Giochi: rischio illegalità all’attenzione delle Regioni

gioco

Il tema del valore e del peso specifico della legalità nel settore dei giochi si impone nel dibattito pubblico e nel confronto nelle sedi istituzionali. Il Generale Giuseppe Arbore, Capo del III reparto operazioni del Comando generale della Guardia di Finanza, in audizione davanti alla Commissione d’inchiesta sul gioco illegale e le disfunzioni del gioco pubblico, il 26 maggio 2022, ha affermato che in relazione alla fase pandemica da Covid-19 «il blocco della raccolta fisica ha sicuramente comportato l’aumento del gioco illegale fisico. Sul gioco online, è aumentata la raccolta. La domanda è anelastica quindi chi voleva giocare ha comunque trovato il modo di farlo».

Nel periodo 2020-2021 scoperte 250 sale illegali, circa 60 bische chiuse e 2mila slot sequestrate

I dati della Guardia di Finanza, tratti dal bilancio operativo annuale, confermano un progressivo aumento dei fenomeni illeciti tramite esercizi attivi sul territorio: nel 2020 le agenzie clandestine individuate erano 275 rispetto alle 388 scoperte nel 2021 e nei primi mesi del 2022. A fronte di 311 soggetti denunciati nel 2020, sono 633 le persone denunciate all’Autorità giudiziaria nell’anno successivo. Anche l’attività del Comitato per la prevenzione e la repressione del gioco illegale promosso dall’Agenzia Dogane e Monopoli, di cui fanno parte il Dipartimento della Pubblica Sicurezza, il Comando Generale della Guardia di Finanza e il Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri e presieduto dal Direttore dell’Agenzia, ha evidenziato dati preoccupanti nel periodo 2020-2021 con 250 sale illegali scoperte in pochi mesi, circa 60 bische chiuse e 2mila slot sequestrate.

Le ricadute occupazionali del “distanziometro” regionale riguarderanno circa 13mila lavoratori

Gli effetti prodotti dalle chiusure della rete legale di raccolta di gioco durante il periodo pandemico hanno già offerto una risposta agli interrogativi che si pongono in vista dell’entrata in vigore di alcune normative regionali che sono finalizzate al contrasto delle dipendenze patologiche connesse al gioco d’azzardo ma che si traducono, nei fatti, in un indebolimento, fino alla chiusura, degli esercizi che offrono gioco pubblico nei territori urbani. Questo effetto collaterale è stato recentemente denunciato a gran voce dagli operatori del settore e dalle sigle sindacali, per le conseguenze in termini di chiusura delle imprese e perdita di posti di lavoro, con riguardo in particolare alla legge regionale del Lazio n. 5/2013. Secondo i dati diffusi dalle associazioni di categoria, con l’entrata in vigore del così detto “distanziometro” regionale alla fine del mese di agosto 2022, le ricadute occupazionali riguarderanno circa 13.000 lavoratori.

Lo scenario merita un’attenta ponderazione anche per l’impatto che può avere sui rischi di degenerazione criminale. Dalle analisi svolte dall’Osservatorio Permanente Giochi legalità e patologie dell’Eurispes, in “Gioco Pubblico e dipendenze nel Lazio” (Rapporto di ricerca presentato a Roma il 23 ottobre 2019) l’applicazione del “distanziometro” regionale (ubicazione degli esercizi che offrono gioco ad una distanza minima dai luoghi qualificati sensibili), come disciplinata dalla legge laziale, porterebbe ad uno spazio di insediabilità dell’offerta legale di gioco nel territorio di Roma Capitale pari allo 0,7%. Queste evidenze stimolano una riflessione sul valore della legalità, sul ruolo delle reti legali in questa area di rilevanza pubblicistica e sui rischi di degenerazione che le istituzioni regionali sono disposte a correre, più o meno consapevolmente, alla luce dei dati e delle conoscenze acquisite da chi contrasta sul campo ogni forma di illegalità per averne studiato le dinamiche.

Musolino: “ricercare le ragioni del disagio sociale ed economico che giustificano la richiesta di strumenti di gioco e scommesse”

Nell’intervista in profondità, parte integrante del Rapporto di ricerca “Gioco Pubblico e dipendenze nel Lazio” del 2019, Stefano Musolino, magistrato della DDA di Reggio Calabria e componente del comitato scientifico dell’Osservatorio Permanente Giochi legalità e patologie dell’Eurispes   ha osservato: «La storia ci insegna che ogni qual volta si inibisce la libera concorrenza in settori economici in cui esiste una forte domanda, per finalità di contenimento dei rischi impliciti alla somministrazione dei relativi beni o servizi, si genera sempre un circuito economico parallelo che tenta di soddisfare quella domanda (…)». E ancora: «Credo che dovrebbero essere indagate ed affrontate le ragioni del disagio sociale ed economico che giustificano la richiesta sempre più variegata ed ampia di strumenti di gioco e di scommesse, ampliando gli spazi di infiltrazione nel settore delle organizzazioni criminali. A me pare che solo intervenendo sulle ragioni che stanno a fondamento dell’anomala crescita della domanda di giochi e scommesse, insieme ad una chiara regolamentazione del sistema che offra spazi fisiologici allo sviluppo dell’offerta si possano risolvere le molte criticità che caratterizzano il settore».

In linea con la ricostruzione offerta dal Rapporto dell’Osservatorio Eurispes, anche l’ultima Relazione della Direzione Nazionale Antimafia, trasmessa dal Procuratore nazionale al Presidente della Camera il 24 novembre 2020 (periodo 1/07/2018 – 31/12/2019), ha dedicato una specifica sezione alla normativa di settore evidenziando che «l’affidamento della concessione è subordinato all’integrale ed assoluto rispetto della vigente normativa antimafia» e che «la normativa ha finito per assumere uno spiccato carattere di specialità rispetto agli altri settori economici regolati dal nostro ordinamento giuridico, con l’intento di aumentare la trasparenza anche nei riguardi di quelle figure che influiscono concretamente sull’andamento operativo e sugli assetti dell’impresa concessionaria di giochi pubblici». Se quindi il sistema del gioco legale si caratterizza per essere un sistema regolamentato e controllato, lo stesso dovrebbe essere rafforzato in termini di ulteriori misure di protezione dai rischi degenerativi e di infiltrazione e non indebolito sui territori (anche con strumenti come il “distanziometro”), lasciando così preziosi spazi di operatività a fenomeni illeciti e alla criminalità organizzata sempre pronta ad approfittarne.

Leggi anche

Tornando alla specifica situazione della Regione Lazio, nella Relazione della DNA sopra richiamata si legge che diversi riscontri investigativi hanno evidenziato gli interessi dei Casalesi, dei Misso, dei Mazzarella nel settore del gioco attraverso il riciclaggio del denaro. Da parte delle diverse cosche viene privilegiata la scelta di investire a Roma e nel Lazio in quanto la vastità del territorio e la presenza di numerosissimi esercizi commerciali, attività imprenditoriali, società finanziarie e di intermediazione, immobili di pregio, consentono di “mimetizzare” gli investimenti. Le associazioni criminali autoctone hanno costruito negli anni un sistema di potere che passa attraverso il controllo del territorio e hanno sviluppato e rafforzato un reticolo di rapporti e relazioni che hanno permesso agli stessi di interagire e relazionarsi con elementi apicali della ‘ndrangheta e della camorra.

Nello stesso solco si pongono le evidenze della più recente Relazione Semestrale del Ministero dell’Interno al Parlamento sull’attività e sui risultati conseguiti dalla Direzione Investigativa Antimafia, trasmessa il 7 aprile 2022 relativamente al primo semestre 2021. Vi si legge che «Gli interessi connessi al gioco d’azzardo lecito e illecito continuano a far registrare nel Lazio una certa operatività spesso interessando in sinergia diverse matrici criminali». Il provvedimento di confisca, eseguito tra dicembre 2020 e gennaio 2021, nell’ambito dell’operazione Babylonia della DDA di Roma, ha riguardato beni per un valore di circa 300 milioni di euro riconducibili a soggetti contigui alla camorra napoletana, alla criminalità organizzata barese e romana e a frange inquinate dell’imprenditoria della Capitale. 

Osservatorio Giochi, chiudere gli esercizi autorizzati dallo Stato significa tendere la mano agli operatori illegali

L’interesse delle associazioni criminali e mafiose nel settore del gioco d’azzardo rende quanto mai indispensabile monitorare e controllare l’offerta di gioco, con la consapevolezza – più volte evidenziata dall’Osservatorio Giochi, Legalità e Patologie dell’Eurispes – che la domanda di gioco è sempre presente e che chiudere gli esercizi autorizzati dallo Stato significa tendere la mano agli operatori illegali, senza alcun risultato utile ai fini del contrasto al gioco d’azzardo patologico.

In conclusione, la dicotomia salute/sicurezza, suggerita dall’analisi dell’attuale contesto, andrebbe a nostro avviso risolta con soluzioni di equilibrio e attraverso un bilanciamento, reale e non astratto, degli interessi pubblici preminenti in gioco. La tutela della legalità, nella sua accezione più ampia, non può essere esclusivo appannaggio dell’Amministrazione centrale nella misura in cui impatta sui territori e sulla sicurezza dei cittadini. Sul piano della salute pubblica, e quindi del contrasto delle dipendenze patologiche, è auspicabile che l’Amministrazione centrale si riappropri dell’attività di indirizzo e coordinamento che le è propria per tutelare esigenze di carattere unitario non suscettibili di frazionamento o localizzazione territoriale e nello spirito della leale collaborazione istituzionale.

*Direttori dell’Osservatorio Eurispes su Giochi, Legalità e Patologie.

Ultime notizie
Relazione DIA
Criminalità e contrasto

Relazione Semestrale DIA, la mafia si insinua anche grazie ai traffici di droga e di armi

La Relazione DIA relativa al primo semestre 2023 è stata resa nota questa mattina. Le mafie emergono come fenomeni sempre più mutevoli che cambiano forme e modalità di azione, adattandosi ai contesti socio-economici. Il traffico di droga resta la fonte maggiore di profitto per i clan, mentre si rileva la presenza di un traffico di armi, anche da guerra.
di redazione
Relazione DIA
economia africana
Mondo

Come va l’economia africana? La realtà del Continente al di là dei macro-dati

L’economia del Continente africano crescerà tra il 3,8% e il 4% nel 2024 e sarà la seconda economia a livello mondiale dopo quella asiatica, ma i dati reali, non meramente legati a fattori economici, descrivono una realtà più incerta e mutevole, determinata dai conflitti, dall’instabilità politica e da disastri naturali ed eventi climatici, come la siccità.
di Emanuele ODDI*
economia africana
rimesse economiche
Immigrazione

L’importanza sociale delle rimesse economiche dei migranti

Le rimesse economiche dei migranti rappresentano una risorsa per il paese d’origine che le riceve, oltre a un diritto e un mezzo di emancipazione di molte famiglie dalla povertà. Ma allo stesso tempo, queste possono creare squilibri nel tessuto sociale: una ricchezza, dunque, che andrebbe guidata da progetti di investimento strutturati.
di Marco Omizzolo*
rimesse economiche
Intervista

Neuroscienze della narrazione, lo storytelling nell’era dell’Intelligenza artificiale

“Neuroscienze della narrazione” è il saggio di Marco La Rosa, pubblicato da Hoepli, che analizza presente e futuro dello storytelling nell’era dell’IA. Oltre al rischio di un eccessivo appiattimento dei contenuti, come già accade per le immagini generate da IA, La Rosa allerta sulla condizione dell’“uomo di vetro”, ovvero privato della sua riservatezza.
di Massimiliano Cannata
migrazione e asilo
Europa

Nuovo Patto europeo su migrazione e asilo, manca un vero equilibrio tra responsabilità e solidarietà

Il nuovo Patto europeo su migrazione e asilo ha generato notevoli perplessità sul fronte dei diritti umani e della solidarietà tra Stati Ue, in particolare sul trattamento dei minori e sulla possibilità data agli Stati membri di rifiutarsi di ospitare i richiedenti asilo in cambio di un contributo finanziario alla gestione dei processi di rimpatrio.
di Ugo Melchionda*
migrazione e asilo
violenza di genere
Società

Giovani e violenza di genere. I dati della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Violenza di genere, un report del Servizio Analisi Criminale delle Forze di Polizia analizza il fenomeno in una ottica generazionale. I delitti in àmbito affettivo e familiare sono in calo, ma troppo spesso riguardano vittime e autori con meno di 34 anni, con prevalenza di giovani adulti. Il 76% delle donne vittime di violenze sessuali ha meno di 34 anni.
di redazione
violenza di genere
competenze digitali
Lavoro

Competenze digitali e nuove priorità nel mondo del lavoro, l’appuntamento Adnkronos Q&A

Attrarre nuovi talenti, valorizzare la formazione specifica e investire sulle persone: questi i temi al centro del nuovo appuntamento Adnkronos Q&A, con focus su parità e gender gap
di redazione
competenze digitali
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati dell’Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang