Metafore per l'Italia

Una raccomandazione: amare l’Italia

«Amare il Paese significa considerarlo non un territorio proprio ma la casa di tutti. Sbaglia quasi sempre, un Governo che si ritiene “il primo” di una nuova era».
Nella la rubrica “Metafore per l’Italia”, pubblichiamo un’altra riflessione del Presidente dell’Eurispes, Gian Maria Fara, contenuta nel nuovo libro L’Italia del “Nì” (Minerva Edizioni).

 

«Quando si parla dei problemi del globo ‒ dal clima alla prospettica penuria di risorse ‒ si ricorda che dobbiamo amare e preservare la Terra, perché è l’unica che abbiamo. Lo stesso andrebbe detto per il nostro Paese: è l’unico che abbiamo, anche se vorremmo vederlo sempre più efficacemente tutelato e protetto dalle sue fragilità. Dobbiamo, dunque, amarlo e proteggerlo, e non considerarlo il palcoscenico di contrasti e di reciproche aggressività con le quali, secondo l’adagio mors tua vita mea, stiamo sempre più caratterizzando i nostri giorni. Amare il Paese significa considerarlo non un territorio proprio ma la casa di tutti. Significa tifare ‒ ma non come una curva da stadio ‒ per i suoi successi, e collaborare per ottenerli, anche nella sacrosanta divisione dei ruoli delle aree culturali e politiche. Sbaglia quasi sempre, un Governo che si ritiene “il primo” di una nuova era. Ciò può essere valido solo per alcune reali svolte: il gabinetto Cavour, insediatosi il 23 marzo 1861, il primo del neonato Regno d’Italia, e il Governo De Gasperi del 13 luglio 1946, il primo dell’Italia repubblicana. Nessuno, tra i governi passati e quelli attuali, è stato l’ultimo o il primo. I governi passano, il Paese resta, e la politica dovrebbe avere il compito di manutenerlo oltre l’orizzonte della successiva elezione. Non si può ottenere rispetto per sé, se non si mostra rispetto per gli altri. Gli anni del secondo dopoguerra, pur burrascosi e assai duri, questa lezione ce l’hanno data. Sarebbe utile ripassarla per bene». (2019)

Ultime notizie
Sicurezza

Vendette digitali e sicurezza sul web

Il revenge porn è parte di un più ampio fenomeno, quello della pornografia non consensuale che non si esaurisce nelle “vendette di...
di redazione
Attualità

Giudici politicizzati, l’esempio americano a confronto con il modello italiano

La scomparsa del giudice (la funzione è al maschile, indipendente dal genere) Ruth Bader Ginsburg, la seconda donna nella storia americana a...
di Angelo Perrone*
Cultura

Piccoli editori, il grande problema della distribuzione

La distribuzione è uno dei nodi fondamentali dell’editoria odierna, non solo perché in continua evoluzione (anche il colosso Amazon è entrato recentemente...
di Roberta Rega
Criminalità e contrasto

Direttore ADM, Marcello Minenna: “Un patto con le Istituzioni contro l’illegalità”

  Dal lavoro dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli svolto durante l’emergenza Covid alla continua sinergia con le Forze dell’ordine con l’unico obiettivo...
di redazione
Video

Direttore ADM, Marcello Minenna: “Un patto con le Istituzioni contro l’illegalità”

  Dal lavoro dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli svolto durante l’emergenza Covid alla continua sinergia con le Forze dell’ordine con l’unico obiettivo...
di Emilio Albertario
Salute

Vaccini: una corsa a ostacoli tra sfiducia e facili entusiasmi

La corsa all’oro di questo 2020 è senz’altro quella in atto, in tutto il mondo, per arrivare al vaccino per il nuovo...
di Roberta Rega
Metafore per l'Italia

Viaggio di uno yankee in Italia

Una delle questioni non risolte che accompagnano l’Italia sin dall’Unità nazionale, è quella della Giustizia. In un interessante pamphlet dal titolo non...
di Gian Maria Fara
Approfondimenti

Obesità infantile: quando il cibo abbonda

I tassi di obesità infantile nel nostro Paese sono considerati tra i più alti: il sovrappeso in Italia interessa circa 1 bambino...
di redazione
Opinioni e commenti

La stortura dei processi a distanza: la giustizia penale in tempo di pandemia

È sotto gli occhi di tutti la estrema gravità dei problemi di ordine sociale, economico, creatasi a causa dell’esplosione, per larga parte...
di Nicola De Fuoco
Società

Pirateria editoriale: Telegram fuori controllo, la stretta delle Forze dell’ordine

La pirateria editoriale costa al mondo dell’editoria circa 670mila euro al giorno, vale a dire 250 milioni ogni anno. L’ultima frontiera delle frodi informatiche si è realizzata attraverso Telegram, con la creazione di canali sui quali scaricare quotidiani, riviste, musica e film.
di Ilaria Tirelli