Trattamenti e chirurgia estetica: che cosa pensano le donne

trattamenti

Da una recente indagine Eurispes dedicata all’universo femminile, risulta che il 37,8% delle donne italiane preferisce rinunciare ad altre spese ma non a quelle dedicata alla cura del proprio aspetto esteriore. In cosa consiste, dunque, la cura dell’aspetto esteriore? In termini generali, si va dalla cosmesi ai trattamenti di bellezza, agli interventi più radicali, come ad esempio la chirurgia estetica. Osserviamo, quindi, nello specifico, quali siano le scelte preferite dalle donne italiane in merito alla cura del proprio corpo, in una prospettiva sia quantitativa che qualitativa, ovvero da un punto di vista generazionale.

I principali trattamenti estetici scelti dalle donne sono volti a contrastare l’aumento di peso e gli effetti del tempo

Per quanto riguarda i trattamenti di bellezza, i più diffusi tra le donne sono i trattamenti specifici per snellire e/o tonificare – li pratica la maggioranza, 56,7% – ed i trattamenti/interventi antietà. Abbastanza diffusi sono le lampade abbronzanti (34,9%), i trattamenti estetici non chirurgici (34,8%), i macchinari per la ginnastica passiva (33,1%). Meno diffusa tra le rispondenti la crioterapia (24,3%) e l’ozonoterapia (23%). I principali trattamenti estetici scelti dalle donne risultano, dunque, essere quelli volti a contrastare l’aumento di peso e gli effetti del tempo. I trattamenti per snellire o tonificare il corpo sono più diffusi tra le donne dai 35 ai 64. Fa ricorso ai trattamenti antietà la metà delle 45-64enni ed il 48,1% delle ultrasessantaquattrenni. Benché i valori risultino decisamente più contenuti, è opportuno sottolineare come queste pratiche estetiche abbiano una certa popolarità anche tra le giovani donne: il 23,5% delle 18-24enni, il 32,1% delle 25-34enni.

Il 25,3% delle donne ammette di essersi sottoposta alla chirurgia estetica

Un quarto delle donne (25,3%) ammette di essersi sottoposta alla chirurgia estetica; il 15,3% una volta, il 6,6% due volte, il 3,4% tre volte o più. Con riferimento all’area geografica di residenza, la chirurgia estetica femminile sembra essere meno frequente della media al Nord-Est: l’83,8% delle donne intervistate afferma di non esservisi mai sottoposta; solo il 16,2% risponde positivamente (il 13,2% una volta, il 3% due). La percentuale più alta di risposte positive si trova nelle Isole (34,8%).

Il pensiero dell’invecchiamento del corpo angoscia il 41,1% delle donne intervistate

Da cosa deriva la voglia di trattamenti estetici e chirurgici per migliorare sé stesse? La risposta è in parte contenuta nei riscontri emersi in relazione a una serie di affermazioni proposte alle rispondenti. Nella percezione del proprio aspetto esteriore il peso riveste un ruolo rilevante per la maggioranza delle donne – per se stessa prima ancora che per gli altri. Segnali di reale insoddisfazione o non accettazione di sé riguardano fortunatamente una minoranza del campione, tuttavia non trascurabile. Sono molte le intervistate per le quali l’idea di invecchiare genera angoscia, questo dato risulta coerente con la diffusa abitudine femminile di sottoporsi a trattamenti antietà. Osserviamo nel dettaglio i dati emersi nel corso del sondaggio. Innanzitutto, il pensiero dell’invecchiamento del corpo angoscia il 41,1% delle donne. Inoltre, la maggioranza delle donne coinvolte nel sondaggio afferma che il peso corporeo è una parte importante del proprio aspetto esteriore (62,2%), che fa attenzione alla linea, controllando l’alimentazione (61,5%), che se potesse cambierebbe in parte il proprio corpo (57,2%), che vorrebbe essere più magra (54,7%) e che sorveglia la linea attraverso l’attività fisica (50,8%). Oltre un terzo del campione (36,7%) riferisce di provare frustrazione perché non riesce a raggiungere quello che ritiene essere il suo peso ideale e crede che se raggiungesse il suo peso ideale piacerebbe di più agli altri (35,3%). Più di una donna su 4 (27,5%) afferma che, potendo, cambierebbe molto il proprio corpo. Una donna su 5 (19,9%), infine, vorrebbe essere più formosa.

Con la maturità emerge un minore investimento sull’esteriorità, ma le giovani donne ricorrono a trattamenti per aumentare l’autostima

Tra le donne più mature, sono meno numerose della media coloro che, se potessero, cambierebbero in parte il loro corpo (45,3%) o anche molto (22,8%), che sorvegliano la linea, controllando l’alimentazione (55%), che pensano che raggiungendo il proprio peso ideale starebbero meglio con se stesse (39,4%). Il divario è molto accentuato tra le donne mature che sorvegliano la linea attraverso l’attività fisica (37%) e le giovanissime (70,6%). Tra le 18-24enni si registra la quota più elevata di chi vorrebbe essere più magra (62,4%) e di chi prova frustrazione perché non riesce a raggiungere quello che ritiene essere il suo peso ideale (54,1%), ma anche di chi crede che se raggiungesse il peso ideale piacerebbe di più agli altri (52,9%) e di chi vorrebbe essere più formosa (36,5%). Dalle risposte emerge un atteggiamento molto chiaro rispetto all’età e alla cura dell’aspetto esteriore: la maturità si accompagna un crescente disinvestimento sull’esteriorità. Ma, allo stesso tempo, l’aspetto estetico appare decisamente importante e, spesso, motivo di insoddisfazione e frustrazione tra le donne giovani e adulte, ed in particolare tra le giovanissime che, pur avendo ormai superato la difficile fase dell’adolescenza, avvertono e soffrono la pressione delle aspettative sociali.

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento