Ecoturismo, una rivoluzione verde per valorizzare i territori

ecoturismo

Negli ultimi anni, il panorama turistico ha subito una rivoluzione verde, con la diffusione sempre più pervasiva dell’ecoturismo in Europa e nel mondo. Il concetto di turismo sostenibile è stato coniato e definito nel 1995 durante la conferenza mondiale sul turismo sostenibile a Lanzarote. Nel 2015, l’Onu ha alzato la posta in gioco inserendo questa pratica nella lista degli obiettivi dell’Agenda 2030, riaffermandone la rilevanza in modo vigoroso. Il turismo sostenibile è un approccio all’industria del turismo capace di mettere al centro la sostenibilità ambientale, sociale ed economica dei territori sui quali opera. In pratica, ciò significa ridurre al minimo l’impatto negativo sull’ambiente, sostenere le comunità locali e allo stesso tempo preservare le tradizioni culturali. Di conseguenza, l’estrazione di valore dai territori non si configura più come una colonizzazione aggressiva degli spazi migliori e delle risorse culturali più attraenti ma agisce in una maniera capace di non determinare il degrado o l’esaurimento delle risorse, minimizzando l’impatto delle attività turistiche sui territori, e concentrando l’attenzione sul valore intrinseco delle risorse naturali attraverso l’uso di una filosofia Biocentrica e non più Antropocentrica.

L’ecoturista accetta di vivere l’ambiente nella sua realtà, senza pretendere di modificarlo o adattarlo a suo uso 

Questa pratica innovativa richiede la presenza di un nuovo attore, l’ecoturista, che accetta di vivere l’ambiente nella sua realtà, senza pretendere di modificarlo o adattarlo a suo uso e convenienza. Infatti, nel contesto di una crescita incontrollata del turismo globale, sempre più persone sono alla ricerca di pratiche sostenibili per mitigare problemi come il sovrasfruttamento delle risorse, l’inquinamento ambientale e la perdita di identità culturale che accompagna i processi di turistificazione di massa. A dimostrazione di ciò, un recente studio condotto dal World Travel and Tourism Council (WTTC) e Trip.com ha rivelato che il 69% dei turisti prevedeva di viaggiare in modo sostenibile nel 2023, mentre il mercato dell’ecoturismo è stato valutato a 181,1 miliardi di dollari nel 2019, e si prevede che crescerà ad un CAGR del 14,3% dal 2021 al 2027, fino a 333,8 miliardi di dollari entro il 2027.

Ecoturismo e trasporto sostenibile

Il primo passo di un viaggio ecosostenibile è la ricerca di un mezzo di trasporto ecologico. Oggi sappiamo che l’aereo, l’immancabile veicolo che ormai da decenni caratterizza l’esperienza turistica, è probabilmente il mezzo meno sostenibile a nostra disposizione per le grandi quantità di CO2 emesse per viaggio. Di conseguenza, per mantenere un basso impatto ambientale è senz’altro preferibile il treno. Al momento, nel Mezzogiorno d’Italia la situazione non è delle migliori, in quanto i treni possono impiegare anche più di tre ore per percorrere la tratta Roma-Foggia e oltre sei ore per la tratta Roma-Reggio Calabria. Ciononostante, di recente è stato approvato il finanziamento dell’espansione della linea alta velocità sulle direttrici Napoli-Bari, Salerno-Reggio Calabria e Palermo-Catania-Messina. Con la costruzione di 274 chilometri di ferrovia si ridurrà la percorrenza delle tratte in esame per rendere l’utilizzo del treno un’alternativa concreta all’automobile e all’aereo. Queste nuove infrastrutture ferroviarie agevoleranno così l’accesso a luoghi di interesse turistico, promuovendo viaggi effettivamente eco-friendly e rispettosi dell’ambiente. Inoltre, la diversificazione del turismo verso destinazioni meno conosciute favorirà la valorizzazione delle tradizioni locali, portando benefici a lungo termine per l’ambiente, l’economia locale e l’esperienza dei viaggiatori.

La diversificazione del turismo verso destinazioni meno conosciute favorisce la valorizzazione delle tradizioni locali

Coinvolgere le comunità locali e interagire con esse è uno degli aspetti caratteristici e dei ruoli chiave dell’ecoturismo. Quindi, un altro pilastro essenziale per l’organizzazione di un viaggio sostenibile è quello che riguarda l’utilizzo delle guide locali, preferibili ai grandi tour operator. Guide locali appassionate ed esperte del proprio territorio non solo sono in grado di offrire conoscenze approfondite, ma di promuovere attivamente pratiche turistiche rispettose dell’ambiente. Collaborando con le comunità locali, contribuiscono inoltre alla conservazione delle risorse naturali e favoriscono connessioni autentiche tra i visitatori e la cultura locale. In questo modo, l’utilizzo di guide locali diventa un veicolo per integrare la sostenibilità nell’esperienza turistica, evidenziando l’importanza della responsabilità sociale e della tutela ambientale. Infatti, In base ai dati raccolti  risulta che i viaggiatori globali sono interessati a vivere esperienze culturali di partecipazione, che restituiscano qualcosa alle comunità locali delle aree visitate. Due terzi (66%) dei viaggiatori globali hanno dichiarato di voler vivere un’esperienza autentica, correlata alla cultura locale, e il 27% ha riferito di informarsi sulla cultura locale della propria meta di viaggio prima della partenza. Di conseguenza, organizzare tour per piccoli gruppi è una pratica virtuosa che rientra nella filosofia dell’ecoturismo per vari motivi. Innanzitutto, in un piccolo gruppo la guida riesce a condividere una maggior quantità di tempo con ciascun partecipante, stimolandolo nella sua personale crescita in ambito escursionistico. Un gruppo poco numeroso, inoltre, è un gruppo più facilmente gestibile in situazioni di emergenza, e nel quale è facile ottenere momenti di silenzio per entrare in relazione con l’ambiente circostante.

Due terzi dei viaggiatori globali hanno dichiarato di voler vivere un’esperienza autentica, correlata alla cultura locale

L’utilizzo di alimenti a chilometro zero è essenziale nell’ecoturismo per promuovere la sostenibilità e la valorizzare la produzione locale. Gli alimenti a km zero non solo supportano le economie locali, ma offrono agli ospiti un’esperienza gastronomica autentica. questo genere di proposta gastronomica promuove pratiche agricole sostenibili, contribuendo a una consapevolezza ambientale più ampia nell’ambito del turismo. Come emerso dal 13° rapporto “Gli italiani, il turismo sostenibile e l’ecoturismo” di Fondazione UniVerde e Noto Sondaggi, l’82% degli italiani vede la sostenibilità come un’opportunità o una necessità per lo sviluppo turistico, il 60% pianifica viaggi rispettosi dell’ambiente, e il 50% associa il turismo al cibo e ai tour enogastronomici. Dati che mostrano un crescente interesse per un turismo che sia in armonia con l’ambiente e che valorizzi le peculiarità del territorio, anche con l’adozione di alimenti a chilometro zero nella pratica dell’ecoturismo.

L’82% degli italiani vede la sostenibilità come un’opportunità o una necessità per lo sviluppo turistico

La Valle dell’Itria, gioiello di bellezze paesaggistiche locato a sud di Bari tra i comuni di Locorotondo, Martina Franca, Alberobello e Cisternino, si presenta come un luogo straordinario dove il turismo ecosostenibile diventa un impegno tangibile. Infatti, dall’unione d’intenti dei sette assessori al turismo dei comuni che compongono la valle, nasce un progetto per il rilancio del turismo locale, intitolato “Si scrive Valle d’Itria, si legge bellezza”. Il progetto vuole sottolineare l’importanza della lentezza, chiave di volta di un turismo sostenibile, sia a livello ambientale, che economico. Difatti, I comuni della Valle d’Itria stanno giocando un ruolo fondamentale nella promozione del turismo ecosostenibile: impianti fotovoltaici, strategie efficaci di raccolta differenziata e il sostegno alla produzione e al consumo di prodotti locali sono solo alcune delle pratiche implementate per garantire uno sviluppo turistico in sintonia con l’ambiente circostante.

Ecoturismo in Valle d’Itria, un caso che fa scuola 

Questa sinergia di sforzi imprenditoriali e iniziative comunali sta affermando la Valle d’Itria come destinazione esemplare per chi cerca un turismo autentico e rispettoso dell’ambiente. Tra le iniziative che si inseriscono in questo àmbito, il Bio Agriturismo Terra Verde grazie all’agricoltura biologica e all’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili è in grado di offrire ai visitatori un’esperienza di soggiorno a impatto zero. Il dinamismo imprenditoriale è evidente anche nel settore delle attività all’aperto: la Bike Valley, fondata da Giovanni Rossi, propone escursioni in bicicletta tra vigneti e pittoreschi villaggi, con l’obiettivo di promuovere un turismo sostenibile e rispettoso dell’ambiente.

Leggi anche

Ultime notizie
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, i dati degli ultimi sei mesi della Polizia Criminale

Violenza di genere, i dati del Servizio Analisi Criminale della Polizia Criminale documentano un trend in crescita dal 2021 al 2023, ma i dati degli ultimi sei mesi evidenziano una flessione rispetto allo stesso periodo del 2023, soprattutto per i reati spia e gli omicidi volontari.
di redazione
violenza di genere
work life balance
Parità

Work life balance, c’è ancora un gap di genere da colmare

Il work life balance, ovvero l’equilibrio tra vita privata e professionale, riguarda anche la parità di genere, soprattutto in merito al caregiving, che troppo spesso ancora ricade principalmente sulle donne. Adnkronos evidenzia inoltre che il 66% degli utenti si dichiara insoddisfatto del proprio life work balance, e che questo incide nella scelta dell’impiego.
di redazione
work life balance
mediterraneo
Sostenibilità

Giornata internazionale del Mediterraneo, un ecosistema da difendere da plastica e sfruttamento

La Giornata internazionale del Mediterraneo è stata dedicata al dibattito sul nostro mare, un ecosistema che va difeso dallo sfruttamento intensivo della pesca e dalle plastiche. Un incontro presso la Camera dei Deputati organizzato da Fondazione Aqua ha visto numerosi studiosi esprimersi in merito al fragile equilibrio di questa risorsa fondamentale.
di redazione
mediterraneo
Uricchio ANVUR
Intervista

Antonio Uricchio, Presidente ANVUR: la valutazione come strumento per migliorare la qualità di ricerca e didattica

Antonio Uricchio, Presidente di ANVUR interviene nel merito delle critiche mosse verso una eccessiva burocratizzazione delle Università italiane, affermando la valutazione delle stesse come importante strumento per migliorare la qualità della ricerca e della didattica attraverso la raccolta di dati, documenti e informazioni.
di Mario Caligiuri*
Uricchio ANVUR
Corridoi TEN-T
Infrastrutture

Segnali positivi nella nuova strategia dei corridoi europei dei trasporti TEN-T

Il Parlamento europeo ha approvato il nuovo Regolamento sui Corridoi TEN-T. Il testo ha l’obiettivo di completare alcuni importanti collegamenti, aggiornando il piano europeo per una rete di ferrovie, strade, vie navigabili interne e rotte marittime a corto raggio collegate attraverso porti e terminali in tutta l’Unione.
di Gianpaolo Basoli*
Corridoi TEN-T
Intervista

Pierluigi Petrone, Presidente Assoram: sfide globali e nuove competenze del comparto healthcare

Il comparto healthcare oggi si trova ad affrontare nuove sfide che vanno oltre gli anni della pandemia: le mutate esigenze dei consumatori, sempre più vicini all’e-commerce, e gli equilibri internazionali che condizionano logistica e distribuzione. Uno sguardo alle sfide del futuro con il Presidente di Assoram Pierluigi Petrone.
di Susanna Fara
scuola
Istruzione

La Scuola di domani: tecnologie digitali e valorizzazione delle eccellenze

Tecnologie digitali e una gestione oculata dei fondi per valorizzare le eccellenze e la qualità: è questa la prospettiva sulla Scuola italiana individuata da Alessandro Curioni, Docente (Università Cattolica di Milano) e Presidente di DI.GI Academy.
di Massimiliano Cannata
scuola
maternità surrogata
Società

Maternità surrogata: italiani contrari, solo dai giovani segnali di apertura

Il 62,9% degli italiani si dichiara oggi contrario alla maternità surrogata, e solo i giovani mostrano segnali di apertura, dal momento che il 58% dei 18-24enni si dichiara favorevole. Ma il tema è complesso e maggiormente avversato dall’opinione pubblica italiana, da Nord a Sud e a dispetto anche del titolo di studio.
di redazione
maternità surrogata
animali
Animali

Vivisezione, caccia, allevamenti intensivi: cresce la sensibilità degli italiani verso il benessere animale

I diritti degli animali contano sempre di più per una maggioranza di italiani: il 76% è contrario alla vivisezione, il 73% agli allevamenti intensivi. I temi etici legati agli animali raccolgono quote consistenti di italiani contrari anche rispetto a vivisezione, caccia, pellicce, uso degli animali nei circhi.
di redazione
animali
corruzione
Internazionale

G7 Anticorruzione, un fenomeno che richiede un’azione globale

Il tema corruzione entra in agenda al G7 con il Gruppo di lavoro anticorruzione, proposto dal nostro Paese per avviare una azione collettiva rispetto a un fenomeno diffuso. Tra i punto fondamentali, l’educazione fin dalla prima età alla cultura della legalità e l’acquisizione di metodi di misurazione della corruzione su basi oggettive.
di Avv. Angelo Caliendo*
corruzione