Germania: la mafia è italiana. Intervista a Carsten Moritz della Polizia Federale tedesca

la mafia è in germania

Continua l’indagine dell’Eurispes sul significato e la presenza delle mafie in Europa e non solo. Dopo la Svizzera, l’Albania, il focus si rivolge alla Germania, il motore economico dell’Europa. La Germania che, appena dopo la caduta del Muro di Berlino, diventa d’interesse delle nostre mafie. Un momento consolidato anche da un’intercettazione captata durante l’operazione “Europa” del boss della ’Ndrangheta, Salvatore Filippone, condotta dalla Guardia di Finanza e dalla Procura di Locri.  Filippone, rivolgendosi ad un affiliato e riferendosi proprio alla Germania dice: «compra, compra, compra tutto quello che puoi». Altro tema dominante è il terribile fenomeno della tratta di esseri umani e ne discutiamo con Carsten Moritz, capo dell’unità contro il traffico di esseri umani della Polizia Federale tedesca, la Bundeskriminalamt (BKA).

 

In Germania, dove è avvenuta la strage di Duisburg nel 2007, che di fatto ha dimostrato la presenza dellaNdrangheta sul territorio tedesco, qual è il quadro attuale della presenza delle mafie, quanto sono presenti nel tessuto sociale ed economico?

Secondo l’Ufficio federale di polizia criminale, la Ndrangheta è il gruppo criminale dell’area del crimine organizzato italiano di tipo mafioso più diffuso in Germania. Questa valutazione è supportata da esempi come singoli complessi investigativi di alto profilo. Il Rapporto della BKA sulla situazione della criminalità organizzata del 2019 mostra che 19 dei 594 procedimenti preliminari erano diretti contro membri della criminalità organizzata italiana. In 13 di queste indagini, l’attenzione si è concentrata su gruppi criminali del tipo della Mafia Ndrangheta, Cosa Nostra e Camorra.

 

È più corretto parlare di criminalità organizzata o di mafia in Germania? Molte volte c’è questa confusione, dal suo punto di vista qual è l’approccio più corretto?

“Criminalità organizzata” è un termine ombrello che si applica a vari gruppi. Con il termine “mafia” o “metodo mafioso” ci rifacciamo alla fattispecie dell’articolo 416bis del Codice penale italiano e ci limitiamo qui agli autoctoni, cioè, ad esempio, ai gruppi criminali di origine italiana, come Cosa Nostra, la Stidda, la Camorra, la Ndrangheta o la criminalità organizzata pugliese. Di regola, però, si parla qui di Italienischer organisierter Kriminalität (IOK) ovvero di “Criminalità Organizzata Italiana(COI)” , poiché questa terminologia corrisponde più da vicino alla definizione tedesca.

 

Il traffico di esseri umani è uno dei problemi che colpisce tutta l’Europa, abbiamo mezzi efficaci per combatterlo e quanto è grave il coinvolgimento delle mafie in questo traffico?

I principali campi di attività delle mafie italiane sono il traffico di droga, il riciclaggio di denaro e, in misura minore, la frode e l’estorsione di denaro (quella che viene definita “protezione”); i fenomeni mafiosi legati al campo dell’agricoltura, ovvero le agromafie, oppure inerenti il settore delle costruzioni, il comparto edilizio sono casi isolati che si osservano anche in Germania. Secondo il Rapporto federale sulla situazione “Tratta di esseri umani e sfruttamento” del 2019, il grado di organizzazione dei gruppi di attori attivi nel campo della tratta di esseri umani in Germania è variabile. Si va da figure singole, individuali, a gruppi di criminalità organizzata che operano a livello internazionale. Le indagini in questo settore rendono chiaro che le aree criminali del traffico e dello sfruttamento di esseri umani rappresentano campi di attività molto lucrosi per i gruppi criminali. La maggior parte dei procedimenti in questo campo sono stati condotti sulla base del traffico di esseri umani a scopo di sfruttamento sessuale. Il BKA non ha, al momento, informazioni sul coinvolgimento di gruppi mafiosi italiani nel traffico di esseri umani.

 

Lei è a capo della divisione che si occupa della lotta al traffico di esseri umani, quale operazione l’ha colpita di più tra le tante che ha affrontato e perché?

Di regola, ogni indagine su un sospetto traffico di esseri umani, in tutte le sue forme, si basa su una grave violazione dei diritti umani. Aggredisce le persone in situazioni di vulnerabilità e richiede una lotta sostenuta e continua. Il fatto che le indagini coinvolgano sempre la vita delle persone – è necessario sottolinearlo ‒ rende necessario combattere questo fenomeno con tutti i mezzi disponibili. Allo stesso tempo, ogni indagine presenta sempre nuove sfide alle Autorità di polizia. Due importanti indagini internazionali nell’area del “traffico di esseri umani” possono essere citate come esempi: nel 2017/2018, il BKA ha sostenuto e coordinato un’indagine congiunta con la National Crime Agency inglese e con la Direzione Investigativa Criminale di Trier (città tedesca al confine con il Lussemburgo) contro una trafficante nigeriana, una madame, con residenza a Londra. Dopo la conclusione positiva dell’indagine, la madame è stata infine condannata nel Regno Unito a 18 anni di reclusione per cinque capi d’accusa per traffico di esseri umani a scopo di sfruttamento sessuale. La base principale del processo è stata l’ampia testimonianza delle vittime nigeriane che si trovavano in Germania. Il tribunale si è concentrato sulla gravità dei reati a causa della violenza fisica e psicologica nei confronti delle vittime, sottolineando in particolare la buona fede e la posizione di debolezza delle vittime. Un’altra indagine è stata coordinata a livello internazionale e sostenuta dalla BKA dal 2017 al 2019. Il procedimento, condotto per conto della procura di Bochum per sospetto traffico di esseri umani a scopo di sfruttamento sessuale, era diretto contro un gruppo criminale nigeriano attivo a livello internazionale con legami con la confraternita Black Axe. Nel corso delle indagini, è stato possibile identificare un totale di 23 vittime, reclutate dalla rete di esecutori in Nigeria dopo aver fatto un giuramento voodoo e contrabbandate via mare attraverso la Libia in Italia e da lì in Germania. Il principale sospettato è stato arrestato poco prima che le misure cautelari fossero applicate anche in Italia, perché anche le autorità investigative italiane stavano conducendo in parallelo un’indagine sotto copertura contro lo stesso sospettato. È stato condannato in Germania a otto anni e tre mesi di reclusione. In questo caso, un’enfasi particolare è stata posta sulla spregiudicatezza esercitata nei confronti delle vittime, compresi gli aborti illegali.

 

In Germania, c’è una sensibilità nella società civile sui temi della criminalità organizzata, del traffico di esseri umani: è un fenomeno che riguarda solo la polizia, e cosa si dovrebbe fare per aumentare la sensibilità civile?

La questione del traffico di esseri umani è continuamente sotto i riflettori e viene tenuta presente presso l’opinione pubblica e nei media in Germania. Combattere con successo il traffico di esseri umani in tutte le sue sfaccettature richiede una stretta collaborazione tra tutti i partner di cooperazione interessati dal problema. Nel cosiddetto approccio multidisciplinare, oltre alla polizia, vanno menzionati i centri di consulenza specializzati e, nel settore dello sfruttamento del lavoro, per esempio il controllo doganale/finanziario dell’occupazione clandestina. Le misure di educazione e formazione a tutti i livelli, così come le campagne di prevenzione, costituiscono la base necessaria per aumentare la consapevolezza su un reato che è un crimine contro l’umanità.

 

Lintervista è disponibile anche in inglese

Germany: the mafia is Italian. Interview with Carsten Moritz of the German Federal Police

 

Ultime notizie
nft
Diritto

NFT: le opere d’arte e il diritto. Il ruolo dei musei

L’opera d’arte nell’epoca degli NFT Walter Benjamin nel saggio del 1936 “L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica” affronta, tra i primi, la criticità della...
di Alessio Briguglio*
nft
upskilling
Economia

Upskilling nella Pubblica amministrazione tra esigenze, opportunità e rischi

L’upskilling, ovvero il miglioramento del profilo professionale, nella PA può tradursi in un investimento per la crescita dell’intero settore pubblico, in un’ottica di maggiore fluidità e intercambiabilità di ruoli e mansioni. Importante è far corrispondere alla crescita delle competenze anche progressioni di carriera.
di Simone Cannaroli
upskilling
continete africano
Mondo

Social media e movimenti di protesta nel continente africano

Il continente africano sta registrando negli ultimi anni un incremento delle proteste giovanili, dovute non solo alla marginalizzazione dei giovani dalla vita politica ed economica: una maggiore accessibilità ad Internet data dalle reti mobili e la diffusione dei social network hanno facilitato le organizzazioni e il dibattito pubblico.
di EMANUELE ODDI
continete africano
anac
Criminalità e contrasto

Anac presenta oggi la sua Relazione annuale alla Camera dei Deputati

Anac presenta oggi la Relazione sulle attività svolte e traccia un bilancio della corruzione in Italia nel 2021. Il nostro Paese migliora di 10 posizioni nell’Indice della percezione della corruzione, ma il Presidente di Anac Busìa pone l’accento sulla importanza di prevenire la corruzione.
di redazione
anac
sughero
Ambiente

Foreste di sughera, una risorsa da difendere per la rinascita dei territori rurali

In Sardegna si concentra circa l’85% delle foreste italiane di sughera, e nel Nord Est è presente la gran parte del patrimonio regionale. Il Report presentato oggi da Eurispes documenta la crisi del settore del sughero nei territori coinvolti e ne valorizza potenzialità e risorse, in primis quelle ambientali e turistiche.
di Carlo Marcetti*
sughero
guardia di finanza
Criminalità e contrasto

Guardia di Finanza, azione costante a tutela di spesa pubblica e cittadini

Per il 248esimo anniversario della sua fondazione, la Guardia di Finanza pubblica un bilancio operativo relativo agli interventi del 2021 e dei primi 5 mesi del 2022. Nel periodo di riferimento, la Guardia di Finanza ha eseguito più di un milione di interventi ispettivi che hanno dato origine a circa 74 mila indagini a contrasto di illeciti in campo finanziario ed economico e delle infiltrazioni criminali.
di redazione
guardia di finanza
Economia

Politiche per la coesione, una sinergia con il Pnrr per la crescita

Il 10 giugno scorso l’Italia ha trasmesso il testo finale dell’Accordo di Partenariato 2021-2027. Il documento, presentato in una sua prima versione...
di Claudia Bugno*
Africa criptovalute
Economia

Africa 2022: il ruolo delle criptovalute

In Africa le criptovalute crescono in maniera costante, tanto che la Repubblica Centrafricana ha adottato la criptovaluta bitcoin come moneta nazionale. Ma se da un lato la criptovaluta incentiva il movimento di denaro per imprese e rimesse provenienti dall’estero, dall’altro pesano le carenze in infrastrutture energetiche e regolamentazione.
di Emanuele Oddi
Africa criptovalute
infrastrutture
Infrastrutture

Infrastrutture, migliorare la comunicazione tra Stato e Regioni per ottimizzare gli interventi. Intervista al Sen.Mauro Coltorti

Le infrastrutture italiane registrano ancora un divario importante tra Nord e Sud secondo il Sen. Mauro Coltorti, divario che forse nemmeno il Recovery riuscirà del tutto a sanare. Gli strumenti per intervenire sono in primis una maggiore comunicazione tra Stato e Regioni, innovazioni e legalità.
di Salvatore Di Rienzo
infrastrutture
nextgenerationeu
Europa

NextGenerationEU, innovativo anche nelle strategie di finanziamento

NextGenerationEU è un piano innovativo, che guarda al futuro anche nelle forme di finanziamento: si utilizzeranno i proventi delle autorizzazioni alle emissioni di gas serra, della tariffa sul carbonio dei prodotti importati altamente inquinanti, nonché i profitti residui delle multinazionali.
di Claudia Bugno*
nextgenerationeu