Sugar tax, Italia ancora lontana dall’obiettivo

La leva fiscale può svolgere un ruolo importante anche nel settore del food and beverage, con riflessi in termini di miglioramento della qualità della vita e della salute collettiva. L’obesità, per esempio, costituisce un problema di notevole rilevanza sanitaria e sociale nei paesi occidentali, dove si registrano dati allarmanti, soprattutto tra le nuove generazioni.

La Sugar Tax, approvata in Italia con la Legge di Bilancio 2020, sarebbe dovuta partire proprio da ottobre 2020, ma il Governo sembra ora orientato ad un ulteriore slittamento a luglio 2021, rimandando così un obiettivo che metterebbe il nostro in linea con altri paesi europei come, per citarne alcuni, la Gran Bretagna, la Francia e il Portogallo.

Secondo i dati dell’Oms, attualmente la prevalenza dell’obesità giovanile nel mondo occidentale è di 10 volte superiore rispetto agli anni Settanta. E, in Italia, il “popolo degli obesi” cresce di circa l’8% ogni anno.

Inoltre, spetta proprio al nostro Paese il primato in Europa per l’obesità infantile: un bambino su tre, con picchi nelle regioni del Sud dell’Italia, ha problemi di sovrappeso.
Quando si parla di sovrappeso e obesità, vanno ricordati i dati Usa, dove il fenomeno è arrivato a interessare quasi il 35% della popolazione adulta e dove l’obesità, oggi, è considerata un vero e proprio problema di sanità pubblica.

E questo anche a causa dell’alimentazione, che, non solo tende ad essere eccessiva, ma anche di cattiva qualità, con il ricorso smodato a cibi ad alta densità calorica, ricchi di grassi e di zuccheri e il consumo di bevande zuccherine e gassate.

Eppure, secondo l’ultima rilevazione dell’Eurispes sul tema (gennaio 2020) l’introduzione della Sugar Tax raccoglie solo il 32,6% dei consensi tra i cittadini, a fronte del 67,4% degli italiani contrari.

Il consumo di bibite zuccherate, del resto, apporta calorie e non dà senso di sazietà, contribuendo in tal modo anche ad aumentare il rischio di diabete e di malattie cardiovascolari. Negli Usa, per tali motivi, è dunque da tempo emersa la necessità di un intervento di politica pubblica contro l’obesità, anche attraverso l’introduzione di specifiche tasse sulle bevande zuccherate (la cosiddetta Fat Tax).

Sono interventi che hanno aumentato il prezzo di vendita di una bibita da mezzo litro di circa il 15-20%, scoraggiandone il consumo.
La tassazione serve però in questi casi a poco se non viene associata a dei precisi percorsi di educazione alimentare.

La leva fiscale, infatti, se utilizzata solo in funzione “dissuasoria” o impositiva, rischia semplicemente di far aumentare le entrate erariali, senza risolvere, però, il problema sociale a cui la stessa tassazione era finalizzata.

La vera forza della leva fiscale, quindi, non è quella di essere un mezzo per colpire prodotti dannosi, ma quella di incentivare, attraverso l’innovazione, l’evoluzione di prodotti non dannosi o meno dannosi.

È difficile stabilire, a priori, se il maggior costo di produzione legato all’aumento dell’imposizione si possa poi “ribaltare” su un aumento dei prezzi al dettaglio ed eventualmente se bibite più costose cambieranno effettivamente le abitudini di consumo. Il vero successo della Sugar Tax non si dovrebbe comunque misurare dal lato della domanda, quanto nella sua capacità di spingere i produttori a ridurre il contenuto di zuccheri delle proprie bibite per sottrarsi all’obbligo impositivo. Nel caso della Gran Bretagna, l’obiettivo sembra essere stato raggiunto, dal momento che, secondo i dati delle Autorità, dal giorno dell’annuncio alla stampa dell’arrivo della “Sugar Tax” nel marzo 2016 (ancor prima della sua entrata in vigore), più della metà dei produttori ha ridotto il carico calorico delle proprie ricette. All’entrata in vigore della Soft Drinks Industry Levy, nell’aprile 2018, il governo britannico, per tale motivo, ha poi rivisto al ribasso le iniziali stime di gettito, che dagli iniziali 520 milioni di sterline sono state più che dimezzate ai 240 milioni attuali. Il gettito raccolto viene, inoltre, investito nel programma nazionale a favore dello sport giovanile e in fondi di finanziamento per le attrezzature sportive nelle scuole.

Leggi anche

Cresce il popolo degli obesi, spunta l’ipotesi della Sugar Tax

Ultime notizie
Last 20
Diritti umani

Last 20*: sono gli ultimi l’altra faccia del nostro Pianeta

“Last 20, gli Ultimi della Terra”, sono i 20 paesi più poveri al mondo, in contrapposizione a quelli del G20. La distanza tra questi due blocchi è abissale, e cresce di anno in anno, alimentata da crisi internazionali e guerre. Ai Last 20 è dedicato un Comitato e un ciclo di incontri.
di Tonino Perna** e Ugo Melchionda***
Last 20
idrogeno
Italia Domani

Idrogeno verde, alleato della decarbonizzazione dei processi industriali in Ue

In Europa e in Italia, i progetti legati all’idrogeno stanno crescendo in ogni ambito e rappresentano una soluzione per decarbonizzare i processi industriali e i comparti economici in cui la riduzione delle emissioni di carbonio è urgente e allo stesso tempo difficile.
di Claudia Bugno*
idrogeno
scuola paritaria
Scuola

Il contributo della scuola paritaria al sistema nazionale di istruzione: numeri, problemi, possibilità

La scuola paritaria in Italia accoglie 817.413 studenti in 12.096 scuole ogni anno, contribuendo al sistema nazionale di istruzione. Eppure, le scuole paritarie sono ancora escluse da sostanziosi finanziamenti e progetti del Ministero, anche quelli previsti dal PNRR.
di Elena Ugolini
scuola paritaria
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città