Pakistan tra fughe per la vita di migliaia di persone e repressione militare: una crisi esplosiva

pakistan

Il Pakistan è un paese estremamente interessante nella geografia globale delle migrazioni, con riferimento al particolare contesto politico che lo caratterizza. La regione in cui esso è collocato, secondo le stime dell’UNHCR, conta circa 3 milioni e mezzo di rifugiati che vivono in condizioni di povertà estrema. Significa che non hanno la possibilità di un pasto adeguato al giorno, di muoversi liberamente, di vivere un dignitoso progetto di vita per sé e la propria famiglia, adeguato alle proprie aspettative. In Pakistan i rifugiati censiti erano 1,3 milioni nell’agosto del 2023 ma questo numero sta rapidamente aumentando per via di una crisi politica che rischia di innescare non solo una riorganizzazione autoritaria del regime ma anche conseguenze, in termini di flussi migratori in uscita che inevitabilmente riguarderanno anche l’Europa, con possibili nuove tensioni internazionali, l’affermarsi di movimenti terroristici e rivolte popolari. Basti considerare la vicinanza del Pakistan all’Afghanistan, la cui riconquista del potere da parte dei Talebani ha prodotto uno dei regimi più violenti e repressivi nei confronti della popolazione locale, in particolare femminile, con conseguente flusso di profughi in fuga.

In Pakistan circa 3 milioni e mezzo di rifugiati vivono in condizioni di povertà estrema

La situazione, già preoccupante al termine del 2022, ha raggiunto livelli che rendono problematica l’accoglienza. Anche a causa della scarsità di risorse economiche, il governo centrale di Islamabad ha iniziato rimpatri forzosi dei profughi afghani, con violazioni di diritti umani che continuano ad essere perpetrati impunemente. Sono state, ad esempio, costruite varie strutture per il trattenimento forzato e il successivo rimpatrio dei profughi afghani mediante espulsione immediata dal territorio nazionale imposta dal governo di Islamabad. Ciò si unisce alle condizioni politiche di un regime caratterizzato dall’estremismo islamico e da manifestazioni di intolleranza religiosa che possono farlo esplodere da un momento all’altro, generando un’ulteriore crisi umanitaria in una regione assai complessa, obbligando la comunità internazionale a diversificare ulteriormente i propri sforzi diplomatici e di intervento umanitario, se non addirittura militare, dopo le crisi e le guerre in corso in Ucraina e in Palestina.

Un regime caratterizzato dall’estremismo islamico e da manifestazioni di intolleranza religiosa

Non si tratta di considerazioni e riflessioni circoscritte a un paese lontano e considerato, a torto, periferico nel panorama mondiale. Parliamo, infatti, del quinto paese per popolazione al mondo con ormai oltre 232 milioni di persone residenti e unica potenza nucleare di un paese governato da musulmani, con forti tensioni interne e la presenza stabile di gruppi e movimenti terroristici. Ciò colloca necessariamente il Pakistan al centro delle riflessioni dei principali think tank mondiali e dei governi di molti paesi occidentali.

Il Pakistan è il quinto paese per popolazione al mondo ed una potenza nucleare

Non si deve neanche trascurare la condizione economica e sociale del paese, che ha una inflazione del 30% e un’economica sostanzialmente in crisi. La sua crescita in termini di Pil è infatti crollata dal 6,1% allo 0,3% nel giro di un anno. Nel settore industriale e in quello dei servizi, le imprese stanno licenziando in massa quote crescenti di operai, aumentando enormemente la disoccupazione in un paese privo di welfare. La fame e la povertà sembrano aumentare considerevolmente, le donne vivono condizioni di crescente pressione e violenza, l’ambiente è gravemente deturpato. A maggio scorso, ad esempio, l’ex primo ministro Imran Khan, già campione di cricket poi entrato in politica, è stato fermato a Islamabad con l’accusa di corruzione. La risposta immediata sono stati tumulti nelle principali piazze delle grandi città pakistane a sostegno del loro ex leader e contro l’azione della polizia accusata di voler instaurare un regime militare. Non si è trattato però solo di una reazione popolare circoscritta. Nella regione pakistana del Punjab, ad esempio, luogo di reclutamento prevalente dell’esercito, i sostenitori di Khan hanno attaccato il quartier generale dei militari, mentre a Lahore hanno preso di mira la residenza del Corps Commander sino ad incendiarla.

Le imprese stanno licenziando in massa, aumentando la disoccupazione in un paese privo di welfare

La novità in questa vicenda sta nell’attacco diretto operato da una parte della popolazione nei confronti dell’esercito. Mai prima di questi fatti, la popolazione pakistana aveva agito contro i militari, considerati il vero pilastro del potere e dunque unico argine alla deflagrazione definitiva dello Stato. È opportuno ricordare che, dopo la destituzione Ali Bhutto da parte del Generale Zia-Ul-Haq, nel 1977, sono state numerose le personalità che hanno cercato, forti del consenso popolare, di riformare l’apparato statale e in particolare quello militare, spesso oscillando tra alleanze dirette con gli Stati Uniti e la Cina. Nessuno però è riuscito nel proprio intento. Anzi, spesso, il crollo di questi leader politici è stato piuttosto fragoroso, al punto da finire in alcuni casi in carcere per via delle strategie e operazioni messe in campo proprio dai militari. Khan non fa eccezione. La sua volontà di cambiare i vertici militari, in particolare dei potentissimi servizi segreti pakistani, con generali a lui vicini, ne hanno di fatto determinato la destituzione e infine la reclusione, con la conseguente impossibilità di ricandidarsi. La risposta è stata addirittura ancor più restauratrice di ciò che si poteva immaginare. Con l’emanazione del Pakistan army act del 1952, approvato il 27 luglio del 2023, si prevede addirittura una pena detentiva di cinque anni per chiunque divulghi informazioni in grado di danneggiare le forze armate, con una misura repressiva e censoria, in grado di aggredire il diritto di critica della stampa e di ogni eventuale oppositore.

Nei primi sei mesi del 2023 oltre 800.000 pakistani sono fuggiti dal loro paese di origine

In questa polveriera basterebbe un errore da parte dell’esercito per generare rivolte inarrestabili e forse un bagno di sangue senza precedenti. Per ora una valvola di sfogo importante da parte della popolazione pakistana è rappresentata dalla fuga all’estero: nei primi sei mesi dell’anno, ad esempio, oltre 800.000 pakistani sono fuggiti dal loro paese di origine. Molti di questi avevano come obiettivo l’Europa. Non a caso a giugno del 2023, al largo della Grecia, tra le centinaia di vittime del naufragio di un’imbarcazione da pesca che trasportava profughi, quasi trecento erano pakistani. Le notizie di queste tragedie tornano sistematicamente in Pakistan e spesso in forma amplificata. Potrebbe forse essere questa una delle scintille capace di dare fuoco alla rivolta popolare? E nel caso che cosa sarà delle centrali nucleari e delle relative armi di distruzione?  

*Marco Omizzolo, sociologo e ricercatore dell’Eurispes.

Leggi anche

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento