Chi sono i minori stranieri non accompagnati presenti in Italia

minori stranieri

Secondo i più recenti dati del Ministero degli interni, in Italia nel 2023 finora sono sbarcati sulle nostre coste 115.298 migranti, la maggioranza dei quali proveniente da Guinea, Costa D’Avorio, Tunisia, Egitto e Bangladesh. Di questi, 11.630 sono MSNA (Minori stranieri non accompagnati), ovvero minori che non hanno nessun adulto che si prenda cura di loro. Un numero importante, che può considerarsi in crescita se rapportato ai dati dell’anno scorso, sia come numero di migranti sbarcati che di MSNA. In tutto il 2022, il Ministero dell’Interno ha registrato 62.256 migranti sbarcati in Italia, con una quota di 14.044 minori stranieri non accompagnati. Ad oggi, siamo già quasi al doppio degli arrivi dell’anno scorso sulle nostre coste, ai quali potrebbe corrispondere un aumento anche dei MSNA rispetto al 2022.

Dati, caratteristiche e distribuzione dei MSNA in Italia

I minori stranieri non accompagnati sono in prevalenza di genere maschile (85,1% delle presenze). La quota femminile è aumentata rispetto al 2021 pur restando nettamente minoritaria. Con riferimento all’età, il 44,4% dei MSNA ha 17 anni, il 24% ha 16 anni, l’11,3% ha 15 anni e il 20,3% ha meno di 15 anni (Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali). Al 31 dicembre 2022, i principali paesi di provenienza dei MSNA sono stati l’Ucraina con 5.042 minori, l’Egitto con 4.899, la Tunisia con 1.800, l’Albania con 1.347 e il Pakistan con 1.082. Considerate congiuntamente, queste 5 cittadinanze rappresentano oltre i due terzi dei MSNA presenti in Italia (70,5%). La cittadinanza bangladese ha registrato un decremento importante di 2.272 MSNA rispetto al 2021, mentre la pakistana, l’afghana, l’ivoriana e la gambiana hanno registrato un aumento percentuale rispettivamente del +38%, +94%, +53% e +188%.

Sicilia, Lombardia e Calabria le Regioni a più alto tasso di accoglienza

Rispetto alla distribuzione regionale, la Sicilia rappresenta la regione che accoglie il maggior numero di MSNA (19,5% del totale), seguita da Lombardia (14,3%), Calabria (10,3%), Emilia-Romagna (9%). Queste quattro regioni accolgono oltre la metà dei MSNA presenti in Italia al 31 dicembre 2022. I minori stranieri provenienti dall’Ucraina si concentrano in prevalenza in Lombardia ed Emilia Romagna, regioni in cui il sistema di accoglienza è, secondo alcuni studi, meglio distribuito e organizzato. I minori stranieri provenienti dall’Egitto si concentrano in prevalenza in Sicilia, Lombardia e Calabria, quelli provenienti dalla Tunisia in maggioranza in Sicilia e in Emilia Romagna, quelli albanesi in Toscana, Emilia Romagna e Lombardia mentre quelli del Pakistan sono presenti soprattutto in Friuli Venezia Giulia. I minori stranieri provenienti dall’Afghanistan si trovano soprattutto in Calabria (Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali).

Le minori straniere non accompagnate sono il 14,9%

Le minori straniere non accompagnate rappresentano il 14,9% dei MSNA presenti nel Paese al 31 dicembre del 2022. Confrontando i dati dello scorso anno con quelli passati si registra un considerevole aumento. Il 48% delle minori presenti ha un’età compresa fra i 7 e i 14 anni, il 16% ha 17 anni, il 15% ha 16 anni, il 12% ha 15 anni e il 9% ha meno di 6 anni (Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali). La maggioranza di esse proviene dall’Ucraina, l’86,1% del totale delle presenze femminili. Seguono le minori originarie della Costa d’Avorio (3,2%) e dell’Eritrea (2%). Lombardia ed Emilia Romagna accolgono assieme circa il 40% del totale di MSNA a livello nazionale. Le minori ucraine incidono sul totale delle presenze femminili per oltre il 90% in 13 regioni italiane (Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali).

Maltrattamenti di MSNA e le risposte istituzionali

Così come evidenziato anche nel Rapporto Italia 2023 dell’Eurispes, la percentuale di minorenni stranieri in carico ai servizi sociali per motivi riconducibili alla violenza è tre volte superiore rispetto a quella dei giovani italiani. Questa maggiore esposizione è rilevata anche sotto il profilo clinico che deriva dall’esperienza della migrazione forzata nei minori. In molti di essi, infatti, è stata rilevata la presenza del Disturbo da stress post-traumatico (DSPT) con un rischio dieci volte più alto rispetto ai minori nati nel paese ospitante.

L’uscita dei minori stranieri dal sistema di accoglienza italiano

Nel corso del 2022, secondo i dati del Sistema Informativo Minori (SIM), 19.723 minori stranieri non accompagnati sono usciti dal sistema di accoglienza italiano. Per oltre la metà dei casi (52%) la motivazione di uscita è il compimento della maggiore età, per il 38% l’allontanamento è per volontà del minore stesso per ragioni diverse. Il rimanente 10% degli eventi di uscita è riferibile ad altri motivi quali l’affido, il rintraccio dei genitori o di adulti legalmente responsabili, il rimpatrio volontario assistito e la relocation.

Gli allontanamenti volontari dei MSNA dal sistema di accoglienza

I minori che hanno abbandonato il sistema di accoglienza italiano nel 2022 sono stati 7.526. Un minore di sesso maschile su quattro entrati nel 2022 si è allontanato volontariamente dalla struttura di accoglienza nel corso dello stesso anno, mentre per i minori di genere femminile gli eventi di allontanamento sono stati molto più rari, ossia 1 caso ogni 20 (Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali). Le tre cittadinanze maggiormente rappresentate tra i minori che si sono allontanati volontariamente sono quella tunisina, pari al 22% del totale, quella egiziana pari al 21,8% e quella afghana, pari al 18,4% del totale. I minori che si allontanano di propria volontà dalla struttura dove sono stati accolti spesso lo fanno per raggiungere la meta del loro progetto migratorio che è sempre di natura collettiva o sociale. Rispetto all’area di partenza, i dati evidenziano che un terzo dei minori arrivati nel 2022 nelle regioni del Sud e nelle Isole si sono poi allontanati nello stesso anno.

Leggi anche

*Marco Omizzolo, sociologo, ricercatore dell’Eurispes.

Ultime notizie
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento
educazione
Istruzione

Perché l’educazione è la causa delle cause. Per una pedagogia della Nazione

Il tema dell’educazione non è uno tra i tanti. Nella società della conoscenza rappresenta il settore decisivo del progresso e dell’innovazione. Eppure, assistiamo a una metamorfosi antropologica e ad una ibridazione tra virtuale e reale che necessitano di una base culturale fondata su un sistema educativo solido.
di Mario Caligiuri*
educazione
isole
Intervista

La condizione sociale e culturale nelle isole, intervista al Prof. Orazio Licciardello

Le isole come luogo geografico, sociale, economico nell’intervista al prof. Orazio Licciardello, Ordinario di Psicologia Sociale presso l’Università di Catania. Il principio di insularità è preceduto da quello di isolanità, una condizione a sé, un dato di fatto che presuppone da sempre un altrove.
di redazione
isole
scuola
Istruzione

La Scuola è una priorità che va oltre la politica

La Scuola italiana è stata oggetto di riforme di ogni governo avvicendatosi negli ultimi anni, senza riuscire a dare una vera impronta rispetto alla Riforma Gentile. Ma il ruolo della Scuola e della ricerca nel futuro del Paese è cruciale, e deve andare oltre i trend politici del momento.
di Gian Maria Fara*
scuola
nomadi digitali
Lavoro

Nomadi digitali, evoluzione in grado di generare opportunità di crescita

I nomadi digitali non rappresentano solo un cambio nella concezione del lavoro, bensì una opportunità di sviluppo delle zone rurali. Se il lavoro da remoto riguarda già il 36% dei lavoratori autonomi in tutta Europa, l’Italia può diventare méta per smart workers nelle molte aree interne e rurali a rischio spopolamento.
di redazione
nomadi digitali