Nomadi digitali, evoluzione in grado di generare opportunità di crescita

nomadi digitali

Sono freelance o impiegati che scelgono di lavorare da remoto senza vincoli di spazio: si chiamano “nomadi digitali”, e ne abbiamo sentito parlare con maggiore frequenza dalla pandemia in poi. Il fenomeno del nomadismo digitale costituisce il risultato di un processo di trasformazione tecnologica in atto da tempo, ma sicuramente questa deriva è stato accelerata dalla pandemia.

Il lavoro ibrido al tempo della Great Resignation

A livello globale è oggi in corso un processo di evoluzione delle dinamiche lavorative, dovuto a cambiamenti strutturali, tecnologici e sociali resi ancora più profondi dalla crisi pandemica. Secondo le previsioni di AT&T, mentre il lavoro totalmente da remoto dovrebbe subire un importante calo dal 2021 al 2024 (dal 56% al 19%), il lavoro ibrido conoscerà una crescita del +39%. Lo shock pandemico, nel suo complesso, non ha solo reso necessaria una riorganizzazione delle attività lavorative, ma ha anche ristrutturato la scala delle priorità e dei valori dei lavoratori. La necessità di vivere ampiamente il proprio tempo di vita, di dare qualità alle giornate oltre al lavoro, sono ormai diventati aspetti prioritari per milioni di lavoratori nel mondo, così come sottolineato anche nell’approfondiemento dedicato al nomadismo digitale pubblicato nel Rapporto Italia 2023 dell’Eurispes. Secondo i dati del Work Index Trend di Microsoft, uno studio condotto nel 2022 in 31 paesi tra cui l’Italia, il 53% dei lavoratori è disposto ad anteporre la propria salute e il proprio benessere al lavoro. L’ ultimo Work Index Trend, del 2023, ha invece preso in esame le ricadute dell’IA sul mondo del lavoro, evidenziando anche in questo caso l’attenzione verso le condizioni e i carichi di lavoro. I timori verso l’IA contano meno del benessere al lavoro: se il 42% degli Italiani dichiara di temere che l’AI sostituisca il proprio lavoro, il 62% afferma di voler delegare più lavoro possibile all’AI per ridurre il proprio carico. Inoltre, i dati del report dimostrano che in Italia il 27% dei leader aziendali sarebbe disposto ad utilizzare gli strumenti di AI per supportare la propria forza lavoro, invece di sostituirla

Il 52% dei nomadi digitali si definisce dipendente o collaboratore di aziende, mentre il 38% svolge un lavoro autonomo

Lo shock pandemico ha anche dato luogo al fenomeno della “paranoia della produttività”: un aumento esponenziale di produttività da parte dei lavoratori, in risposta alla sempre maggior insicurezza dei manager riguardo alla produttività dei loro dipendenti. Secondo il Work Index Trend di Microsoft, i dipendenti dichiarano per l’87% di essere produttivi a lavoro, mentre l’85% dei manager sostiene come il passaggio al lavoro ibrido abbia reso difficile appurare la produttività dei dipendenti. Anche per questo, nel 2022, il numero di riunioni settimanali è aumentata del 252% a livello globale rispetto all’inizio della pandemia. La paranoia della produttività si scontra dunque con le nuove consapevolezze dei lavoratori. Intanto la Great Resignation è sempre più orientata verso il Great Reshuffle – una tendenza economica in cui milioni di professionisti hanno lasciato il lavoro a partire dalla primavera del 2021 in cerca di carriere più appaganti e in linea con i propri obiettivi e valori. Ciò, in forza del fatto che il 37% dei lavoratori (il 49% dei Gen Z e dei Millennial) dichiara la volontà di prendere in considerazione un nuovo impiego nel prossimo anno. Per quanto riguarda la Great Resignation, alcuni dati affermano che sia un movimento sul viale del tramonto: negli Stati Uniti il numero di persone che ha lasciato il proprio lavoro è ritornato ai livelli pre-covid, presagendo forse una controtendenza che si estenderà oltre i confini nordamericani.

Chi sono i nomadi digitali in Italia

Gran parte dei remote worker, sebbene contempli la possibilità di viaggiare e lavorare da un’altra località, ha una casa da cui lavora per la maggior parte del tempo. Stando ai dati del “Secondo Rapporto sul Nomadismo Digitale in Italia”, promosso dall’Associazione Italiana Nomadi Digitali e da Airbnb, i protagonisti del fenomeno del nomadismo digitale in Italia sono lavoratori (35%) tra i 35 e i 44 anni; a seguire giovani tra i 25 e i 34 anni, mentre è minore la percentuale di nomadi digitali over 45 (15%), con meno di 24 anni (10%) o over 55 (5%). I dati su base globale raccolti da MBO Partners confermano uno sbilanciamento dei nomadi digitali a verso la generazione Millennial (44%), immediatamente seguiti dai Gen X (23%) e dai Gen Z (21%). La distribuzione per genere nel nostro Paese mostra uno sbilanciamento per le donne (54% contro il 45% di uomini), in opposizione alle tendenze globali, dove più uomini (59%) scelgono di diventare nomadi digitali rispetto alle donne (41%). Il 52% dei nomadi digitali si definisce dipendente o collaboratore di aziende, mentre il 38% svolge un lavoro autonomo. In Italia appartengono a settori caratterizzati da alto valore aggiunto, come quello della comunicazione e del marketing (27%), della formazione (14%) e dell’informatica (13%). Su base globale, i nomadi digitali dichiarano di avere competenze tecnologiche elevate, il 77% utilizza la tecnologia per essere più competitivo nel proprio lavoro, contro il 41% di coloro che non sono nomadi digitali.

Il 36% dei lavoratori autonomi in tutta Europa lavora abitualmente da remoto

Dai dati emersi nel “Terzo Rapporto sul Nomadismo Digitale in Italia”, incentrato sulle ricadute positive del nomadismo in termini di sostenibilità e appetibilità di aree rurali italiane, scaturiscono ulteriori informazioni aggiuntive sui nomadi digitali. Innanzitutto, il 36% dei lavoratori autonomi in tutta Europa lavora abitualmente da remoto (Eurofound). Per quanto riguarda il nostro Paese, stima che nel 2024 in Italia i lavoratori da remoto saranno 3,65 milioni, e che il 14% dei lavoratori che già lavora da remoto ha deciso di cambiare casa, preferendo spesso zone periferiche o piccole città, alla ricerca di uno stile di vita diverso (Osservatorio Smart Working).

L’Italia è una destinazione attraente per i remote workers

Nella scelta di una destinazione per lavorare da remoto, le variabili discriminanti risultano essere una buona connessione a Internet, il bel tempo, il basso costo della vita, un visto facile da ottenere e le attrazioni locali. Tra le migliori destinazioni per i lunghi soggiorni: Indonesia, Messico, Tailandia, Spagna, Colombia, Portogallo; per i brevi soggiorni, invece: Francia, Brasile, Islanda, Costa Rica e Nuova Zelanda. I remote worker italiani e stranieri intervistati nel “Secondo Rapporto sul Nomadismo Digitale in Italiahanno dichiarato di essere interessanti a vivere la propria esperienza di nomadismo digitale in Italia (93%). Ad attrarli sono soprattutto il Sud (25%) e le Isole (18%), presso località balneari (61%) o a stretto contatto con la natura (41%), nelle città d’arte (39%), mentre risultano meno attrattive le località di montagna (22%) e quelle di collina o entroterra (12%). A influenzare la scelta finale della destinazione intervengono, anche in Italia, la qualità della connessione Internet (65%), il costo della vita (61%), le attività culturali (40%). Non costituisce un elemento influente nella scelta la stagione, il 42% dei nomadi digitali viaggerebbe in Italia durante tutto l’anno, confermando la significativa opportunità di questo fenomeno nella destagionalizzazione dei flussi turistici.

Nomadi digitali in Italia, favorire contratti di locazione temporanea e una normativa ad hoc

Come emerso anche nel “Terzo Rapporto sul Nomadismo Digitale in Italia”, il nostro Paese risulta essere una méta appetibile per i nomadi digitali per condizioni climatiche, caratteristiche paesaggistiche e demografiche, ricchezza culturale e artistica. In particolare l’Italia si candida come méta dei nomadi digitali nelle molte aree interne e rurali a rischio di spopolamento, piccoli comuni e borghi, che troverebbero nel nomadismo digitale una chiave di crescita economica, culturale, nonché possibilità di miglioramento nella fornitura di servizi e connettività a Internet, come conseguenza. Ciò si scontra, come sottolinea il Rapporto, con una serie di mancanze a livello normativo, in grado, ad esempio, di favorire contratti di locazione temporanea, oltre alla necessità impellente di istituire in Italia un “Digital Nomad Visa” per attrarre e accogliere professionisti stranieri – principalmente provenienti da paesi non comunitari. Emerge, insomma, l’esigenza di istituire nel nostro Paese la figura del “Residente Temporaneo di Comunità”, con tutte gli snellimenti burocratici del caso. Si tratterebbe di una svolta normativa in grado di aprire orizzonti di crescita e miglioramento a numerosi borghi e cittadine italiane che oggi rischiano di scomparire.

Leggi anche

Ultime notizie
Relazione DIA
Criminalità e contrasto

Relazione Semestrale DIA, la mafia si insinua anche grazie ai traffici di droga e di armi

La Relazione DIA relativa al primo semestre 2023 è stata resa nota questa mattina. Le mafie emergono come fenomeni sempre più mutevoli che cambiano forme e modalità di azione, adattandosi ai contesti socio-economici. Il traffico di droga resta la fonte maggiore di profitto per i clan, mentre si rileva la presenza di un traffico di armi, anche da guerra.
di redazione
Relazione DIA
economia africana
Mondo

Come va l’economia africana? La realtà del Continente al di là dei macro-dati

L’economia del Continente africano crescerà tra il 3,8% e il 4% nel 2024 e sarà la seconda economia a livello mondiale dopo quella asiatica, ma i dati reali, non meramente legati a fattori economici, descrivono una realtà più incerta e mutevole, determinata dai conflitti, dall’instabilità politica e da disastri naturali ed eventi climatici, come la siccità.
di Emanuele ODDI*
economia africana
rimesse economiche
Immigrazione

L’importanza sociale delle rimesse economiche dei migranti

Le rimesse economiche dei migranti rappresentano una risorsa per il paese d’origine che le riceve, oltre a un diritto e un mezzo di emancipazione di molte famiglie dalla povertà. Ma allo stesso tempo, queste possono creare squilibri nel tessuto sociale: una ricchezza, dunque, che andrebbe guidata da progetti di investimento strutturati.
di Marco Omizzolo*
rimesse economiche
Intervista

Neuroscienze della narrazione, lo storytelling nell’era dell’Intelligenza artificiale

“Neuroscienze della narrazione” è il saggio di Marco La Rosa, pubblicato da Hoepli, che analizza presente e futuro dello storytelling nell’era dell’IA. Oltre al rischio di un eccessivo appiattimento dei contenuti, come già accade per le immagini generate da IA, La Rosa allerta sulla condizione dell’“uomo di vetro”, ovvero privato della sua riservatezza.
di Massimiliano Cannata
migrazione e asilo
Europa

Nuovo Patto europeo su migrazione e asilo, manca un vero equilibrio tra responsabilità e solidarietà

Il nuovo Patto europeo su migrazione e asilo ha generato notevoli perplessità sul fronte dei diritti umani e della solidarietà tra Stati Ue, in particolare sul trattamento dei minori e sulla possibilità data agli Stati membri di rifiutarsi di ospitare i richiedenti asilo in cambio di un contributo finanziario alla gestione dei processi di rimpatrio.
di Ugo Melchionda*
migrazione e asilo
violenza di genere
Società

Giovani e violenza di genere. I dati della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Violenza di genere, un report del Servizio Analisi Criminale delle Forze di Polizia analizza il fenomeno in una ottica generazionale. I delitti in àmbito affettivo e familiare sono in calo, ma troppo spesso riguardano vittime e autori con meno di 34 anni, con prevalenza di giovani adulti. Il 76% delle donne vittime di violenze sessuali ha meno di 34 anni.
di redazione
violenza di genere
competenze digitali
Lavoro

Competenze digitali e nuove priorità nel mondo del lavoro, l’appuntamento Adnkronos Q&A

Attrarre nuovi talenti, valorizzare la formazione specifica e investire sulle persone: questi i temi al centro del nuovo appuntamento Adnkronos Q&A, con focus su parità e gender gap
di redazione
competenze digitali
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati dell’Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang