Piano nazionale di ripresa, strategie territoriali per massimizzare l’impatto degli interventi

Unione europea

La politica delineata dall’Unione europea nel Next Generation EU interviene in modo coordinato e complementare rispetto alla nuova programmazione finanziaria pluriennale derivante dall’Accordo di partenariato 2021-2027, indirizzando le risorse verso un’economia climaticamente neutra, attraverso il Green Deal europeo, e di una società giusta e inclusiva (Social Pillar europeo) nel quadro più generale di convergenza verso gli obiettivi dell’Agenda ONU 2030.
Le dimensioni del bilancio europeo per il 2021-2027, con i suoi oltre 1.800 miliardi di finanziamenti, sono molto più significative rispetto al periodo di programmazione precedente, relativo agli anni 2014-2020, che prevedeva 1.083,3 miliardi di euro[1].

von der Leyen, bilancio europeo come un nuovo “piano Marshall per la ripresa dell’Europa”

La definizione degli accordi di partenariato, ancora in via di finalizzazione, ha seguito un iter molto complesso: alle difficoltà derivanti dal concordare un’allocazione di risorse finanziarie soddisfacente per gli Stati membri si sono affiancati il ricambio dei vertici istituzionali nel 2019, il processo della Brexit e soprattutto, nel 2020, gli effetti economici della pandemia da Covid-19. Il Quadro Finanziario Pluriennale è stato, infatti, integrato con l’obiettivo di fornire una risposta alla crisi economica che si è determinata in conseguenza della pandemia.

Nel discorso pronunciato in occasione della seduta plenaria del Parlamento Europeo il 16 aprile 2020, la presidente von der Leyen ha affermato che il bilancio europeo sarebbe stato di importanza tale da costituire un nuovo “Piano Marshall per la ripresa dell’Europa”.
Al fine di rispondere alle diverse esigenze di sviluppo in tutte le regioni dell’Ue, 392 miliardi di euro sono stati destinati alla politica di coesione per il 2021-2027.

Unione europea, attenzione ai contesti più fragili da un punto di vista socio-economico e geografico

È evidente, dunque, che il raccordo tra i fondi previsti dall’Accordo di Partenariato e dagli altri strumenti del Bilancio dell’Unione europea assume una particolare valenza con riferimento al Dispositivo per la Ripresa e la Resilienza. Per entrambe le misure si pongono infatti come principali sfide l’innovazione tecnologica e digitale ed una transizione economica “verde”. 

Per massimizzare l’impatto degli interventi, è importante agire in modo strategico e coordinato dalla fase di programmazione a quella di attuazione, evitando sovrapposizioni, frammentazioni e duplicazioni e contribuendo a rafforzare gli obiettivi di addizionalità propri della coesione, in particolare nel Mezzogiorno e nelle aree marginali del nostro Paese. Per questo un’attenzione particolare è riservata ai territori e ai contesti più fragili da un punto di vista socio-economico e geografico (aree marginali, periferie urbane, quartieri disagiati, aree di montagna, insulari, aree esposte a rischi naturali, aree di transizione industriale).

Per massimizzare l’impatto degli interventi, è importante agire in modo strategico e coordinato

Per un pieno raggiungimento di questi traguardi di policy, l’Accordo è strutturato in obiettivi strategici. L’ultimo obiettivo (n.5) si caratterizza per i diversi orientamenti utilizzati per la programmazione in base alle tipologie di territori: aree metropolitane, aree urbane medie e altri sistemi territoriali, aree interne, aree costiere. Possiamo quindi affermare che l’Accordo opera per strategie territoriali. Queste scelte di policy evidenziano la necessità di valorizzare l’integrazione tra i fondi che concorrono agli obiettivi strategici, per rafforzarne l’efficacia, pur mantenendo le relative specializzazioni di utilizzo.

Leggi anche

Gli Obiettivi di policy

Basti pensare all’incredibile azione complementare tra il FESR, Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, e il FSE Plus (Fondo Sociale Europeo Plus), che assume rilievo per la gran parte degli Obiettivi di policy, investendo il primo nello sviluppo sociale ed economico di tutte le regioni e città dell’Ue ed il secondo nel sostegno all’occupazione per creare una società equa e socialmente inclusiva nei paesi dell’Unione.

  • Nell’ambito dell’Obiettivo di policy 1, alle azioni di sviluppo delle competenze per la specializzazione intelligente, la transizione industriale e l’imprenditorialità, sostenute con il contributo del FESR, si affiancheranno iniziative di sostegno e rafforzamento delle competenze digitali nelle imprese, ove appropriato attraverso percorsi di formazione sostenuti dal FSE Plus, in collegamento con l’Obiettivo di policy 4.
  • Con riferimento all’Obiettivo di policy 2, il conseguimento della transizione verso un’economia circolare e a basse emissioni di carbonio richiede quali attività determinanti anche l’incremento e diffusione delle competenze, con azioni di formazione ed educazione ambientale da attivare in sinergia con il FSE Plus.
  • Per l’Obiettivo di policy 4, l’integrazione tra i due fondi è cruciale per integrare e rafforzare l’azione ordinaria in tutti gli ambiti in esso compresi (lavoro, istruzione e formazione, inclusione e protezione sociale e salute) nonché per contribuire a valorizzare il ruolo della cultura e del turismo nello sviluppo economico, per l’inclusione e l’innovazione sociale. La specializzazione dell’intervento dei due fondi in questi ambiti vede l’azione del FSE Plus indirizzata a contribuire significativamente alla riduzione delle condizioni di svantaggio, all’accompagnamento delle persone e al rafforzamento dei servizi e l’intervento del FESR focalizzato sulla dotazione e sull’adeguamento infrastrutturale e tecnologico.
  • Nel contesto dell’Obiettivo di policy 5, la Strategia nazionale per le Aree interne e l’Agenda urbana rappresentano ambiti di valorizzazione dell’azione combinata dei fondi nonché il raccordo tra la programmazione europea e le politiche nazionali.

Una più efficace integrazione tra il FESR e il FSE Plus potrà, inoltre, essere realizzata attraverso il ricorso a programmi plurifondo. Tale approccio di intervento, adottato per alcuni programmi nazionali e, auspicabilmente, anche dalla programmazione regionale, può consentire, infatti, di assicurare e massimizzare le necessarie sinergie e complementarietà tra gli interventi dei due fondi.

 

*Responsabile per l’Istituto dell’Osservatorio per lo Sviluppo dei Territori Eurispes/RGS

[1] ai prezzi del 2018.

Ultime notizie
nft
Diritto

NFT: le opere d’arte e il diritto. Il ruolo dei musei

L’opera d’arte nell’epoca degli NFT Walter Benjamin nel saggio del 1936 “L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica” affronta, tra i primi, la criticità della...
di Alessio Briguglio*
nft
upskilling
Economia

Upskilling nella Pubblica amministrazione tra esigenze, opportunità e rischi

L’upskilling, ovvero il miglioramento del profilo professionale, nella PA può tradursi in un investimento per la crescita dell’intero settore pubblico, in un’ottica di maggiore fluidità e intercambiabilità di ruoli e mansioni. Importante è far corrispondere alla crescita delle competenze anche progressioni di carriera.
di Simone Cannaroli
upskilling
continete africano
Mondo

Social media e movimenti di protesta nel continente africano

Il continente africano sta registrando negli ultimi anni un incremento delle proteste giovanili, dovute non solo alla marginalizzazione dei giovani dalla vita politica ed economica: una maggiore accessibilità ad Internet data dalle reti mobili e la diffusione dei social network hanno facilitato le organizzazioni e il dibattito pubblico.
di EMANUELE ODDI
continete africano
anac
Criminalità e contrasto

Anac presenta oggi la sua Relazione annuale alla Camera dei Deputati

Anac presenta oggi la Relazione sulle attività svolte e traccia un bilancio della corruzione in Italia nel 2021. Il nostro Paese migliora di 10 posizioni nell’Indice della percezione della corruzione, ma il Presidente di Anac Busìa pone l’accento sulla importanza di prevenire la corruzione.
di redazione
anac
sughero
Ambiente

Foreste di sughera, una risorsa da difendere per la rinascita dei territori rurali

In Sardegna si concentra circa l’85% delle foreste italiane di sughera, e nel Nord Est è presente la gran parte del patrimonio regionale. Il Report presentato oggi da Eurispes documenta la crisi del settore del sughero nei territori coinvolti e ne valorizza potenzialità e risorse, in primis quelle ambientali e turistiche.
di Carlo Marcetti*
sughero
guardia di finanza
Criminalità e contrasto

Guardia di Finanza, azione costante a tutela di spesa pubblica e cittadini

Per il 248esimo anniversario della sua fondazione, la Guardia di Finanza pubblica un bilancio operativo relativo agli interventi del 2021 e dei primi 5 mesi del 2022. Nel periodo di riferimento, la Guardia di Finanza ha eseguito più di un milione di interventi ispettivi che hanno dato origine a circa 74 mila indagini a contrasto di illeciti in campo finanziario ed economico e delle infiltrazioni criminali.
di redazione
guardia di finanza
Economia

Politiche per la coesione, una sinergia con il Pnrr per la crescita

Il 10 giugno scorso l’Italia ha trasmesso il testo finale dell’Accordo di Partenariato 2021-2027. Il documento, presentato in una sua prima versione...
di Claudia Bugno*
Africa criptovalute
Economia

Africa 2022: il ruolo delle criptovalute

In Africa le criptovalute crescono in maniera costante, tanto che la Repubblica Centrafricana ha adottato la criptovaluta bitcoin come moneta nazionale. Ma se da un lato la criptovaluta incentiva il movimento di denaro per imprese e rimesse provenienti dall’estero, dall’altro pesano le carenze in infrastrutture energetiche e regolamentazione.
di Emanuele Oddi
Africa criptovalute
infrastrutture
Infrastrutture

Infrastrutture, migliorare la comunicazione tra Stato e Regioni per ottimizzare gli interventi. Intervista al Sen.Mauro Coltorti

Le infrastrutture italiane registrano ancora un divario importante tra Nord e Sud secondo il Sen. Mauro Coltorti, divario che forse nemmeno il Recovery riuscirà del tutto a sanare. Gli strumenti per intervenire sono in primis una maggiore comunicazione tra Stato e Regioni, innovazioni e legalità.
di Salvatore Di Rienzo
infrastrutture
nextgenerationeu
Europa

NextGenerationEU, innovativo anche nelle strategie di finanziamento

NextGenerationEU è un piano innovativo, che guarda al futuro anche nelle forme di finanziamento: si utilizzeranno i proventi delle autorizzazioni alle emissioni di gas serra, della tariffa sul carbonio dei prodotti importati altamente inquinanti, nonché i profitti residui delle multinazionali.
di Claudia Bugno*
nextgenerationeu