International

Summit Italia, America Latina e Caraibi. Ricceri: “Eco-compatibilità decisiva per la cooperazione internazionale”

«Una conferenza che apre prospettive nuove nel rapporto tra Italia e Paesi dell’America Latina». Così commentano i lavori della “IX Conferenza Italia, America Latina e Caraibi”, Antonio De Chiara e Maria Grazia Melchionni, esperti della delegazione Eurispes che ha partecipato all’importante appuntamento biennale tenutosi il 9 e 10 ottobre al Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.
Secondo De Chiara, il focus sulla crescita sostenibile ha opportunamente orientato i lavori sul tema dello sviluppo eco-compatibile e sulla cooperazione possibile tra l’Italia e le nazioni sudamericane, presenti entrambi con i ministri degli esteri dei rispettivi Paesi. Nel commento a margine della conferenza, il Segretario Generale dell’Eurispes, Marco Ricceri, ha voluto sottolineare che «L’eco-compatibilità dello sviluppo dell’America Latina è un tema consueto per l’Eurispes che ha, da tempo, elaborato proposte e piattaforme operative in questa direzione nel corso dei lavori del Laboratorio Brics». Il Brics commitee è da anni coordinato dal Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara e dal Segretario Generale, Marco Ricceri, ambasciatore dell’Istituto nei suoi rapporti di scambio culturale con Cina, Russia, India, Brasile e Sudafrica.
La conferenza promossa dall’Istituto Italo-Latino Americano (IILA) è nata nel 2003 a Milano, come riunione con finalità principalmente economiche e imprenditoriali, acquisendo una dimensione politica ed intergovernativa a partire dalla III edizione nel 2007, e rappresenta il momento culminante del dialogo del nostro Paese con le regioni latinoamericana e caraibica. Esso rappresenta, da allora, il più alto momento di incontro e di cooperazione tra l’Italia, come intero sistema paese, ed i paesi latino americani e caraibici ai quali è legata da profondi vincoli di carattere storico, culturale, politico ed economico. Nel 2014 la Conferenza si è affermata come uno dei principali strumenti di politica estera dell’Italia verso i Paesi dell’area, grazie anche all’importante riconoscimento normativo ricevuto con la Legge n.173/2014 che ne ha sancito formalmente la convocazione.
Unire gli sforzi per far fronte alle sfide della crescita sostenibile: con questo obiettivo la conferenza quest’anno ha affrontato iniziative concrete per favorire la circolarità dell’economia. L’appuntamento, aperto dal Ministro degli Affari Esteri, Luigi Di Maio, cui è seguito l’intervento del Ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, ha avuto un taglio prettamente operativo. Attraverso lo scambio di esperienze e il lancio di nuove proposte, si è puntato a risultati concreti in linea con gli obiettivi dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite. In particolare, in tema di crescita sostenibile, è stata proposta l’adozione di una dichiarazione di intenti per la promozione di un modello di città circolare ed eco-sostenibile, ma anche una concreta attività di formazione per la prevenzione della corruzione, che presenta un costo economico elevatissimo particolarmente nel settore degli appalti pubblici.
La conferenza ha inteso anche rafforzare i vincoli economici. In America Latina investono e producono oltre 3.500 imprese italiane. Nel 2018, gli investimenti diretti dall’Italia hanno raggiunto il valore di 31 miliardi di euro, mentre l’interscambio è nell’ordine di 23 miliardi, con oltre 14 miliardi di esportazioni dal nostro Paese; una cifra che presenta ulteriori margini di miglioramento. Sono, inoltre, di grande interesse e attualità le opportunità di collaborazione in ambito di innovazione tecnologica, economia digitale e circolare, rapporti accademici e scientifici.
Il bilancio dell’importante evento è positivo e costruttivo. Alla Conferenza hanno partecipato 38 delegazioni nazionali composte da ministri, vice ministri e rappresentanti dei paesi latino americani e caraibici, oltre che esponenti di spicco di Organizzazioni e Banche di sviluppo internazionali e regionali. L’evento è stato inoltre occasione per una serie di incontri bilaterali del Ministro Di Maio con i suoi omologhi sudamericani. La riunione si è conclusa con una “dichiarazione finale” che impegna i partecipanti a collaborare per il raggiungimento degli obiettivi concordati.

Antonio De Chiara e Maria Grazia Melchioni sono stati delegati Eurispes alla IX Conferenza Italia, America Latina e Caraibi

Ultime notizie
Finanza

Sicurezza, la mafia nella finanza on line. Nel mirino i servizi per la PA

Tra il 2015 e il 2018, sarebbero stati confiscati alle mafie beni per un valore complessivo di circa 10 miliardi di euro, secondo la Guardia di Finanza che denuncia il crescente monopolio delle mafie nella gestione della finanza online.
di Marco Omizzolo
Eurispes sul territorio

Luigi Russo, in direzione ostinata e contraria

Scompare Luigi Russo, sociologo, giornalista conosciutissimo nel mondo del volontariato, da sempre attivista e sostenitore di grandi cause ambientaliste. Fara: «L’Eurispes perde un collaboratore di grande intelligenza e autorevolezza. Dedicheremo a Luigi la prossima edizione del Rapporto Italia».
di redazione
Economia

Europa e Asia, infrastrutture e grandi opere. La proposta degli “smart corridors”

Nel panorama internazionale, la costruzione dei grandi corridoi infrastrutturali è intesa come un elemento strategico di grande valore geo-economico e geo-politico per lo sviluppo dei sistemi economici e il consolidamento dei rapporti tra gli stati. Ma quale sarà l'impatto dei nuovi corridoi sui territori attraversati?
di Paolo Motta
Featured

Trojan e Spyware: ecco come funzionano e quali sono i rischi

Che cos’è un captatore informatico? Che cosa prevede la legge italiana e quali sono i rischi per i cittadini? Ne parliamo con Roberto De Vita, Presidente dell'Osservatorio Cyber Security dell'Eurispes.
di redazione
Attualità

L’immigrazione in Italia: tra dati reali, (dis)informazione e percezione

L'Immigrazione in Italia: tra dati reali, disinformazione e la tendenza a sovrastimare il fenomeno. Quali sono i numeri e che cosa e pensano i cittadini?
di Raffaella Saso
Il punto

Immigrazione in Italia e in Europa, è ora di voltare pagina

Non è questo il luogo per rifare la storia dell’immigrazione nel nostro Paese sulla quale, peraltro, sono stati scritti migliaia di volumi...
di Gian Maria Fara
Intervista

La Democrazia Cristiana non si può rifare. Follini: «Serve recuperarne la misura”

Che cosa è stata e che cosa ha rappresentato la Democrazia Cristiana? La Dc non si può rifare, eppure esistono ancora i democristiani. Intervista a Marco Follini, uomo politico e dirigente culturale, autore del libro Democrazia Cristiana. Il racconto di un partito
di Alfonso Lo Sardo
Innovazione

La P.A. nella quarta rivoluzione industriale. Governare senza rete

La Pubblica amministrazione nell’epoca della Rete e, paradossalmente, delle incertezze; il ruolo di chi governa e i suoi strumenti: sono le parole chiave del nuovo libro del Presidente del Consiglio nazionale di Legautonomie, Bruno Manzi.
di Ilaria Tirelli
Attualità

Caduta del Muro, “Quando toccai la ferita dentro l’Europa”. Il ricordo

La caduta del Muro di Berlino raccontata ai giovani da chi ne è stato testimone: i ricordi, le sensazioni, la paura, l'euforia, le aspettative e le delusioni. Carmelo Cedrone, responsabile del Laboratorio Europa dell'Eurispes, risponde alle domande degli studenti del Liceo L. A. Seneca di Roma
di Redazione
Attualità

Geopolitica del Muro di Berlino: l’eredità ideale e la memoria popolare

La caduta del Muro che divise l'Europa del Dopoguerra aveva, all'epoca, fatto sperare in un'era di distensione e unità. Tuttavia, sulle vele della storia europea soffia ancora poderoso il vento delle piccole patrie e rigurgiti nazionalisti. L'analisi
di Antonio De Chiara