loro raccolta. Si punta insomma sul portafoglio per far crescere la percentuale di differenziata, miseramente ferma, in Sicilia, al 17%, ultimo posto in Italia.

Il disegno di legge, con la firma del Presidente della Regione, Nello Musumeci e dell’assessore ai Rifiuti e all’Energia, Alberto Pierobon, prevede infatti che chi differenzia i rifiuti nel modo corretto possa ottenere buoni sconto nei supermercati, ma anche abbonamenti o carte telefoniche, oltre che riduzioni della Tari, l’odiata tassa sui rifiuti. I cittadini potranno consegnare vetro, plastica, cartone e altri materiali riciclabili nei grandi magazzini e persino in quelle parrocchie con cui sia la Regione sia i Comuni sigleranno delle convenzioni. È la cosiddetta “commercializzazione dei materiali riciclabili” nel ciclo che coinvolge i suoi protagonisti.

In che modo si svolgerà? Semplice: negli spazi esterni dei supermercati convenzionati, i cittadini troveranno dei contenitori in cui depositare i materiali riciclabili – vetro, plastica, materiali da imballaggi, ecc. – che hanno un loro valore se recuperati (il Consorzio nazionale per la raccolta della plastica, in particolare, la paga 300 euro a tonnellata alle aziende della nettezza). Questi contenitori saranno dotati di una bilancia elettronica che peserà i rifiuti consegnati e che registrerà – su un badge magnetico – sia le quantità sia la tipologia di prodotto rilasciato dall’utente. Nella stessa card verranno accumulati i relativi punti utili per ottenere sconti presso quei grandi magazzini che avranno firmato la convenzione e che, in questo modo, di fatto fidelizzano il cliente con la carta a punti utilizzabile solo alle loro casse.

È anche previsto che possano essere piazzati, nei contenitori dei rifiuti, dei loghi pubblicitari gestiti dagli stessi discount. Vi è, inoltre, un aspetto che riguarda i dati relativi ai consumi di ogni singolo cliente e che potranno essere oggetto di scambio commerciale. Si tratta di un sistema virtuoso, già sperimentato in alcune regioni quali il Piemonte e il Veneto, ma che in Sicilia potrebbe contribuire a far lievitare la percentuale di differenziata, soprattutto se si considera che la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti rappresentano un problema drammatico, visto che la capienza è ormai quasi esaurita.

Anche le parrocchie avranno un loro ruolo in questa iniziativa: negli spazi di loro pertinenza sarà possibile consegnare i rifiuti da riciclare. Il sistema sarà informatizzato in modo da registrare i rifiuti consegnati e i bonus accumulati. Le parrocchie si occuperanno pure di raccogliere i dati sulle consegne degli utenti, da trasferire agli uffici comunali che si occuperanno anche della elaborazione di parametri utili per applicare la riduzione della Tari – la tassa comunale sui rifiuti – ai cittadini che hanno aderito alla iniziativa con significative consegne di rifiuti riciclabili.

Allo studio dei tecnici della Regione siciliana lo schema per l’affidamento del servizio e le convenzioni per il riciclo, ma è chiaro che il governo Musumeci punta sempre di più sulla differenziata per contrastare il disservizio rappresentato dal sistema dei rifiuti. Nel recente passato erano state valutate altre soluzioni, quali la realizzazione di termovalorizzatori per lo smaltimento dei rifiuti, subito abbandonate sia per i costi di realizzazione sia per le resistenze opposte da associazioni ambientaliste che hanno sempre stigmatizzato questi sistemi poco rispettosi di alcuni parametri. Per la Regione, il vantaggio ottenuto con l’eventuale introduzione di questo sistema sarà quello di conseguire un utile economico dalla differenziata ma, come detto, anche quello di recuperare spazi all’interno delle discariche. I vantaggi economici – secondo il disegno di legge – saranno equamente ripartiti tra gli utenti, i supermarket, le casse regionali, i Comuni e le parrocchie che si vedranno riconosciuta, per l’attività svolta, una quota pari al 15% su quanto effettivamente risparmiato dal Comune. Il testo sarà portato in Giunta nelle prossime settimane e, in caso di approvazione, è prevista la sua applicazione entro il prossimo mese di ottobre.

Ultime notizie
Informazione

La rivoluzione digitale può modificare il nostro cervello?

La rivoluzione digitale ha generato un salto “epistemologico”, ha modificando le categorie stesse della conoscenza, spazio e tempo non sono più le forme a priori kantiane delle nostre sensazioni siamo, insomma, un passo oltre.
di Massimiliano Cannata
Fisco

Autonomia differenziata. “Rischia di alimentare la fake news del Sud che “campa” alle spalle del Nord”

Per la prima volta nella storia della Repubblica è stata chiesta in maniera ufficiale un’indagine conoscitiva per appurare in modo oggettivo quale...
di Marco Ascione
International

Asia Centrale: teatro di scontro geopolitico e mercato energetico in rapida ascesa

Europa e Cina con lo sguardo verso l’Asia Centrale, area di scontri geopolitici ma anche, e sempre di più, mercato economico in scesa verso il quale si stanno direzionando cospicui investimenti internazionali. L'approfondimento
di Giuliano Bifolchi
Ambiente

Corpo Forestale assorbito nell’Arma, per la Corte Costituzionale è legittimo. Del Sette: “Sentenza netta”

La Corte Costituzionale, con la sentenza pubblicata lo scorso 10 luglio, ha confermato la legittimità della riforma legislativa concernente l’assorbimento nell’Arma dei Carabinieri del disciolto Corpo Forestale dello Stato. Tullio Del Sette: "Sentenza netta, che ha spazzato via definitivamente, senza possibilità di appello, le riserve di alcuni sulla legittimità costituzionale".
di Tullio Del Sette
Criminalità e contrasto

Sicurezza e scandalo in magistratura, Sorgi: “Rischio per l’indipendenza dei magistrati”

Dal fenomeno del caporalato a quello del lavoro nero, passando per le infiltrazioni mafiose e della 'ndrina, in particolare, nella regione Emilia Romagna; fino alle misure previste dai decreti “sicurezza”, e ai recenti scandali che hanno coinvolto la magistratura. Intervista al magistrato Carlo Sorgi.
di Marco Omizzolo
Europa

Il Gattopardo a Bruxelles. Le prime mosse dell’Europarlamento

Un brutto accordo è sempre migliore di un accordo mancato. Vista la situazione a cui è giunta l’Unione, sarebbe opportuno fare uno sforzo per leggere positivamente l’intesa raggiunta al vertice del 2 luglio, che non è poi diversa nel metodo e nel risultato rispetto a quanto fatto in passato.
di Carmelo Cedrone
Ambiente

Ricerca: insetti per produrre energia e fertilizzanti agricoli. Il progetto del Centro Enea

Utilizzare gli insetti che si nutrono di materia organica in decomposizione per la produzione di biocarburanti avanzati, materiali innovativi biodegradabili o fertilizzanti...
di redazione
Gioco

Giochi: la stretta normativa può accrescere l’illegalità. La Corte dei Conti conferma le tesi dell’Eurispes

La riduzione del numero degli apparecchi da intrattenimento unita all’inasprimento delle limitazioni delle distanze da luoghi cosiddetti sensibili e degli orari di gioco da parte di norme regionali e locali, hanno determinato una contrazione del mercato legale e un probabile incremento dei fenomeni illegali. Lo dice la Corte dei Conti.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
Economia

La criptovaluta diventa “moneta di Stato”. Il caso del “petro”

Il “petro” in Venezuela, lo “yuan digitale” in Cina, il “payMon” nella Repubblica islamica: l'avvento della “criptovauta di Stato” rappresenta il tentativo di “imbrigliare” una tecnologia nata in base ad un principio di “anarchia finanziaria” in un sistema regolato e, quindi, nuovamente controllato.
di Giovambattista Palumbo
Finanza

Banche, la donna che “traghetta” l’Italia verso le nuove sfide dell’open banking

Trasformazione e digitalizzazione del sistema finanziario: negli ultimi anni, il sistema dei pagamenti e l'organizzazione delle imprese e delle banche è profondamente cambiato. Tra gli artefici e i protagonisti di questa transizione, il Consorzio CBI, da poche settimane diventato una società consortile per azioni. Ne parliamo con Liliana Fratini Passi, Direttore Generale di CBI S.c.p.a.
di Valentina Renzopaoli