Come la digitalizzazione sta cambiando il modo in cui paghiamo

pagamenti digitali

Se i pagamenti digitali sono divenuti la norma, le nuove frontiere del digital pay spingono e si evolvono per adattarsi sempre più alle esigenze degli utenti. Siamo oramai digitali non solo nella sfera personale e sociale, ma anche da consumatori: il mondo in cui paghiamo i beni e i servizi si è convertito ben presto nel comandamento del pay digital, pagamenti online per acquisti in e-commerce. Ad oggi, la prospettiva di pagare ogni sorta di prodotto direttamente dal proprio smartphone sta abbattendo le resistenze anche dei consumatori più scettici o restii al cambiamento. Ma numerose sono le novità e le alternative di consumo offerte dall’online. In generale, la World Trade Organization definisce il commercio elettronico come la «produzione, distribuzione, commercializzazione, vendita o consegna di beni e servizi per via elettronica».

Lo sviluppo della popolazione digitale: 5,16 miliardi utenti di Internet, il 64,4% della popolazione mondiale è online

Gli utenti Internet sono più che raddoppiati negli ultimi dieci anni (fonte: WeAreSocial), da 2,534 miliardi nel 2013 a 5,158 miliardi a gennaio 2023, risultato di una media annuale intorno all’8,6%, e del 4% negli ultimi 12 mesi. Ci sono 5,16 miliardi utenti di Internet, e il 64,4% della popolazione mondiale è ora online. Il totale degli utenti Internet globali è aumentato dell’1,9% negli ultimi 12 mesi. In Italia l’86,7% della popolazione (circa 50 milioni) è digitalizzata e utilizza Internet giornalmente. Quasi il 75% della popolazione è attivo sui Social media. Il livello di prodotti acquistati online si assesta sul 47%, valore molto simile rispetto a quello dello scorso anno, mentre aumenta il numero di persone che hanno acquistato prodotti online +1,7 milioni rispetto al 2022 (37.30 milioni di acquirenti online).

In Italia l’86,7% della popolazione è digitalizzata e utilizza Internet giornalmente

Una prima novità si chiama Pay Per Use, il modello commerciale digital-enabled, grazie al quale il consumo dei prodotti non prevede il passaggio di proprietà degli stessi ma solo l’acquisizione del diritto di utilizzo. Il continente che avrà il più alto tasso di crescita nel settore fino al 2030 è l’Europa. Il Pay Per Use si è sviluppato fra i mercati di beni di consumo tradizionalmente fondati sulla proprietà all’interno ‒ automotive, elettrodomestici e fashion, su tutti ‒ ma anche su servizi come la RC auto. La prima tipologia di guadagno legata al Pay Per Use deriva dalla flessibilità del modello, che ha un potenziale attrattivo considerevole, tale da abbattere barriere culturali o economiche all’acquisto. La seconda fonte di guadagno è data dalla possibilità di un acquisto integrato più intenso. Nel settore del digitale, ad esempio, alcuni editor offrono formule ibride, basate su un abbonamento mensile più opzioni aggiuntive. La terza fonte di guadagno è rappresentata dalle percentuali di interessi che gli utenti pagano ad ogni singolo utilizzo (solitamente il 2% della cifra pagata) calcolate sulla rata prestazionale. In Italia la prima resistenza al Pay Per Use sembra essere rappresentata da una radicata “cultura della proprietà”. In questo senso, la maggior parte degli italiani dichiara di preferire la proprietà di un bene rispetto al semplice possesso (dati Istat). Di contro, un grande vantaggio rappresentato dal Pay Per Use è il contrasto all’obsolescenza dei prodotti acquistati.

Il sistema dei pagamenti online: Buy Now Pay Later

In un contesto di rapida evoluzione è emerso come utile strumento il Buy Now Pay Later, ovvero un tipo di finanziamento a breve termine che consente all’utente di ottenere il prodotto che desidera pagandolo in diverse rate e senza interessi. L’aumento dei tassi di inflazione e la conseguente erosione del potere di acquisto hanno fornito terreno fertile per il Buy Now Pay Later. Gli altri driver sono riconducibili alla tendenza sempre più consolidata del “subscription lifestyle”, ovvero sistemi di pagamento automatizzati per il rinnovo di servizi di abbonamento. Nel sondaggio condotto da TRC Market Research e commissionato da Paypal, il 76% degli intervistati ha ammesso di ricorrere all’utilizzo del BNPL per gestire il flusso di cassa. Secondo un’indagine effettuata da McKinsey sui pagamenti digitali del 2021, il 21% degli intervistati avrebbe effettuato un acquisto di importo minore o non avrebbe acquistato affatto se non fosse stata presente come modalità di pagamento il BNPL. Il 39% ha usato il BNPL in alternativa alla carta di credito, il 31% ha utilizzato il BNPL in alternativa alla carta di debito o ai contanti. Dal 2021 al 2030 si prevede che il mercato globale del Buy Now Pay Later aumenterà a un tasso annuo di crescita composto (CARG) del 45,7%, arrivando a valere nel 2030 a 3,98 trilioni di dollari. Complessivamente, le previsioni indicano un incremento annuo del 10,9% tra 2021 e 2025 per i volumi BNPL in Italia, per un valore di mercato atteso di circa 14,5 miliardi di euro nel 2025. Il Buy Now Pay Later interessa solo il 3% del commercio elettronico nel mercato italiano ma, secondo l’osservatorio Hybrid lifestyle, questo strumento riscuote l’interesse del 50% degli italiani, in particolare nella fascia d’età compresa tra i  45 e i 54 anni. Dal mercato italiano emergono dati interessati in merito all’utilizzo dei sistemi di Buy Now Pay Later rispetto ai vari segmenti generazionali. Nell’esplorazione dei dati viene confermata la tendenza del fenomeno soprattutto verso le generazioni più giovani ma rileva anche che la crescita maggiore è avvenuta tra i membri della generazione dei Baby Boomers, con un trend medio di crescita del 173%.

I dati dell’indagine Eurispes sulle nuove piattaforme a tasso zero

Secondo l’ultima indagine condotta dall’Eurispes e contenuta nel Rapporto Italia 2023, per affrontare l’acquisto di nuovi beni, nel 2023, il 45,8% degli italiani ha optato per la rateizzazione dei pagamenti e fra le opzioni di rateizzazione, il 16,3% ha scelto piattaforme on line che offrono servizi finanziari senza interessi (ad es. Klarna, Scalapay, ecc.). Quest’ultimo sembra uno dei fenomeni più interessanti da osservare nei prossimi anni, destinato sicuramente a crescere grazie alla formula “tasso zero” che consente di dilazionare piccoli pagamenti.

Nel 2022 in Italia sono stati transati 390 miliardi di euro con pagamenti digitali basati su carta, ovvero il 40% dei consumi

I pagamenti digitali sono sempre più diffusi in Italia. Secondo i dati dell’Osservatorio Innovative Payments del Politecnico di Milano, nel 2022 sono stati transati 390 miliardi di euro con pagamenti digitali basati su carta, arrivando a raggiungere il 40% dei consumi, con una crescita del +18% rispetto al 2021. Guardando al futuro dei pagamenti, il 35% del campione ha dichiarato di voler utilizzare soluzioni che permettono di pagare in autonomia direttamente dal tavolo del ristorante, mentre il 31% è interessato alle soluzioni di checkout intelligente nei negozi. I pagamenti innovativi, soprattutto quelli attivati da smartphone, si stanno diffondendo anche in Italia e stanno convincendo anche i consumatori che hanno qualche riserva sugli strumenti tecnologici.

Ultime notizie
nuovo ordine globale
Rapporti

Il nuovo ordine globale, un dibattito aperto sul mondo di oggi

La presentazione del libro “Il nuovo ordine globale” a cura di Marco Ricceri, ospitata presso la sede di Sioi, ha offerto un’opportunità di dibattito sulla geopolitica odierna e sulle organizzazioni multilaterali che la regolano, tra studiosi ed esperti, tra cui l’On. Tremonti, prof. Giovanni Barbieri, prof. Riccardo Sessa.
di redazione
nuovo ordine globale
BRICS
Internazionale

BRICS e Unione europea, alternativi e competitivi: intervista alla prof.ssa Lucia Scaffardi

I BRICS sono al centro dell’intervista alla prof.ssa Lucia Scaffardi e della recente collaborazione tra Università di Parma e Istituto Eurispes, Laboratorio sui BRICS. Nel dialogo con la prof.ssa Scaffardi emergono diversità e parallelismi tra NATO e Unione europea da un lato, e BRICS dall’altro, come blocchi contrapposti nella geopolitica attuale.
di Susanna Fara
BRICS
continuità territoriale
Infrastrutture

La discontinuità territoriale della Sardegna

Continuità territoriale, in Sardegna manca ancora una soluzione definitiva, soprattutto per lo scalo di Alghero disertato dalle compagnie aeree nei bandi proposti dalla Regione. In estate la situazione precaria dei collegamenti è peggiorata dal traffico turistico, mentre la continuità vige solo da e per Milano e Roma.
di giuseppe pulina
continuità territoriale
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, i dati degli ultimi sei mesi della Polizia Criminale

Violenza di genere, i dati del Servizio Analisi Criminale della Polizia Criminale documentano un trend in crescita dal 2021 al 2023, ma i dati degli ultimi sei mesi evidenziano una flessione rispetto allo stesso periodo del 2023, soprattutto per i reati spia e gli omicidi volontari.
di redazione
violenza di genere
work life balance
Parità

Work life balance, c’è ancora un gap di genere da colmare

Il work life balance, ovvero l’equilibrio tra vita privata e professionale, riguarda anche la parità di genere, soprattutto in merito al caregiving, che troppo spesso ancora ricade principalmente sulle donne. Adnkronos evidenzia inoltre che il 66% degli utenti si dichiara insoddisfatto del proprio life work balance, e che questo incide nella scelta dell’impiego.
di redazione
work life balance
mediterraneo
Sostenibilità

Giornata internazionale del Mediterraneo, un ecosistema da difendere da plastica e sfruttamento

La Giornata internazionale del Mediterraneo è stata dedicata al dibattito sul nostro mare, un ecosistema che va difeso dallo sfruttamento intensivo della pesca e dalle plastiche. Un incontro presso la Camera dei Deputati organizzato da Fondazione Aqua ha visto numerosi studiosi esprimersi in merito al fragile equilibrio di questa risorsa fondamentale.
di redazione
mediterraneo
Uricchio ANVUR
Intervista

Antonio Uricchio, Presidente ANVUR: la valutazione come strumento per migliorare la qualità di ricerca e didattica

Antonio Uricchio, Presidente di ANVUR interviene nel merito delle critiche mosse verso una eccessiva burocratizzazione delle Università italiane, affermando la valutazione delle stesse come importante strumento per migliorare la qualità della ricerca e della didattica attraverso la raccolta di dati, documenti e informazioni.
di Mario Caligiuri*
Uricchio ANVUR
Corridoi TEN-T
Infrastrutture

Segnali positivi nella nuova strategia dei corridoi europei dei trasporti TEN-T

Il Parlamento europeo ha approvato il nuovo Regolamento sui Corridoi TEN-T. Il testo ha l’obiettivo di completare alcuni importanti collegamenti, aggiornando il piano europeo per una rete di ferrovie, strade, vie navigabili interne e rotte marittime a corto raggio collegate attraverso porti e terminali in tutta l’Unione.
di Giampaolo Basoli*
Corridoi TEN-T
Intervista

Pierluigi Petrone, Presidente Assoram: sfide globali e nuove competenze del comparto healthcare

Il comparto healthcare oggi si trova ad affrontare nuove sfide che vanno oltre gli anni della pandemia: le mutate esigenze dei consumatori, sempre più vicini all’e-commerce, e gli equilibri internazionali che condizionano logistica e distribuzione. Uno sguardo alle sfide del futuro con il Presidente di Assoram Pierluigi Petrone.
di Susanna Fara
scuola
Istruzione

La Scuola di domani: tecnologie digitali e valorizzazione delle eccellenze

Tecnologie digitali e una gestione oculata dei fondi per valorizzare le eccellenze e la qualità: è questa la prospettiva sulla Scuola italiana individuata da Alessandro Curioni, Docente (Università Cattolica di Milano) e Presidente di DI.GI Academy.
di Massimiliano Cannata
scuola