Trattamenti e chirurgia estetica: che cosa pensano le donne

trattamenti

Da una recente indagine Eurispes dedicata all’universo femminile, risulta che il 37,8% delle donne italiane preferisce rinunciare ad altre spese ma non a quelle dedicata alla cura del proprio aspetto esteriore. In cosa consiste, dunque, la cura dell’aspetto esteriore? In termini generali, si va dalla cosmesi ai trattamenti di bellezza, agli interventi più radicali, come ad esempio la chirurgia estetica. Osserviamo, quindi, nello specifico, quali siano le scelte preferite dalle donne italiane in merito alla cura del proprio corpo, in una prospettiva sia quantitativa che qualitativa, ovvero da un punto di vista generazionale.

I principali trattamenti estetici scelti dalle donne sono volti a contrastare l’aumento di peso e gli effetti del tempo

Per quanto riguarda i trattamenti di bellezza, i più diffusi tra le donne sono i trattamenti specifici per snellire e/o tonificare – li pratica la maggioranza, 56,7% – ed i trattamenti/interventi antietà. Abbastanza diffusi sono le lampade abbronzanti (34,9%), i trattamenti estetici non chirurgici (34,8%), i macchinari per la ginnastica passiva (33,1%). Meno diffusa tra le rispondenti la crioterapia (24,3%) e l’ozonoterapia (23%). I principali trattamenti estetici scelti dalle donne risultano, dunque, essere quelli volti a contrastare l’aumento di peso e gli effetti del tempo. I trattamenti per snellire o tonificare il corpo sono più diffusi tra le donne dai 35 ai 64. Fa ricorso ai trattamenti antietà la metà delle 45-64enni ed il 48,1% delle ultrasessantaquattrenni. Benché i valori risultino decisamente più contenuti, è opportuno sottolineare come queste pratiche estetiche abbiano una certa popolarità anche tra le giovani donne: il 23,5% delle 18-24enni, il 32,1% delle 25-34enni.

Il 25,3% delle donne ammette di essersi sottoposta alla chirurgia estetica

Un quarto delle donne (25,3%) ammette di essersi sottoposta alla chirurgia estetica; il 15,3% una volta, il 6,6% due volte, il 3,4% tre volte o più. Con riferimento all’area geografica di residenza, la chirurgia estetica femminile sembra essere meno frequente della media al Nord-Est: l’83,8% delle donne intervistate afferma di non esservisi mai sottoposta; solo il 16,2% risponde positivamente (il 13,2% una volta, il 3% due). La percentuale più alta di risposte positive si trova nelle Isole (34,8%).

Il pensiero dell’invecchiamento del corpo angoscia il 41,1% delle donne intervistate

Da cosa deriva la voglia di trattamenti estetici e chirurgici per migliorare sé stesse? La risposta è in parte contenuta nei riscontri emersi in relazione a una serie di affermazioni proposte alle rispondenti. Nella percezione del proprio aspetto esteriore il peso riveste un ruolo rilevante per la maggioranza delle donne – per se stessa prima ancora che per gli altri. Segnali di reale insoddisfazione o non accettazione di sé riguardano fortunatamente una minoranza del campione, tuttavia non trascurabile. Sono molte le intervistate per le quali l’idea di invecchiare genera angoscia, questo dato risulta coerente con la diffusa abitudine femminile di sottoporsi a trattamenti antietà. Osserviamo nel dettaglio i dati emersi nel corso del sondaggio. Innanzitutto, il pensiero dell’invecchiamento del corpo angoscia il 41,1% delle donne. Inoltre, la maggioranza delle donne coinvolte nel sondaggio afferma che il peso corporeo è una parte importante del proprio aspetto esteriore (62,2%), che fa attenzione alla linea, controllando l’alimentazione (61,5%), che se potesse cambierebbe in parte il proprio corpo (57,2%), che vorrebbe essere più magra (54,7%) e che sorveglia la linea attraverso l’attività fisica (50,8%). Oltre un terzo del campione (36,7%) riferisce di provare frustrazione perché non riesce a raggiungere quello che ritiene essere il suo peso ideale e crede che se raggiungesse il suo peso ideale piacerebbe di più agli altri (35,3%). Più di una donna su 4 (27,5%) afferma che, potendo, cambierebbe molto il proprio corpo. Una donna su 5 (19,9%), infine, vorrebbe essere più formosa.

Con la maturità emerge un minore investimento sull’esteriorità, ma le giovani donne ricorrono a trattamenti per aumentare l’autostima

Tra le donne più mature, sono meno numerose della media coloro che, se potessero, cambierebbero in parte il loro corpo (45,3%) o anche molto (22,8%), che sorvegliano la linea, controllando l’alimentazione (55%), che pensano che raggiungendo il proprio peso ideale starebbero meglio con se stesse (39,4%). Il divario è molto accentuato tra le donne mature che sorvegliano la linea attraverso l’attività fisica (37%) e le giovanissime (70,6%). Tra le 18-24enni si registra la quota più elevata di chi vorrebbe essere più magra (62,4%) e di chi prova frustrazione perché non riesce a raggiungere quello che ritiene essere il suo peso ideale (54,1%), ma anche di chi crede che se raggiungesse il peso ideale piacerebbe di più agli altri (52,9%) e di chi vorrebbe essere più formosa (36,5%). Dalle risposte emerge un atteggiamento molto chiaro rispetto all’età e alla cura dell’aspetto esteriore: la maturità si accompagna un crescente disinvestimento sull’esteriorità. Ma, allo stesso tempo, l’aspetto estetico appare decisamente importante e, spesso, motivo di insoddisfazione e frustrazione tra le donne giovani e adulte, ed in particolare tra le giovanissime che, pur avendo ormai superato la difficile fase dell’adolescenza, avvertono e soffrono la pressione delle aspettative sociali.

Ultime notizie
Relazione DIA
Criminalità e contrasto

Relazione Semestrale DIA, la mafia si insinua anche grazie ai traffici di droga e di armi

La Relazione DIA relativa al primo semestre 2023 è stata resa nota questa mattina. Le mafie emergono come fenomeni sempre più mutevoli che cambiano forme e modalità di azione, adattandosi ai contesti socio-economici. Il traffico di droga resta la fonte maggiore di profitto per i clan, mentre si rileva la presenza di un traffico di armi, anche da guerra.
di redazione
Relazione DIA
economia africana
Mondo

Come va l’economia africana? La realtà del Continente al di là dei macro-dati

L’economia del Continente africano crescerà tra il 3,8% e il 4% nel 2024 e sarà la seconda economia a livello mondiale dopo quella asiatica, ma i dati reali, non meramente legati a fattori economici, descrivono una realtà più incerta e mutevole, determinata dai conflitti, dall’instabilità politica e da disastri naturali ed eventi climatici, come la siccità.
di Emanuele ODDI*
economia africana
rimesse economiche
Immigrazione

L’importanza sociale delle rimesse economiche dei migranti

Le rimesse economiche dei migranti rappresentano una risorsa per il paese d’origine che le riceve, oltre a un diritto e un mezzo di emancipazione di molte famiglie dalla povertà. Ma allo stesso tempo, queste possono creare squilibri nel tessuto sociale: una ricchezza, dunque, che andrebbe guidata da progetti di investimento strutturati.
di Marco Omizzolo*
rimesse economiche
Intervista

Neuroscienze della narrazione, lo storytelling nell’era dell’Intelligenza artificiale

“Neuroscienze della narrazione” è il saggio di Marco La Rosa, pubblicato da Hoepli, che analizza presente e futuro dello storytelling nell’era dell’IA. Oltre al rischio di un eccessivo appiattimento dei contenuti, come già accade per le immagini generate da IA, La Rosa allerta sulla condizione dell’“uomo di vetro”, ovvero privato della sua riservatezza.
di Massimiliano Cannata
migrazione e asilo
Europa

Nuovo Patto europeo su migrazione e asilo, manca un vero equilibrio tra responsabilità e solidarietà

Il nuovo Patto europeo su migrazione e asilo ha generato notevoli perplessità sul fronte dei diritti umani e della solidarietà tra Stati Ue, in particolare sul trattamento dei minori e sulla possibilità data agli Stati membri di rifiutarsi di ospitare i richiedenti asilo in cambio di un contributo finanziario alla gestione dei processi di rimpatrio.
di Ugo Melchionda*
migrazione e asilo
violenza di genere
Società

Giovani e violenza di genere. I dati della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Violenza di genere, un report del Servizio Analisi Criminale delle Forze di Polizia analizza il fenomeno in una ottica generazionale. I delitti in àmbito affettivo e familiare sono in calo, ma troppo spesso riguardano vittime e autori con meno di 34 anni, con prevalenza di giovani adulti. Il 76% delle donne vittime di violenze sessuali ha meno di 34 anni.
di redazione
violenza di genere
competenze digitali
Lavoro

Competenze digitali e nuove priorità nel mondo del lavoro, l’appuntamento Adnkronos Q&A

Attrarre nuovi talenti, valorizzare la formazione specifica e investire sulle persone: questi i temi al centro del nuovo appuntamento Adnkronos Q&A, con focus su parità e gender gap
di redazione
competenze digitali
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati dell’Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang