Giù le mani da Babbo Natale!

C’è una fiaba sul Natale la cui lettura può essere facilmente raccomandata. L’ha scritta Louise Lou Salomé per i figli di una sua cara amica, Bubi e Schnuppi, nomi di fantasia, giocosi e curiosi come le poche pagine in cui si svolge il racconto[1]. Leggerla aiuterebbe a dare una risposta non scontata e banale ai tanti bambini (forse oggi meno numerosi di una volta) che s’interrogano sulla reale identità ed esistenza di Babbo Natale. Lou Salomé è stata una filosofa e una delle prime psicoanaliste del Novecento; conosciuta anche per la sua amicizia con Nietzsche e Rilke, aveva un grande talento nella scrittura.

Solo un nome che designa quanto di gradevole la vita sa offrire

La fiaba prende le mosse dal più classico degli incipit: l’incontro con un vecchio che, accorciata la barba e smessa la divisa rossa, sembra avere tutte le fattezze di un Babbo Natale in borghese. Ascoltandolo, scopre che «Natale non è che il giorno del compleanno universale di tutti i bambini, il giorno della vita. Lo si festeggia perché tutti i genitori hanno deciso che in quel giorno vogliono in modo particolare esser lieti, insieme ai loro bimbi, del loro affacciarsi all’esistenza». La fiaba rivela anche l’identità di Babbo Natale: «solo un nome che serve a indicare tutto quanto v’è di piacevole nella vita, tutte le cose gradevoli che capitano in noi o di cui noi possiamo essere ovunque gli artefici. Pressappoco come le cicogne-porta-bambini rappresentano dei semplici nomi per indicare il meraviglioso evento che si attua in virtù di una mamma». Tutto ciò non toglie forza e credibilità al Natale, attribuendogli semmai una serie di significati sui quali sarebbe possibile costruire un’immagine del grande evento cristiano capace di conciliare prospettive e sensibilità molto diverse. Potrebbe essere, insomma, un modo per “salvare” il Natale e riabilitare la figura di Santa Claus, oggi sempre più persa e disorientata nei corridoi dei grandi magazzini? 

Natale e psicoanalisi

Nel 1895, e, quindi, prima della nascita ufficiale della psicoanalisi, Sigmund Freud prese in esame il Natale, ma questo fu per lui l’occasione dell’ennesimo caso clinico. Ebreo, ateo, tutto concentrato com’era sull’applicazione di un metodo scientifico che rendesse conto dei fenomeni dell’inconscio e dei processi psichici, non poteva mostrare lo stesso interesse della sua futura allieva Lou Salomé per il fascino e i misteri del Natale. “Misteri”, se così vogliamo chiamarli, che stuzzicheranno invece l’attenzione di altri studiosi della psiche, perché nel Natale convergono molti temi cari al movimento psicoanalitico. In una ipotetica storia del rapporto tra Natale e psicoanalisi troverebbero spazio argomenti come la depressione, il valore del dono, la legittimità delle bugie (si pensi alla figura di Babbo Natale), con la distinzione tra bugie bianche e tossiche menzogne, il rapporto di fiducia tra bambini e adulti, che riflette quello tra genitori e figli, cardine delle principali teorie freudiane.

La sindrome di Babbo Natale

Esisterebbe, per giunta, anche una presunta sindrome di Natale, in cui anche l’ilare e bonario Santa Claus giocherebbe la sua parte. Reale o no che sia, il solo supporre che il Natale possa evocare e comportare un risvolto patologico – una sindrome lo è a tutti gli effetti – significherebbe che la festa della Natività non è sempre o per tutti foriera di distensione e pensieri positivi. Si parla di sindrome di Babbo Natale per definire la delusione dei bambini che, dopo avere atteso a lungo e con fiducia l’arrivo del 25 dicembre, scoprono che sotto l’albero non ci sono i regali che avevano desiderato o che ci si è addirittura scordati di loro. Si parla di bambini, ma la sindrome non risparmierebbe nemmeno gli adulti, andando a indicare la frustrazione che si prova quando un’attesa fiduciosa non viene adeguatamente ripagata e si constata che altri hanno invece avuto successo. Come dire che il Natale altrui, non tanto diverso dall’erba del giardino del vicino di casa, può essere più Natale del nostro.

Lo chiamano “Christmas blues”

Del resto, si è abituati a considerare il Natale come una scadenza, proprio come una di quelle date che inducono a fare bilanci e previsioni. A Natale le scuole chiudono, le fabbriche rallentano la produzione, la tredicesima è stata in buona misura impegnata. Natale val bene una messa, un pranzo in famiglia e una salva di auguri “copia e incolla” da inoltrare col cellulare. Natale è tutte queste cose e altre ancora. È un rito che riflette la dinamica spesso anonima ed esangue di meccanismi passivamente reiterati. Difficile, perciò, che a qualcuno non vada giù. L’atmosfera del Natale (e, in fin dei conti, il Natale è per molti proprio questo) può suscitare reazioni contrarie a quelle che vorrebbe invece evocare. Il Natale che dovrebbe scaldare i cuori può farci scoprire il piccolo Grinch che alberga dentro di noi. La chiamano “Christmas blues” (“malinconia di Natale”), ma è nota anche come “sindrome del Grinch”. Se ne risulterebbe affetti quando si reagisce al clima dell’Avvento con atteggiamenti infastiditi, sperando che sia presto Epifania, quando la Befana decreterà la fine di tutte le feste e il ritorno a una “normalità” mai veramente interrotta. 

[1]La fiaba è tratta da Louise Andreas-Salomé, Il mio ringraziamento a Freud e Tre lettere a un fanciullo, traduzione di M. A. Massimello, Bollati Boringhieri, Torino 2006. È possibile svolgerne una lettura integrale in Rete.

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento