Le domande inevase sul Covid

Covid

Il primo ostacolo da superare è una sorta di ritrosia emotiva a ricordare giorni tremendi. La memoria fatica a recuperare le prime settimane di Covid all’inizio del 2020 e il lungo periodo di lockdown. C’è una resistenza psicologica, quasi un ritegno morale. Perciò l’inchiesta giudiziaria di Bergamo sulle vicende accadute in alcune zone della Lombardia e il dibattito che ne è seguito hanno il sapore di un difficile ritorno al passato. La situazione provoca sensazioni contrastanti. Non è facile compiere balzi all’indietro e siamo più propensi a guardare avanti. Eppure, avvertiamo che non possiamo dimenticare. Ci sono accadimenti da mettere in ordine, domande di comprensione, esigenze di confronto. La coscienza suggerisce che, dopo quanto trascorso, rimane comunque un obbligo di chiarezza. Verso i singoli e la collettività. E si apre il dilemma: come farlo al meglio, quali sono le strade più utili?

Le inchieste in corso coinvolgono gran parte del Governo dell’epoca 

Siamo presi tutti in contropiede, sul piano emotivo oltre che razionale, per via delle notizie sull’indagine penale che porta all’incriminazione di gran parte del Governo dell’epoca e di molti amministratori locali. Non una cosa da poco, come del resto il senso dell’inchiesta: fare il punto su quanto accaduto in quel periodo, errori, manchevolezze, ritardi, incomprensioni, contrasti. Accade mentre c’è un calo di tensione su questi problemi, ci stiamo occupando d’altro e siamo proiettati verso un pensiero diverso, le misure del Governo su autonomia differenziata e fisco, l’opposizione alla ricerca di una rotta efficace, il cantiere possibile della sinistra a guida Elly Schlein, e poi l’emozione per la strage dei migranti a Cutro, pagina epica della disperazione che attraversa il mondo. La reazione di incredulità verso questa indagine, persino lo scetticismo, sconta un contraccolpo psicologico. È comprensibile che, a distanza di tempo e presi da altro, sia complicato ricordare fatti, eventi, persone. Innanzi tutto sul piano emotivo. Eppure, quel bagaglio di conoscenze, con i dettagli e i singoli passaggi, è necessario oggi più che mai, per guardarsi intorno, oltre che per qualche riflessione sull’inchiesta penale.

Covid, il bilancio mondiale indica 676 milioni di positivi e 7 milioni di morti

È vero. Non siamo più nello stato d’animo che un tempo giustificava le precauzioni sanitarie: mascherine, aereazione dei locali, igiene delle mani, divieto di assembramento e obbligo di isolamento. È stato così difficile e faticoso cercare di venir fuori dalla tragedia. Il bilancio mondiale di tutti i paesi coinvolti, elaborato ad oggi dalla Johns Hopkins University di Baltimora in Usa indica 676 milioni di positivi, 7 milioni di morti. L’animo prova sollievo per il ritorno alla normalità, che fino a poco tempo fa sembrava improbabile, almeno a breve. Le fatiche possono aver generato la convinzione che, superato il peggio, le cose terribili non ci appartenessero più, quindi non fosse più necessario interrogarsi. Ci sono anche tante altre ragioni per cui la gente è restia a ripercorrere gli eventi che hanno mostrato la nostra precarietà, e quanto, come organizzazione statale, fossimo impreparati di fronte all’imprevisto. Se è comparso qualcosa di eccezionale, è arduo oggi dargli una “forma” ragionevole, secondo logica e buon senso. Come se esistesse un ragionevole schema capace di racchiudere quel tempo sconfinato, uguale a sé e incomprensibile.

Rimangono le domande su quanto è stato fatto e su quello che avrebbe potuto evitare tante morti di Covid

Accanto alle inquietudini sociali, al sovvertimento delle abitudini, al cambio di prospettive, ci sono, a fare la differenza, motivazioni personali. La diversità delle storie individuali segna una linea di demarcazione. Non è andata per tutti allo stesso modo, questo va detto. Chi ha attraversato quella primavera e i mesi successivi senza perdite, lutti, disagi, salvandosi dal peggio, potrebbe persino conservare sensazioni positive. Sarebbe allora possibile pensare a quel tempo come a un periodo in fondo tranquillo quanto insolito, e prodigo di scoperte positive. Certi intervalli temporali rispetto allo stordimento sociale, il ripiegamento su sé stessi per scoprire silenzi generosi di novità e recuperare interessi trascurati. Per la maggior parte, è stato fortunatamente così, trauma senza danno. Ma un gruppo di persone, specie al Nord e in particolare il Lombardia, ha vissuto un’esperienza ben diversa. Contrassegnata dalla scomparsa di parenti ed amici, dalla perdita di affetti e legami. In un contesto di desolazione e smarrimento. Senza la possibilità consolante di accompagnare le persone care nell’ultimo tratto, e l’opportunità di elaborare il lutto. Per queste persone, le più colpite e sofferenti, nulla è davvero trascorso né può dirsi superato. Rimangono le domande su quanto è stato fatto, e su quello che avrebbe potuto evitare tante morti.

Analizzare il passato con le conoscenze scientifiche di oggi

Gli interrogativi sulle modalità di diffusione e contrasto della pandemia sono esattamente il cuore dell’inchiesta penale appena conclusasi. A conclusione, sono state riscontrate «criticità» in virtù di «valutazioni scientifiche, epidemiologiche, di sanità pubblica, sociologiche e amministrative». Si vedranno gli sviluppi, e ancor più gli esiti giudiziari. Le prime osservazioni sull’inchiesta evidenziano lo stesso fattore, che è di non poco conto: l’incertezza (difficoltà) di una valutazione di tipo retroattivo, fatta a distanza di tempo e dopo che tutto è accaduto. Non solo, ma compiuta sulla base di conoscenze scientifiche differenti tra l’oggi e il passato. Sarebbe allora difficile trovare responsabilità (soprattutto penali) in una fase nella quale il virus era sconosciuto e mai affrontato prima, e la situazione era necessariamente nuova e mai sperimentata. ll “senno di poi” è discutibile metro di giudizio, le valutazioni andrebbero rapportate allo stato delle conoscenze dell’epoca, alla situazione data. Di fronte al nuovo, all’ignoto, sono inevitabili il tentativo, l’approssimazione, l’incertezza. È una considerazione ragionevole e convincente, a condizione però che non esaurisca la riflessione, non metta a tacere la ricerca di verità.

Il tasso di mortalità poneva l’Italia al 3° posto nel mondo nel 2020 ad inizio della pandemia

Partendo dalla fine, non andrebbe dimenticato lo straordinario sforzo del Paese tutto, dalle Istituzioni ai cittadini. Quel popolo, rimasto ligio alle prescrizioni sanitarie, nonostante la nomea di gente irrequieta e disordinata. Quell’apparato sanitario, che, spesso numericamente insufficiente, ha fatto tutto e di più per contrastare il virus e salvare vite umane. Non va dimenticato che il tasso di mortalità poneva l’Italia al 3° posto nel mondo nel 2020 ad inizio della pandemia, ma registrava un enorme miglioramento nell’anno successivo quando il Paese era al 53° posto. Però rimangono aperte questioni gravi: la prevedibilità di eventi così vasti e disastrosi; la cultura della prevenzione; l’organizzazione delle misure anti contagio; il coordinamento Stato-Regioni in materia sanitaria. Sono davvero tante le domande inevase a fronte di lacune e insufficienze, errori e ritardi. Una vastità di problemi che impone anche un interrogativo di metodo: qual è l’approccio più adatto per la complessità e la natura dei fatti da esaminare.

Come spesso accade in Italia davanti a questioni immense, il rischio è la confusione tra i piani di riflessione. Il problema principale è se le domande doverose appartengano alla categoria del diritto penale, oppure ad altri schemi, classi di riflessioni, specializzazioni professionali. Qual è l’ambito di riferimento di simili questioni? Certo, possono esserci stati comportamenti illeciti, riferibili a singoli, però quest’ottica di indagine potrebbe essere limitativa e deludente. Difficile che un giudizio controfattuale – azionabile solo su singoli casi ‒ possa dimostrare che, diversamente operando, tanti morti sarebbero stati evitati. E poi, a complicare la ricostruzione, ci sono: vastità del fenomeno, molteplicità degli interventi, sovrapposizione delle competenze. Cioè la molteplicità dei fattori. Il processo penale può essere via impervia di accertamento, in contesti caratterizzati da tante vittime diffuse.

Il Covid ha mostrato i limiti organizzativi del sistema sanitario 

Una grossa difficoltà – nel contrasto alla pandemia ‒ è coincisa con una forma di resistenza, neppure velata, all’adozione di misure drastiche contro la diffusione del contagio, specie in contesti produttivi avanzati come al Nord. La volontà comprensibile di salvaguardare la normalità socio-economica del Paese si è contrapposta alla necessità di misure restrittive. E non è mancata anche, a livello psicologico, la difficoltà di accettare come reale l’enormità della catastrofe in corso. A tutto ciò, si è aggiunta la scarsità delle competenze specifiche della politica e dell’Amministrazione in materia di salute pubblica. Mancava un metodo di raccolta e studio delle informazioni in materia, difettava la propensione a consultare le voci della scienza. Soprattutto, dopo anni di disattenzione culturale e assenza di investimenti economici, il sistema sanitario ha mostrato limiti organizzativi. In molte zone, è parsa evidente l’inadeguatezza delle strutture a livello di base. La divaricazione delle competenze tra Stato e Regioni ha evidenziato problemi di coordinamento che alla fine sono risultati decisivi. La pandemia ha accentuato difetti dovuti a mancanza di risorse e piani di azione.

Quale che sia il risultato dell’indagine penale, bisognerebbe avere consapevolezza del confine che separa la commissione di un reato dalla gestione della cosa pubblica. Questa distinzione non chiude porte, ma ne apre tante, forse persino più adatte ad affrontare la natura dei problemi emersi. Serve moltiplicare gli sforzi di chiarezza, accrescere le possibilità di risposta. È importante sapere quale approccio adottare, come muoversi, affinché i risultati siano coerenti con le nostre aspettative.

Leggi anche

Ultime notizie
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento
educazione
Istruzione

Perché l’educazione è la causa delle cause. Per una pedagogia della Nazione

Il tema dell’educazione non è uno tra i tanti. Nella società della conoscenza rappresenta il settore decisivo del progresso e dell’innovazione. Eppure, assistiamo a una metamorfosi antropologica e ad una ibridazione tra virtuale e reale che necessitano di una base culturale fondata su un sistema educativo solido.
di Mario Caligiuri*
educazione
isole
Intervista

La condizione sociale e culturale nelle isole, intervista al Prof. Orazio Licciardello

Le isole come luogo geografico, sociale, economico nell’intervista al prof. Orazio Licciardello, Ordinario di Psicologia Sociale presso l’Università di Catania. Il principio di insularità è preceduto da quello di isolanità, una condizione a sé, un dato di fatto che presuppone da sempre un altrove.
di redazione
isole
scuola
Istruzione

La Scuola è una priorità che va oltre la politica

La Scuola italiana è stata oggetto di riforme di ogni governo avvicendatosi negli ultimi anni, senza riuscire a dare una vera impronta rispetto alla Riforma Gentile. Ma il ruolo della Scuola e della ricerca nel futuro del Paese è cruciale, e deve andare oltre i trend politici del momento.
di Gian Maria Fara*
scuola
nomadi digitali
Lavoro

Nomadi digitali, evoluzione in grado di generare opportunità di crescita

I nomadi digitali non rappresentano solo un cambio nella concezione del lavoro, bensì una opportunità di sviluppo delle zone rurali. Se il lavoro da remoto riguarda già il 36% dei lavoratori autonomi in tutta Europa, l’Italia può diventare méta per smart workers nelle molte aree interne e rurali a rischio spopolamento.
di redazione
nomadi digitali