Festival culturali, più innovazione per coinvolgere i giovanissimi

festival culturali

Settembre è il mese dei festival letterari: Festivaletteratura di Modena, Pordenonelegge che fa incontrare lettori e autori, il recente Flip di Pomigliano D’Arco dedicato all’editoria indipendente. Si tratta di rassegne che coinvolgono un pubblico variegato e in cerca di approfondimento culturale, che propongono dibattiti, eventi e incontri con scrittori e addetti ai lavori. In Italia nel 2009 si contavano circa 1.200[1] festival culturali dedicati a musica, arte, teatro, letteratura, filosofia, danza e molto altro nell’offerta delle numerose rassegne presenti sul nostro territorio. La pandemia ha senza dubbio sparigliato le carte nella composizione dei festival in Italia, con le limitazioni legate agli accessi e la necessità di regolarne i flussi. I festival non generano sempre profitti, e sono significative le differenze tra un festival grande e piccolo, soprattutto nei bilanci annuali. Se i grandi festival possono contare su entrate generose, i piccoli festival contano anche sulla presenza di volontari – spesso presi dal mondo dell’associazionismo locale – che diventano essenziali alla riuscita delle manifestazioni. Bisogna inoltre ricordare che alcuni festival sono a pagamento, mentre altri permetto un libero accesso agli eventi. Anche il patrocinio da parte degli enti locali può pesare sul bilancio finale di un festival, soprattutto nella cessione gratuita di spazi comunali che, altrimenti, rappresenterebbero un costo proibitivo, soprattutto per le piccole realtà.

In Italia nel 2009 si contavano circa 1.200 festival culturali

È chiaro che ogni festival ha creato la propria formula per veicolare una proposta culturale coerente con l’argomento trattato e le finalità da raggiungere, per coinvolgere i visitatori e distinguersi dagli altri. Ma in questa realtà omogenea, è indubbia per tutti l’incidenza sul territorio in termini materiali e immateriali. I festival sono innanzitutto occasioni di scambio, condivisione e aggregazione, alimentano il dibattito e la vivacità culturale di un territorio, grande o piccolo che sia, e spesso avvicinano le persone a contenuti che altrimenti sarebbero loro preclusi. Le ricadute di natura economica sono altrettanto evidenti, in primis per il mondo della ristorazione e dell’accoglienza, coinvolgendo a catena vari settori dell’economia locale. Secondo il report datato 2017 di Confcommercio “Le ricadute degli eventi culturali e di spettacolo”, i visitatoti che partecipano agli eventi in questione spendono il 23% del loro budget totale nei ristoranti, il 5% al bar, per bevande e take away, e il 9% in prodotti locali di oggettistica ed enogastronomia. La voce di spesa più alta è quella relativa all’alloggio (39%), con ricadute positive sul settore alberghiero.

I visitatoti spendono il 23% del loro budget nei ristoranti, il 5% per bevande e take away e il 9% in prodotti locali 

Dall’analisi condotta nel 2012 dalla Fondazione Florens dal titolo “Effettofestival” estrapoliamo invece importanti informazioni descrittive dei festival culturali in Italia. Effettofestival si concentrava all’epoca sulla composizione quantitativa e qualitativa di un fenomeno ancora poco studiato. La ricerca documentava una realtà variegata, nata sugli esempi di festival dedicati a poesia e letteratura negli anni ’90 e poi esplosa negli anni 2000, quando si è cercato di ricreare altrove esperimenti già collaudati. Nelle rilevazioni del 2012 settembre è il mese in cui si concentra la maggioranza delle proposte, che nel 59% dei casi durano 3-4 giorni, nel 19% dei casi 5, nel 22% dei casi più di 10 giorni. Il 78% dei festival si svolge in un unico luogo, mentre il 27% è policentrico, ovvero si svolge in aree e comuni limitrofi all’interno della stessa provincia. Il 43% dei festival si svolge tra massimo dieci locations, allo scopo di favorire anche gli spostamenti dei visitatori. Le sedi prescelte per ospitare gli eventi spesso sono anche un’opportunità di riappropriazione di spazi pubblici altrimenti dismessi, che oltre a trovare un uso vengono anche impiegati per la collettività. Sebbene oggi siano cambiate molte cose, complice la crisi pandemica, nelle rilevazioni del 2012 relative al 2011 la maggioranza degli eventi (59%) era gratuito. Enti pubblici e soggetti privati sono alla base della sopravvivenza dei festival, in quanto ne sono finanziatori principali insieme a sponsor tecnici e media partner. Tra gli enti, i Comuni sono i principali finanziatori (81%) insieme alle Regioni (70%).

L’investimento in prevenzione sanitaria durante la pandemia è stato pari al 17% del budget

La stessa indagine ha inquadrato vari aspetti del fenomeno nel corso degli anni, ma ci soffermeremo su quelle degli anni recenti. Nel 2020, “Effettofestival” ha inquadrato le trasformazioni del settore dettate dalla economia pandemica, che ha colpito tutte le attività legate all’aggregazione sociale. Partendo da un campione complessivo di 89 festival di tutta Italia, il 32% dei festival nell’anno della pandemia ha mantenuto le date di svolgimento originarie, ill 14% ha posticipato le date e il 17% ha annullato l’evento. Il 7% dei festival hanno tenuto una doppia edizione: una prima esclusivamente online nel periodo originario di svolgimento e una seconda ibrida/in presenza in un momento successivo. Per quanto riguarda le voci di budget legate all’emergenza sanitaria, l’investimento in prevenzione sanitaria è stato pari in media al 17% del budget. Per quanto riguarda i format proposti, il 48% dei festival si è svolto online e in presenza, mentre il 17% si è trasferito completamente online, aprendo le porte a formule alternative di partecipazione.

Festival culturali, è bassa la partecipazione dei giovani tra i 19 e i 29 anni

Effettofestival 2022 ha monitorato 9 festival italiani di approfondimento culturale, concentrandosi invece sul pubblico e sull’impatto culturale dei festival. Ne emerge che il 69% del pubblico è rappresentato da donne, il 57% da over 50, mentre è bassa la partecipazione dei giovani tra i 19 e i 24 anni (4%), e dei 25-29enni (5%). Il 40% del pubblico partecipa ai festival per la possibilità di approfondire la conoscenza di argomenti e autori, il 26% per la possibilità di incontrare di persona gli autori e il 25% per entrare in contatto con temi nuovi. Inoltre, emerge dalla ricerca che i giovanissimi (Gen Z e Gen Alpha) ignorano la carta, la televisione e i quotidiani: si informano da voci coetanee, su altre piattaforme, evidenziando la necessità di una evoluzione nella modalità di comunicazione e promozione nei festival.

Il 70% del turismo culturale si concentra nell’1% del territorio italiano

I festival culturali rientrano in un discorso più esteso sul turismo culturale in Italia, e possono rappresentarne una spinta e una declinazione per valorizzare altri luoghi meno battuti dal turismo di massa. Dai dati di Banca d’Italia sul turismo culturale sappiamo che nel 2021 sono arrivati in Italia 23,9 milioni di visitatori, ma il 70% del turismo culturale si concentra nell’1% del territorio italiano. Roma attira il 20,9% delle presenze, Venezia il 16,9%, Firenze il 9,8%, Milano il 7,3%. Seguono Napoli (4,1%), Bari (3%), Verona (2,3%), Bologna (2,1%), Torino (1,6%) e Pisa (1,3%). Con dati del genere, non sorprendono i fenomeni di overtourism e le problematiche che il turismo di massa genera in città come Roma, Milano, Napoli, Venezia e Firenze. In questo senso i festival culturali potrebbero rappresentare uno stimolo per aprire al turismo zone meno battute del nostro patrimonio, generare ricchezza in questi luoghi e decongestionare le città d’arte prese d’assalto dal turismo di massa. I festival culturali, infine, potrebbero aprire al turismo rurale la provincia italiana, altrettanto ricca di arte, storia e cultura e non ancora pienamente valorizzata.

[1] Guido Guerzoni, Effetto festival, 2009.

Leggi anche

 

Ultime notizie
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang
d-day
Center-news

80 anni fa il D-Day che segnò la fine del nazismo

D-Day, il giorno che segnò la fine del nazismo con lo sbarco in Normandia: il 6 giugno ricorrono gli 80 anni dall’operazione che decise un nuovo corso per la storia. Ma la memoria storica è a rischio, senza la trasmissione generazionale della memoria e con la riduzione a fiction del nostro passato, come spesso avviene nelle serie tv.
di Giuseppe Pulina*
d-day
agricoltura
Agricoltura

Agricoltura, innovare è possibile: intervista a Enrico Dall’Olio, ad di Agribioenergia

In agricoltura, per innovare c’è bisogno di immaginare come vorremmo che fosse il nostro Paese tra 30/50 anni, senza perdere di vista dove siamo e in quale epoca storica, ambientale, economica e culturale viviamo. L’intervista a Enrico Dall’Olio, ad di Agribioenergia.
di Redazione
agricoltura
Criminalità e contrasto

Criminalità minorile e gang giovanili. I dati

Il Report “Criminalità minorile e gang giovanili”, il report realizzato dal Servizio analisi criminale è stato presentato questa mattina a Roma, presso la...
di redazione
Lavoro

La “mobilità circolare” dei giovani nell’area mediterranea

I giovani protagonisti del cambiamento Lo spazio Mediterraneo è un bene comune (“common good”) che appartiene a tutti gli Stati della UE ed...
di Avv. Angelo Caliendo*
Osservatorio sulla PA

Equo compenso o tariffazione?

Se solo il Codice dei Contratti fosse stato promulgato il 1° luglio 2023 (data della sua entrata in vigore) oggi non dovremmo affrontare questa spinosa questione, circa la portata e le modalità applicative della legge n. 49 del 21 aprile 2023 che ha introdotto “l’equo compenso” per i professionisti. Disposizione che di fatto modifica i criteri di aggiudicazione previsti nel Codice degli Appalti, vincolando il prezzo dei servizi professionali, o almeno così sembrerebbe.
di redazione
Intervista

Insularità, PNRR, fondi europei: il caso Sicilia

A più di un anno dall’introduzione nella nostra Costituzioni del principio di Insularità sono corrisposte politiche di sostegno e finanziamento delle attività necessarie a realizzare tale principio? Qual è l’incidenza dei fondi europei sulle attuali politiche di rigenerazione urbana e di sviluppo delle isole? Ne abbiamo parlato con chi ogni giorno deve confrontarsi con la gestione di una realtà complessa come quella della città di Catania: l’ingegner Biagio Bisignani, Direttore URB@MET.
di redazione
corse
Intervista

L’insularità possibile: il caso Corsica. Intervista a Marie-Antoinette Maupertuis, Presidente dell’Assemblea corsa

La Corsica è uno dei modelli europei in merito all’insularità e alle iniziative intraprese per favorire la coesione territoriale e l’autonomia fiscale necessaria per l’economia corsa, dinamica ma gravata da una “crescita depauperante”. Ne parliamo con l’Onorevole Marie-Antoinette Maupertuis, economista e Presidente dell’Assemblea della Corsica.
di Daniela Pappadà
corse