La valorizzazione dell’autoconsumo: nuovi perimetri per l’energia elettrica condivisa e autoconsumata

autoconsumo

Le politiche europee volte a conferire un nuovo assetto al mercato dell’energia assegnano al cliente un ruolo inedito, spingendolo ad una partecipazione più attiva se non all’autoconsumo. E così il primo intervento regolatore, a valle del recepimento delle direttive RED II (Ue n. 2018/2001 Renewable Energy Directive II) e IEM (Ue n. 2019/944 Directive on common rules for the Internal Market for Electricity), è stato quello di ARERA che, il 27.12.2022, ha adottato il Testo Integrato sull’Autoconsumo Diffuso (TIAD). La finalità è quella di semplificare e razionalizzare le regole per l’accesso al servizio di autoconsumo (principalmente volto a ridurre la spesa energetica), dichiarandone ‒ tra l’altro ‒ l’incompatibilità con il regime di scambio sul posto. Le disposizioni ARERA guardano anche al decreto governativo di incentivazione, posto in consultazione pubblica dal Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica (MASE) sino a metà dicembre 2022 ed inviato all’Unione europea a fine febbraio 2023, per la verifica degli incentivi previsti. Per offrire un quadro omogeneo ed unitario, il TIAD entrerà in vigore in concomitanza con il predetto decreto MASE.

Autoconsumo individuale, autoconsumo collettivo e comunità energetiche

Il TIAD ha rappresentato l’occasione per fornire definizioni univoche per le varie configurazioni di autoconsumo diffuso. Il testo integrato racchiude, infatti, in un unico documento le ipotesi di autoconsumo introdotte dai D. Lgs. n. 199 e 210 del 2021, attuativi delle citate direttive Ue. In uno sforzo di semplificazione, si delineano tre macrocategorie: gli autoconsumatori individuali a distanza, gli autoconsumatori collettivi e le comunità energetiche. Per queste ultime ed in particolare per quelle rinnovabili (CER), a ben vedere, la parola “autoconsumo” non è presente in nessuna delle definizioni che le riguardano. Ciò a conferma dell’idea che il legislatore, europeo in primis, pensa ad esse come a soggetti che hanno un respiro più ampio. Le CER devono infatti avere come obiettivo principale «quello di fornire benefici ambientali, economici o sociali a livello di comunità»; tra le condizioni operative vi è, chiaramente, l’utilizzo dell’energia prodotta per l’autoconsumo ma è solo una parte del tutto. Le finalità vanno oltre l’autoconsumo energetico elettrico e difatti le CER possono «produrre altre forme di energia da fonti rinnovabili» ma anche promuovere interventi di domotica e di efficienza energetica, nonché offrire altri servizi cosiddetti “ancillari”.

I perimetri geografici

Al di là delle finalità differenti, per quanto concerne il servizio di autoconsumo, il principale elemento di discrimine tra le due forme collettive (gruppi di autoconsumatori e comunità energetiche) attiene alla collocazione dei punti di connessione: essi devono essere nel medesimo edificio o condominio nel primo caso ed invece nella medesima zona di mercato nel secondo. Considerando che in Italia, in base ai criteri fissati dal regolamento Ue CACM (Capacity allocation and congestion management n. 2015/1222), sono state individuate 7 zone di mercato, è evidente come si possa trattare di aree ampie. Viene, quindi, in rilievo l’altro dato delineato dal TIAD ossia i due perimetri geografici, quello della zona di mercato e dell’area sottesa alla medesima cabina primaria, rilevanti ‒ rispettivamente ‒ ai fini dell’energia elettrica condivisa e di quella prodotta ed autoconsumata (e per questo anche incentivata). Il riferimento alla zona di mercato, di fatto, accresce la dimensione operativa delle comunità energetiche, circostanza che assume particolare significato soprattutto per le CER. Se infatti il D.Lgs. n. 199/2021 si limita ad affermare, a proposito dell’utilizzo (da parte di una CER) della rete di distribuzione per condividere l’energia prodotta, che «l’energia può essere condivisa nell’ambito della stessa zona di mercato» (lett. c) c. 2 art. 31), il TIAD sembra aggiungere qualcosa in più. Esso richiede, per l’accesso al servizio per l’autoconsumo diffuso, che i soggetti facenti parte di una comunità energetica rinnovabile siano «clienti finali e/o produttori con punti di connessione ubicati nella stessa zona di mercato» (lett. a) art. 3.4 TIAD). Parrebbe, quindi, possibile creare un unico soggetto giuridico CER per una medesima zona (di mercato) a valere su più cabine primarie. Ciò potrebbe significare vantaggi in termini di semplificazione, gestione e governance della comunità stessa.

L’elemento della prossimità, fissato dalla normativa europea, viene dunque declinato in maniera differente, rimanendo più stringente (connessione alla medesima cabina primaria) solo ai fini dell’accesso agli incentivi (v. ultima parte lett. c) c. 2 art. 31 D.Lgs. n. 199/2021). Il superamento del requisito della connessione alla stessa cabina secondaria, previsto dalla cosiddetta “disciplina transitoria” (art. 42bis Milleproroghe 2019), apre alla possibilità di realizzare impianti di taglia maggiore in grado di soddisfare le esigenze di una comunità e non solo di alcune famiglie (come è per gli autoconsumatori condominiali e come rivela il dato attuale secondo cui 40 su 54 impianti hanno potenza inferiore a 20kw, ‒ Rapporto trimestrale del GSE, Energia e clima in Italia, novembre 2022). 

La definizione del perimetro delle comunità energetiche è in capo agli Stati Membri

La definizione del perimetro delle comunità energetiche rinnovabili è, del resto, un profilo lasciato aperto dalla Direttiva RED II che ha posto in capo agli Stati membri il compito di definire la “vicinanza” richiamata nelle definizioni ove la CER è «un soggetto giuridico controllato da azionisti o membri che sono situati nelle vicinanze degli impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili che appartengono e sono sviluppati dal soggetto in questione» (lett. a) n. 16 art. 2 direttiva RED II). Allo stato attuale, solo il Belgio ha offerto una definizione che tenta di coniugare gli intenti sottesi alla Direttiva; questo paese ha infatti unito requisito tecnico, geografico ed economico richiedendo che i punti di prelievo ed immissione si trovino a valle di una o più cabine di trasformazione MT/BT (cabine secondarie) e siano all’interno di un’area geografica e una porzione di rete tecnicamente, socialmente, ambientalmente ed economicamente ottimale al fine di promuovere l’autoconsumo collettivo locale. Quanto agli altri Stati, il Portogallo rimanda ad una valutazione caso per caso, la Francia rinvia genericamente alla condizione di “prossimità” con l’impianto mentre Grecia e Germania cercano di ancorare geograficamente il dato richiedendo, nel primo caso, che almeno il 50%+1 dei membri siano situati nel posto in cui la comunità ha la sua sede principale, nel secondo (limitato all’energia eolica) che almeno il 51% delle persone fisiche aventi diritto di voto siano residenti nel distretto rurale o urbano in cui è collocato il progetto di produzione di energia eolica.

Autoconsumo, nel nostro ordinamento prevale il dato del miglioramento economico, sociale, ambientale 

L’introduzione, nel nostro ordinamento, del parametro della “zona di mercato” pare collocare in giusto rilievo il dato economico, sociale ed ambientale al cui miglioramento devono tendere le comunità energetiche rinnovabili, oltre a favorire una gestione agile ed efficace di esse. Un àmbito troppo ristretto pone in difficoltà il reale perseguimento di queste finalità. Peraltro, la linea di tendenza sembra essere proprio quella volta all’ampliamento su diversi fronti, se è vero che l’Unione europea mira a consentire l’autoconsumo per impianti con potenza ben superiore a quanto sinora previsto dal nostro legislatore. Nella bozza di Regolamento per la riforma del mercato elettrico, attualmente in lavorazione, l’autoconsumo fra clienti privati pare essere consentito sino a 100MW, ben oltre l’1MW previsto dal D.Lgs. n. 199/2021.

 

Leggi anche

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento