Animali domestici, italiani meno pet friendly per colpa della crisi

animali domestici

L’importanza che gli animali ricoprono nelle case degli italiani è un fatto oramai comprovato, consolidato dai numerosi progressi in campo normativo che negli anni hanno reso il nostro Paese uno dei più avanzati in tutta Europa in termini di tutela e difesa. Eppure, l’evidenza dei dati emersi nel Rapporto Italia 2023 fa nascere una nuova domanda: gli italiani sono ancora un popolo pet friendly? L’analisi dei dati evidenzia, in generale, un andamento negativo nell’affezione verso gli animali domestici da parte degli italiani: nel 2023, secondo i dati rilevati dell’Eurispes, il numero di italiani che dichiarano di possedere almeno un animale domestico è del 32,7%, -5 punti percentuali rispetto al 2022 e -7,5 punti rispetto al 2021. Ma ciò non significa che l’amore degli italiani per gli animali si sia improvvisamente esaurito. Semmai, a condizionarne le scelte sarebbero, oggi, la “paura” legata all’incertezza dei tempi e l’aumento generale del costo della vita che rendono più difficile l’adozione di un animale domestico in funzione di tutte le sue necessità. Nel 2023, infatti, molti italiani hanno rinunciato ad adottare un nuovo pet; altri hanno ridotto i costi legati alle visite dal veterinario o, ancora, quelli più superflui come il/la dog sitter, l’acquisto di gadget e accessori. Insomma, il mantenimento di un animale domestico è sempre più un lusso e i dati sembrano segnalare la preoccupazione degli intervistati a non poter fare fronte ad un impegno economico per il mantenimento del proprio amico a quattro zampe.

Nel 2023 il 32,7% degli italiani ha un pet, -5% rispetto al 2022

Il mercato legato alla cura degli animali domestici è in costante aumento: nell’ultimo decennio ha fatto registrare dei tassi di crescita annui molto elevati, arrivando nel 2021 a generare un giro d’affari di circa 3,5 miliardi di euro a livello nazionale (fonte: Nielsen). A livello mondiale il mercato dei prodotti e dei servizi legati ai pets cresce del 6% l’anno e si stima che passerà dai 232 miliardi di dollari del 2020 a 350 miliardi nel 2027. Nello specifico, dai risultati del sondaggio di Eurispes, emerge come il 18,7% degli intervistati dichiari di spendere meno di 30 euro al mese per i propri animali domestici; il 28,4% afferma di spendere tra 31 e 50 euro e il 33,2% tra 51-100 euro. Il 12,1% dei rispondenti spende una cifra compresa tra i 100 e i 200 euro al mese, mentre solamente il 3,2% spende tra i 200 e i 300 euro mensili. Se nel 2022 chi aveva un animale domestico dichiarava in misura maggiore di spendere fra i 31 e i 50 euro mensili (31,1%), nel 2023 la spesa risulta essere aumentata, con la percentuale maggiore registrata nella fascia che va dai 51 ai 100 euro mensili. Si evidenzia, inoltre, che nel 2023 è più che raddoppiata la percentuale di chi spende più di 300 euro al mese (4,4%) rispetto al 2022 (1,6%).

Le spese per gli animali domestici mettono in difficoltà soprattutto famiglie monogenitoriali e chi vive solo

Tra le voci di spesa, quelle dove si tende a spendere di più sono legate alla salute e all’alimentazione. Il 10,8% degli italiani spende più di 200 euro al mese in visite mediche, mentre la quota di coloro che spende meno di 30 euro al mese per l’alimentazione del proprio pet si ferma al 26,3%. Al contrario di quanto avviene per alimentazione e le cure mediche, gli italiani sono più propensi a tagliare i costi relativi a dog sitter, abbigliamento e ai gadget. In questo caso, la percentuale di coloro che spendono meno di 30 euro al mese si attesta rispettivamente al 71,9%, al 66% e al 64,2%. La crisi ha generato nel consumatori la necessità di scegliere e di rinunciare ad alcuni prodotti e servizi dedicati agli animali domestici. Dal sondaggio emerge che solamente il 18,5% delle famiglie che possiedono un animale ha effettuato dei tagli su medicinali acquistati, mentre il 36% ha dichiarato di aver rinunciato a prendere un nuovo animale e il 35,8% ha deciso di acquistare cibo meno costoso. Il 28,5% degli intervistati ha scelto di rinunciare a cure o interventi chirurgi costosi e il 26,3% ha ridotto le visite veterinarie. Ad essere più in difficoltà risultano essere le coppie monogenitoriali con figli, che hanno scelto di acquistare cibo meno costoso o hanno rinunciato a prendere altri animali nel 45% dei casi. Nel 40% dei casi, inoltre, i nuclei monogenitoriali con figli hanno ridotto le visite veterinarie, rinunciato ad effettuare interventi chirurgici costosi (30%) o tagliato la spesa dei medicinali (25%). Percentuali molto simili, seppur inferiori, si riscontrano per le persone che vivono sole, mentre le coppie senza figli sono la categoria che ha dovuto fare meno rinunce nelle spese legate alla cura degli animali domestici.

Un italiano su cinque ha pensato di destinare una parte della propria eredità al proprio animale domestico

Casi come quello dello stilista Karl Lagerfeld, che ha lasciato parte della sua eredità alla gatta Choupette, pongono degli interrogativi sul rapporto “ultraterreno” che le persone hanno con i loro amici animali. Per questo motivo, l’indagine ha dedicato una sezione proprio al rapporto degli italiani con la morte, in relazione ai propri animali domestici. Ebbene un italiano su cinque (20,2%), tra chi possiede almeno un animale domestico, ha seriamente preso in considerazione l’ipotesi di destinare una parte della propria eredità a quest’ultimo ma anche di trovare sepoltura insieme al proprio pet. Il 14,7% degli intervistati ha pensato di utilizzare un cimitero virtuale per il proprio animale; il 13,1% ha preso in considerazione l’ipotesi di venir seppellito insieme al proprio pet e l’11,9% di ricorrere ad un funerale online nel momento in cui il proprio animale da compagnia dovesse venire a mancare. Modi nuovi per metabolizzare la perdita di “uno di famiglia”, del tutto in linea con le recenti tecnologie e che permettono non solo di celebrare il rito funebre come si farebbe per una persona, ma di dare anche una sepoltura all’animale laddove non sia possibile. 

Un nuovo modo di approcciarsi al proprio pet?

Infine, è stato chiesto agli italiani se conoscono qualcuno che abbia effettivamente deciso di ricorrere ad alcune delle pratiche di cui si è parlato in precedenza. Per quanto riguarda la scelta di lasciare almeno una parte della propria eredità al proprio animale domestico, solamente il 10,7% dei rispondenti afferma di conoscere qualcuno che ha preso tale decisione. L’8,5% ha dichiarato di conoscere qualcuno che ha utilizzato un cimitero virtuale per il proprio animale, dato che scende all’8% in relazione alla scelta di far ricorso ad un funerale virtuale online. Infine, solamente il 6,9% degli italiani afferma di conoscere qualcuno che abbia effettivamente dato disposizione di venir seppellito insieme al proprio animale.

Leggi anche

Ultime notizie
work life balance
Parità

Work life balance, c’è ancora un gap di genere da colmare

Il work life balance, ovvero l’equilibrio tra vita privata e professionale, riguarda anche la parità di genere, soprattutto in merito al caregiving, che troppo spesso ancora ricade principalmente sulle donne. Adnkronos evidenzia inoltre che il 66% degli utenti si dichiara insoddisfatto del proprio life work balance, e che questo incide nella scelta dell’impiego.
di redazione
work life balance
mediterraneo
Sostenibilità

Giornata internazionale del Mediterraneo, un ecosistema da difendere da plastica e sfruttamento

La Giornata internazionale del Mediterraneo è stata dedicata al dibattito sul nostro mare, un ecosistema che va difeso dallo sfruttamento intensivo della pesca e dalle plastiche. Un incontro presso la Camera dei Deputati organizzato da Fondazione Aqua ha visto numerosi studiosi esprimersi in merito al fragile equilibrio di questa risorsa fondamentale.
di redazione
mediterraneo
Uricchio ANVUR
Intervista

Antonio Uricchio, Presidente ANVUR: la valutazione come strumento per migliorare la qualità di ricerca e didattica

Antonio Uricchio, Presidente di ANVUR interviene nel merito delle critiche mosse verso una eccessiva burocratizzazione delle Università italiane, affermando la valutazione delle stesse come importante strumento per migliorare la qualità della ricerca e della didattica attraverso la raccolta di dati, documenti e informazioni.
di Mario Caligiuri*
Uricchio ANVUR
Corridoi TEN-T
Infrastrutture

Segnali positivi nella nuova strategia dei corridoi europei dei trasporti TEN-T

Il Parlamento europeo ha approvato il nuovo Regolamento sui Corridoi TEN-T. Il testo ha l’obiettivo di completare alcuni importanti collegamenti, aggiornando il piano europeo per una rete di ferrovie, strade, vie navigabili interne e rotte marittime a corto raggio collegate attraverso porti e terminali in tutta l’Unione.
di Gianpaolo Basoli*
Corridoi TEN-T
Intervista

Pierluigi Petrone, Presidente Assoram: sfide globali e nuove competenze del comparto healthcare

Il comparto healthcare oggi si trova ad affrontare nuove sfide che vanno oltre gli anni della pandemia: le mutate esigenze dei consumatori, sempre più vicini all’e-commerce, e gli equilibri internazionali che condizionano logistica e distribuzione. Uno sguardo alle sfide del futuro con il Presidente di Assoram Pierluigi Petrone.
di Susanna Fara
scuola
Istruzione

La Scuola di domani: tecnologie digitali e valorizzazione delle eccellenze

Tecnologie digitali e una gestione oculata dei fondi per valorizzare le eccellenze e la qualità: è questa la prospettiva sulla Scuola italiana individuata da Alessandro Curioni, Docente (Università Cattolica di Milano) e Presidente di DI.GI Academy.
di Massimiliano Cannata
scuola
maternità surrogata
Società

Maternità surrogata: italiani contrari, solo dai giovani segnali di apertura

Il 62,9% degli italiani si dichiara oggi contrario alla maternità surrogata, e solo i giovani mostrano segnali di apertura, dal momento che il 58% dei 18-24enni si dichiara favorevole. Ma il tema è complesso e maggiormente avversato dall’opinione pubblica italiana, da Nord a Sud e a dispetto anche del titolo di studio.
di redazione
maternità surrogata
animali
Animali

Vivisezione, caccia, allevamenti intensivi: cresce la sensibilità degli italiani verso il benessere animale

I diritti degli animali contano sempre di più per una maggioranza di italiani: il 76% è contrario alla vivisezione, il 73% agli allevamenti intensivi. I temi etici legati agli animali raccolgono quote consistenti di italiani contrari anche rispetto a vivisezione, caccia, pellicce, uso degli animali nei circhi.
di redazione
animali
corruzione
Internazionale

G7 Anticorruzione, un fenomeno che richiede un’azione globale

Il tema corruzione entra in agenda al G7 con il Gruppo di lavoro anticorruzione, proposto dal nostro Paese per avviare una azione collettiva rispetto a un fenomeno diffuso. Tra i punto fondamentali, l’educazione fin dalla prima età alla cultura della legalità e l’acquisizione di metodi di misurazione della corruzione su basi oggettive.
di Avv. Angelo Caliendo*
corruzione
influencer
Società

Con 2 milioni di influencer l’Italia è il secondo mercato europeo

Gli ultimi mesi hanno visto in difficoltà uno dei più grandi imperi economici costruiti sui new-media. Il cosiddetto “caso Balocco” ha messo in crisi tutto un mondo che si muove ancora in un terreno incerto di norme, tra pubblicità, post a pagamento ed esibizione perenne della propria vita privata.
di Rosa Romano*
influencer