Le politiche di coesione sono una priorità per l’Ue e per l’Italia

divari regionali

L’Unione europea ha da sempre posto la riduzione dei divari regionali tra i suoi principali obiettivi: un impegno tradotto in azioni che vanno dal livello comunitario a quello nazionale, attraverso la stipula degli Accordi di Partenariato con i singoli Stati membri e l’integrazione di risorse nazionali. In Italia, ad esempio, il Fondo Sviluppo e Coesione (FSC) rappresenta uno strumento fondamentale per perseguire questa missione. Oggi, mentre le risorse dell’Ue si muovono attraverso un piano finanziario più ampio che comprende tutti gli strumenti derivanti da NextGenerationEU, è essenziale valutare i risultati ottenuti e le sfide ancora irrisolte per il nostro Paese che, insieme a Spagna, Polonia e Romania, è tra i principali beneficiari delle politiche di coesione.

Il nostro Paese, insieme a Spagna, Polonia e Romania, è tra i principali beneficiari delle politiche di coesione

Analizzando gli ultimi vent’anni di programmazione e implementazione di quest’ultime, l’Istat ha recentemente mostrato quanto la dinamica di sviluppo per l’Italia sia stata complessa e frammentata. Il quadro che emerge vede infatti il nostro Paese intrappolato in un ciclo di sviluppo disomogeneo che minaccia la sua crescita economica e sociale. Un fenomeno, noto come “trappola dello sviluppo”, che mostra un divario sempre tra le regioni più avanzate e quelle con un Pil pro capite essenzialmente stagnante. Che l’Italia sia caratterizzata da importanti gap economici non sorprende: ciò che fa riflettere è che circa un terzo della popolazione italiana rientri nelle regioni categorizzabili nella “trappola”, e che persino le regioni più avanzate abbiano perso posizioni (in termini di Pil pro capite) rispetto al resto d’Europa. Una doppia velocità di divergenza, dunque, esogena ed endogena. Internamente, il divario tra le regioni italiane è in costante crescita, creando una disparità economica significativa, con lo svuotamento delle aree rurali. All’esterno, l’Italia sta perdendo terreno rispetto ad altre nazioni europee in termini di Pil pro capite, competitività e attrattività.

La demografia è tra le cause del divario regionale italiano insieme a occupazione e produttività

Le origini di tale dinamica sono complesse: se gli indicatori economici rischiano di offrire una visione parziale, esistono ulteriori variabili macroscopiche altrettanto importanti. Ad esempio, guardando al report Istat, anche la demografia si inserisce tra le principali cause insieme a occupazione e produttività. Nel nostro Paese la popolazione invecchia, l’occupazione è spesso precaria e instabile, la produttività rimane bassa: fattori che contribuiscono a un circolo vizioso in cui le regioni meno sviluppate faticano a competere e attrarre investimenti. I fondi per la coesione mirano proprio al recupero di tali divari, e l’attuale momento storico vede la fine della precedente programmazione 2014-2020 e l’avvio di quella 2021-2027. Tuttavia, alla fine dello scorso anno la spesa italiana complessivamente certificata alla Commissione europea è risultata pari a 35 miliardi di euro, poco più di metà delle risorse programmate. Ad oggi, siamo al penultimo posto in termini di risorse spese in Europa, davanti solo alla Spagna. Le risorse mancanti dovranno peraltro essere impegnate nel corso di quest’anno, aprendo uno scenario incerto, considerando i ritardi già presenti nel PNRR e la necessità di integrare le risorse che deriveranno dalla sua rimodulazione anche tramite gli stessi fondi di coesione.

Per colmare i divari territoriali bisogna integrare le risorse europee, nazionali e regionali adattandole alle esigenze dei nostri luoghi

Occorrono allora strategie mirate e rapide, con una visione di più lungo termine che guardi oltre la scadenza degli strumenti oggi a disposizione, al fine di garantire un avvicendamento delle fonti e dei programmi di investimento. Puntare ad esempio sull’attrattività dei territori, mirando all’incredibile effetto leva dei percorsi di reskilling e upskilling. In uno scenario che vede nuove dinamiche di crescita, guidate dalle transizioni verde e digitale, bisogna infatti garantire uno sviluppo e adattamento intelligente delle regioni attraverso piattaforme di networking che supportino le interazioni e lo sviluppo territoriale. L’obiettivo dovrebbe essere quello di integrare le risorse europee, nazionali e regionali adattandole alle esigenze e alle sfide dei nostri luoghi per implementare soluzioni su misura per affrontarle. Un impegno a lungo termine e una strategia coordinata possono aiutare a superare le sfide attuali e promuovere una crescita economica equa e sostenibile.

 
*Founder e Managing Director di Futuritaly, strategic advisor con lunga esperienza nel mondo pubblico e industriale.  
Ultime notizie
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang
d-day
Center-news

80 anni fa il D-Day che segnò la fine del nazismo

D-Day, il giorno che segnò la fine del nazismo con lo sbarco in Normandia: il 6 giugno ricorrono gli 80 anni dall’operazione che decise un nuovo corso per la storia. Ma la memoria storica è a rischio, senza la trasmissione generazionale della memoria e con la riduzione a fiction del nostro passato, come spesso avviene nelle serie tv.
di Giuseppe Pulina*
d-day
agricoltura
Agricoltura

Agricoltura, innovare è possibile: intervista a Enrico Dall’Olio, ad di Agribioenergia

In agricoltura, per innovare c’è bisogno di immaginare come vorremmo che fosse il nostro Paese tra 30/50 anni, senza perdere di vista dove siamo e in quale epoca storica, ambientale, economica e culturale viviamo. L’intervista a Enrico Dall’Olio, ad di Agribioenergia.
di Redazione
agricoltura
Criminalità e contrasto

Criminalità minorile e gang giovanili. I dati

Il Report “Criminalità minorile e gang giovanili”, il report realizzato dal Servizio analisi criminale è stato presentato questa mattina a Roma, presso la...
di redazione
Lavoro

La “mobilità circolare” dei giovani nell’area mediterranea

I giovani protagonisti del cambiamento Lo spazio Mediterraneo è un bene comune (“common good”) che appartiene a tutti gli Stati della UE ed...
di Avv. Angelo Caliendo*
Osservatorio sulla PA

Equo compenso o tariffazione?

Se solo il Codice dei Contratti fosse stato promulgato il 1° luglio 2023 (data della sua entrata in vigore) oggi non dovremmo affrontare questa spinosa questione, circa la portata e le modalità applicative della legge n. 49 del 21 aprile 2023 che ha introdotto “l’equo compenso” per i professionisti. Disposizione che di fatto modifica i criteri di aggiudicazione previsti nel Codice degli Appalti, vincolando il prezzo dei servizi professionali, o almeno così sembrerebbe.
di redazione
Intervista

Insularità, PNRR, fondi europei: il caso Sicilia

A più di un anno dall’introduzione nella nostra Costituzioni del principio di Insularità sono corrisposte politiche di sostegno e finanziamento delle attività necessarie a realizzare tale principio? Qual è l’incidenza dei fondi europei sulle attuali politiche di rigenerazione urbana e di sviluppo delle isole? Ne abbiamo parlato con chi ogni giorno deve confrontarsi con la gestione di una realtà complessa come quella della città di Catania: l’ingegner Biagio Bisignani, Direttore URB@MET.
di redazione
corse
Intervista

L’insularità possibile: il caso Corsica. Intervista a Marie-Antoinette Maupertuis, Presidente dell’Assemblea corsa

La Corsica è uno dei modelli europei in merito all’insularità e alle iniziative intraprese per favorire la coesione territoriale e l’autonomia fiscale necessaria per l’economia corsa, dinamica ma gravata da una “crescita depauperante”. Ne parliamo con l’Onorevole Marie-Antoinette Maupertuis, economista e Presidente dell’Assemblea della Corsica.
di Daniela Pappadà
corse
corse
Osservatori

Insularité possible: le cas de la Corse. Entretien avec Marie-Antoinette Maupertuis, Présidente de l’Assemblée de Corse

Insularité possible: entretien avec l’Honorable Marie-Antoniette Maupertuis, Presidente de l’Assemblee de Corse.
di Daniela Pappadà
corse